Incipit del De brevitate vitae di Seneca


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Incipit del De brevitate vitae di Seneca

 [1] Maior pars mortalium, Pauline, de naturae malignitate conquerĭtur, quod in exiguum aevi gignimur, quod haec tam velocĭter, tam rapide dati nobis temporis spatia decurrant, adeo ut, exceptis admodum paucis, ceteros in ipso vitae apparatu vita destituat. [2] Nec huic publico, ut opinantur, malo turba tantum et imprūdens vulgus ingemuit; clarorum quoque virorum hic affectus querellas evocavit. [3] Inde Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis est: «aetatis illam animalibus tantum indulsisse, ut quina aut dena saecula educĕrent, homini in tam multa ac magna genito, tanto citeriorem terminum stare.» [4] Non exiguum temporis habemus, sed multum perdidimus. Satis longa vita et in maximarum rerum consummationem large data est, si tota bene collocaretur.
da Seneca


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/32369

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile