L’igiene degli antichi Romani

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
L’igiene degli antichi Romani

 In parvo angulo villae suae Scipio ille, Carthaginis horror, cui Roma salutem suam debet, abluebat corpus laboribus rusticis fessum: exercebat enim opere se terramque ipse subigebat. [...] In hoc balneo Scipionis minimae sunt rimae, magis quam fenestrae, muro lapideo exsectae, ut sine iniuria munimenti (senza compromettere la difesa) lumen admitterent. At nunc blattaria (nidi di cimici) vocant balnea, si non ita aptata sunt ut totius diei solem amplissimis fenestris recipiant; nisi et lavantur simul et colorantur, nisi ex solio agros et maria prospiciunt. [...] Quantae nunc rusticitatis accusant Scipionem quod non in caldarium suum latis specularibus diem admiserat. O hominem calamitosum! nesciit vivere! Non saccata aqua lavabatur sed saepe turbida et, cum plueret vehementius, paene lutulenta. Nec multum eius intererat an sic lavaretur; veniebat enim ut sudorem illic ablueret non ut unguentum. [...] Nec quotidie totus lavabatur. Nam veteres illi brachia et crura quotidie abluebant, quae scilicet sordes in opere collegerant: ceterum corpus nundinis lavabantur.
da Seneca


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/30892

[mastra] - [2014-02-22 04:37:40]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile