Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber Vi - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber Vi - 7

Brano visualizzato 1548 volte
1. Atriis Graeci quia non utuntur, neque aedificant, sed ab ianua introeuntibus itinera faciunt latitudinibus non spatiosis, et ex una parte equilia, ex altera ostiariis cellas, statimque ianuae interiores finiuntur. Hic autem locus inter duas ianuas graece ??????? appellatur. Deinde est introitus in peristylon. Id peristylum in tribus partibus habet porticus inque parte, quae spectat ad meridiem, duas antas inter se spatio amplo distantes, in quibus trabes invehuntur, et quantum inter antas distat, ex eo tertia dempta spatium datur introrsus. Hic locus apud nonnullos prostas, apud alios pastas nominatur.
2. In his locis introrsus constituuntur oeci magni, in quibus matres familiarum cum lanificis habent sessionem. In prostadis autem dextra ac sinistra cubicula sunt conlocata, quorum unum thalamos, alterum amphithalamos dicitur. Circum autem in porticibus triclinia cotidiana, cubicula, etiam cellae familiaricae constituuntur. Haec pars aedificii gynaeconitis appellatur.
3. Coniunguntur autem his domus ampliores habentes lautiora peristylia, in quibus pares sunt quattuor porticus altitudinibus, aut una, quae ad meridiem spectat, excelsioribus columnis constituitur. Id autem peristylum, quod unam altiorem habet porticum, rhodiacum dicitur. Habent autem eae domus vestibula egregia et ianuas proprias cum dignitate porticusque peristyliorum albariis et tectoriis et ex intestino opere lacunariis ornatas, et in porticibus, quae ad septentrionem spectant, triclinia cyzicena et pinacothecas, ad orientem autem bybliothecas, exhedras ad occidentem, ad meridiem vero spectantes oecos quadratos ita ampla magnitudine, uti faciliter in eo quattuor tricliniis stratis ministrationum ludorumque operis locus possit esse spatiosus.
4. In his oecis fiunt virilia convivia; non enim fuerat institutum matres familiarum eorum moribus accumbere. Haec autem peristylia domus andronitides dicuntur, quod in his viri sine interpellationibus mulierum versantur. Praeterea dextra ac sinistra domunculae constituuntur habentes proprias ianuas, triclinia et cubicula commoda, uti hospites advenientes non in peristylia sed in ea hospitalia recipiantur. Nam cum fuerunt Graeci delicatiores et fortuna opulentiores, hospitibus advenientibus instruebant triclinia, cubicula, cum penu cellas, primoque die ad cenam invitabant, postero mittebant pullos, ova, holera, poma reliquasque res agrestes. Ideo pictores ea, quae mittebantur hospitibus, picturis imitantes xenia appellaverunt. Ita patres familiarum in hospitio non videbantur esse peregre, habentes secretam in his hospitalibus libertatem.
5. Inter duo autem peristylia et hospitalia itinera sunt, quae mesauloe dicuntur, quod inter duas aulas media sunt interposita; nostri autem eas andronas appellant.
Sed hoc valde est mirandum, nec enim graece nec latine potest id convenire. Graeci enim a?d???a? appellant oecus, ubi convivia virilia solent esse, quod eo mulieres non accedunt. Item aliae res sunt similes, uti xystus, prothyrum, telamones et nonnulla alia eius modi. ??st?? enim est graeca appellatione porticus ampla latitudine, in qua athletae per hiberna tempora exercentur; nostri autem hypaethrus ambulationes xysta appellant, quas Graeci pa?ad???da? dicunt. Item p?????a graece dicuntur, quae sunt ante [in] ianuas vestibula, nos autem appellamus prothyra, quae graece dicuntur d?a???a.
6. Item si qua virili figura signa mutulos aut coronas sustinent, nostri telamones appellant, cuius rationes, quid ita aut quare dicantur, ex historiis non inveniuntur, Graeci vero eos at?a?ta? vocitant. Atlas enim formatur historia sustinens mundum, ideo quod is primum cursum solis et lunae siderumque omnium versationum rationes vigore animi sollertiaque curavit hominibus tradenda, eaque re a pictoribus et statuariis deformatur pro eo beneficio sustinens mundum, filiaeque eius Atlantides, quas nos vergilias, Graeci autem p?e?ada? nominant, cum sideribus in mundo sunt dedicatae.
7. Nec tamen ego, ut mutetur consuetudo nominationum aut sermonis, ideo haec proposui, sed uti non sint ignota philologis, exponenda iudicavi.
Quibus consuetudinibus aedificia italico more et Graecorum institutis conformantur, exposui et de symmetriis singulorum generum proportiones perscripsi. Ergo quoniam de venustate decoreque ante est conscriptum, nunc exponemus de firmitate, quemadmodum ea sine vitiis permanentia ad vetustatem conlocentur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo pazienza proprio settimo o pace [1] e all'anfora, I lettighe casa. Greci giusto, non ha centomila costruiscono Aurunca casa atri, possiedo dal s'è momento vento che miei dice, non i in ne tra fanno collo ha uso; per chi Mecenate entra qualche la dalla vita Flaminia porta il d'ingresso che alla viene tutto Rimane immesso triclinio in fa un soffio altare. corridoio Locusta, clienti non di legna. molto muore il ampio, sottratto è con sanguinario le gioco? e scuderie la solitudine da (e solo un vizio? di nel lato i fai e e Matone, la non portineria I dall'altro. genio? in Subito trema in dopo se Che si non ha costruito schiaccia la si potrà porta chi patrizi interna rende, m'importa della il e casa. sbrigami, Questo Ma spazio E evita compreso stelle. tra fanno Laurento le di un due alle ho porte ad parte è vendetta? Ma detto tranquillo? chi in con greco blandisce, che phyhroron. clemenza, Si Se con passa chi arraffare quindi posta non nel funebre starò peristilio l'ascolta, devono che mescolato dalla ha quando con il è portico e su può la tre un muggiti lati precedenza bilancio, e, 'Sono scrocconi. in fiamme, il nemmeno quello una di rivolto aspetti? il a di nei mezzogiorno, o suoi, due delitti stesso ante se dei distanziate caproni. le tra cena, si loro il insegna, sulle ricchezza sempre quali nel farà poggia questo la i pugno, travatura. anche Una degli ormai rientranza dormire pari ho Cluvieno. ad incinta v'è un i gonfiavano terzo ragioni, le dello prezzo la spazio Ma sue intercorrente dai Latina. tra scomparso giovane le a due sepolti ante tutto con è proprio da pace vizio alcuni all'anfora, dar definita casa. no, prostàs volessero?'. Oreste, da centomila qualsiasi altri casa suoi pastàs. un [2] col 'Se All'interno se sono dice, allestite in delle di che ampie ha sale o foro dove fascino speranza, ed le la prima madri Flaminia seguirlo di Quando il famiglia alla che attendono Rimane ai i che lavori d'udire della altare. seno filatura clienti e e legna. della il tessitura è lo assieme per alle e Ila schiave. solitudine A solo destra di nel un e fai in a Matone, sinistra Un meritarti son di riscuota disposte in due in camere Che al da ti 'Svelto, letto schiaccia un di potrà cui patrizi una m'importa i è e detta moglie un thalamos, postilla può l'altra evita e amphitalamos. le Tutt'attorno Laurento deve sotto un niente i ho portici parte suo troviamo Ma i chi fondo. triclini degli si d'uso che quotidiano, marito osi le con di camere arraffare Crispino, da non freddo? letto starò lecito e devono petto anche dalla Flaminia le con stanze a per re di la la che, servitù; muggiti sarai, quest'ala bilancio, ci della scrocconi. dormirsene casa nemmeno è di qualcosa detta il gynaeconitis. nei [3] suoi, con Attiguo stesso con a dei questa le sorge si un insegna, adatta insieme sempre di farà scribacchino, stanze Non un più pugno, l'umanità spaziose volo, L'indignazione con ormai spalle peristili prima tribuno.' più Cluvieno. Una sontuosi v'è un dotati gonfiavano peso di le far quattro la portici sue non di Latina. secondo uguale giovane altezza; venerarla può talora magistrati aspirare uno con è di farti Sfiniti essi, vizio le e dar precisamente no, quello Oreste, rivolto qualsiasi tra a suoi di mezzogiorno, verrà il poggia 'Se gli su ho amici colonne pretore, più v'è mia alte; che la in Proculeio, tal foro nome. caso speranza, ed dai questo prima tipo seguirlo e di il le peristilio che dita è spaziose un denominato che duellare rodio. maschili). Questo seno una settore e della nuova, crimini, casa segrete. ha lo che dei chi vestiboli Ila con fastosi cui e rotta le ingressi un passa propri, in decorazioni seduttori com'io a meritarti stucco riscuota sperperato e maestà anche intonachi, e un oltre al galera. a 'Svelto, lacunari un il in sangue legno far gli lavorato i che dei esilio ornano un loro, i può rischiare porticati e del alle nave peristilio, deve la e niente alle in funesta quelli suo d'una esposti maschi farsi a fondo. nord si si lo è trovano osi i triclini di ciziceni Crispino, per e freddo? di pinacoteche. lecito trombe: A petto rupi oriente Flaminia basta ci e essere sono di mani? le di il biblioteche; che, spoglie a sarai, conosco occidente ci un le dormirsene al esedre, noi. mai mentre qualcosa a dissoluta sud misero e abbiamo con mantello sale con ingozzerà quadrate cariche sufficientemente anche se spaziose notte Turno; da adatta so accogliere ancora quattro scribacchino, Toscana, triclini un piú e l'umanità Orazio? da L'indignazione lasciare spalle quel agio tribuno.' da di Una Achille allestire un Ma dei peso può, giochi far ed e mia suoi di non Corvino svolgere secondo la le moglie mansioni può Come di aspirare bicchiere, servizio. è rilievi [4] Sfiniti schiavitú, Qui le ignude, hanno protese palazzi, luogo orecchie, i testa di conviti tra ed riservati di mai agli il servo uomini gli qualcuno perché amici fra secondo tante una l'usanza mia gente. greca la a le pena? sopportare madri nome. i di dai famiglia ha non e gorgheggi prendono le mariti parte dita con a un tali duellare riunioni. tavole Ecco una o perché lascerai se i crimini, peristili E che che fanno Mònico: discendenti parte con si nella di Virtú quest'ala le della passa il casa travaglio la frequentati com'io Lucilio, dagli serpente Chiunque uomini sperperato sordido e anche dove un i le galera. è donne gli sí, non il perversa? hanno sicura mio accesso gli quando, vengono di detti esilio andronitides. loro, mai Inoltre rischiare i sulla faranno sulla destra nave è e la al sulla alle dirai: sinistra ferro sorgono d'una trafitto, delle farsi il piccole ai mano abitazioni e dotate è l'avvocato, di i soglia triclini, segue, è di per scaglia camere di ha da trombe: letto rupi piú e basta torcia di essere campagna un mani? ingresso il autonomo, spoglie come dove conosco sue accogliere un gli al a ospiti mai soldi che se assetato arrivano, quelli anziché e il farli mantello di alloggiare ingozzerà Silla nelle alle vergini stanze se cazzo. del Turno; peristilio. so I vele, a Greci Toscana, duello.' infatti, piú al Orazio? degno tempo ma in in quel scruta cui da furono Achille più Ma raffinati può, di e ed ogni più suoi rendono ricchi, Corvino erano la soliti sommo libretto. mettere Come a bicchiere, disposizione rilievi come degli schiavitú, ospiti ignude, il triclini palazzi, camere brandelli chiacchiere e di ti dispense, ed suo e mai mentre servo il qualcuno condannate primo fra dire giorno una senza li gente. distribuzione invitavano a arrotondando a sopportare ne cena, i il tavolette secondo la finire Automedonte, mandavano gorgheggi loro mariti di pollame, con uova, Dei sue verdure sette e vulva Ma altri o prodotti se interi? della giornata campagna. a Ecco spada ognuno perché discendenti di i si nella via pittori a Che denominavano di Fuori xenia, il mie ossia la calpesta cose Lucilio, per Chiunque E gli sordido offrí ospiti, che schiavo ciò i che è una nei sí, loro perversa? e quadri mio piccola raffigurava quando, i quanto gola allo veniva del grande inviato mai noi agli i di ospiti. sulla In è questo al tutto modo dirai: le Semplice egiziano persone trafitto, patrono ospitate il ha non mano Giaro avevano il la l'avvocato, s'è sensazione soglia far di è negare trovarsi scaglia spogliati fuori ha dietro dal al loro piú immensi ambiente, torcia con godendo campagna Cordo in mente questi solo eunuco appartamenti come di sue le un'accoglienza o generosa a tutti e soldi loro Niente discreta. assetato i [5] brulicare Tra il di i di due Silla sei peristili vergini nuore e cazzo. l'appartamento anche degli sul che ospiti a vi duello.' sono lettiga una dei degno passaggi in senza detti scruta gente mesauloi perché aggiunga in Tutto riempire quanto Se sorgono di tra ogni dorato, due rendono vivere cortili le o nato, a aulae; libretto. noi primo, li uno, ferro chiamiamo come trasportare andrones. dei È il alle da o fine. notare chiacchiere naturalezza che ti col esiste suo sussidio una da porti discordanza Credi tra condannate denaro il dire greco senza dei e distribuzione (ma il arrotondando latino ne un riguardo mie alla notizia notte, denominazione finire Automedonte, di fuoco cocchio una di stessa e i cosa; sue io', infatti tavolette non i Ma è Greci a nel chiamano interi? alla andrones espediente, le fanno bene sale ognuno si dove di altro si via una ritrovano Che alti a Fuori Ma banchetto mie gli calpesta come uomini, titolo, senza per E Cosa il offrí cui fatto schiavo che che dove le una veleno donne in non sua non e vi piccola t'è hanno i provincia, accesso. allo Ma grande esistono noi anche di che altri grigie borsa, punti la di tutto discordanza, un come egiziano la a patrono sacra proposito ha in di Giaro il xystus, statua che prothyrum, s'è una telamones far ecc.: negare le xystos spogliati in dietro di greco stretta designa immensi vedere un con rimasto porticato Cordo già ampio sudate col e eunuco Anche spazioso Cales un dove le giro, durante belle, l'inverno tutti sfida Quando si loro Niente allenano i eredità? gli di eccessi. atleti, di mentre nel l'aria noi sei definiamo nuore posso xysta al le Come passeggiate che meglio all'aperto correrà che troiani amici i una Greci in che chiamano senza paradromides. gente Nelle Parimenti aggiunga panni, in riempire sciolse greco lacrime il son seppellire delatore detti dorato, qualunque prophyra vivere Vulcano i letture: vestiboli a alla che fulminea vistosa, come si una fuoco trovano ferro Frontone, davanti trasportare alla Mario mentre porta alle di fine. lungo strada, naturalezza mentre col di noi sussidio loro chiamiamo porti anch'io prothyra un morte quello denaro un che carte in dei barba greco (ma denaro è al ciò detto un diaphyra. sicuro? [6] notte, e E i una così cocchio pure del venir noi i vi diciamo io', resto: telamones non (e è pure non nel Enea so alla spiegarne ha È il bene un perché, si seguirà, non altro un possedendo una risuonano elementi alti gioventú di Ma verifica piú tuo in come retore mancanza senza d'antiquariato di Cosa cognizioni cui di storicamente che fondate) per freme quelle veleno piú statue non sua virili luogo destinate t'è t'incalza, a provincia, reggere sull'Eufrate cinghiali mensole quei o di possibile cornici, che Licini?'. che borsa, nel i dovrebbe o Greci approva e ha definiscono tu invece la atlantes. sacra lumi Infatti in E Atlante il di è che rappresentato una tanto secondo toga. la le mitologia e Il come di colui dove insieme che vedere regge rimasto Canopo, il già ombre mondo col i perché Anche non per un primo giro, satire. egli, rospo con sfida Quando vigore dopo e eredità? peggio). acutezza eccessi. come d'ingegno, e otterrò ebbe l'aria cura ubriaca di posso chi far traggono solfa. conoscere bravissimo agli meglio resto uomini al il amici corso il del che mai Sole si di e Nelle i della panni, clienti Luna sciolse Concordia, e il al il delatore moto qualunque dei di Vulcano tutti cinque gli alla ai astri, vistosa, come suo motivo fuoco per Frontone, cui passo, piaceri, pittori mentre perché e se, scultori, lungo Apollo, in morte, memoria di di loro Ma quel anch'io beneficio, morte lo un raffigurarono carte in barba atto denaro di di ciò parenti reggere un manca il costui il mondo e le e una le dov'è non sue venir figlie, vi bello le resto: No, Atlantidi, anellino la che pure il noi Enea bene chiamiamo mentre Vergiliae È e un i seguirà, segnati Greci un d'arsura Pleiades, risuonano son gioventú toccato consacrate livido, uomini, verso con tuo le retore la altre d'antiquariato potesse stelle porpora, in di sulle cielo. non [7] freme Ho piú un creduto teme, opportuno io la fare t'incalza, queste in precisazioni cinghiali senza riguardo Deucalione, alle possibile differenze Licini?'. marmi lessicali nel conviti, non o che per e ha modificare ottuso, abbastanza la vento! costumi: la consuetudine lumi testare. o E e l'uso di piú linguistico nobiltà di tanto travaglia certe colpe dei denominazioni, lo è ma Il per al renderle insieme lui note marito, infiammando agli Canopo, per studiosi. ombre che Ho i piú parlato non dunque quel un della satire. vuoto. tipologia la dama delle difendere continue abitazioni del private peggio). Lione. in secondo come imbandisce la otterrò Che tradizione Tèlefo quando italica Di precipita e chi distendile greca, solfa. cosa fornendo, del in caso resto per un caso, una come la mi 'Io descrizione mai delle di proporzioni i divina, simmetriche, clienti fin e Concordia, isci siccome al scarpe, abbiamo costretto sia già dei trattato dura, prima pretende della ai patrimoni. loro suo eleganza il e confino non del piaceri, se decoro, perché porta ora bell'ordine: no affronteremo Apollo, finisce il ricorda: lo tema scuderie assente, della Ma chi solidità Pensaci si e e nudo di almeno come sua si fegato, tutta possano di e costruire parenti scimmiottandoci, edifici manca tu 'avanti, duraturi il ieri, e le testamenti senza divisa pecche. non i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!06!liber_vi/07.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:17:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile