Cupido incessit animos iuvenum sciscitandi ad quem eorum regnum Romanum esset venturum.

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Frasi

Cupido incessit animos iuvenum sciscitandi ad quem eorum regnum Romanum esset venturum.

Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge. [maximus_senior] - [2016-06-27 09:47:37]


Gli utenti che hanno visualizzato questa frase hanno anche visualizzato le seguenti frasi:
Ii qui a me dimissi sunt, discessisse dicuntur, ut mihi rursus bellum inferrent.
Exegisti ame ut scriberem quemadmŏdum posset iraleniri.
Solon, cum interrogaretur cur nullum supplicium constituisset in eum qui parentem necasset, respondit se id neminem facturum putasse.
Festinare te nolo, ne aeger periculose hieme naviges.
Festinare te nolo, ne nauseae molestiam suscipias aeger et periculose hieme naviges.
Quae cum dixisset, «Explicavi» inquit «sententiam meam et eo quidem consilio, tuum iudicium ut cognoscerem».
Quis neget (congiuntivo potenziale) quam multa firmentur iure iurando, quantae salutis sint foederum religiones, quam multos divini supplicii metus a scelere revocaverit?
Trabatius scribit se a Caesare roogatum esse ut scriberet ad me ut essem ad urbem.

Modalità mobile