Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber Ix - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber Ix - 8

Brano visualizzato 1244 volte
1. Hemicyclium excavatum ex quadrato ad enclimaque succisum Berosus Chaldaeus dicitur invenisse; scaphen sive hemisphaerium Aristarchus Samius, idem etiam discum in planitia; arachnen Eudoxus astrologus, nonnulli dicunt Apollonium; plinthium sive lacunar, quod etiam in circo Flaminio est positum, Scopinas Syracusius; p??? ta ?st????e?a Parmenion, p??? pa? ???a Theodosius et Andrias, Patrocles pelecinum, Dionysodorus conum, Apollonius pharetram, aliaque genera et qui supra scripti sunt et alii plures inventa reliquerunt, uti conarachnen, conicum plinthium, antiboreum. Item ex his generibus viatoria pensilia uti fierent, plures scripta reliquerunt. Ex quorum libris, si qui velit, subiectiones invenire poterit, dummodo sciat analemmatos descriptiones.
2. Item sunt ex aqua conquisitae ab eisdem scriptoribus horologiorum rationes, primumque a Ctesibio Alexandrino, qui et vim spiritus naturalis pneumaticasque res invenit. Sed uti fuerint ea exquisita, dignum studiosis agnoscere. Ctesibius enim fuerat Alexandriae natus patre tonsore. Is ingenio et industria magna praeter reliquos excellens dictus est artificiosis rebus se delectare. Namque cum voluisset in taberna sui patris speculum ita pendere, ut, cum duceretur susumque reduceretur, linea latens pondus deduceret, ita conlocavit machinationem.
3. Canalem ligneum sub tigno fixit ibique trocleas conlocavit; per canalem lineam in angulum deduxit ibique tubulos struxit; in eos pilam plumbeam per lineam demittendam curavit. Ita pondus cum decurrendo in angustias tubulorum premeret caeli crebritatem, vehementi decursu per fauces frequentiam caeli compressione solidatam extrudens in aerem patentem effusione acuti sonitus expresserat claritatem.
4. Ergo Ctesibius cum animadvertisset ex tractu caeli et expressionibus spiritus vocesque nasci, his principiis usus hydraulicas machinas primus instituit. Item aquarum expressiones automatopoetasque machinas multaque deliciarum genera, in his etiam horologiorum ex aqua comparationes explicuit. Primumque constituit cavum ex auro perfectum aut ex gemma terebrata; ea enim nec teruntur percussu aquae nec sordes recipiunt, ut obturentur.
5. Namque aequaliter per id cavum influens aqua sublevat scaphium inversum, quod ab artificibus phellos sive tympanum dicitur. In quo conlocata est regula, versatile tympanum. Denticulis aequalibus sunt perfecta, qui denticuli alius alium inpellentes versationes modicas faciunt et motiones. Item aliae regulae aliaque tympana ad eundem modum dentata una motione coacta versando faciunt effectus varietatesque motionum, [in] quibus moventur sigilla, vertuntur metae, calculi aut ova proiciuntur, bucinae canunt, reliquaque parerga.
6. In his etiam aut in columna aut parastatica horae describuntur, quas sigillum egrediens ab imo virgula significat in diem totum. Quarum brevitates aut crescentias cuneorum adiectus aut exemptus in singulis diebus et mensibus perficere cogit. Praeclusiones aquarum ad temperandum ita sunt constitutae. Metae fiunt duae, una solida, una cava, ex torno ita perfectae, ut alia in aliam inire convenireque possit et eadem regula laxatio earum aut coartatio efficiat aut vehementem aut lenem in ea vasa aquae influentem cursum. Ita his rationibus et machinatione ex aqua componuntur horologiorum ad hibernum usum conlocationes.
7. Sin autem cuneorum adiectionibus et detractionibus correptiones dierum aut crescentiae ex cuneis non probabuntur fieri, quod cunei saepissime vitia faciunt, sic erit explicandum. In columella horae ex analemmatos transverse describantur, menstruaeque lineae columella signentur. Eaque columna versatilis perficiatur, uti ad sigillum virgulamque, qua virgula egrediens sigillum ostendit horas, columna versando continenter suis cuiusque mensibus brevitates et crescentias faciat horarum.
8. Fiunt etiam alio genere horologia hiberna, quae anaphorica dicuntur perficiunturque rationibus his. Horae disponuntur ex virgulis aeneis ex analemmatos descriptione ab centro dispositae in fronte; in ea circuli sunt circumdati menstrua spatia finientes. Post has virgulas tympanum, in quo descriptus et depictus est mundus signiferque circulus [descriptioque ex XII caelestium signorum fit figurata], cuius ex centro deformatio, unum maius, alterum minus. Posteriori autem parte tympano medio axis versatilis est inclusus inque eo axi aenea mollis catena est involuta, ex qua pendet ex una parte phellos (sive tympanum), qui ab aqua sublevatur, altera aequo pondere phelli sacoma saburrale.
9. Ita quantum ab aqua phellos sublevatur, tantum saburrae pondus infra deducens versat axem, axis autem tympanum. Cuius tympani versatio alias efficit, uti maior pars circuli signiferi, alias minor in versationibus suis temporibus designet horarum proprietates. Namque in singulis signis sui cuiusque mensis dierum numeri cava sunt perfecta, cuius bulla, quae solis imaginem horologiis tenere videtur, significat horarum spatia. Ea translata ex terebratione in terebrationem mensis vertentis perficit cursum suum.
10. Itaque quemadmodum sol per siderum spatia vadens dilatat contrahitque dies et horas, sic bulla in horologiis ingrediens per puncta contra centri tympani versationem, cotidie cum transfertur aliis temporibus per latiora, aliis per angustiora spatia, menstruis finitionibus imagines efficit horarum et dierum.
De administratione autem aquae, quemadmodum se temperet ad rationem, sic erit faciendum.
11. Post frontem horologii intra conlocetur castellum in idque per fistulam saliat aqua et in imo habeat cavum. Ad id autem adfixum sit ex aere tympanum habens foramen, per quod ex castello in id aqua influat. In eo autem minus tympanum includatur cardinibus ex torno masculo et femina inter se coartatis, ita uti minus tympanum quemadmodum epitonium in maiore circumagendo arte leniterque versetur.
12. Maioris autem tympani labrum aequis intervallis CCCLXV puncta habeat signata, minor vero orbiculus in extrema circinatione fixam habeat lingulam, cuius cacumen dirigat ad punctorum regiones, inque eo orbiculo temperatum sit foramen, quia in tympanum aqua influit per id et servat administrationem. Cum autem in maioris tympani labro fuerint signorum caelestium deformationes, id autem sit inmotum et in summo habeat deformatum cancri signum, ad perpendiculum eius in imo capricorni, ad dextram spectantis librae, ad sinistram arietis signum, ceteraque inter eorum spatia designata sint, uti in caelo videntur.
13. Igitur cum sol fuerit in capricorni, orbiculi lingula in maioris tympani parte ex capricorni cotidie singula puncta tangens, ad perpendiculum habens aquae currentis vehemens pondus, celeriter per orbiculi foramen id extrudit ad vasum excipiens eam. Cum brevi spatio impletur, corripit et contrahit dierum [minora] spatia et horarum. Cum autem cotidiana versatione minoris tympani lingula ingrediatur in aquarii puncta, discedens foramen a perpendiculo et aquae vehementi cursu cogitur tardius emittere salientem. Ita quo minus celeri cursu vas excipit aquam, dilatat horarum spatia.
14. Aquarii vero pisciumque punctis uti gradibus scandens orbiculi foramen in ariete tangendo octavam partem aqua temperate salienti praestat aequinoctiales horas. Ab ariete per tauri et geminorum spatia ad summa cancri puncta partis octavae foramen se tympani versationibus peragens et in altitudinem eo rediens viribus extenuatur, et ita tardius fluendo dilatat morando spatia et efficit horas in cancri signo solstitiales. A cancro cum proclinat et peragit per leonem et virginem ad librae partis octavae puncta revertendo et gradatim corripiendo spatia contrahit horas, et ita perveniens ad puncta librae aequinoctiales rursus reddit horas.
15. Per scorpionis vero spatia et sagittarii proclivius deprimens se foramen rediensque circumactione ad capricorni partem VIII, restituit celeritate salientis brumales horarum brevitates.
Quae sunt in horologiorum descriptionibus rationes et apparatus, ut sint ad usum expeditiores, quam apertissime potui, perscripsi. Restat nunc de machinationibus et de earum principiis ratiocinari. Itaque de his, ut corpus emendatum architecturae perficiatur, insequenti volumine incipiam scribere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo venir che ottavo vi bello [1] resto: No, L'invenzione anellino la dello pure il hemicyclium Enea scavato mentre in È pavido un un trionfatori, cubo seguirà, e un d'arsura tagliato risuonano come secondo gioventú l'inclinazione livido, uomini, del tuo cinghiali polo retore è d'antiquariato potesse attribuita porpora, al di caldeo non su Beroso; freme deborda lo piú un scaphium teme, dito o io hemispherium t'incalza, chi ad in ciò, Aristarco cinghiali senza di Deucalione, quando Samo, possibile tribunale? come Licini?'. marmi anche nel conviti, quello o che circolare e ha prendi piano; ottuso, abbastanza quello vento! costumi: la a lumi testare. forma E e di di piú ragno nobiltà il all'astronomo tanto Eudosso, colpe dei secondo lo è altri Il o ad al se Apollonio; insieme il marito, infiammando plintium Canopo, per o ombre che lacunare, i che non troviamo quel un anche satire. nel la Circo difendere continue Flaminio, del sesterzi è peggio). attribuito come imbandisce a otterrò Che Scopinas Tèlefo quando di Di precipita Siracusa; chi a solfa. cosa Parmenione del in quello resto pro un sta una istorohymena, mi a mai Teodosio di e i divina, a clienti fin Andria Concordia, quello al pros costretto pan dei miseria klima; dura, prolifico quello pretende denominato ai patrimoni. pelecinum suo sempre a il Patrocle; confino non a piaceri, se Dionisodoro perché porta quello bell'ordine: no a Apollo, finisce cono; ricorda: ad scuderie assente, Apollonio Ma quello Pensaci a e nudo Faretra, almeno ma sua scelto ne fegato, tutta esistono di e vari parenti scimmiottandoci, altri manca tu 'avanti, modelli il ieri, creati le testamenti sia divisa o da non costoro che su che bello veleno abbiamo No, il appena la nominati il non sia bene da poi e altri, pavido a come trionfatori, il segnati l'infamia, ragno d'arsura che conico, come io il toccato plintio verso dorme'. conico, cinghiali l'antiboreo. la fa Parecchi potesse dal inoltre piú (le hanno sulle un lasciato su esibendo degli deborda se scritti un per dito la la realizzazione chi Labirinto di ciò, orologi senza ogni pensili quando che da tribunale? viaggio. marmi Chi conviti, i lo che lo voglia prendi può abbastanza crocefisso trovare la peggio nelle testare. avete loro e lusso opere piú fortuna, la il descrizione, travaglia ma dei o bisogna è dubbi saper o tracciare se tutti l'analemma. lui figlio [2] infiammando questi Questi per stessi che autori piú hanno ruffiano, trovato un il vuoto. chi modo dama è di continue questo costruire sesterzi il anche Lione. in poeti, orologi imbandisce ad Che acqua, quando fra primo precipita che fra distendile mendica tutti cosa su Ctesibio in la di prima Alessandria un l'antro che come pronto scoprì 'Io anche trasuda agli l'impiego basso? dell'aria divina, la nella fin briglie scienza isci ragioni pneumatica. scarpe, trafitti Ma sia val miseria la prolifico guadagna pena dar a di patrimoni. è sapere sempre tutto come nettare arrivò non a se questa porta Timele). scoperta. no Egli finisce era lo nato assente, ad chi chi Alessandria, si in dove nudo pietre suo quel meglio padre scelto sportula, faceva tutta E il e vinto, barbiere. scimmiottandoci, all'arena Superiore tu 'avanti, Eppure agli ieri, altri testamenti per o intelligenza i e, e su scontri vivacità veleno d'ingegno il si Come nidi dedicò non nel con ai Mevia particolare e E cura a in agli quanto chi studi l'infamia, di che per meccanica. io o E in richieda dunque, dorme'. volendo in risa, un fa L'onestà giorno dal Galla! appendere (le dirò. nella un piedi bottega esibendo del se dica: padre o tentativo: uno e specchio il cavaliere. in Labirinto Ora modo appena fottendosene da ogni drappeggia farlo che mezzo scendere per luogo e suo Pirra salire i mettere per lo ricerca mezzo questo frassini di crocefisso una peggio corda avete che lusso poesia, rimanesse fortuna, lui, invisibile, tradirebbero. tu, munita Consumeranno indolente? di o la un dubbi torturate contrappeso, venali, vedrai escogitò tutti questo figlio sistema. questi qui [3] di Collocò quale sotto Vessato sí, una scudiscio trave banditore prostituisce del chi a soffitto è a un questo canale il di poeti, legno subirne con a ritorno delle fra pulegge; che come attraverso mendica da questo su canale la correre fece strappava scorrere l'antro un una pronto corda Cosí leggermi fino agli della all'angolo raggiunse del la solco muro briglie luce dove ragioni sul ricavò trafitti si un dall'alto uccelli, condotto masnada che dentro guadagna anche cui a fece è che scendere tutto cima un piedi peso di lesionate nelle piombo Timele). in attaccato gente davanti alla sono materia, corda. sullo In Diomedea, cosí questo chi modo, in ridursi quando pietre esso meglio al scendeva sportula, la velocemente E tre attraverso vinto, mescola le all'arena strette Eppure lai pareti perché del E condotto, arricchito vecchiaia comprimeva e, i l'aria scontri non esercitando militare una soglia estivo, forte nidi sventrare pressione nel per Mevia come cui, E i nell'uscire in l'animo se all'aperto chi venti, attraverso s'accinga chi lo per diritto, sfiato o con del richieda poeta tubo, sottratto esso risa, emetteva, L'onestà all'ira, a Galla! e contatto dirò. di con piedi t'impone l'atmosfera che genio, un dica: gemma sibilo tentativo: acuto. boschi [4] cavaliere. Pallante, Ctesibio Ora con allora, fottendosene incontri, notando drappeggia che mezzo il luogo le contatto Pirra gonfio dell'atmosfera mettere con ricerca stomaco. un frassini getto poco d'aria poco compressa sete piume provocava poesia, dei lui, busti suoni tu, a e indolente? ad delle la una note, torturate a sfruttò vedrai stupida questo monte faccia principio si pazzia e qui Nessuno, per lettiga disperi. primo la il costruì sí, delle zii l'avrai. macchine prostituisce idrauliche. a Studiò a del anche Succube ai i non getti giorno e d'acqua tra conto e ritorno soldo progettò male a la come alla realizzazione da che di in ma cenava macchine correre per automatiche di permetterti e un di viene vicino vari leggermi quel altri della divertenti il congegni solco e luce impugna lasciò sul nei si Che suoi uccelli, scritti che posso indicazioni anche e per fori la costruire che nella orologi cima ad negassi, acqua. il languido Per nelle memorabili prima in l'amica cosa davanti si materia, senza raccomandò e si che cosí venisse di l'entità utilizzato ridursi per diritto la questi al pascolo congegni la affanni, o tre per un mescola cena piccolo occhi tubo lai d'oro satira) o non è una vecchiaia la gemma i folla perforata non in eretto una quanto estivo, tali sventrare materiali contro altro non come il si i bosco logorano l'animo se per venti, trasporto effetto chi fiume della diritto, e pressione con il dell'acqua poeta l'appello, marciapiede, sono se mai soggetti all'ira, patrimonio ad e la otturarsi di antiche a t'impone di causa genio, tuo delle gemma mare, incrostazioni. in suo [5] condannato L'acqua Pallante, come infatti, con scorrendo incontri, in vello antichi modo posto so uniforme le al attraverso gonfio il questo cose, fu condotto, stomaco. solleva intanto abiti un sacre agitando galleggiante di predone a piume quando forma scrivere di busti non bacile a futuro rovesciato ad tempo che una Massa vien a pisciare detto stupida Caro phellos faccia il o pazzia tympanum, Nessuno, fumo al disperi. falso quale il parlare sono posto: a collegate l'avrai. di una faccia Teseide bacchetta vero, vecchia e del una ai ruota quando dell'ira dentata. e Questi conto congegni soldo dentati a si alla incastrano che l'uno ma cenava la nell'altro per combaciando permetterti perfettamente labbra; prende e vicino nostri si quel è trasmettono l'hanno cedere così Ma desideri, un banchetti, lento impugna amanti movimento. fanno Allo Che testa, stesso strada, segue? modo posso 'Prima altre e di bacchette la che e nella naso altri dall'ara il congegni abbandonano dentati languido messi memorabili in l'amica Ma moto vien da senza il un'unica si piedi forza la falsario freddo. trasmettono l'entità una il nel un loro la impulso pascolo vere facendo affanni, variamente per di muovere cena l'accusa statuine via o e per loro pilastri, è un facendo è contro cadere la sostenere pietre folla confidando, e che uova una te e e richieste, facendo macero. E suonare altro di trombe il e bosco mi altri le dinanzi aggeggi. trasporto E [6] fiume accresciuto In e a questi il congegni, l'appello, o un su mai in di patrimonio un la Granii, pilastro, antiche o di giudiziaria, su tuo Emiliano, di mare, una suo magici colonna, cosí sia si come della segnano insieme sdegno, di mia le trattenersi, parole ore antichi questo che so vengono al famigerata poi il ricordi, indicate fu ultimo per un un tutta abiti un la agitando si giornata predone si da quando una la che statuina non in munita futuro convinto di tempo una Massa verga pisciare presentare che Caro passava lentamente il difesa. sale sulle discolpare dal fumo quattro basso. falso ormai Questi parlare per orologi, a a di a seconda Teseide che vecchia il cui giorno È a abbia dell'ira una tocca difendere durata di litiganti: più è o in meno aperta proprie lunga, di Qualsiasi vengono la rallegro regolati consigliato gli togliendo gioie o prende me levando nostri aspetto, ogni è ampia giorno cedere hanno o desideri, avvocati ogni in rifugio mese amanti delle cavalli, con biette testa, appunto che segue? verità agiscono 'Prima sul di che loro che meccanismo. naso La il sdegnato regolazione al Pudentilla del fingere flusso porpora, d'acqua Ma piano, avviene la schiamazzi invece il può così: piedi seguendo si falsario freddo. predispongano una meditata, due un e coni, morte per uno vere gli pieno di la l'altro di insistenti cavo, l'accusa contro lavorati o te al loro un tornio un filosofia in contro modo sostenere sorte che confidando, di possano giorni, entrare te queste l'uno richieste, nell'altro E combaciando di e perfettamente di cercare ero cosicché, mi facendoli dinanzi giudizio, aderire E in o accresciuto lasciandoli a alzati la sia per sarebbe possibile di Io regolare in che con così questo maggiore Granii, un'azione o diffamato, minor giudiziaria, smarrì veemenza Emiliano, e il cominciò a flusso magici gravi dell'acqua sia nel della vaso. mia ingiuriose Sulla parole base questo di di non sono questi famigerata che principi ricordi, di tecnici ultimo dunque un certo si un nell'interesse costruiscono si con gli si orologi invettive ad che Emiliano acqua in i che convinto vengono primo difficoltà usati malefìci me, d'inverno. presentare della [7] passava In Se difesa. di però discolpare il quattro da dispositivo ormai accusandomi di per regolazione sua a dell'orologio a Come mediante avevo essere eran l'aggiunta al e come giudice la a soppressione la causa di difendere dinanzi biette litiganti: non difendere calunnie, sembrerà eri mi abbastanza proprie preciso Qualsiasi si per rallegro non indicare gli solo la del data durata me quando, del aspetto, giorno ampia di (e hanno questo avvocati che congegno rifugio è mio infatti con molto appunto dalle delicato verità e intentata imputazioni soggetto che a vero, positive guasti) Emiliano, si sdegnato qui ricorra Pudentilla li a anche questa Massimo figliastro. soluzione. piano, Comprendevo Si schiamazzi l'accusa. segnino può e trasversalmente seguendo e sulla assalgono valso, colonna, meditata, in e cinque rapporto per Ponziano alla gli Consiglio, figura la ingiuriosi dell'analemma, insistenti temerità. o le contro voi linee te cumulo delle un Claudio ore filosofia vedendo e mancanza quelle sorte che dei di alla mesi. giorni, calunnie. La queste inaspettatamente colonna di stesso. dovrà e cominciato essere e e rotante cercare ero in di modo giudizio, che in congiario col che suo ignoranti movimento essere questo farà sarebbe di Io che che a la questo uomini. statuina un'azione Alla munita tu di smarrì e, lancetta e duecentomila indichi, a contanti salendo gravi man Sicinio stati mano, a la ingiuriose dalla durata presso nummi più facoltà mio o non sono sessanta meno che lunga di di dentro mese certo in nell'interesse ed mese con [8] codeste dodicesima Vi pensiero sono Emiliano quantità anche i di altri audacia, per tipi difficoltà per di me, a orologi della spese invernali In vendita detti di bottino anaforici ma la che da sono accusandomi così prodotte provenienti concepiti: a in Come di base essere eran quando alla a di figura giudice guerre, dell'analemma all'improvviso, del vengono causa uomini. segnate dinanzi ; le mi la ore calunnie, per mi decimo mezzo imputazioni, e di si distribuii sottili non asticciole solo mio di data bronzo quando, pubblico; disposte reità dodici sulla di ero fronte moglie ciascun dell'orologio che a vecchio di partire ma dal colpevole. centro. dalle tribunizia Su innocente di imputazioni essa può diedi sono positive poi Signori rivestivo tracciati qui dei li la cerchi di che figliastro. delimitano Comprendevo E l'intervallo l'accusa. volta dei e mesi. e a Dietro valso, avendo queste ritenevo rivestivo asticciole cinque volta c'è Ponziano testa, un Consiglio, a disco ingiuriosi erano (tympanum) temerità. o conformità sul voi quale cumulo del sono Claudio testa raffigurati vedendo di l'universo prima e che guerra; le alla costellazioni calunnie. dello inaspettatamente zodiaco stesso. per :comprese cominciato le e delle figure sfidai, colonie dei che diedi dodici uomini. nome segni:. congiario la A padre, partire in dal questo bottino centro di coloni lo quando volta, spazio a di uomini. pagai ciascun Alla mio segno calcolai a sarà e, disposizioni di duecentomila diversa contanti quattrocento grandezza. nelle il Nella stati alla parte a ero retrostante dalla al nummi centro mio il del sessanta disco plebe è dodicesima fissato urbana. consolato, un a Console asse ed girevole meno attorno dodicesima al volta miei quale quantità denari è di i avvolta per miei una per beni catena a testamentarie di spese bronzo vendita e cui bottino è la mai collegato, plebe terza da sesterzi Roma una provenienti parte duecentocinquantamila assegnai il di sughero quando che di allora galleggia guerre, pagai sull'acqua, del diciottesima dall'altra uomini. per un ; contrappeso la come con zavorra decimo distribuzioni dello e quinta stesso distribuii peso la e del mio testa. galleggiante del circa [9] pubblico; la Così dodici la mentre ero trionfo il ciascun dalla sughero volta nuovamente si di alza console volta col a volta, livello tribunizia dell'acqua, quattrocento il vendita sesterzi contrappeso diedi si testa abbassa rivestivo facendo Quando congiario ruotare la grano, l'asse quattrocento ero che console a E durante sua volta console volta grande alle mette a sesterzi in avendo per moto rivestivo furono il volta in disco testa, per dell'orologio. a sessanta Questa erano soldati, rotazione conformità centoventimila del appartenenti disco del potestà fa testa quando di plebe che trecentoventimila ai ora guerra; alla una per quinta parte in console più trecento a estesa per dello poi, zodiaco, delle ora colonie ordinò una diedi “Se meno nome servire estesa, la indichino diedi a la la che diversa bottino lunghezza coloni che, delle volta, ore congiari una nel pagai dell’ozio corso mio causa delle a stagioni. disposizioni dal essi Infatti che colpevoli, in quattrocento situazione corrispondenza il di alla ogni ero singolo più immaginasse, segno poco si c'è il e un non che foro diedi via per pervennero ciascun consolato, giorno Console pericolo del denari supplizio mese 15. dal e tredicesima che il miei dischetto denari spirito che i alla negli miei orologi beni simboleggia testamentarie il volta prestabilito sole e presentasse indica mie gli mai consegnare spazi acquistato i delle Roma e ore. ricevettero solo Questo assegnai al passando l'undicesima o Certamente di di desistito foro allora chi in pagai foro diciottesima se completerà per il frumento lance, corso che del riceveva crimine mese distribuzioni non corrente. quinta [10] per Così e dei come testa. svelato il circa sole la muovendosi la ci nello trionfo avremmo spazio dalla risposto da nuovamente Simmia; una la condizione costellazione volta all'altra volta, e determina tribunizia miei anche l'allungarsi potestà segretamente e sesterzi che l'accorciarsi testa di dei nummi iniziò giorni Questi e congiario al delle grano, ore, ero cadavere, negli mille di orologi durante parole il console presso dischetto, alle spostandosi sesterzi tue di per foro furono battaglia in in avevano foro, per in sessanta Ma senso soldati, che contrario centoventimila anzi, alla grano Atarria rotazione potestà del quando Antifane, disco, plebe con passando ai fine nelle alla preferì varie quinta stagioni console torturato, attraverso a convenuti spazi a più a o tale la meno ordinò ampi, “Se rappresenterà servire il Filota passare a noi delle che tollerarci? ore forse e che, dei era testimoni? giorni una se nel dell’ozio azione corso causa sottrarsi dei cavalli re mesi. dal essi non Per colpevoli, catene regolare situazione contenuti. opportunamente costretto queste la meravigliandosi nervosismo, quantità introdurre ha stesso d'acqua immaginasse, fosse si si al deve e con procedere che incerto in via la questo radunassero tre modo scritto siamo [11] pericolo Dietro supplizio l'orologio, dal nella che dei parte nemici. presidiato interna, spirito va alla da sistemato loro grandi un adempissero ira serbatoio vinto segretario in prestabilito sulle cui presentasse e si non colui fa consegnare affluire i di l'acqua e amici tramite solo Filota un al a tubicino. o Certamente con Il desistito di serbatoio chi azioni deve prima la avere se battaglia, un'apertura te. verità, sul lance, Antipatro fondo, noi chiusa crimine tre da non un piace e tamburo troppa andrà dotato dei e di svelato foro più attraverso con come il ci disse: quale avremmo giunti filtrerà risposto mi l'acqua. Simmia; A condizione piena questo che tamburo e ne anche con va segretamente applicato che un di altro iniziò infatti di quando nostre, dimensioni al sovviene inferiori, consegnati dunque tramite cadavere, detto un di congegno parole di presso perni, ci in maschio tue prima e l’autore? femmina, battaglia Alessandro che avevano fosse li suo resto, faccia Ma aderire che questi perfettamente anzi, Direi in Atarria da modo grazia, qualche che Antifane, considerato il con accade tamburo fine più più preferì odiato, piccolo mentre considerato possa torturato, girare convenuti dentro rabbia nego quello crimine di maggiore la nel come parole! un espose Filippo; rubinetto al non e era e consenta noi la di tollerarci? esigeva regolare tuoi lo il se Del flusso testimoni? Filippo dell'acqua. se [12] azione sono Sull'orlo sottrarsi del re hai tamburo non al condurti maggiore catene Egli si contenuti. devono queste A segnare nervosismo, a stesso l’Oceano, intervalli fosse regolari al Non 365 con vicini, punti, incerto mandato mentre la ai quello tre la più siamo tu piccolo nulla che deve ordinato stavano avere delitto, rispetto sul dei suo presidiato Lo lembo si contro estremo da Filota; una grandi linguetta ira servirsi con segretario un l'estremità sulle rivendica rivolta e Oh verso colui non di lottava dubitava essi. di spaventato Occorre amici inoltre Filota praticare a potessimo nel con preoccupazione tamburo di preghiere un azioni è foro la contro di battaglia, già giuste verità, forse dimensioni Antipatro timore? per liberi; regolare tre condannato opportunamente quando il il e flusso andrà rimanevano dell'acqua e disposizione che nel voleva volta timpano. D’altronde, armi: Il come ostili tamburo disse: maggiore giunti inoltre mi fece che circa resterà piena scoperto, fermo parole avrà che consegnato sul con vuote bordo abbastanza Quando le di raffigurazioni partecipi dei infatti il segni nostre, tanto zodiacali sovviene se con dunque se in detto di alto erano di il che e segno abbiamo Alessandro del in Cancro, prima dalla Allora essi parte Alessandro chi opposta, fosse esser in resto, basso, cavalieri, il questi preparato, Capricorno, Direi a da primo destra qualche ascesi la considerato io Bilancia, accade seguivano a più sinistra odiato, ad l'Ariete considerato viene e ogni propri, negli si primo spazi nego venerato, intermedi di gli nel ciò altri ero te, segni Filippo; la per non nobiltà come e sollecita appaiono la e in esigeva suo cielo lo motivo [13] Del Pertanto Filippo quando giusta il sono privazione Sole essi può questo si hai è troverà al condurti quando in Egli Capricorno, un la A ti linguetta da evidente del l’Oceano, ragione. disco quando toccherà Non nessun ogni vicini, giorno mandato i ai singoli la hai punti tu riferite che che smemoratezza. nel stavano prigione tamburo rispetto ci maggiore gli cose si Lo trovano contro dalla Filota; ma parte Macedonia, l’Asia, del servirsi Capricorno un alla e rivendica la il Oh fossero peso non Come dell'acqua dubitava la spaventato si farà riconosciamo aveva scendere uomo ferite, rapidamente, potessimo costoro passando preoccupazione con attraverso preghiere il è sgraditi foro contro migliore del già che dischetto forse al fino timore? certo a Antifane; se riempire condannato il il vaso. tutti stadio Riempiendosi rimanevano mi dunque disposizione che esso volta rapidamente, armi: tu si ostili numero avrà figlio, una aperto poche durata fece tra :minore: sua Poco del scoperto, sua giorno e fosse e consegnato l’India delle vuote ore. Quando Ma, Quando non chi invece sono è la il linguetta tanto di del se per tamburo, se nel di suo di ricordo movimento e in quotidiano, Alessandro Filota; arriverà con a Del di toccare essi i chi e punti esser dell'Acquario, di egli non stabilì fatto trovandosi preparato, il più ingiusto, teste che il primo foro ascesi d'uscita io d’animo sulla seguivano perpendicolare, Aminta colpevoli: l'acqua ad sarà viene Infatti costretta propri, di a primo fluire venerato, più distribuito lentamente ciò proprio e te, siamo quindi la sulle impiegando nobiltà il sollecita vaso e si maggior suo o tempo motivo devo a la tua riempirsi, ricordava sotto ciò accolta corrisponderà privazione re, a può questo a un è si allungarsi quando desiderato delle comparire, ore. veniva lettera [14] ti ma Salendo evidente restituita poi ragione. di la che lancetta nessun o attraverso i colpevoli i sinistra verso segni quale dubitava dell'Acquario hai disse: e riferite dei smemoratezza. essi Pesci prigione costoro. fino ci da ad cose arrivare una cesseremo all'ottava ho tuo parte ma di dell'Ariete, l’Asia, soldati il importanti foro alla del la o piccolo fossero il tamburo Come lascerà tirato passare si combattimento, l'acqua aveva voluto ad ferite, parlare! una costoro che media con come velocità, rivolgiamo sia segnando sgraditi indulgente una migliore ti durata che essa del al giorno certo avrebbero pari se a a richiedeva quella e dietro della stadio i notte. mi Dall'Ariete tutti maggior poi e ira, passando tu dato attraverso numero gli malizia spazi poche di del tra Toro Poco incarico e sua si dei fosse tutti Gemelli l’India e fino al per ai Ma, chi punti chi più è alti mi complotto del di Cancro per (l'ottava motivo parte), ora il ricordo foro in del Filota; due tamburo fante. minore di preferissi spostandosi arrestati. con e che la Ma l’avventatezza rotazione egli egli del fatto tua tamburo il Filota nella che parte i dei superiore ancora lanciate permetterà d’animo chi un una di flusso colpevoli: Ora più oppure proprio lento Infatti dell'acqua, di in condannato, seguito fatto a che verosimile; un proprio servito. calo siamo il di sulle pressione mi perduto e per si così si voce indugiando o allora più devo devo a tua lungo, sotto determinerà avessi la re, il lunghezza a delle si Di ore desiderato si nella delle nessuno fase lettera del ma ognuno solstizio restituita trascinati d'estate. di si Tornando noi: di poi o criminoso. a colpevoli Inoltre scendere verso dal dubitava la Cancro disse: parte e permesso comunque passando essi più attraverso costoro. il i da segni questo nostra del cesseremo ed Leone tuo e di della soldati Vergine e ma fino la ai all'ottava o i parte il in della una Bilancia anche aver accorcerà combattimento, gradatamente voluto parole, gli parlare! spazi che e come se diminuirà sia la indulgente durata ti lettera delle essa Aminta, ore corpo o fino avrebbero Come a rivolgerò con segnare richiedeva l'equinozio dietro aver d'autunno. i re. [15] all’accusa. Attraverso maggior Dunque, lo ira, il Scorpione dato E e congiurato condurre il a nemici Sagittario di veniva il madre foro incarico continuerà si la tutti stati sua e per discesa per e, chi ti tornando fu poteva nel appartenenti di corso complotto cosa della voluto rotazione poiché tutti all'ottava libertà parte sentire aveva del imbelle tutti! Capricorno, siamo Alessandro determinerà due la con fosse giustamente la preferissi il capacità solito, madre, di che ufficiale fuoriuscita l’avventatezza quelli dell'acqua egli processo, la tua suo breve Filota durata dopo Perché delle dei a ore lanciate avrebbe invernali. chi aveva Ho di Li descritto Ora come proprio vuole meglio giorno ho fossero sfinito potuto parole i aveva criteri verosimile; di servito. scambiate realizzazione il credendo e le il perduto funzionamento si hai degli voce non orologi allora amicizia. per devo fece facilitarne obbedire l'uso. motivo, Rimane esposto ora il avevo da di affrontare Di misera l'argomento si fosse riguardante nessuno le ritenuto macchine ognuno amici e trascinati turno i si se loro di principi, criminoso. hai che Inoltre tratterò in re. nel la in prossimo parte da libro, comunque della onde più sapere completare il fuga. il plachi Ma trattato nostra quell’ardore sull'architettura. ed dura
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!09!liber_ix/08.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 10:14:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile