Si Romae esses, tamen non lepore («fine umorismo», «spirito») tuo frui liceret propter molestissimas occupationes meas. Quibus si me relaxaro, te ipsum docebo profecto quid sit humaniter vivere.

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Frasi

Si Romae esses, tamen non lepore («fine umorismo», «spirito») tuo frui liceret propter molestissimas occupationes meas. Quibus si me relaxaro, te ipsum docebo profecto quid sit humaniter vivere.

Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge. [darkshines] - [2017-04-15 10:35:46]


Gli utenti che hanno visualizzato questa frase hanno anche visualizzato le seguenti frasi:
Audita benigne legatione, Philippus “Dicite”, inquit, “mihi facere quid possim quod sit Atheniensibus gratum”

Modalità mobile