La metamorfosi di Scilla


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
La metamorfosi di Scilla

 Minos, Cretensium rex, cum copiis suis litöra Argolïdis, antiquae Graeciae regionis, vastavërat et urbem Megäram obsidione circumdedërat. Megarensium rex erat tum Nisus: ille in capïte, inter canos capillos, crinem purpureum habebat, pignus perpetuitatis regnis sui. Nam Apollïnis oracu?lum ei olim dixërat: "Donec hic crinis in capïte tuo mansërit, tu regnum tuum servabis". Scylla autem, Nisi filia, ut Minóem regem vidit, in amorem eius incïdit: tandem non dubitavit (= "esitò a") patrem patriamque prodëre et ei victoriam donare. Crinem patri suo in somno recídit, per hostilia castra ad tabernacu?lum Minóis cucurrit, Cretensium regi amorem suum patefécit et sicut pignus crinem fatalem monstravit. At horribile facïnus Minóis animum terruit: amentem virgïnem ille e suis ocu?lis statim expu?lit, cum Megarensibus bellum composuit et ad Cretam remeavit. Scylla autem ob maerórem se in undas praecipitavit sed Superi, misericordiá pulsi (= "spinti", nom. m. plur.), miseram puellam in cirem, fulvis pennis avem, mutaverunt.
da Igino


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/16781

[silly] - [2011-05-08 13:00:38]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile