I Dioscuri salvano il poeta Simonide


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
I Dioscuri salvano il poeta Simonide
Pagina 56 Numero 3

Diis immortalibus carus fuit poe?ta Simonides. Cum olim cenaret Crannone in hessalia apud Scopam, fortunatum hominem et nobilem, carmen quoddam ceci?nit quod in eius honorem scripse?rat in quo, poe?tarum more, etiam Castorem et Pollucem, Iovis Ledaeque ilios, laudave?rat. Qua re iratus, Scopas dixit se dimidium mercedis, quam pro illo carmine pollici?tus erat, ei daturum esse. Ille adie?cit: "Reliquum a tuis Tyndari?dis, quos aeque laudavisti, peti?to!" Paulo post Simonidi nuntiatum est duos iuvenes, petentes ut is statim egredere?tur, stare ad ia­nuam. Sine ulla mora poe?ta e convivio surrexit et ad ianuam contendit: neminem vidit. Eo ip­so tempore conclave illud, ubi epulae paratae erant, conci?dit; ea? ruina? Scopas cum omnibus convi?viis oppressus est nec quisquam se servavit. Sic dei immortales iustam merce?dem Simo­nidi poe?tae tribue?runt.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato 10 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/27124

[biancafarfalla] - [2013-02-18 07:14:31]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile