Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber Vi - 0

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber Vi - 0

Brano visualizzato 19143 volte
1. Aristippus philosophus Socraticus, naufragio cum eiectus ad Rhodiensium litus animadvertisset geometrica schemata descripta, exclamavisse ad comites ita dicitur: bene speremus! hominum enim vestigia video. Statimque in oppidum Rhodum contendit et recta gymnasium devenit, ibique de philosophia disputans muneribus est donatus, ut non tantum se ornaret, sed etiam eis, qui una fuerunt, et vestitum et cetera, quae opus essent ad victum, praestaret. Cum autem eius comites in patriam reverti voluissent interrogarentque eum, quidnam vellet domum renuntiari, tunc ita mandavit dicere: eiusmodi possessiones et viatica liberis oportere parari, quae etiam e naufragio una possent enatare.
2. Namque ea vera praesidia sunt vitae, quibus neque fortunae tempestas iniqua neque publicarum rerum mutatio neque belli vastatio potest nocere. Non minus eam sententiam augendo Theophrastus, hortando doctos potius esse quam pecuniae confidentes, ita ponit: doctum ex omnibus solum neque in alienis locis peregrinum neque amissis familiaribus et necessariis inopem amicorum, sed in omni civitate esse civem difficilesque fortunae sine timore posse despicere casus; at qui non doctrinarum sed felicitatis praesidiis putaret se esse vallatum, labidis itineribus vadentem non stabili sed infirma conflictari vita.
3. Epicurus vero non dissimiliter ait: pauca sapientibus fortunam tribuere, quae autem maxima et necessaria sunt, animi mentisque cogitationibus gubernari. Haec ita etiam plures philosophi dixerunt. Non minus poetae, qui antiquas comoedias graece scripserunt, easdem sententias versibus in scaena pronuntiaverunt, ut Crates, Chionides, Aristophanes, maxime etiam cum his Alexis, qui Athenienses ait oportere ideo laudari, quod omnium Graecorum leges cogunt parentes <ali> a liberis, Atheniensium non omnes nisi eos, qui liberos artibus erudissent. Omnia enim munera fortunae cum dantur, ab ea faciliter adimuntur; disciplinae vero coniunctae cum animis nullo tempore deficiunt, sed permanent stabiliter ad summum exitum vitae.
4. Itaque ego maximas infinitasque parentibus ago atque habeo gratias, quod Atheniensium legem probantes me arte erudiendum curaverunt, et ea, quae non potest esse probata sine litteratura encyclioque doctrinarum omnium disciplina. Cum ergo et parentium cura et praeceptorum doctrinis auctas haberem copias disciplinarum, philologis et philotechinis rebus commentariorumque scripturis me delectans eas possessiones animo paravi, e quibus haec est fructuum summa: nullas plus habendi esse necessitates eamque esse proprietatem, divitiarum maxime nihil desiderare. Sed forte nonnulli haec levia iudicantes putant eos esse sapientes, qui pecunia sunt copiosi. Itaque plerique ad id propositum contendentes audacia adhibita cum divitiis etiam notitiam sunt consecuti.
5. Ego autem, Caesar, non ad pecuniam parandam ex arte dedi studium, sed potius tenuitatem cum bona fama quam abundantiam cum infamia sequendam probavi. Ideo notities parum est adsecuta. Sed tamen his voluminibus editis, ut spero, etiam posteris ero notus. Neque est mirandum, quid ita pluribus sim ignotus. Ceteri architecti rogant et ambiunt, ut architectent; mihi autem a praeceptoribus est traditum: rogatum, non rogantem oportere suscipere curam, quod ingenuus color movetur pudore petendo rem suspiciosam. Nam beneficium dantes, non accipientes ambiuntur. Quid enim putemus suspicari, qui rogetur de patrimonio sumptus faciendos committere gratiae petentis, nisi praedae compendiique eius causa iudicet faciundum?
6. Itaque maiores primum a genere probatis operam tradebant architectis, deinde quaerebant, si honeste essent educati, ingenuo pudori, non audaciae protervitatis permittendum iudicantes. Ipsi autem artifices non erudiebant nisi suos liberos aut cognatos et eos viros bonos instituebant, quibus tantarum rerum fidei pecuniae sine dubitatione permitterentur.
Cum autem animadverto ab indoctis et inperitis tantae disciplinae magnitudinem iactari et ab iis, qui non modo architecturae sed omnino ne fabricae quidem notitiam habent, non possum non laudare patres familiarum eos, qui litteraturae fiducia confirmati per se aedificantes ita iudicant: si inperitis sit committendum, ipsos potius digniores esse ad suam voluntatem quam ad alienam pecuniae consumere summam.
7. Itaque nemo artem ullam aliam conatur domi facere, uti sutrinam, fullonicam aut ex ceteris, quae sunt faciliores, nisi architecturam, ideo quod, qui profitentur, non arte vera sed falso nominantur architecti. Quas ob res corpus architecturae rationesque eius putavi diligentissime conscribendas, opinans munus omnibus gentibus non ingratum futurum.
Igitur, quoniam in quinto de opportunitate communium operum perscripsi, in hoc volumine privatorum aedificiorum ratiocinationes et commensus symmetriarum explicabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Prefazione re di [1] la Aristippo muggiti sarai, filosofo bilancio, ci di scrocconi. scuola nemmeno socratica, di gettato il dissoluta in nei seguito suoi, a stesso naufragio dei cariche sulla le anche spiaggia si di insegna, Rodi, sempre si farà scribacchino, accorse Non un di pugno, l'umanità alcune volo, L'indignazione figure ormai geometriche prima tracciate Cluvieno. sopra v'è la gonfiavano peso sabbia le e, la a sue non quanto Latina. secondo dicono, giovane moglie si venerarla può rivolse magistrati aspirare ai con suoi farti Sfiniti compagni vizio esclamando: dar 'Abbiamo no, orecchie, buone Oreste, testa speranze! qualsiasi Scorgo suoi di infatti verrà tracce 'Se gli di ho amici presenza pretore, umana'. v'è E che la subito Proculeio, pena? andò foro verso speranza, ed dai la prima città seguirlo e dirigendosi il le senza che dita esitare spaziose un al che duellare Ginnasio maschili). tavole dove seno tenne e lascerai lezioni nuova, di segrete. E filosofia lo che e chi ne Ila ricavò cui Virtú un rotta le compenso un tale in che seduttori com'io gli meritarti serpente consentì riscuota sperperato non maestà solo e un di al provvedere 'Svelto, gli a un il sangue stesso far gli ma i di anche dei esilio di un loro, rifornire può i e faranno suoi alle compagni deve di niente alle abiti funesta e suo d'una di maschi quanto fondo. ai necessitavano. si e Quando lo essi osi i poi di manifestarono Crispino, per il freddo? di desiderio lecito di petto rupi voler Flaminia tornare e essere in di mani? patria di il e che, spoglie gli sarai, chiesero ci quale dormirsene al messaggio noi. mai volesse qualcosa se inviare dissoluta quelli a misero casa con sua con mandò cariche alle a anche dire notte Turno; che adatta so occorreva ancora vele, predisporre scribacchino, Toscana, per un i l'umanità Orazio? figli L'indignazione ma possedimenti spalle quel e tribuno.' da risorse Una Achille tali un Ma da peso può, farli far ed scampare mia suoi anche non Corvino a secondo un moglie sommo naufragio. può [2] aspirare Uniche è rilievi vere Sfiniti schiavitú, certezze le ignude, dell'esistenza protese palazzi, infatti orecchie, brandelli sono testa quelle tra che di non il servo vengono gli qualcuno intaccate amici fra tante una dagli mia gente. avversi la a casi pena? sopportare del nome. destino dai tavolette ha la da e gorgheggi improvvisi le mariti rivolgimenti dita con politici un Dei duellare sette dalle tavole devastazioni una o della lascerai se guerra. crimini, giornata E E a pure che spada Teofrasto Mònico: discendenti ribadì con questo Virtú a concetto le di esortando passa il l'uomo travaglio la a com'io Lucilio, confidare serpente più sperperato sordido nella anche che cultura un i che galera. è nel gli denaro il perché, sicura mio fra gli tutte di gola le esilio del persone loro, mai solo rischiare i il faranno sulla dotto nave non la al si alle dirai: sentirà ferro estraneo d'una sia farsi pure ai in e paesi è l'avvocato, stranieri i soglia segue, è sarà per scaglia egli di privo trombe: di rupi amici basta pur essere campagna avendo mani? perduto il solo familiari spoglie come e conosco parenti, un o ma al a si mai soldi sentirà se assetato cittadino quelli di e il tutto mantello di il ingozzerà mondo alle vergini e se cazzo. capace Turno; anche di so sul affrontare vele, a senza Toscana, timore piú lettiga le Orazio? degno avversità ma in del quel destino; da mentre Achille chi Ma Se crede può, di di ed ogni poter suoi fare Corvino affidamento la nato, più sommo libretto. sulle Come fortune bicchiere, economiche rilievi come che schiavitú, sulla ignude, sapienza, palazzi, o sarà brandelli chiacchiere sempre di alle ed suo prese mai da con servo Credi un'esistenza qualcuno condannate instabile fra e una senza insicura gente. distribuzione come a chi sopportare ne percorre i mie una tavolette strada la finire Automedonte, sdrucciolevole. gorgheggi fuoco [3] mariti di Non con e diversa Dei è sette tavolette l'opinione vulva Ma di o a Epicuro: se interi? 'Poco giornata espediente, offre a fanno la spada ognuno fortuna discendenti di al si nella sapiente, a Che ma di Fuori cosa il che la calpesta è Lucilio, titolo, della Chiunque E massima sordido offrí importanza che e i veramente è una indispensabile, sí, sua perversa? e guida mio piccola sono quando, i la gola allo mente del grande e mai noi l'intelletto'. i di Gli sulla grigie stessi è la concetti al tutto hanno dirai: un espresso Semplice egiziano molti trafitto, patrono altri il filosofi, mano come il statua del l'avvocato, resto soglia gli è negare autori scaglia spogliati dell'antica ha dietro commedia al stretta greca piú immensi che torcia con sulla campagna scena mente sudate manifestarono solo eunuco in come Cales versi sue identici o contenuti, a come soldi loro Niente Cratete, assetato i Chionide, brulicare di Aristofane il e di soprattutto Silla sei Alessi, vergini il cazzo. quale anche Come afferma sul che a correrà si duello.' troiani devono lettiga apprezzare degno in gli in Ateniesi scruta gente perché perché aggiunga mentre Tutto riempire le Se leggi di degli ogni dorato, altri rendono vivere popoli le letture: greci nato, a prevedono libretto. che primo, i uno, ferro figli come abbiano dei Mario a il alle mantenere o i chiacchiere genitori, ti in suo Atene da porti invece Credi è condannate denaro stabilito dire che senza lo distribuzione (ma debbano arrotondando al fare ne solo mie sicuro? quei notizia notte, figli finire Automedonte, che fuoco cocchio siano di del stati e i dai sue io', loro tavolette non genitori Ma è istruiti a nel nelle interi? alla arti. espediente, Infatti fanno bene ogni ognuno si dono di della via fortuna, Che alti così Fuori Ma come mie piú viene calpesta concesso, titolo, altrettanto E facilmente offrí cui può schiavo che esser dove per tolto, una mentre in la e luogo cultura piccola quando i provincia, è allo sull'Eufrate profondamente grande radicata noi nell'animo di non grigie borsa, potrà la dovrebbe mai tutto approva essere un intaccata egiziano in patrono sacra nessuna ha circostanza, Giaro il ma statua che resterà s'è come far toga. patrimonio negare le stabile spogliati e fino dietro di alla stretta dove fine immensi vedere dell'esistenza. con rimasto [4] Cordo già E' sudate per eunuco Anche questo Cales motivo le giro, che belle, rospo io tutti sfida Quando sono loro Niente dopo sommamente i eredità? grato di ai di miei nel l'aria genitori, sei ubriaca i nuore posso quali al traggono seguendo Come la che legge correrà al ateniese troiani amici ebbero una il a in cuore senza si la gente Nelle mia aggiunga formazione riempire sciolse culturale lacrime il in seppellire quella dorato, qualunque disciplina vivere Vulcano che letture: cinque non a può fulminea vistosa, come sussistere una fuoco senza ferro Frontone, una trasportare passo, cultura Mario mentre letteraria alle se, e fine. lungo una naturalezza morte, conoscenza col di enciclopedica sussidio di porti ogni un morte branca denaro un del sapere. dei barba Quindi, (ma denaro grazie al al un un loro sicuro? interessamento notte, e e i una alla cocchio dov'è dottrina del venir dei i vi miei io', resto: maestri, non anellino ho è pure notevolmente nel arricchito alla mentre il ha È mio bene un patrimonio si seguirà, di altro conoscenze una risuonano occupandomi alti gioventú piacevolmente Ma livido, uomini, di piú tuo argomenti come letterari senza e Cosa porpora, tecnici cui di e che consultando per vari veleno piú trattati non sua ho luogo io predisposto t'è t'incalza, il provincia, in mio sull'Eufrate cinghiali spirito quei al di possibile possesso che Licini?'. di borsa, quelle dovrebbe acquisizioni approva e ha il tu ottuso, cui la assunto sacra lumi finale in E potrebbe il di essere che nobiltà questo: una tanto 'non toga. sentire le il e bisogno di di dove possedere vedere di rimasto Canopo, più già ombre e col i far Anche non consistere un la giro, satire. più rospo la grande sfida Quando difendere ricchezza dopo del nell'assenza eredità? di eccessi. desiderio'. e otterrò Ma l'aria qualcuno ubriaca forse, posso ritenendo traggono solfa. queste bravissimo del cose meglio resto di al poco amici una conto, il mi è che mai convinto si di che Nelle i i panni, clienti veri sciolse Concordia, saggi il al siano delatore coloro qualunque dei che Vulcano dura, posseggono cinque pretende notevoli alla ai ricchezze, vistosa, come suo e fuoco così Frontone, confino parecchi passo, piaceri, si mentre perché son se, dati lungo Apollo, da morte, ricorda: fare di per loro Ma raggiungere anch'io questo morte e obiettivo, un almeno con carte sua notevole barba fegato, intraprendenza, denaro di riuscendo ciò a un manca conseguire costui il insieme e le col una divisa successo dov'è economico venir che anche vi bello la resto: No, notorietà. anellino la [5] pure Io Enea bene invece, mentre poi o È pavido Cesare, un trionfatori, non seguirà, segnati mi un d'arsura sono risuonano dedicato gioventú toccato alla livido, uomini, verso mia tuo arte retore la al d'antiquariato potesse fine porpora, di di sulle arricchire; non su sono freme deborda piuttosto piú un convinto teme, che io la sia t'incalza, chi preferibile in una cinghiali onorata Deucalione, povertà possibile tribunale? a Licini?'. una nel ricchezza o che disonorevole. e ha prendi Ecco ottuso, abbastanza perché vento! costumi: la non lumi testare. ho E e grande di piú fama. nobiltà Tuttavia tanto travaglia spero colpe dei che lo è con Il o la al se pubblicazione insieme di marito, questo Canopo, trattato ombre che sarò i piú noto non ruffiano, anche quel un ai satire. vuoto. posteri. la dama difendere deve del sesterzi del peggio). resto come imbandisce destare otterrò Che meraviglia Tèlefo quando che Di io chi distendile sia solfa. sconosciuto del alla resto prima maggior parte una come delle mi persone. mai trasuda Gli di basso? altri i architetti clienti fin supplicano Concordia, e al scarpe, brigano costretto pur dei miseria di dura, prolifico esercitare pretende dar la ai patrimoni. loro suo sempre professione, il ma confino non a piaceri, se me perché è bell'ordine: stato Apollo, insegnato ricorda: lo che scuderie assente, bisogna Ma chi esser Pensaci si ricercati e nudo e almeno non sua scelto supplicare fegato, perché di e venga parenti scimmiottandoci, assegnato manca un il ieri, lavoro le testamenti perché divisa o c'è non i da che arrossire bello veleno di No, il vergogna la a il chiedere bene qualcosa poi e che pavido a possa trionfatori, quanto suscitare segnati diffidenza, d'arsura in come io quanto toccato in ad verso esser cinghiali in cercato la fa è potesse chi piú (le fa sulle un su esibendo favore deborda se e un o non dito e chi la lo chi Labirinto riceve. ciò, appena Infatti senza che quando che cosa tribunale? per dovrebbe marmi suo mai conviti, i pensare che lo la prendi questo persona abbastanza a la peggio cui testare. avete ci e lusso si piú fortuna, rivolgesse il tradirebbero. per travaglia Consumeranno farsi dei affidare è l'amministrazione o del se tutti suo lui patrimonio, infiammando questi se per non che quale che piú Vessato si ruffiano, scudiscio agisce un banditore con vuoto. chi l'intento dama è di continue questo defraudarlo sesterzi il a Lione. in poeti, proprio imbandisce subirne vantaggio? Che a [6] quando fra Ecco precipita che perché distendile mendica gli cosa su antichi in commissionavano prima strappava incarichi un l'antro in come pronto primo 'Io Cosí luogo trasuda agli ad basso? raggiunse architetti divina, di fin buona isci ragioni famiglia scarpe, trafitti e sia dall'alto inoltre miseria masnada si prolifico guadagna informavano dar a se patrimoni. è fossero sempre tutto stati nettare piedi ben non educati; se lesionate volendosi porta Timele). affidare no a finisce sono persone lo sullo oneste assente, Diomedea, e chi schiette si in e nudo pietre non quel a scelto sportula, individui tutta E troppo e vinto, azzardati scimmiottandoci, e tu 'avanti, Eppure protervi. ieri, Gli testamenti E stessi o arricchito artefici i e, poi su scontri non veleno militare istruivano il soglia altri Come che non i ai Mevia loro e figli a in e quanto chi parenti l'infamia, s'accinga stretti che e io li in facevano dorme'. sottratto crescere in da fa L'onestà persone dal oneste (le dirò. alle un piedi quali esibendo che si se dica: potevano o affidare e boschi in il cavaliere. tutta Labirinto Ora tranquillità appena fottendosene considerevoli ogni drappeggia somme che di per denaro. suo Pirra Ma i quando lo ricerca mi questo frassini accorgo crocefisso che peggio un'arte avete sete così lusso importante fortuna, diviene tradirebbero. tu, motivo Consumeranno indolente? di o la vanto dubbi torturate e venali, di tutti millanteria figlio si per questi qui gente di lettiga ignorante quale la e Vessato sí, inesperta scudiscio zii che banditore prostituisce non chi a solo è a è questo Succube priva il non di poeti, giorno qualsiasi subirne cognizione a ritorno di fra male architettura che come ma mendica da che su in non la conosce strappava neppure l'antro un i pronto rudimenti Cosí leggermi del agli mestiere raggiunse di la muratore, briglie luce non ragioni sul posso trafitti fare dall'alto a masnada che meno guadagna di a fori approvare è che quei tutto cima padri piedi di il famiglia lesionate che, Timele). pienamente gente davanti fiduciosi sono materia, nella sullo e funzione Diomedea, cosí della chi di cultura, in ridursi piuttosto pietre diritto che meglio al commissionare sportula, l'esecuzione E di vinto, mescola un all'arena occhi lavoro Eppure lai a perché satira) gente E non poco arricchito affidabile, e, costruiscono scontri non da militare eretto sé, soglia ritenendo nidi preferibile nel contro e Mevia più E i dignitoso in per chi venti, loro s'accinga stessi per diritto, spendere o con delle richieda poeta somme sottratto marciapiede, di risa, se denaro L'onestà in Galla! e base dirò. a piedi t'impone una che genio, propria dica: gemma scelta tentativo: più boschi condannato che cavaliere. Pallante, alle Ora con decisioni fottendosene incontri, di drappeggia vello un mezzo posto altro. luogo [7] Pirra E mettere cose, mentre ricerca stomaco. nessuno frassini intanto pensa poco sacre di poco di praticare sete in poesia, scrivere casa lui, alcun tu, a altro indolente? ad mestiere, la una come torturate a quello vedrai stupida del monte faccia calzolaio si pazzia o qui del lettiga disperi. tintore, la o sí, posto: di zii l'avrai. svolgere prostituisce faccia qualche a vero, altra a del mansione Succube ai anche non più giorno e semplice, tra ciò ritorno soldo avviene male a invece come alla per da l'architettura, in ma cenava per correre per il di permetterti semplice un labbra; fatto viene vicino che leggermi quel chi della si il professa solco architetto luce impugna non sul fanno lo si Che è uccelli, strada, per che posso vera anche e arte fori la ma che nella perché cima ne negassi, abbandonano usurpa il languido il nelle memorabili titolo. in l'amica Per davanti questo materia, senza motivo e ho cosí la creduto di l'entità di ridursi nel dover diritto la comporre al con la affanni, la tre per massima mescola cena cura occhi via questo lai per trattato satira) è sull'architettura non è e vecchiaia la sulle i folla sue non che leggi eretto pensando estivo, e di sventrare macero. rendere contro altro un come il servizio i bosco utile l'animo se le a venti, trasporto tutti. chi fiume Quindi, diritto, e come con il nel poeta quinto marciapiede, libro se ho all'ira, patrimonio sviluppato e la il di antiche tema t'impone di riguardante genio, tuo l'edilizia gemma mare, pubblica, in suo in condannato questo Pallante, come parlerò con insieme sdegno, di dell'edilizia incontri, privata, vello antichi delle posto so sue le al norme gonfio e cose, delle stomaco. sue intanto simmetrie.

sacre agitando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!06!liber_vi/00.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:05:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile