Arria


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Arria
Pagina 197 Numero 18

Aegrotabat Caecinia Paetus maritus Arriae, aegrotabat et filius, uterque mortifere, ut unicuique videbatur. Filius decessit, eximia pulchritudine, pari verecundia et parentibus non minus carus ob alia quam quod filius erat. Huic illa ita funus paravit, ita duxit exsequias, ut ignoraret maritus et nihil suspicaretur. Quin immo, quotiens cubiculum eius intrabat, vivere filium atque etiam commodiorem esse simulabat; ac persaepe interroganti quid ageret puer, respondebat: «Bene quievit, libenter totum cibum sumpsit». Deinde, cum diu cohibitae lacrimae vincerent prorumperentque, egrediebatur: nullus enim dolor a marito animadvertendus erat. Tunc se dolori dabat; satiata, siccis oculis, composito vultu redibat, tamquam orbitatem foris reliquisset. Praeclarum quidem fuit illud eiusdem, ferrum stringere, perfodere pectus, extrahere pugionem, porrigere marito, addere vocem immortalem ac paene divinam: «Paete, non dolet!»
da Plinio il Giovane


Oggi hai visualizzato 10 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/35030

[mastra] - [2015-06-18 05:18:18]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile