Ostentazione di modestia dell'imperatore Tiberio


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ostentazione di modestia dell'imperatore Tiberio
Pagina 340 Numero 375

 Adulationibus adeo adversatus est ut neminem senatorem ad lecticam suam admiserit, nisi negotii causa (per cause di servizio); consularem vero, qui ei supplicabat et per genua orare conabatur, ita suffugit (cercò di evitare) ut caderet supinus. «Dominus» appellatus a quodam, rogavit ne sibi malediceret. Saepe etiam iis, qui convicia et famosa carmina contra eum dicebant, pepercit, dicens in civitate libera linguis et mentibus liberis esse licEre. Cum autem senatus flagitaret ut in maledicos consuleret: «Non tantum» inquit «otii habemus ut vacare pluribus negotiis possimus». Saepe in appellandis et singulis et universis prope excesserat humanitatis modum. Olim in curia, dissentiens opinioni Quinti Haterii: «Ignosce mihi, si quid adversus te liberius, sicut senatori licet, dixero». Deinde, ad senatores conversus: «Dixi et nunc et saepe alias, patres conscripti, bonum principem senatui servire debEre, neque id dixisse mihi paenitendum erit: nam bonos et aequos et mihi faventes vos habui et adhuc habeo».
da Svetonio


Oggi hai visualizzato 14 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di un brano.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/12619

[darkshines] - [2011-04-06 16:50:18]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile