Incertezze di Cicerone


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Incertezze di Cicerone

 Cicero Attico salutem dicit. Diligenter ad me Quintus frater et Piso quae essent acta scripserunt; tamen vellem te, ut consuesti, ad me quid in urbe agatur et quid intelle?gas perscribere. Me, aliquotiens conatum ire in Epirum, adhuc Plancius liberalitate sua Brundisii reti?net. Spes illi homini est iniecta posse nos una proficisci. Sed iam, cum adventare inimici dicantur, quid faciendum sit certum est. Quod cum faciemus, ad te statim mittemus litteras ut scias ubi simus. Lentulus in suis litteris nobis declarat spem nonnullam esse in Pompei voluntate; saepe enim tu ad me scripsisti omnia esse in illius potestate. De Metello scripsit ad me frater per te perfectum esse quantum ipse speraret. Mi Pomponi, pugna ut tecum et cum meis mihi liceat vivere, et scribe quotidie quae Romae fiant. Premor luctu et desiderio omnium meorum, qui mihi semper cariores quam vita fuerunt. Vale.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/27018

[biancafarfalla] - [2013-01-24 16:42:02]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile