Cicerone salvò la Repubblica accettando l'esilio

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone salvò la Repubblica accettando l'esilio

Senatus, sine quo civitas stare non potest, omnino de civitate sublatus erat; contiones cotidie contra me habebantur; vocem pro me ac pro re publica nemo mittebat; coniuratorum copiae veteres et effusa illa ac superata Catilinae importuna manus, novo duce et insperata commutatione rerum, renovabantur. HAec cum viderem, quid agerem, iudices? Contenderem contra tribunum plebis? Vicissent improbos boni, fortes inertes; interfectus esset Clodius. Quid deinde? Quis reliqua praestaret? Quispiam dixerit: «Restitisses, repugnavisses, mortem pugnans oppetisses». Sed te, Patria, testor et vos, penates patriique dei, me vestrarum sedum templorumque causa, me propter salutem meorum civium, quae mihi semper fuit mea carior vita, dimicationem caedemque fugisse. Servavi rem publicam discessu meo, iudices: caedem a vobis liberisque vestris, vastitatem, incendia, rapinas meo dolore luctuque depuli, et unus rem publicam bis servavi, semell gloria, iterum aerumna mea.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/35837

[degiovfe] - [2019-04-03 18:33:42]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile