banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
La terza guerra punica
Pagina 207 Numero 35

i Romani ardevano d'odio per i Cartaginesi. Catone chiedeva spesso la disrtuzione di Cartagine in Senato. Infine i Romani spinti dall'autorità di Catone, ordinarono che venisse mandato un esercito in Africa e che la città fosse distrutta. I comandanti romani assediarono a lungo Cartagine, inutilmente; allora venne mandato Publio Cornelio Scipione e chiuse la città nemica da terra e dal mare. Ma i Cartaginesi si difesero con coraggio ammirevole e spesso distrussero le macchine da guerra romane. Dopo tre anni la città venne espugnata e data alle fiamme dai soldati romani. Per diciassette giorni bruciarono le case e i templi di Cartagine. Anche Scipione pianse la sorte della città distrutta. Cartagine venne rasa al suolo nello stesso anno in cui Mummio distrusse l'opulenta città greca di Corinto. In seguito Scipione distrusse anche Numanzia, città della Spagna.


Hai superato il limite di traduzioni visualizzabili in un giorno.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/19941
[mastra] - [2013-07-09 18:40:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!