Le spiritose battute di Cicerone


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Le spiritose battute di Cicerone
Pagina 266 Numero 175

Marcus Tullius Cicero, cum apud Damasippum coenaret et ille, mediocri vino posito, diceret: «Bibite Falernum hoc, annorum quadraginta est», impudentiae hospitis non ignovit. «Vinum tuum, inquit Cicero, bene aetatem fert». Idem cum vidisset Lentulum generum suum, exiguae staturae hominem, longo gladio adcinctum: «Quis» inquit «generum meum ad gladium alligavit?». Nec Quinto Ciceroni fratri circa similem mordacitatem pepercit. Nam cum in ea provincia, quam Quintus rexerat, Marcus vidisset clypeatam imaginem eius ingentibus lineamentis usque ad pectus ex more pictam esse (erat autem Quintus ipse staturae parvae), ait: «Frater meus dimidius maior est quam totus». In consulatu Vatinii, quem Vatinius paucis diebus gessit, notabilis Ciceronis urbanitas circumferebatur. «Magnum ostentum» inquit «anno Vatinii factum est, quod, illo consule, nec bruma nec ver nec aestas nec autumnus fuit». Querenti deinde Vatinio, quod gravatus esset domum ad se infirmatum venire, respondit: «Volui in consulatu tuo venire, sed nox me conprehendit».
da Macrobio


Oggi hai visualizzato 14 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di un brano.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/29503

[darkshines] - [2014-02-10 12:51:46]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile