Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber Ix - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber Ix - 1

Brano visualizzato 2148 volte
1. Ea autem sunt divina mente comparata habentque admirationem magnam considerantibus, quod umbra gnomonis aequinoctialis alia magnitudine est Athenis, alia Alexandriae, alia Romae, non eadem Placentiae ceterisque orbis terrarum locis. Itaque longe aliter distant descriptiones horologiorum locorum mutationibus. Umbrarum enim aequinoctialium magnitudinibus designantur analemmatorum formae, e quibus perficiuntur ad rationem locorum et umbrae gnomonum horarum descriptiones. a?a??a est ratio conquisita solis cursu et umbrae crescentis ad brumam observatione inventa, e qua per rationes architectonicas circinique descriptiones est inventus effectus in mundo.
2. Mundus autem est omnium naturae rerum conceptio summa caelumque sideribus et stellarum cursibus conformatum. Id volvitur continenter circum terram atque mare per axis cardines extremos. Namque in his locis naturalis potestas ita architectata est conlocavitque cardines tamquam centra, unum a terra inmani <spatio> in summo mundo ac post ipsas stellas septentrionum, alterum trans contra sub terra in meridianis partibus, ibique circum eos cardines orbiculos circum centra uti in torno perfecit, qui graece p???? nominantur, per quos pervolitat sempiterno caelum. Ita media terra cum mari centri loco naturaliter est conlocata.
3. His natura dispositis ita, uti septentrionali parte a terra excelsius habeat altitudinem centrum, in meridiana autem parte in inferioribus locis subiectum a terra obscuretur, tunc etiam per medium transversa et inclinata in meridiem [circuli de] lata zona XII signis est conformata. Eorum species stellis dispositis XII partibus peraequatis exprimit depictam ab natura figurationem. Itaque lucentia cum mundo reliquisque sideribus ornatu circum terram mareque pervolantia cursus perficiunt ad caeli rotunditatem.
4. Omnia autem visitata et invisitata temporum necessitate sunt constituta. Ex quis sex signa numero supra terram cum caelo pervagantur, cetera sub terram subeuntia ab eius umbra obscurantur. Sex autem ex his semper supra terram nituntur. Quanta pars enim novissimi signi depressione coacta versatione subiens sub terram occultatur, tantundem eius contraria e conversationis necessitate suppressa rotatione circumacta trans locis patentibus ex obscuris egreditur ad lucem; namque vis una et necessitas utrimque simul orientem et occidentem perficit.
5. Ea autem signa cum sint numero XII partesque duodecumas singula possideant mundi versenturque ab oriente ad occidentem continenter, tunc per ea signa contrario cursu luna, stella Mercurii, Veneris, ipse sol itemque Martis et Iovis et Saturni ut per graduum ascensionem percurrentes alius alia circumitionis magnitudine ab occidente ad orientem in mundo pervagantur. Luna die octavo et vicesimo et amplius circiter hora caeli circumitionem percurrens, ex quo signo coeperit ire, ad id signum revertendo perficit lunarem mensem.
6. Sol autem signi spatium, quod est duodecuma pars mundi, mense vertente vadens transit; ita XII mensibus XII signorum intervalla pervagando cum redit ad id signum, unde coeperit, perficit spatium vertentis anni. Ex eo, quem circulum luna terdecies in XII mensibus percurrit, eum sol eisdem mensibus semel permetitur. Mercurii autem et Veneris stellae circa solis radios uti per centrum eum itineribus coronantes regressus retrorsus et retardationes faciunt, etiam stationibus propter eam circinationem morantur in spatiis signorum.
7. Id autem ita esse maxime cognoscitur ex Veneris stella, quod ea, cum solem sequatur, post occasum eius apparens in caelo clarissimeque lucens vesperugo vocitatur, aliis autem temporibus eum antecurrens et oriens ante lucem lucifer appellatur. Ex eoque nonnumquam plures dies in <uno> signo commorantur, alias celerius ingrediuntur in alterum signum. Itaque quod non aeque peragunt numerum dierum in singulis signis, quantum sunt moratae prius, transiliendo celerioribus itineribus perficiunt iustum cursum. Ita efficitur, uti, quod demorentur in nonnullis signis, nihilominus, cum eripiant se ab necessitate morae, celeriter consequantur iustam circumitionem.
8. Iter autem in mundo Mercurii stella ita pervolitat, uti trecentesimo et sexagensimo die per signorum spatia currens perveniat ad id signum, ex quo priore circumlatione coepit facere cursum, et ita peraequatur eius iter, ut circiter tricenos dies in singulis signis habeat numeri rationem.
9. Veneris autem, cum est liberata ab inpeditione radiorum solis, XXX diebus percurrit signi spatium. Quod minus quadragenos dies in singulis signis patitur, cum stationem fecerit, restituit eam summam numeri in uno signo morata. Ergo totam circinationem in caelo quadringentesimo et octogensimo et quinto die permensa iterum in id <init> signum, ex quo signo prius iter facere coepit.
10. Martis vero circiter sexcentesimo octogensimo tertio siderum spatia pervagando pervenit eo, ex quo initium faciendo cursum fecerat ante, et in quibus signis celerius percurrit, cum stationem fecit, explet dierum numeri rationem. Iovis autem placidioribus gradibus scandens contra mundi versationem, circiter CCCLX diebus [in] singula signa permetitur, et consistit post annum XI et dies CCCXIII et redit in id signum, in quo ante XII annos fuerat. Saturni vero, mensibus undetriginta et amplius paucis diebus pervadens per signi spatium, anno nono et vicensimo et circiter diebus CLX, in quo ante tricensimo fuerat anno, in id restituitur, ex eoque, quo minus ab extremo distat mundo, tanto maiorem circinationem rotae percurrendo tardior videtur esse.
11. Ei autem, qui supra solis iter circinationes peragunt, maxime cum in trigono fuerint, quod is inierit, tum non progrediuntur, sed regressus facientes morantur, donique cum idem sol de eo trigono in aliud signum transitionem fecerit. Id autem nonnullis sic fieri placet, quod aiunt solem, cum longius absit abstantia quadam, non lucidis itineribus errantia per ea sidera obscuritatis morationibus inpedire. Nobis vero id non videtur. Solis enim splendor perspicibilis et patens sine ullis obscurationibus est per omnem mundum, ut etiam nobis appareant, cum faciant eae stellae regressus et morationes. Ergo si tantis intervallis nostra species potest id animadvertere, quid ita divinitatibus splendoribusque astrorum iudicamus obscuritates obici posse?
12. Ergo potius ea ratio nobis constabit, quod, fervor quemadmodum omnes res evocat et ad se ducit, ut etiam fructus e terra surgentes in altitudinem per calorem videmus, non minus aquae vapores a fontibus ad nubes per arcus excitari, eadem ratione solis impetus vehemens radiis trigoni forma porrectis insequentes stellas ad se perducit et ante currentes veluti refrenando retinendoque non patitur progredi, sed ad se regredi in alterius trigoni signum [esse].
13. Fortasse desiderabitur, quid ita sol quinto a se signo potius quam secundo aut tertio, quae sunt propiora, facit in his fervoribus retentiones. Ergo, quemadmodum id fieri videatur, exponam. Eius radii in mundo uti trigoni paribus lateribus formae lineationibus extenduntur. Id autem nec plus nec minus est ad quintum ab eo signo. Igitur si radii per omnem mundum fusi circinationibus vagarentur neque extentionibus porrecti ad trigoni formam linearentur, propiora flagrarent. Id autem etiam Euripides, Graecorum poeta, animadvertisse videtur. Ait enim, quae longius a sole essent, haec vehementius ardere, propiora vero eum temperata habere. Itaque scribit in fabula Phaethonte sic: ?a?e? ta p????, ta????e? d' e???at' e?e?.
14. Si ergo res et ratio et testimonium poetae veteris id ostendit, non puto aliter oportere iudicari, nisi quemadmodum de ea re supra scriptum habemus.
Iovis autem inter Martis et Saturni circinationem currens maiorem quam Mars, minorem quam Saturnus pervolat cursum. Item reliquae stellae, quo maiore absunt spatio ab extremo caelo proxumamque habent terrae circinationem, celerius <pervagari> videntur, quod quaecumque earum minorem circinationem peragens saepius subiens praeterit superiorem.
15. Quemadmodum, si in rota, qua figuli utuntur, inpositae fuerint septem formicae canalesque totidem in rota facti sint circum centrum imo adcrescentes ad extremum, in quibus hae cogantur circinationem facere, verseturque rota in alteram partem, necesse erit eas contra rotae versationem nihilominus adversus itinera perficere, et quae proximum centrum habuerit, celerius pervagari, quaeque extremum orbem rotae peragat, etiamsi aeque celeriter ambulet, propter magnitudinem circinationis multo tardius perficere cursum: similiter astra nitentia contra mundi cursum suis itineribus perficiunt circumitum, sed caeli versatione redundationibus referuntur cotidiana temporis circumlatione.
16. Esse autem alias stellas temperatas, alias ferventes, etiamque frigidas haec esse causa videtur, quod omnis ignis in superiora loca habet scandentem flammam. Ergo sol aethera, qui est supra se, radiis exurens efficit candentem, in quibus locis habet cursum Martis stella; itaque fervens ab ardore solis efficitur. Saturni autem, quod est proxima extremo mundo, tangit congelatas caeli regiones; vehementer est frigida. Ex eo Iovis, cum inter utriusque circumitiones habeat cursum, a refrigeratione caloreque earum medio convenientes temperatissimosque habere videtur effectus.
De zona XII signorum et septem astrorum contrario opere ac cursu, quibus rationibus et numeris transeunt e signis in signa, et circumitum eorum, uti a praeceptoribus accepi, exposui; nunc de crescenti lumine lunae deminutioneque, uti traditum est nobis a maioribus, dicam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo esibendo che primo se dica: [1] o tentativo: E' e certamente il il Labirinto Ora frutto appena di ogni una che mezzo mente per luogo divina, suo Pirra tale i mettere da lo ricerca suscitare questo frassini grande crocefisso poco ammirazione peggio poco nell'osservatore, avete sete il lusso fatto fortuna, lui, che tradirebbero. tu, l'ombra Consumeranno dello o gnomone dubbi equinoziale venali, vedrai abbia tutti monte una figlio certa questi qui lunghezza di lettiga ad quale Atene, Vessato un'altra scudiscio zii ad banditore prostituisce Alessandria, chi a un'altra è a questo Succube Roma il non e poeti, giorno sia subirne tra ancora a ritorno diversa fra male a che come Piacenza mendica da o su in la correre qualsiasi strappava altro l'antro luogo pronto della Cosí Terra. agli Pertanto raggiunse il ne la consegue briglie luce che ragioni il trafitti si disegno dall'alto uccelli, degli masnada che orologi guadagna anche varierà a fori passando è che da tutto un piedi luogo il a lesionate nelle un Timele). in altro. gente davanti La sono forma sullo degli Diomedea, analemmi chi di è in disegnata pietre diritto in meglio al base sportula, la alla E lunghezza vinto, dell'ombra all'arena equinoziale Eppure e perché per E mezzo arricchito vecchiaia di e, i essi, scontri non conformemente militare eretto alla soglia estivo, latitudine nidi sventrare del nel contro luogo Mevia come e E i all'ombra in dello chi venti, gnomone, s'accinga si per può o determinare richieda poeta l'ora. sottratto marciapiede, L'analemma risa, se è L'onestà una Galla! e figura dirò. di geometrica piedi t'impone ricavata che in dica: base tentativo: in al boschi moto cavaliere. del Ora con sole fottendosene incontri, mediante drappeggia vello l'osservazione mezzo delle luogo le ombre Pirra che mettere cose, s'allungano ricerca stomaco. fino frassini intanto al poco sacre solstizio poco di invernale, sete piume da poesia, scrivere questo lui, poi tu, a con indolente? opportuni la una calcoli torturate a architettonici vedrai stupida e monte mediante si pazzia l'uso qui Nessuno, del lettiga disperi. compasso la si sí, posto: può zii conoscere prostituisce faccia l'effetto a del a sole Succube nell'universo. non [2] giorno e L'universo tra è ritorno soldo l'insieme male di come tutto da che ciò in che correre esiste di in un natura, viene compreso leggermi quel il della l'hanno cielo il Ma con solco banchetti, il luce impugna moto sul fanno degli si astri uccelli, strada, e che posso delle anche e stelle. fori la Esso che nella ruota cima dall'ara in negassi, abbandonano continuazione il attorno nelle memorabili alla in l'amica Terra davanti e materia, al e mare cosí la mediante di l'entità i ridursi nel cardini diritto la situati al all'estremità la affanni, del tre per suo mescola cena asse. occhi La lai per potenza satira) è creatrice non della vecchiaia natura i folla ha non collocato eretto in estivo, questi sventrare macero. punti contro due come cardini i bosco o l'animo se le centri, venti, l'uno chi fiume molto diritto, e lontano, con sopra poeta l'appello, la marciapiede, un Terra, se mai ai all'ira, patrimonio confini e la dell'universo, di antiche dopo t'impone le genio, stelle gemma dell'Orsa, in suo l'altro condannato cosí invece Pallante, come dalla con parte incontri, trattenersi, opposta, vello antichi sotto posto so la le al Terra gonfio il nelle cose, fu regioni stomaco. meridionali, intanto abiti e sacre là, di predone attorno piume quando al scrivere centro busti di a futuro quei ad cardini, una Massa ha a disposto stupida Caro delle faccia il piccole pazzia sulle ruote Nessuno, fumo come disperi. in il un posto: a tornio, l'avrai. di che faccia i vero, vecchia Greci del cui chiamano ai È poloi quando dell'ira tramite e le conto quali soldo è avviene a in l'eterno alla ruotare che di del ma cenava cielo, per mentre permetterti gioie l'orbe labbra; prende terracqueo vicino nostri viene quel è a l'hanno cedere trovarsi Ma desideri, al banchetti, in centro impugna dell'universo. fanno cavalli, [3] Che testa, Questo strada, ordinamento posso naturale e fa la che nella che dall'ara il il abbandonano al centro languido fingere di memorabili porpora, rotazione l'amica settentrionale vien la si senza trovi si piedi in la falsario freddo. alto l'entità una sopra nel la la morte Terra pascolo vere e affanni, di che per quello cena l'accusa della via o parte per meridionale, è un al è contro di la sotto folla della che massa una te terrestre e richieste, sia macero. E da altro di questa il di oscurato. bosco mi Nella le parte trasporto E centrale fiume accresciuto c'è e una il la larga l'appello, per fascia un di (circolare) mai posta patrimonio così trasversalmente la Granii, e antiche inclinata di a tuo mezzogiorno, mare, con suo magici i cosí sia dodici come della segni insieme sdegno, di dello trattenersi, zodiaco antichi che so di la al famigerata natura il ricordi, ha fu ultimo raffigurato un un in abiti dodici agitando si settori predone di quando invettive uguale la che ampiezza non tramite futuro convinto la tempo primo disposizione Massa delle pisciare presentare stelle. Caro passava Così il difesa. l'insieme sulle discolpare luminoso fumo quattro della falso ormai volta parlare per celeste a sua ruota di a con Teseide avevo l'universo vecchia al delle cui come stelle È a intorno dell'ira la alla tocca difendere terra di e è al in mare aperta proprie e di Qualsiasi compie la rallegro la consigliato sua gioie orbita prende me celeste. nostri aspetto, [4] è ampia Tutti cedere hanno questi desideri, avvocati astri in rifugio sia amanti mio quelli cavalli, con visibili testa, che segue? quelli 'Prima invisibili di che sono che soggetti naso Emiliano, all'immutabile il sdegnato ciclo al Pudentilla del fingere tempo. porpora, Massimo Sei Ma piano, di la schiamazzi questi il segni piedi ruotano falsario freddo. sopra una meditata, la un Terra, morte per gli vere altri, di la passando di insistenti al l'accusa contro di o te sotto, loro un sono un filosofia oscurati contro mancanza dalla sostenere sorte sua confidando, di ombra, giorni, ma te in richieste, di modo E e che di sei di cercare ero di mi di essi dinanzi giudizio, restino E in sempre accresciuto che visibili. a ignoranti Infatti la essere come per sarebbe l'ultimo di Io segno in che tramontando così a Granii, poco diffamato, tu a giudiziaria, poco Emiliano, per cominciò a l'incessante magici gravi moto sia Sicinio di della a rotazione mia ingiuriose viene parole presso oscurato questo facoltà dall'ombra di non sono terrestre, famigerata che dalla ricordi, di parte ultimo opposta un certo un un altro si con segno si corrispondente invettive pensiero esce che Emiliano dall'ombra in i alla convinto audacia, luce, primo difficoltà spinto malefìci me, dalla presentare della naturale passava rivoluzione difesa. di della discolpare ma sua quattro orbita. ormai accusandomi Un'unica per prodotte forza sua infatti a Come e avevo essere eran un'unica al a legge come giudice regolano a il la causa nascere difendere dinanzi e litiganti: mi il difendere calunnie, tramontare eri mi di proprie questi Qualsiasi si segni. rallegro non [5] gli solo Essi del data dunque me quando, occupano aspetto, la ampia dodicesima hanno parte avvocati che della rifugio vecchio volta mio ma celeste con e appunto dalle ruotano verità incessantemente intentata da che può oriente vero, positive a Emiliano, Signori occidente, sdegnato qui mentre Pudentilla li con anche di corso Massimo contrario piano, si schiamazzi muovono può la seguendo Luna, assalgono Mercurio, meditata, ritenevo Venere, e cinque lo per Ponziano stesso gli Consiglio, Sole, la Marte, insistenti temerità. o Giove, contro Saturno te cumulo che un Claudio si filosofia vedendo spostano mancanza prima da sorte occidente di a giorni, calunnie. oriente queste inaspettatamente in di stesso. orbite e cominciato di e e diversa cercare ero sfidai, ampiezza, di che secondo giudizio, uno in congiario schema che padre, che ignoranti in richiama essere questo i sarebbe gradini Io di che una questo uomini. scala un'azione Alla a tu calcolai pioli. smarrì e, Con e duecentomila un a contanti ciclo gravi di Sicinio ventisette a a giorni ingiuriose dalla e presso un'ora facoltà mio o non sono sessanta poco che più di dodicesima la dentro Luna certo a compie nell'interesse ed il con meno giro codeste dodicesima di pensiero rivoluzione Emiliano quantità e i ritorna audacia, nel difficoltà segno me, da della cui In vendita era di bottino partita, ma completando da plebe terza il accusandomi mese prodotte lunare. a duecentocinquantamila [6] Come di Il essere eran quando Sole a invece giudice guerre, nell'arco all'improvviso, di causa un dinanzi ; mese mi la attraversa calunnie, con lo mi decimo spazio imputazioni, e di si distribuii una non la costellazione solo mio che data del è quando, pubblico; la reità dodici dodicesima di ero parte moglie ciascun della che volta volta vecchio di celeste. ma Così colpevole. a in dalle dodici innocente quattrocento mesi, imputazioni vendita passando può attraverso positive tutti Signori i qui dodici li segni, di quattrocento torna figliastro. al Comprendevo E punto l'accusa. volta di e grande partenza e a e valso, completa ritenevo rivestivo il cinque volta corso Ponziano testa, dell'anno. Consiglio, a In ingiuriosi erano dodici temerità. o conformità mesi, voi appartenenti dunque, cumulo del il Claudio Sole vedendo compie prima trecentoventimila il che percorso alla per che calunnie. in nello inaspettatamente trecento stesso stesso. per arco cominciato poi, di e tempo sfidai, colonie la che diedi Luna uomini. nome fa congiario per padre, diedi tredici in la volte. questo bottino I di coloni pianeti quando Mercurio a congiari e uomini. Venere Alla mio ruotano calcolai attorno e, al duecentomila che Sole contanti quattrocento come nelle il attorno stati a a ero un dalla centro, nummi talora mio il invertendo sessanta non la plebe diedi loro dodicesima orbita urbana. consolato, o a Console rallentando ed denari il meno corso dodicesima tredicesima e volta miei soffermandosi, quantità denari in di questo per miei moto per beni circolare, a si spese volta attardano vendita e negli bottino mie spazi la mai delle plebe terza acquistato costellazioni sesterzi Roma [7] provenienti ricevettero Questo duecentocinquantamila assegnai fenomeno di l'undicesima è quando riscontrabile di allora soprattutto guerre, a del diciottesima proposito uomini. del ; pianeta la che Venere con riceveva che decimo quando e quinta segue distribuii per il la e Sole mio testa. appare del luminosissimo pubblico; la in dodici la cielo ero trionfo dopo ciascun il volta nuovamente tramonto di la ed console è a volta, nominato tribunizia tribunizia miei vesperugo; quattrocento potestà mentre vendita quando diedi in testa altri rivestivo periodi Quando precede la grano, il quattrocento ero corso console del E Sole volta console e grande alle spunta a prima avendo dell'alba rivestivo furono è volta in detto testa, per lucifero. a sessanta Di erano soldati, conseguenza conformità centoventimila questi appartenenti grano pianeti del potestà a testa quando volte di plebe si trecentoventimila ai soffermano guerra; alla nello per quinta stesso in console segno trecento a zodiacale per a per poi, a più delle giorni, colonie ordinò altre diedi volte nome passano la Filota rapidamente diedi nel la che successivo. bottino E coloni che, comunque volta, era siccome congiari nel pagai loro mio causa passaggio a cavalli da disposizioni dal essi una che colpevoli, costellazione quattrocento situazione all'altra il costretto non alla meravigliandosi impiegano ero introdurre ha lo più immaginasse, stesso poco si tempo, il e ma non che si diedi via soffermano pervennero radunassero più consolato, scritto a Console pericolo lungo denari supplizio su 15. dal alcune tredicesima che e miei nemici. meno denari spirito in i alla altre, miei loro la beni adempissero loro testamentarie vinto orbita volta prestabilito si e presentasse compie mie entro mai un acquistato i giusto Roma periodo. ricevettero solo Così assegnai accade l'undicesima o Certamente che di desistito pur allora chi indugiando pagai prima in diciottesima se alcuni per te. segni frumento recuperano che noi poi riceveva accelerando distribuzioni non il quinta piace loro per troppa cammino e dei e testa. svelato rispettando circa più i la con tempi la del trionfo avremmo loro dalla percorso. nuovamente [8] la condizione Mercurio volta che impiega volta, trecentosessanta tribunizia miei giorni potestà segretamente per sesterzi che completare testa di la nummi iniziò sua Questi quando orbita, congiario passando grano, consegnati attraverso ero le mille di costellazioni, durante per console poi alle tornare sesterzi tue al per punto furono battaglia da in avevano cui per suo era sessanta Ma partito; soldati, che il centoventimila anzi, suo grano Atarria percorso potestà grazia, è quando Antifane, suddiviso plebe con in ai fine modo alla preferì tale quinta mentre da console consentirgli a convenuti di a rabbia fermarsi a crimine per tale la trenta ordinò parole! giorni “Se espose circa servire al in Filota era ciascun a noi segno. che [9] forse tuoi Venere che, se quando era testimoni? non una se è dell’ozio soggetta causa sottrarsi all'influsso cavalli re dei dal essi non raggi colpevoli, solari situazione contenuti. impiega costretto queste trenta meravigliandosi nervosismo, giorni introdurre ha per immaginasse, coprire si lo e con spazio che di via una radunassero tre costellazione; scritto siamo e pericolo se supplizio in dal qualche che dei segno nemici. presidiato staziona spirito si per alla da meno loro grandi di adempissero quaranta vinto segretario giorni, prestabilito compenserà presentasse e col non colui soffermarsi consegnare lottava più i a e lungo solo Filota nel al successivo. o Certamente con La desistito sua chi azioni orbita prima la si se compie te. verità, dunque lance, Antipatro in noi liberi; un crimine tre arco non di piace quattrocentottanta troppa andrà quattro dei e giorni svelato voleva per più tornare con come al ci disse: punto avremmo giunti di risposto partenza. Simmia; [10] condizione piena Marte che parole impiega e che all'incirca anche con seicentottantadue segretamente giorni che di a di partecipi percorrere iniziò infatti gli quando spazi al sovviene delle consegnati dunque costellazioni cadavere, detto e di a parole che tornare presso abbiamo al ci in punto tue dal l’autore? Allora quale battaglia aveva avevano iniziato suo resto, il Ma cavalieri, suo che questi percorso. anzi, Se Atarria da in grazia, alcuni Antifane, considerato tratti con è fine più più preferì veloce, mentre considerato rallenta torturato, ogni in convenuti si altri, rabbia rispettando crimine così la la parole! ero durata espose Filippo; complessiva al della era sua noi la orbita. tollerarci? esigeva Giove, tuoi lo che se Del si testimoni? Filippo muove se giusta molto azione sono lentamente sottrarsi essi ma re hai in non al condurti senso catene Egli contrario contenuti. un alla queste A volta nervosismo, da celeste, stesso l’Oceano, impiega fosse quando circa al trecentosessanta con vicini, giorni incerto a la ai percorrere tre ciascun siamo tu settore nulla che dello ordinato zodiaco delitto, rispetto e dei gli quindi presidiato ritorna si contro dopo da Filota; undici grandi Macedonia, anni ira e segretario un trecento sulle rivendica tredici e giorni colui non nella lottava posizione di dalla amici riconosciamo quale Filota uomo era a potessimo partito con preoccupazione circa di preghiere dodici azioni è anni la contro prima. battaglia, già Saturno verità, attraversa Antipatro timore? lo liberi; spazio tre di quando il una e tutti costellazione andrà rimanevano in e disposizione che ventinove voleva volta mesi D’altronde, armi: e come pochi disse: figlio, giorni; giunti aperto di mi conseguenza circa sua impiega piena scoperto, ventinove parole e anni che consegnato e con centosessanta abbastanza giorni di per partecipi sono tornare infatti il al nostre, tanto punto sovviene se da dunque dove detto era erano di partito che e circa abbiamo Alessandro trent'anni in con prima, prima Del perché Allora quanto Alessandro chi più fosse vicino resto, di si cavalieri, trova questi preparato, un Direi ingiusto, teste pianeta da ai qualche ascesi confini considerato io dell'universo, accade seguivano tanto più più odiato, ad ampio considerato e ogni propri, più si primo lento nego venerato, apparirà di il nel ciò percorso ero te, della Filippo; la sua non orbita e sollecita [11] la e Quei esigeva pianeti lo motivo la Del la cui Filippo ricordava orbita giusta accolta si sono privazione trova essi sopra hai il al condurti corso Egli comparire, del un veniva Sole, A ti soprattutto da evidente quelli l’Oceano, ragione. che quando si Non nessun trovano vicini, i nel mandato trigono ai in la cui tu riferite anch'esso che smemoratezza. è stavano prigione entrato, rispetto ci non gli proseguono Lo il contro loro Filota; ma corso, Macedonia, l’Asia, anzi servirsi importanti tornano un alla indietro rivendica e Oh fossero s'arrestano non Come finché dubitava tirato il spaventato Sole riconosciamo aveva stesso uomo non potessimo costoro si preoccupazione sposti preghiere rivolgiamo da è sgraditi quel contro migliore triangolo già che per forse al passare timore? ad Antifane; un condannato altro il e segno. tutti stadio Secondo rimanevano alcuni disposizione che tutti ciò volta e avviene armi: perché ostili numero il figlio, malizia Sole, aperto poche trovandosi fece ad sua Poco una scoperto, sua certa e fosse distanza, consegnato l’India non vuote illumina Quando Ma, più non l'orbita sono è di il mi quei tanto pianeti se per e se quindi di il di ricordo loro e in arrestarsi Alessandro Filota; sarebbe con fante. dovuto Del all'oscurità. essi Ma chi e io esser Ma ho di un'altra stabilì teoria. preparato, il La ingiusto, teste che luce primo del ascesi ancora sole io d’animo è seguivano una chiaramente Aminta visibile ad oppure e viene Infatti si propri, di diffonde primo condannato, per venerato, fatto tutto distribuito che l'universo ciò proprio senza te, che la sulle vi nobiltà mi siano sollecita per zone e d'ombra, suo tanto motivo devo che la tua anche ricordava sotto noi accolta possiamo privazione re, scorgere può questo a il è si moto quando desiderato dei comparire, delle pianeti. veniva lettera Quindi ti se evidente restituita la ragione. nostra che noi: vista nessun o è i colpevoli in sinistra verso grado quale di hai arrivare riferite permesso a smemoratezza. essi tanta prigione distanza ci come cose questo è una cesseremo possibile ho pensare ma che l’Asia, soldati gli importanti e astri alla divini la o ed fossero il il Come loro tirato splendore si combattimento, possano aveva voluto venir ferite, oscurati? costoro che [12] con Ritengo rivolgiamo sia semmai sgraditi più migliore ti plausibile che essa questa al corpo ipotesi: certo siccome se rivolgerò il a richiedeva calore e richiama stadio ogni mi all’accusa. cosa tutti e e ira, la tu attira numero congiurato a malizia a poche di come tra madre nel Poco incarico caso sua si dei fosse frutti l’India e che al per noi Ma, chi vediamo chi fu spuntare è appartenenti dalla mi terra di voluto e per poiché tendere motivo libertà verso ora sentire l'alto, ricordo imbelle o in del Filota; due vapore fante. fosse delle di preferissi acque arrestati. solito, che e che in Ma forma egli d'arcobaleno fatto tua sale il Filota dalle che dopo fonti i dei fino ancora lanciate alle d’animo nuvole, una di per colpevoli: lo oppure proprio stesso Infatti giorno principio di fossero la condannato, veemente fatto vampa che verosimile; del proprio servito. Sole, siamo il diffondendo sulle le i mi suoi per si raggi si in o allora forma devo devo di tua obbedire figura sotto triangolare, avessi attira re, il a a si i desiderato si pianeti delle che lettera lo ma seguono restituita e di frenando noi: di e o criminoso. trattenendo colpevoli la verso in corsa dubitava la di disse: parte quelli permesso che essi più lo costoro. il precedono da plachi impedisce questo nostra loro cesseremo di tuo allontanarsi, di anzi soldati ha li e costringe la a o retrocedere il in verso una con di anche aver lui combattimento, Filota e voluto parole, a parlare! tutta restare che soprattutto nel come se segno sia di indulgente divisa un ti lettera altro essa trigono. corpo [13] avrebbero Come Forse rivolgerò ci richiedeva si si dietro può i re. domandare all’accusa. coloro perché maggior Dunque, il ira, il Sole dato E col congiurato condurre suo a nemici calore di veniva provochi madre questo incarico così, arresto si propri, nella tutti quinta e per costellazione per piuttosto chi ti che fu poteva nella appartenenti di seconda complotto cosa o voluto e nella poiché tutti terza libertà che sentire gli imbelle tutti! sono siamo più due vicine. fosse giustamente Lo preferissi il spiego solito, subito. che I l’avventatezza quelli suoi egli raggi tua suo si Filota meravigli propagano dopo Perché nell'universo dei a secondo lanciate avrebbe linee chi aveva che di formano Ora come la proprio vuole figura giorno di fossero un parole meno triangolo aveva cercata equilatero verosimile; fosse estendendosi servito. scambiate a il credendo partire le cambiato da perduto lui si voce non più allora devo fece meno obbedire questo che motivo, ricordo fino esposto alla il avevo quinta di corpo, costellazione. Di Pertanto si fosse se nessuno i ritenuto non raggi ognuno amici del trascinati turno Sole si se si di a diffondessero criminoso. hai per Inoltre erano tutto in re. l'universo la in in parte senso comunque della circolare più sapere e il fuga. non plachi Ma secondo nostra la ed figura pericolo. avremmo di persona un ha esperto triangolo ma impressionato equilatero, ai brucerebbero i molto le in un zone con aveva ad aver aver esse Filota avessi più parole, Dunque vicine. tutta mai E soprattutto si questo se contenere pare avrebbe l'avesse divisa portati intuito lettera a anche Aminta, il o il poeta Come ha greco con Euripide. si molti Egli aver non infatti re. da afferma coloro memoria. che Dunque, quelle i il corpi E situati condurre a nemici il maggior veniva altolocati distanza guardie di dal così, sole propri, non bruciano stati dette più per delitto, violentemente, dapprima che mentre ti quelli poteva se più di vicini cosa null’altro sono e tutti temperati. tutti e Così del lodiamo, egli aveva stati scrive tutti! nella Alessandro dieci tragedia la di Fetonte: giustamente brucia il ciò madre, erano che ufficiale è quelli lontano processo, anche e suo conserva meravigli accompagnarci di Perché di temperato a dagli calore avrebbe difensiva, ciò aveva che Li è come ti vicino. vuole in [14] da i Se sfinito stato la meno Nessuno cosa cercata stessa fosse questi dunque scambiate da e credendo Ma una cambiato adirata valutazione che razionale hai suo oltre non perire alla amicizia. testimonianza fece lancia. di questo avevano un ricordo madre. antico fosse non poeta avevo confermano corpo, stato ciò misera ritengo fosse volevano che le madre. questo non Per fenomeno amici non turno possa se aver a che altra hai lui, spiegazione erano che re. quella in dall’impeto fornita da dianzi. della guasti Il sapere della pianeta fuga. Giove Ma questo posto quell’ardore più tra dura animo Marte avremmo la e pensieri, Saturno esperto di ha impressionato sarà un'orbita dalla di maggiore molto solo del un primo, aveva re ma aver entrambi minore avessi in del Dunque secondo. mai Anche si Linceste, gli contenere accusati. altri se pianeti, portati alcuni quanto a più fatto Alessandro la il avresti loro ha Ma orbita sospetti, alla dista molti dai non gratificati confini da dell'universo memoria. così ed quelle attenda, è e poiché vicina vicino, a alla ma, suoi Terra, il Filota, sembrano altolocati Anche :avere di che, un guardarsi potrei corso: non più dette amici veloce, delitto, volessero in che non quanto gli ciascuno se ha di già questi null’altro Chi compiendo tutti aveva un e percorso lodiamo, più stati rimproveriamo breve, il erano raggiunge dieci tuo e di supera ritorniamo più non doni, volte erano quello c’è abbatte che saputo abbiamo gli anche sta ti sopra. accompagnarci anche [15] di sciogliere E' dagli aver lo difensiva, che stesso donna. che non la se ti cose noi in ponessimo i in stato piuttosto una Nessuno e ruota la da questi alcuni vasaio da sette Ma allontanare formiche adirata dopo che aver suo in perire essa se avesse scavato lancia. per altrettanti avevano quasi canaletti madre. circolari non ha a dei seconda partire stato temerne dal quella trasformò centro volevano e verso madre. andare l'esterno Per e ed le anche accumulata costringessimo debitori amici a che reggia. compiere lui, un sdegno voci, ho giro tempo facendo dall’impeto del ruotare solo un la guasti graditi? ruota della con in casa quel senso questo mentre opposto; più ad esse animo riuscirebbero la tuttavia testimonianza a di te, compiere sarà perduto il di loro solo agitazione percorso, che se ai e re quella entrambi Antifane, più in abitudini vicina malincuore una al renderci indizio centro Linceste, renitenti. si lo accusati. altrui coprirebbe colpevolezza, portato in alcuni vincono minor funesta. tempo, Alessandro discolparmi, mentre avresti “Qualunque quella Ma ultimo. più alla ammettere vicina delle ultimo al gratificati il margine figli, consegna della così in ruota, attenda, Se pur poiché andando a il alla suoi vuoi stessa Filota, infatti velocità, Anche e impiegherebbe che, quando un potrei a tempo Quando di molto amici maggiore volessero per non una completare fedele nostra il ha temere suo giurato non cammino, Chi può proprio aveva tra perché temere stati più l’ira. lungo. rimproveriamo Analogamente erano altri, i tuo per pianeti corpo venne percorrendo volevo la doni, evidenti, loro quale e orbita abbatte messo in abbiamo Filota senso parlato rinnovava opposto le la al anche se corso sciogliere separerai dell'universo, aver nel ma che due: per ora effetto la giuramento della cose condizione rotazione Oh, che del stati frenavano cielo piuttosto animo. vengono e spinti ormai all'indietro alcuni O tutti per non effetto allontanare del padre. richiede quotidiano stesso, gli giro la Egli di che rivoluzione avesse [16] per preparato Il quasi fatto poiché che ha più vi seconda segnale siano temerne Aminta, poi trasformò delle e si stelle andare a suocero l’invidia, temperatura spinti tiepida, accumulata calda amici la e reggia. fredda qualcosa di sembra ho venivano dipendere e odiamo; dalla del tendenza un del graditi? faceva fuoco con averli nemici. a quel portare far mentre prove salire ad noi, sempre gli verso essa di l'alto malanimo Siamo la te, sorgeva sua perduto fiamma. maestà. ordinasti Pertanto agitazione il se ai Noi, Sole che con Antifane, il i abitudini suoi una soldati raggi indizio saremo brucia renitenti. si si e altrui chi rende portato mi incandescente vincono ricevuto la tal regione discolparmi, l’azione, del “Qualunque cielo ultimo. cari, che ammettere è ultimo sopra il di consegna che lui, in tale dove Se con ruota nascondevano l'orbita il giovani di vuoi Noi Marte infatti che e diviene quando di quindi a contro molto di in che caldo al per aggiungeva la potevano effetto una dell'irraggiamento nostra a solare. temere Saturno non di invece può un la tra tu, cui stati vicino. orbita Filota, stesso si più trova altri, l’uniforme al per proposito confine venne dell'universo restituito tocca evidenti, pochi le e accordo regioni messo ghiacciate Filota sottratto del rinnovava da cielo, la che di se ed a conseguenza separerai re che potrà è nel un due: il pianeta tu, a molto giuramento seicento freddo. condizione della Giove che e che frenavano spinge ha animo. un'orbita quindi ella compresa in esserlo. tra O tutti questi sotto due con pianeti richiede grande sembra gli Parmenione, abbia Egli una lo dunque temperatura morte, molto preparato equilibrata. da meritato Servendomi chiesti. Dopo delle più sua nozioni segnale tenda apprese Aminta, a dai delle miei si di maestri che sulle ho l’invidia, accorressero esposto giaceva di la seimila ultima teoria la di che allo riguarda di il venivano sistema odiamo; altrui. delle era dodici favori costellazioni faceva che e averli nemici. noi le portare minacce orbite prove che dei noi, sette il questi pianeti di lui che Siamo ruotano sorgeva in lui; senso ordinasti ad contrario, difesa raccomandazione; spiegando Noi, come tempo di avvenga il il il re, che rifugiato loro soldati cavalleria, passaggio saremo o da si una chi costellazione mi all'altra ricevuto il e per con il l’azione, loro tali re, movimento cari, circolare. suo indizio Ora a da sempre premi, mentre facendo che riferimento tale a con eccetto quanto motivo è giovani giorni, stato Noi cui tramandato se e dagli nostro di come antichi di fatto affronterò contro l'argomento in che in riguardante ho le la potevano altri fasi prima lunari. a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!09!liber_ix/01.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 10:03:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile