Scarse conoscenze degli antichi sulle comete


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Scarse conoscenze degli antichi sulle comete
Pagina 190 Numero 162

 Cometarum cursus propter raritatem deprehendi adhuc non potest explorari an (se) vices servent et illos ad suum diem certus ordo producat. Nova haec caelestium observatio est et nuper in Graeciam invecta. Democritus quoque, subtilissimus antiquorum omnium, suspicari ait se plures stellas esse quae currant; sed illarum nec numerum posuit nec nomina. Eudoxus primus ab Aegypto stellarum motus in Graeciam transtulit (ha fatto conoscere). Hic tamen de cometis nihil dicit. Ex quo apparet ne apud Aegyptios quidem, quibus maior caeli cura fuit, hanc partem elaboratam. Postea Conon, diligens et ipse inquisitor, defectiones solis servatas ab Aegyptiis collegit (ha elencato), nullam autem mentionem fecit cometarum; nec tamen praetermisisset, si quid explorati apud illos comperisset. Duo certe, qui apud Chaldaeos studuisse se dicunt, Epigenes et Apollonius Myndius, inter se dissi?dunt. Hic enim ait cometas in numero stellarum errantium a Chaldaeis poni tenerique (essere ben conosciuto) cursum eorum; Epigenes contra ait Chaldaeos nihil de cometis comprehensi habere.
da Seneca


Oggi hai visualizzato 13 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/30897

[mastra] - [2014-02-22 21:30:50]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile