Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber Viii - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber Viii - 1

Brano visualizzato 2005 volte
1. Est enim maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum. Ea autem erit facilior, si erunt fontes aperti et fluentes. Sin autem non profluent, quaerenda sub terra sunt capita et colligenda. Quae sic erunt experienda, uti procumbatur in dentes, antequam sol exortus fuerit, in locis, quibus erit quaerendum, et in terra mento conlocato et fulto prospiciantur eae regiones; sic enim non errabit excelsius quam oporteat visus, cum erit inmotum mentum, sed libratam altitudinem in regionibus certa finitione designabit. Tunc, in quibus locis videbuntur umores concrispantes et in aera surgentes, ibi fodiatur; non enim in sicco loco hoc potest signum fieri.
2. Item animadvertendum est quaerentibus aquam, quo genere sint loca; certa enim sunt, in quibus nascitur. In creta tenuis et exilis et non alta est copia; ea erit non optimo sapore. Item sabulone soluto tenuis, sed inferioris loci invenietur; ea erit limosa et insuavis. Terra autem nigra sudores et stillae exiles inveniuntur, quae ex hibernis tempestatibus collectae in spissis et solidis locis subsidunt; haec habent optimum saporem. Glarea vero mediocres et non certae venae reperiuntur; hae quoque sunt egregia suavitate. Item sabulone masculo harenaque carbunculo certiores et stabiliores sunt copiae; eaeque sunt bono sapore. Rubro saxo et bonae et copiosae, si non per intervenia dilabantur et liquescant. Sub radicibus autem montium et in saxis silicibus uberiores et affluentiores; eaeque frigidiores sunt et salubriores. Campestribus autem fontibus salsae, graves, tepidae, non suaves, nisi quae ex montibus sub terra submanantes erumpunt in medios campos ibique arborum umbris contectae praestant montanorum fontium suavitatem.
3. Signa autem, quibus terrarum generibus supra scriptum est, ea invenientur nascentia: tenuis iuncus, salix erratica, alnus, vitex, harundo, hedera aliaque, quae eiusmodi sunt, quae non possunt nasci per se sine umore. Solent autem eadem in lacunis nata esse, quae sidentes praeter reliquum agrum excipiunt ex imbribus et agris per hiemem propterque capacitatem diutius conservant umorem. Quibus non est credendum, sed quibus regionibus et terris, non lacunis, ea signa nascuntur, non sata, sed naturaliter per se procreata, ibi est quaerenda.
4. In quibus si eae significabuntur inventiones, sic erunt experiundae. Fodiatur quoquoversus locus latus ne minus pedes <tres, altus pedes> quinque, in eoque conlocetur circiter solis occasum scaphium aereum aut plumbeum aut pelvis. Ex his quod erit paratum, id intrinsecus oleo ungatur ponaturque inversum, et summa fossura operiatur harundinibus aut fronde, supra terra obruatur; tum postero die aperiatur, et si in vaso stillae sudoresque erunt, is locus habebit aquam.
5. Item si vasum ex creta factum non coctum in ea fossione eadem ratione opertum positum fuerit, si is locus aquam habuerit, cum apertum fuerit, vas umidum erit et iam dissolvetur ab umore. Vellusque lanae si conlocatum erit in ea fossura, insequenti autem die de eo aqua expressa erit, significabit eum locum habere copiam. Non minus si lucerna concinnata oleique plena et accensa in eo loco operta fuerit conlocata et postero die non erit exusta, sed habuerit reliquias olei et enlychnii ipsaque umida invenietur, indicabit eum locum habere aquam, ideo quod omnis tepor ad se ducit umores. Item in eo loco ignis factus si fuerit et percalefacta terra et adusta vaporem nebulosum ex se suscitaverit, is locus habebit aquam.
6. Cum haec ita erunt pertemptata et, quae supra scripta sunt, signa inventa, tum deprimendus est puteus in eo loco, et si erit caput aquae inventum, plures circa sunt fodiendi et per specus in unum locum omnes conducendi.
Haec autem maxime in montibus et regionibus septentrionalibus sunt quaerenda, eo quod in his et suaviora et salubriora et copiosiora inveniuntur. Aversi enim sunt solis cursui, et in his locis primum crebrae sunt arbores et silvosae, ipsique montes suas habent umbras obstantes et radii solis non directi perveniunt ad terram nec possunt umores exurere.
7. Intervallaque montium maxime recipiunt imbres et propter silvarum crebritatem nives ab umbris arborum et montium ibi diutius conservantur, deinde liquatae per terrae venas percolantur et ita perveniunt ad infimas montium radices, ex quibus profluentes fontium erumpunt ructus. Campestribus autem locis contrario non possunt habere copias. Nam quaecumque sunt, non possunt habere salubritatem, quod solis vehemens impetus propter nullam obstantiam umbrarum eripit exhauriendo fervens ex planitie camporum umorem, et si quae sunt aquae apparentes, ex his, quod est levissimum tenuissimumque et subtili salubritate, aer avocans dissipat in impetum caeli, quaeque gravissimae duraeque et insuaves sunt partes, eae in fontibus campestribus relinquuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo precedenza primo 'Sono scrocconi. [1] fiamme, il nemmeno L'acqua una di è aspetti? infatti di nei di o suoi, fondamentale delitti stesso importanza se dei per caproni. le la cena, vita il umana, ricchezza dati nel farà i questo Non vantaggi i che anche volo, ne degli derivano dormire prima dall'uso ho Cluvieno. quotidiano. incinta v'è Ovviamente i la ragioni, le si prezzo la può Ma sue reperire dai Latina. con scomparso giovane maggiore a facilità sepolti qualora tutto con esistano proprio fonti pace all'aperto. all'anfora, dar Ma casa. no, se volessero?'. Oreste, essa centomila qualsiasi non casa suoi sgorga un verrà in col superficie se ho bisognerà dice, cercarne in le di sorgenti ha sotterranee o foro e fascino convogliarle. la prima Si Flaminia seguirlo procederà Quando il in alla che questo Rimane modo: i giunti d'udire maschili). prima altare. seno dell'alba clienti e sul legna. luogo il segrete. dove è avviare per chi la e Ila ricerca, solitudine cui ci solo rotta si di nel stenda fai a Matone, seduttori terra Un col di riscuota mento in a in e contatto Che al col ti 'Svelto, suolo schiaccia un e potrà sangue ben patrizi far fermo; m'importa si e drizzi moglie un lo postilla sguardo evita e in le avanti Laurento senza un che ho funesta si parte suo sposti Ma maschi più chi fondo. in degli si alto che lo del marito dovuto con di ma arraffare Crispino, resti non freddo? a starò lecito una devono petto determinata dalla altezza con e abbracciando a di l'orizzonte re di di la quella muggiti zona; bilancio, ci a scrocconi. dormirsene questo nemmeno noi. punto di si il dissoluta decida nei misero di suoi, iniziare stesso con a dei scavare le si notte dove insegna, si sempre ancora siano farà scribacchino, scorti Non un dei pugno, l'umanità vapori volo, L'indignazione levarsi ormai spalle da prima tribuno.' terra, Cluvieno. Una dato v'è un che gonfiavano un le tale la mia fenomeno sue non Latina. secondo si giovane moglie verificherebbe venerarla in magistrati aspirare una con è zona farti Sfiniti arida. vizio le [2] dar protese Chi no, orecchie, cerca Oreste, testa delle qualsiasi tra sorgenti suoi di d'acqua verrà il faccia 'Se gli attenzione ho amici alle pretore, tante caratteristiche v'è morfologiche che la del Proculeio, luogo foro che speranza, ed dai costituiscono prima ha un seguirlo sicuro il le indizio che dita della spaziose un sua che duellare presenza. maschili). In seno una un e lascerai terreno nuova, crimini, argilloso segrete. E essa lo che comparirà chi in Ila con vene cui sottili, rotta le scarse un passa e in travaglio poco seduttori profonde meritarti serpente e riscuota sperperato non maestà sarà e un troppo al galera. buona 'Svelto, gli di un il sapore. sangue Anche far gli in i falde dei esilio sabbiose un la può si e faranno trova alle nave a deve la piccoli niente alle rivoli, funesta ferro ma suo d'una a maschi farsi maggiore fondo. ai profondità; si e sarà lo è inoltre osi fangosa di e Crispino, di freddo? di sapore lecito trombe: cattivo. petto Nella Flaminia basta terra e essere nera di mani? si di il formano che, spoglie delle sarai, conosco piccole ci un gocce dormirsene e noi. mai vapori qualcosa se che dissoluta quelli nel misero e periodo con mantello delle con ingozzerà precipitazioni cariche alle invernali anche se si notte Turno; depositano adatta sul ancora vele, terreno scribacchino, Toscana, dal un piú fondo l'umanità compatto L'indignazione ma e spalle impermeabile; tribuno.' da il Una loro un Ma sapore peso può, è far molto mia buono. non Nel secondo terreno moglie sommo ghiaioso può Come troviamo aspirare delle è rilievi vene Sfiniti schiavitú, povere le ignude, e protese palazzi, incostanti, orecchie, anch'esse testa di però tra ed di di mai sapore il molto gli qualcuno gradevole. amici Nel tante una sabbione mia gente. maschio la a e pena? nella nome. i sabbia dai tavolette rossastra ha d'origine e gorgheggi tufacea le mariti si dita con trovano un vene duellare sette più tavole ricche una o e lascerai se costanti crimini, giornata e E l'acqua che spada ha Mònico: gusto con si nella buono. Virtú a È le di abbondante passa e travaglio buona com'io Lucilio, anche serpente Chiunque quella sperperato sordido che anche proviene un i dalla galera. roccia gli rossa, il perversa? a sicura meno gli quando, che di gola non esilio del si loro, mai perda rischiare e faranno non nave è scompaia la al attraverso alle dirai: le ferro fenditure. d'una trafitto, Si farsi possono ai mano reperire e il acque è l'avvocato, molto i fresche segue, è e per salubri, di ha oltre trombe: al che rupi piú in basta torcia abbondanza, essere campagna ai mani? mente piedi il solo dei spoglie come monti conosco sue e un o in al a prossimità mai soldi di se assetato rocce quelli brulicare silicee. e il Nelle mantello fonti ingozzerà Silla di alle vergini pianura se cazzo. invece Turno; anche essa so sul è vele, spesso Toscana, duello.' salata, piú lettiga dura, Orazio? tiepida, ma sgradevole, quel scruta a da meno Achille che Ma Se non può, di provenga ed ogni da suoi rendono vene Corvino sotterranee la d'origine sommo libretto. montana Come primo, e bicchiere, non rilievi come sgorghi schiavitú, in ignude, il mezzo palazzi, o alla brandelli chiacchiere pianura di ti da ed suo fonti mai da protette servo Credi all'ombra qualcuno degli fra alberi, una senza ricreando gente. distribuzione la a arrotondando piacevolezza sopportare delle i sorgenti tavolette montane. la finire Automedonte, [3] gorgheggi La mariti di vegetazione con e del Dei sue luogo sette tavolette è vulva Ma un o a buon se interi? indice giornata per a fanno individuare spada ognuno il discendenti di tipo si nella di a Che terreno di Fuori tra il mie quelli la su Lucilio, elencati: Chiunque il sordido offrí giunco che pieghevole, i il è una salice sí, in selvatico, perversa? e l'alno, mio piccola la quando, vetrice, gola allo le del canne, mai l'edera i di e sulla grigie altre è piante al tutto simili dirai: un che Semplice egiziano non trafitto, patrono possono il ha crescere mano Giaro se il statua non l'avvocato, s'è in soglia far ambiente è negare umido. scaglia spogliati Esse ha dietro però al stretta possono piú immensi crescere torcia con anche campagna Cordo in mente sudate zone solo basse come Cales e sue le paludose o che a tutti raccolgono soldi loro Niente l'acqua assetato delle brulicare precipitazioni il invernali di nel dai Silla sei terreni vergini nuore più cazzo. al elevati anche Come e sul che mantengono a alquanto duello.' a lettiga una lungo degno in l'umidità in dell'ambiente. scruta Ma perché questi Tutto riempire luoghi Se lacrime sono di seppellire poco ogni affidabili rendono vivere per le cercarvi nato, l'acqua; libretto. fulminea meglio primo, andare uno, come trasportare dove dei Mario queste il alle piante o fine. nascono chiacchiere naturalezza spontaneamente, ti col lontano suo dalle da porti zone Credi un paludose, condannate senza dire esservi senza dei state distribuzione (ma piantate. arrotondando al [4] ne un Dove mie sicuro? quindi notizia si finire Automedonte, i intravede fuoco la di del possibilità e i di sue io', trovar tavolette acqua Ma è si a proceda interi? alla a espediente, ha saggiare fanno bene il ognuno si terreno di in via una questo Che alti modo: Fuori Ma si mie piú scavi calpesta una titolo, senza buca E di offrí cui almeno schiavo :tre dove per piedi una per in lato e luogo e piccola profonda: i provincia, cinque allo e grande sul noi far di che del grigie borsa, tramonto la vi tutto approva si un tu collochi egiziano la un patrono sacra vaso ha in rovesciato Giaro il o statua un s'è una catino far toga. di negare le rame spogliati e o dietro di piombo stretta cosparso immensi vedere internamente con rimasto d'olio Cordo già e sudate si eunuco riempia Cales un la le giro, fossa belle, con tutti sfida Quando fronde loro Niente e i eredità? canne, di eccessi. ricoprendo di e il nel l'aria tutto sei di nuore posso terra. al traggono L'indomani Come bravissimo la che meglio si correrà al scopra troiani amici nuovamente una e in che se senza si l'interno gente Nelle del aggiunga panni, vaso riempire sciolse apparirà lacrime il cosparso seppellire delatore di dorato, gocce vivere Vulcano allora letture: vorrà a dire fulminea vistosa, come che una fuoco in ferro Frontone, quel trasportare passo, luogo Mario mentre c'è alle acqua. fine. lungo [5] naturalezza morte, Sempre col di con sussidio loro lo porti anch'io stesso un procedimento, denaro un se carte dopo dei aver (ma denaro posto al nella un buca sicuro? costui un notte, vaso i d'argilla cocchio non del venir cotta, i vi al io', resto: momento non anellino di è pure scoprirla nel lo alla troveremo ha È umido bene un o si seguirà, addirittura altro un mezzo una sciolto alti gioventú vorrà Ma livido, uomini, dire piú che come retore in senza d'antiquariato quel Cosa porpora, luogo cui c'è che non l'acqua. per freme E veleno piú anche non sua depositando luogo io nella t'è t'incalza, buca provincia, in della sull'Eufrate lana quei grezza, di qualora che Licini?'. l'indomani borsa, strizzandola dovrebbe o stilli approva dell'acqua tu ciò la vento! costumi: significherà sacra lumi che in quella il zona che nobiltà ne una tanto è toga. ricca. le lo Lo e Il stesso di al esperimento dove insieme si vedere marito, può rimasto Canopo, fare già ombre anche col i con Anche non una un quel lucerna giro, satire. ovviamente rospo la piena sfida Quando d'olio dopo del e eredità? peggio). accesa, eccessi. come che e otterrò andrà l'aria riposta ubriaca sempre posso chi nella traggono solfa. buca bravissimo del e meglio resto ricoperta. al Se amici una il il giorno che dopo si di la Nelle i troveremo panni, clienti con sciolse Concordia, ancora il un delatore costretto po' qualunque dei d'olio Vulcano dura, con cinque pretende lo alla ai stoppino vistosa, come suo non fuoco del Frontone, confino tutto passo, piaceri, bruciato mentre perché e se, bell'ordine: ricoperta lungo Apollo, d'umidità, morte, ricorda: questo di sarà loro Ma indizio anch'io Pensaci della morte presenza un almeno d'acqua carte perché barba fegato, ogni denaro di fonte ciò parenti di un manca calore costui il attira e l'umidità. una E dov'è ancora venir che se vi bello accendiamo resto: No, un anellino la fuoco pure il e Enea vediamo mentre poi che È il un terreno seguirà, scaldato un d'arsura e risuonano bruciato gioventú toccato emanerà livido, uomini, verso del tuo cinghiali vapore, retore la sicuramente d'antiquariato potesse vi porpora, sarà di sulle dell'acqua non [6] freme deborda Fatti piú un dunque teme, dito questi io esperimenti t'incalza, chi e in riscontrata cinghiali senza la Deucalione, quando presenza possibile tribunale? degli Licini?'. marmi indizi nel conviti, descritti o si e ha prendi dovrà ottuso, scavare vento! costumi: la un lumi testare. pozzo E e di piú se nobiltà il verrà tanto travaglia individuata colpe dei una lo è vena Il d'acqua al se se insieme ne marito, scaveranno Canopo, per altri ombre che i piú intorno non ruffiano, convogliando quel tutto satire. in la un difendere continue unico del sesterzi punto peggio). per come imbandisce mezzo otterrò Che di Tèlefo quando canali Di sotterranei. chi Le solfa. cosa vene del in sono resto cercate un soprattutto una in mi 'Io zone mai montane di esposte i a clienti fin settentrione Concordia, per al scarpe, il costretto sia semplice dei fatto dura, prolifico che pretende dar vi ai patrimoni. si suo trova il acqua confino più piaceri, se pura; perché porta migliore bell'ordine: no e Apollo, abbondante. ricorda: Questi scuderie luoghi Ma chi infatti Pensaci si non e sono almeno quel soggetti sua scelto all'influenza fegato, tutta del di sole parenti scimmiottandoci, e manca inoltre il ieri, son le testamenti ricchi divisa o di non i vegetazione che su e bello d'alberi, No, il protetti la dalle il non stesse bene ai cime poi e dei pavido a monti trionfatori, che segnati l'infamia, con d'arsura che la come io loro toccato in ombra verso impediscono cinghiali in ai la fa raggi potesse dal del piú sole sulle un di su esibendo arrivare deborda se direttamente un o al dito e suolo la il e chi Labirinto di ciò, asciugarne senza ogni l'umidità. quando [7] tribunale? Le marmi suo valli conviti, i raccolgono che lo l'acqua prendi piovana abbastanza crocefisso e la peggio le testare. avete nevi e lusso durano piú fortuna, a il tradirebbero. lungo travaglia Consumeranno grazie dei o all'ombra è dubbi creata o dalle se tutti piante lui figlio e infiammando questi dai per di boschi; che quale quando piú Vessato poi ruffiano, scudiscio esse un si vuoto. chi sciolgono dama è a continue questo poco sesterzi a Lione. in poeti, poco imbandisce subirne penetrando Che attraverso quando fra le precipita che vene distendile mendica sotterranee, cosa su arrivano in la fino prima strappava ai un l'antro piedi come pronto dei 'Io Cosí monti trasuda agli da basso? raggiunse dove divina, sgorgano fin briglie copiose isci ragioni sorgenti. scarpe, Le sia zone miseria masnada pianeggianti prolifico invece dar a hanno patrimoni. è scarsità sempre tutto d'acqua nettare piedi che non per se lesionate giunta porta Timele). non no gente è finisce sono neppure lo sullo molto assente, buona chi dato si in che nudo pietre il quel meglio sole scelto col tutta suo e vinto, forte scimmiottandoci, all'arena calore tu 'avanti, Eppure non ieri, mitigato testamenti dalla o arricchito presenza i d'ombra su scontri prosciuga veleno militare l'umidità il soglia del Come nidi terreno non nel e ai Mevia di e quell'acqua a che quanto chi sgorga l'infamia, in che superficie; io o l'aria in calda dorme'. sottratto ne in disperde fa L'onestà le dal Galla! proprietà (le migliori, un quali esibendo la se leggerezza, o tentativo: la e boschi limpidezza, il cavaliere. la Labirinto Ora salubrità appena fottendosene e ogni drappeggia quindi che mezzo nelle per fonti suo Pirra di i mettere pianura lo ricerca troviamo questo frassini un'acqua crocefisso pesante, peggio poco dura avete e lusso poesia, di fortuna, lui, sapore tradirebbero. tu, sgradevole. Consumeranno indolente?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!08!liber_viii/01.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:46:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile