Seneca scrive alla madre per consolarla del proprio esilio


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca scrive alla madre per consolarla del proprio esilio

 Saepe iam, mater optima, impetum cepi consolandi te, at saepe continui. Ut auderem multa me inpellebant: primum videbar omnia incommoda depositurus esse, cum lacrimas tuas, etiam si supprimere non potuissem, interim certe abstersissem; deinde plus auctoritatis ad te excitandam me habiturum esse existimabam, si prior ipse consurrexissem. Dolori tuo, dum recens saeviret, sciebam tamen occurrendum non esse ne illum ipsa solacia inritarent et accenderent: nam in morbis quoque nihil est perniciosius quam immatura medicina; expectabam igitur dum ipse vires suas frangeret et ad sustinenda remdia mora mitigatus tangi se ac tractari pateretur. Praeterea cum omnia clarissimorum ingeniorum scripta ad compescendos moderandosque luctus composita evolverem, non inveniebam exemplum eius qui consolatus suos esset, cum ipse ab illis comploraretur; ita in re nova haesitabam verebarque ne haec non consolatio esset sed exulceratio.
da Seneca


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/25699

[biancafarfalla] - [2016-02-15 16:38:08]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile