Il cibo e le stagioni


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Il cibo e le stagioni

 Vide ut tempus quoque anni consideres. Hieme cibus maior sit, minus sed meracius bibatur;multum panem edes, carnem potius elixam, modice holera; semel in die cibum capies, maxime cum nimis venter adstrictus est. Eo tempore anni cura ut omnes potiones calidas bibas vel quae calorem moveant.Aestate vero et potione et cibo saepius corpus eget; ideo prandere quoque commodum est. Ei tempori aptissima sunt et caro et holus,
potio dilutissima, ut et sitim tollat nec corpus incendat; frigida lavatio, caro assa, frigidi cibi vel qui refrigerant. Saepius autem egebis cibo, sed exiguus erit. Per autumnum propter caeli varietatem periculum maximum est. Itaque neque sine veste neque sine calceamentis ambulabis, praecipueque diebus frigidioribus; cura autem ne sub divo nocte dormias. Cibo vero iam minore egebis, minus sed meracius bibito.
da Celso


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/16593

[silly] - [2011-05-29 15:18:33]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile