Accorto appello di Cicerone ai giudici (I)

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Accorto appello di Cicerone ai giudici (I)

O me miserum, o me infelicem! Revocare tu me in patriam, Milo, potuisti per hos, ego te in patria per eosdem retinere non potero? Quid respondebo liberis meis qui te parentem alterum putant? Quid tibi, Quinte frater, qui nunc abes, consorti mecum temporum illorum? Mene non potuisse Milonis salutem tueri per eosdem per quos nostram ille servasset? At in qua causa non potuisse? Quae est grata omnibus gentibus. A quibus non potuisse? Ab eis qui maxime P. Clodi morte acquierunt. Quo deprecante? Me. Quodnam wgo concepi tantum scelus aut quod in me tantum facimus admissi, iudices, cum illo indicia communis exitii indagavi, patefeci, protuli, exstinxi? Omnes mihi meisque redundant ex fonte illo dolores. Sint sane haec. Quid me reducem esse coluistis? An ut inspectante me expellerentur ei per quos essem restitutus? Nolite, obsecro vos, pati acerbiorem mihi reditum esse quam fuerit ille ipse discessus. Nam qui possum putare me restitutum, si distrahor ab his per quos restitutus sum?
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/35619

[silvana] - [2015-03-21 12:55:35]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile