Cicerone dimostra il malgoverno di Verre in Sicilia (I)


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone dimostra il malgoverno di Verre in Sicilia (I)
Pagina 107 Numero 11a

Iudices, communem populi Romani causam suscipite atque defendite. Cum Verres praeturam reliquit, aratores qui in Sicilia remanserant relicturi agros omnes erant, sed ad eos Metellus Roma litteras misit ac nuntiavit se decumas lege Hieronica venditurum atque illos sibi et populo ROmani, non Verri saturos, impensuros, laboraturos ese. Eiectos aratores esse dico, agros vectigales vexatos atque exinanitos a Verre, populatam vastatamque provinciam. Quid vultis amplius? Num cunctamini quia putatis L. Metellum, qui multos in istum testes imperio et potestate deterruit, de istius scelere, improbitate, audacia testimonium dicturum esse? Non opinor. Num quis in Verrem L. Metelli testimonium requirit? Nemo. Num quis postulat? Non opinor. Litteris L. Metelli nunc haec omnia vera esse docebo: utrum Metellum falsum scribere putatis an praetorem provinciae adflictiones nescire?
da Cicerone


Oggi hai visualizzato 11 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/35715

[darkshines] - [2017-02-26 12:05:04]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile