Una lettera di Cicerone al suo giovane segretario


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Una lettera di Cicerone al suo giovane segretario

 Tullius Tironi suo (salutem plurimam dicit)
Nos a te, ut scis, discessimus initio Novembris. Leucadem venimus post diem quintum et sextum Actium. Ibi propter tempestatem biduum morati sumus. Inde Corcyram bellissime navigavimus. Corcyrae fuimus sex dies, tempestatibus retenti. Deinde in portum Corcyraeorum ad Cassiopen stadia CXX processimus. Ibi retenti ventis sumus: interea qui cupide profecti sunt multi naufragia fecerunt. Sex diebus post nos cenati solvimus. Inde austro lenissimo caelo sereno nocte illa et die postero in Italiam ad Hydruntem ludibundi pervenimus eodemque vento postridie hora quarta Brundisium venimus, eodemque tempore simul nobiscum in oppidum intravit Terentia, quae te facit plurimi. Post dies tres (id est heri) servus Gnaei Planci Brundisii tandem mihi a te exspectatissimas litteras reddidit datas abhinc viginti dies, quae me molestia valde levabant, quia incerta valetudine tua maxime angor. Etiam atque etiam, noster Tiro, cura ut valeas.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/25393

[darkshines] - [2012-07-14 08:58:37]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile