banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Non aggravare i tuoi mali con continui lamenti
Pagina 198 Numero 9

 Noli mala tua facere tibi ipse graviora et te querellis onerare: levis est dolor, si nihil illi opinio («pregiudizio») adiecerit. Contra, si exhortari te coeperis ac dicere: "Nihil est aut certe exiguum est; duremus; iam desinet", levem illum, dum putas, facies. Tam miser est quisque, quam credidit. Detrahendas esse praeteritorum dolorum conquestiones puto: "Quos cruciatus, quanta mala pertuli! Nemo me subrecturum esse putavit («avrebbe pensato»). Quotiens deploratus sum a meis, quotiens a medicis relictus!". Etiam si sunt vera ista, transierunt: quid iuvat («a che giova») praeteritos dolores retractare et miserum esse, quia fueris?
Seneca


Hai superato il limite di traduzioni visualizzabili in un giorno.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/28504
[silly] - [2013-09-28 10:09:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!