Gli antichi Romani e la poesia


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gli antichi Romani e la poesia

 Sero a nostris maioribus poetae vel cogniti vel recepti esse videntur. Quamquam (Però) est in Originibus Catonis solitos esse in epulis canere convivas ad tibicinem de clarorum hominum virtutibus. Honor tamen poetis non fuit. Nam in oratione eius dem Catonis obicitur ut probrum (come una colpa) Marco Nobiliori quod (il fatto che) ille in provinciam secum poetas duxisset. Duxerat enim in Aetoliam, ut scimus, Ennium poetam. Cum igitur fere nullus honor esset poetis, minora studia poetarum fuerunt et, si qui in eo genere laudandi exstiterunt, non satis Graecorum gloriae responderunt. Honos alit artes omnesque gloria incenduntur ad studia; neglecta autem iacent ea quae parum laudis consequi putantur. Summa eruditio a Graecis sita esse censebatur in nervorum vocumque cantibus; ideo Epaminondas praeclare cecinisse dicitur Themistoclesque, cum in epulis recusasset lyram, habitus est indoctior. Ergo in Graecia musici floruerunt discebantque id omnes et qui cantum nesciebat non satis excultus putabatur.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/34101

[silvana] - [2015-06-29 16:03:59]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile