I Siciliani chiedono la difesa di Cicerone


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
I Siciliani chiedono la difesa di Cicerone

 Cum quaestor in Sicilia fuissem, iudices, et ex ea provincia decessissem, Siculi arbitrabantur in me praesidium suarum fortunarum constitutum esse. Quare nunc populati atque vexati, cuncti ad me publice venerunt, ut suarum fortunarum omnium causam defensionemque susciperem. Saepe pollicitus eram commodis eorum me non defuturum esse. Nam Siculi iam ne deos quidem habebant in suis urbibus ad quos confugerent, quod eorum simulacra sanctissima Gaius Verres ex delubris religiosissimis sustulerat. Eas res, quas luxuries in flagitiis, crudelitas in suppliciis, avaritia in rapinis, superbia in contumeliis efficere potuerant, ipsi omnes hoc uno praetore per triennium pertulerant: rogabant et orabant ne illos supplices aspernarer.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/28481

[silly] - [2013-10-02 22:44:22]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile