banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Una memoria eccezionale
Pagina 155 Numero 136

Dicunt, cum cenaret in Thessalia Simonides Ceus apud Scopam, fortunatum hominem et nobilem, cecinissetque carmen quod (=che, compl. ogg.) in hospitem suum scripserat, in quo (=nel quale) magna laus, poetarum more, de Castore et Polluce scripta erat, nimis Scopam sordide Simonidi dixisse se dimidium eius pretii quod (=che, coompl. ogg.) panxerant pro illo carmine ei faturum esse; reliquum a suis Tyndaridis, quos (=che, compl. ogg.) aeque laudacerat, petere. Paulo post tradunt ministros nuntiavisse Simonidi duos (=due) iuvenes ad ianuam stare, qui (=che, sogg.) eum vocabant ut foras evaderet; statim illum surrexisse, excessisse, sed vidisse neminem (=nessuno). Interim conclave, ubi Scopas cenabat, concidisse et omnes vitam amisisse. Et eos cum humare vellent (=volendo) parentes sui neque possent obtrita (=schiacciati) corpora internoscere, dicunt Simonidem loca ubi unusquisque (=ciascuno) cubuerat et ideo sepultus erat (=era rimasto sepolto) demonstravisse.
Cicerone


Hai superato il limite di traduzioni visualizzabili in un giorno.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/24923
[mastra] - [2012-06-11 05:38:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!