Vespasiano e il denaro

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vespasiano e il denaro

 Vespasianus imperator traditur fuisse vir summae prudentiae, rei militaris peritissimus, sed pecuniae nimis avidus. Cum nonnullae Asiae civitates magnam pecuniam collegissent, quia earum intererat statuam magni pretii imperatori aedificare, ille, rei commonefactus a suis legatis, principes Asiae arcessivit et quaesivit quanti illa basis esset (costasse). Deinde, manum avide tendens: «Basim exstruere – inquit – nullius momenti est, nec vestra nec imperatoris interest. Potius pecuniam mihi date: nam pecunia basis omnium rerum firmissima est». Alias (Un'altra volta) frater Titus eum avaritiae incusabat quia latrinas pro pretio (a pagamento) instituerat, dicens non honesti (dignitoso) imperatoris esse ex latrinis pecuniam trahere. Tunc ille nummo levis ponderis accepto et naribus fratris supposito: «Odorare, – inquit – mi frater: minimi olet. Attamen ex latrinarum pretiis devenit». Nihil enim eius intererat utrum (se) pecunia ex latrinis an (oppure) ex aliis vectigalibus deveniret.
da Svetonio


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

Siamo spiacenti, ancora non è presente una traduzione di questo brano!
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile