Cicerone rintraccia il sepolcro di Archimede


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone rintraccia il sepolcro di Archimede
Pagina 198 Numero 161

 Archimedis ego quaestor ignoratum ab Syracusanis, cum esse omnīno negarent, saeptum undĭque et vestitum vepribus et dumetis indagavi sepulcrum. Tenebam enim quosdam senariŏlos, quos in eius monumento esse inscriptos accepĕram, qui declarabant in summo sepulcro sphaeram esse positam cum cylindro. Ego autem cum omnia conlustrarem oculis (est enim ad portas Agrigentinas magna frequentia sepulcrorum) animadverti columellam non multum e dumis eminentem, in qua inĕrat sphaerae figura et cylindri. Atque ego statim Syracusanis (erant autem principes mecum) dixi me illud ipsum arbitrari esse, quod quaerĕrem. Immissi cum falcibus multi purgarunt et aperuerunt locum. Quo cum patefactus esset adĭtus, ad adversam basim accessĭmus. Apparebat epigramma exesis posterioribus partibus versiculorum, dimidiatis fere. Ita nobilissima Graeciae civitas, quondam vero etiam doctissima, sui civis unīus acutissimi monumentum ignorasset, nisi ab homine Arpinate didicisset.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato 3 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/20555

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile