Cicerone smonta le accuse a carico di Roscio (I)


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone smonta le accuse a carico di Roscio (I)
Pagina 111 Numero 7

Patrem occidit Sextus Roscius, Erucius accusat. Vetus videlicet sicarius, homo audax et saepe in caede versatus: at hoc ab accusatore ne dici quidem audivistis. Luxuries igitur hominem et indomitae animi cupiditates ad hoc scelus impulerunt. Sed de luxuria purgavit Erucius, cum dixit hunc ne in convivio quidem ullo fere interfuisse. Quae cupiditates porro possunt esse in eo qui, ut ipse accusatur obiecit, ruri semper habitaverit et in agro colendo vixerit? Quae vita maxime disiuncta a cupiditate et cum officio coniuncta est. Quae res igitur tantum istum furorem Sexto Roscio obiecit? «Patri», inquit, «non placebat». Quam ob causam? «Fuisse odium intellego quia, cum duos filios haberet, alterum secum omni tempore volebat esse, hunc in praedia rustica relegaverat»: Quid ais, Eruci? Tot praedia, tam pulchra, tam fructuosa pater filio suo relegationis ac supplici gratia tradiderat?
da Cicerone


Oggi hai visualizzato 10 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/25813

[mastra] - [2014-01-11 08:41:56]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile