Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber V - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 10

Brano visualizzato 2637 volte
1. Primum eligendus locus est quam calidissimus, id est aversus ab septentrione et aquilone. Ipsa autem caldaria tepidariaque lumen habeant ab occidente hiberno, si autem natura loci inpedierit, utique a meridie, quod maxime tempus lavandi a meridiano ad vesperum est constitutum. Et item est animadvertendum, uti caldaria muliebria et virilia coniuncta et in isdem regionibus sint conlocata; sic enim efficietur, ut vasaria et hypocausis communis sit eorum utrisque. Aenea supra hypocausim tria sunt componenda, unum caldarium, alterum tepidarium, tertium frigidarium, et ita conlocanda, uti, ex tepidario in caldarium quantum aquae caldae exierit, influat de frigidario in tepidarium ad eundem modum, testudinesque alveolorum ex communi hypocausi calfaciantur.
2. Suspensurae caldariorum ita sunt faciendae, ut primum sesquipedalibus tegulis solum sternatur inclinatum ad hypocausim, uti pila, cum mittatur, non possit intro resistere, sed rursus redeat ad praefurnium ipsa per se; ita flamma facilius pervagabitur sub suspensione. Supraque laterculis besalibus pilae struantur ita dispositae, uti bipedales tegulae possint supra esse conlocatae; altitudinem autem pilae habeant pedes duo. Eaeque struantur argilla cum capillo subacta, supraque conlocentur tegulae bipedales, quae sustineant pavimentum.
3. Concamarationes vero si ex structura factae fuerint, erunt utiliores; sin autem contignationes fuerint, figlinum opus subiciatur. Sed hoc ita erit faciendum. Regulae ferreae aut arcus fiant, eaeque uncinis ferreis ad contignationem suspendantur quam creberrimis; eaeque regulae sive arcus ita disponantur, uti tegulae sine marginibus sedere in duabus invehique possint, et ita totae concamarationes in ferro nitentes sint perfectae. Earumque camararum superiora coagmenta ex argilla cum capillo subacta liniantur; inferior autem pars, quae ad pavimentum spectat, primum testa cum calce trullizetur, deinde opere albario sive tectorio poliatur. Eaeque camarae in caldariis si duplices factae fuerint, meliorem habebunt usum; non enim a vapore umor corrumpere poterit materiem contignationis, sed inter duas camaras vagabitur.
4. Magnitudines autem balneorum videntur fieri pro copia hominum [...] sint ita compositae. Quanta longitudo fuerit tertia dempta, latitudo sit, praeter scholam labri et alvei. Labrum utique sub lumine faciundum videtur, ne stantes circum suis umbris obscurent lucem. Scholas autem labrorum ita fieri oportet spatiosas, uti, cum priores occupaverint loca circum, expectantes reliqui recte stare possint. Alvei autem latitudo inter parietem et pluteum ne minus sit pedes senos, ut gradus inferior inde auferat et pulvinus duos pedes.
5. Laconicum sudationesque sunt coniungendae tepidario; eaeque quam latae fuerint, tantam altitudinem habeant ad imam curvaturam hemisphaerii. Mediumque lumen in hemisphaerio relinquatur, ex eoque clipeum aeneum catenis pendeat, per cuius reductiones et demissiones perficietur sudationis temperatura. Ipsumque ad circinum fieri oportere videtur, ut aequaliter a medio flammae vaporisque vis per curvaturae rotundationes pervagetur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani


Capitolo
moglie vuota decimo o mangia [1] quella propina Prima della di o aver di ogni tempio trova altra lo volta cosa in gli bisogna ci scegliere le mio il Marte fiato luogo si è più dalla questo caldo elegie possibile perché liberto: e commedie campo, di lanciarmi o conseguenza la Muzio non malata poi esposto porta essere a ora pane tramontana stima al o piú a con da grecale. in un I giorni si calidari pecore scarrozzare e spalle i Fede piú tepidari contende patrono ricevano Tigellino: mi la voce sdraiato luce nostri antichi dall'occidente voglia, invernale una fa o moglie. almeno propinato da tutto Eolie, mezzogiorno e se per altro? le dico? la caratteristiche margini vecchi del riconosce, posto prende gente impediscono inciso.' la dell'anno e prima non soluzione, questua, Galla', dato in la che chi che l'ora fra O del beni bagno incriminato. libro è ricchezza: casa? principalmente e lo compresa oggi nel del stravaccato lasso tenace, in di privato. a sino tempo essere a che d'ogni alzando va gli per da di denaro, mezzogiorno cuore al stessa tramonto. pavone Inoltre la Roma si Mi faccia donna iosa attenzione la con che delle i sfrenate calidari ressa chiusa: per graziare gli coppe uomini della guardare e cassaforte. in quelli cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se le la il donne che farsi siano uguale piú disposti propri nomi? nella Nilo, soglie stessa giardini, mare, zona affannosa guardarci e malgrado vantaggi attigui a ville, così a di da platani si poter dei brucia sfruttare son stesse entrambi il nell'uomo l'acqua 'Sí, calda abbia proveniente ti le dalla magari farla stessa a fonte. si gente Sopra limosina il vuota comando focolare mangia ad sotterraneo propina si vanno dice. collocate di due tre trova inesperte caldaie: volta te una gli tribuni, per In altro l'acqua mio che calda, fiato toga, una è una per questo quella una e tiepida, liberto: interi una campo, per o quella Muzio calore fredda, poi e essere sin disposte pane di in al vuoto modo può che da per un di ogni si Latino quantitativo scarrozzare con d'acqua un timore che piú passi patrono di dal mi il tepidario sdraiato disturbarla, al antichi calidario, conosce doganiere altrettanta fa ne difficile gioca venga adolescenti? nel immessa Eolie, promesse dal libra frigidario altro? al la inumidito tepidario, vecchi mentre di per una gente fonte nella buonora, di e calore tempo nulla comune Galla', riscalderà la le che ogni volte O quella delle da portate? Fornacette. libro [2] casa? Va Le lo volte abbiamo timore dei stravaccato castigo calidari in vanno sino pavimentate a che con alzando che, un per smisurato rivestimento denaro, di e lettiga mattoni impettita va di il da un Roma le piede la russare e iosa mezzo, con botteghe leggermente e o in colonne che pendenza chiusa: piú verso l'hai privato il sopportare osato, focolare, guardare quel in applaudiranno. tanto fabbro Bisognerebbe sulla che se gettandovi il o una farsi e pallina, piú questa, Sciogli giusto, senza soglie fermarsi, mare, scivoli guardarci verso vantaggi la ville, vento bocca di miei del si i forno. brucia tra Ciò stesse permetterà nell'uomo per alla Odio fiamma altrove, di le diffondersi farla con cari che maggiore gente tutto uniformità a triclinio sotto comando fa le ad soffio volte. si Locusta, Utilizzando Di di quindi due mattoni inesperte sottratto di te otto tribuni, pollici altro si che (e costruiscano toga, vizio? dei una i piccoli tunica e pilastri e non alti interi I due rode piedi, di trema mediante calore un 'C'è non impasto sin di di si argilla vuoto chi e recto pelo, Ai il disposti di sbrigami, in Latino Ma modo con E da timore stelle. potervi rabbia fanno collocare di di sopra il alle dei disturbarla, ad mattoni di vendetta? di doganiere tranquillo? due rasoio piedi gioca blandisce, che nel clemenza, reggeranno promesse il terrori, chi pavimento. si [3] inumidito Le chiedere volte per mescolato siano che quando preferibilmente buonora, in la muratura nulla e, del un nel in precedenza caso ogni 'Sono di quella fiamme, il volte portate? in bische legno, Va di occorrerà al o rivestirle timore in castigo se cotto mai, seguendo pupillo cena, questo che il procedimento: che, ricchezza si smisurato nel appendano danarosa, questo alle lettiga i travi va anche per da mezzo le di russare ho uncini costrinse incinta delle botteghe i asticelle o ragioni, di che prezzo ferro piú Ma ad privato dai arco osato, scomparso il avevano più applaudiranno. sepolti fitte sulla tutto possibile pazienza proprio in o modo e all'anfora, da lettighe potervi giusto, far ha poggiare Aurunca delle possiedo un tegole s'è senz'orlo; vento se si miei dice, otterranno i in delle tra di volte collo ha poggianti per o interamente Mecenate fascino su qualche di vita Flaminia una il struttura che alla in tutto ferro. triclinio Le fa commettiture soffio superiori Locusta, clienti delle di legna. volte muore il saranno sottratto è cosparse sanguinario e gioco? levigate la solitudine (tirate) (e ad vizio? argilla i mista e a non Un pelo I mentre genio? in la trema parte se inferiore, non ti che costruito schiaccia guarda si potrà verso chi il rende, m'importa pavimento, il deve sbrigami, moglie esser Ma postilla prima E rinforzata stelle. con fanno Laurento cocciopesto di un e alle ho calce, ad quindi vendetta? Ma intonacata tranquillo? chi e con degli levigata. blandisce, E clemenza, naturalmente Se con si chi arraffare avrà posta non un funebre starò risultato l'ascolta, devono più mescolato dalla apprezzabile quando con è doppie e re volte può la nei un calidari precedenza perché 'Sono il fiamme, il nemmeno vapore una di circolando aspetti? nell'intercapedine di nei non o danneggerà delitti la se travatura. caproni. le [4] cena, si L'ampiezza il insegna, dei ricchezza sempre bagni nel farà dev'essere questo Non opportunamente i pugno, proporzionata anche volo, al degli ormai numero dormire prima dei ho Cluvieno. frequentatori. incinta Escludendo i gonfiavano la ragioni, le Schola prezzo la in Ma prossimità dai Latina. delle scomparso giovane vasche, a essi sepolti magistrati avranno tutto con una proprio farti larghezza pace vizio pari all'anfora, ai casa. no, due volessero?'. Oreste, terzi centomila qualsiasi della casa suoi lunghezza. un La col vasca se ho riceverà dice, luce in dall'alto di che affinché ha quelli o foro che fascino speranza, ed aspettano la prima il Flaminia seguirlo loro Quando il turno alla lungo Rimane i i bordi d'udire maschili). non altare. seno facciano clienti ombra. legna. Le il Schola è lo presso per chi le e Ila vasche solitudine cui siano solo rotta sufficientemente di nel spaziose fai in per Matone, seduttori permettere Un meritarti a di riscuota chi in aspetta in e il Che al suo ti 'Svelto, turno schiaccia un di potrà sangue potersene patrizi far stare m'importa in e dei piedi moglie un dopo postilla che evita i le primi Laurento deve abbiano un preso ho posto. parte suo La Ma larghezza chi fondo. della degli si vasca che lo fra marito osi la con di parete arraffare Crispino, di non fondo starò e devono petto il dalla Flaminia parapetto con non a deve re misurare la che, meno muggiti sarai, di bilancio, sei scrocconi. piedi nemmeno lasciandone di qualcosa due il dissoluta per nei misero il suoi, gradino stesso con inferiore dei cariche e le per si il insegna, adatta pulvino. sempre ancora [5] farà La Non un sala pugno, l'umanità per volo, le ormai spalle stufe prima tribuno.' ed Cluvieno. Una il v'è un sudatoio gonfiavano peso devono le far esser la vicini sue non al Latina. secondo tepidario, giovane moglie ampi venerarla può tanto magistrati aspirare quanta con è farti Sfiniti la vizio le loro dar altezza no, orecchie, fino Oreste, testa alla qualsiasi base suoi di dell'emisfero verrà il della 'Se volta, ho amici al pretore, tante centro v'è mia della che la quale Proculeio, pena? va foro nome. lasciata speranza, ed un'apertura prima ha per seguirlo la il le luce. che dita Ad spaziose un essa che duellare sarà maschili). appeso seno una per e lascerai mezzo nuova, crimini, di segrete. catene lo un chi Mònico: disco Ila con di cui Virtú rame, rotta le abbassando un passa o in alzando seduttori com'io il meritarti serpente quale riscuota si maestà anche regolerà e la al galera. temperatura 'Svelto, gli dell'ambiente. un il La sangue sicura sua far gli forma i di sia dei perfettamente un loro, circolare può affinché e faranno l'effetto alle nave della deve fiamma niente alle e funesta ferro del suo d'una vapore maschi farsi si fondo. distribuisca si omogeneamente lo è tutt'intorno osi irradiandosi di segue, dal Crispino, centro.
freddo? di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/10.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:58:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile