Accorato appello di Cicerone ai giudici (II)


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Accorato appello di Cicerone ai giudici (II)

Utinam di immortales fecissent ne redissem! Utinam P. Clodius non modo viveret sed etiam praetor, consul, dictator esset, potius quam hoc spectaculum viderem! O di immortales! Fortis Milo est et a vobis, iudices, conservandus vir! «Minime, minime - inquit - immo vero poenas ille debitas luerit: nos vero subeamus, si ita necesse est, etiam non debitas». Hunc sua quisquam sententia ex hac urbe expellet, quem omnes urbes expulsum si eiecerit, miseram si amiserit! Sed finis sit; neque enim prae lacrimis iam loqui possum, et Milo se lacrimis defendi vetat. Vos oro obtestoruqe, iudices, ut in sententiis ferendis, quod sentiatis, id audeatis. Vestram virtutem, iustitiam, fidem (ne de hoc in dubio fueritis!) is maxime comprobabit, qui in iudicibus legendis optimum et sapientissimum et fortissimum quemque delegit.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/35620

[silvana] - [2015-03-21 13:44:12]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile