Scipio et Hannibal


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Scipio et Hannibal

[Ex T. Livii libri XXXV Periocha]
P. Scipio Africanus, legatus ad Antiochum missus, Ephesi cum Hannibale, qui se Antiocho adiunxerat, collocutus est, ut (si fieri posset) metum ei, quem ex populo Romano conceperat, eximeret.
Inter alia cum quaereret ab Hannibale 'quem fuisse maximum imperatorem crederet?' Hannibal respondit 'Alexandrum Macedonum regem, quod parva manu innumerabiles exercitus fudisset, quodque ultimas oras, quas visere supra spem humanam esset, peregrasset.' Quaerenti deinde 'quem secundum poneret?' 'Pyrrhum' inquit, 'castra metari primum docuisse, ad hoc neminem loca elegantius cepisse, praesidia disposuisse.' Exsequenti 'quem tertium duceret?' 'semet ipsum' dixit.
Ridens Scipio "Quidnam tu diceres" inquit "si me vicisses?"
"Tunc vero me" inquit "et ante Alexandrum et ante Pyrrhum et ante alios posuissem!"
da Livio


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/25108

[biancafarfalla] - [2014-07-06 15:29:58]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile