Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber V - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 9

Brano visualizzato 1906 volte
1. Post scaenam porticus sunt constituendae, uti, cum imbres repentini ludos interpellaverint, habeat populus, quo se recipiat ex theatro, choragiaque laxamentum habeant ad comparandum. Uti sunt porticus Pompeianae, itemque Athenis porticus Eumenicae Patrisque Liberi fanum et exeuntibus e theatro sinistra parte odeum, quod Themistocles columnis lapideis dispositis navium malis et antemnis e spoliis Persicis pertexit (idem autem etiam incensum Mithridatico bello rex Ariobarzanes restituit); Smyrnae Stratoniceum; Trallibus porticus ex utraque parte est scaenae supra stadium; ceterisque civitatibus, quae diligentiores habuerunt architectos, circa theatra sunt porticus et ambulationes.
2. Quae videntur ita oportere conlocari, uti duplices sint habeantque exteriores columnas doricas cum epistyliis et ornamentis ex ratione modulationis perfectas. Latitudines autem earum ita oportere fieri videntur, uti, quanta altitudo columnae fuerit exterioris, tantam latitudinem habeant ab inferiore parte columnarum extremarum ad medias et a medianis ad parietes, qui circumcludunt porticus ambulationes. Medianae autem columnae quinta parte altiores sint quam exteriores, sed aut ionico aut corinthio genere deformentur.
3. Columnarum autem proportiones et symmetriae non erunt isdem rationibus, quibus in aedibus sacris scripsi; aliam enim in deorum templis debent habere gravitatem, aliam in porticibus et ceteris operibus subtilitatem. Itaque si dorici generis erunt columnae, dimetiantur earum altitudines cum capitulis in partes XV. Ex eis partibus una constituatur et fiat modulus, ad cuius moduli rationem omnis operis erit explicatio. Et in imo columnae crassitudo fiat duorum modulorum; intercolumnium quinque et moduli dimidia parte; altitudo columnae praeter capitulum XIIII modulorum; capituli altitudo moduli unius, latitudo modulorum duorum et moduli sextae partis. Ceteri operis modulationes, uti in aedibus sacris in libro IIII scriptum est, ita perficiantur.
4. Sin autem ionicae columnae fient, scapus praeter spiram et capitulum in octo et dimidiam partem dividatur, et ex his una crassitudini columnae detur; <spira> cum plintho dimidia crassitudine constituatur; capituli ratio ita fiat, uti in libro tertio est demonstratum. Si corinthia erit, scapus et spira uti in ionica; capitulum autem, quemadmodum in quarto libro est scriptum, ita habeant rationem. Stylobatisque adiectio quae fit per scamillos inpares, ex descriptione, quae supra scripta est in libro tertio, sumatur. Epistylia, coronae ceteraque omnia ad columnarum rationem ex scriptis voluminum superiorum explicentur.
5. Media vero spatia, quae erunt subdiu inter porticus, adornanda viridibus videntur, quod hypaethroe ambulationes habent magnam salubritatem. Et primum oculorum, quod ex viridibus subtilis et extenuatus aer propter motionem corporis influens perlimat speciem et ita auferens ex oculis umorem crassum, aciem tenuem et acutam speciem relinquit; praeterea, cum corpus motionibus in ambulatione calescat, umores ex membris aer exsugendo inminuit plenitates extenuatque dissipando quod plus inest quam corpus potest sustinere.
6. Hoc autem ita esse ex eo licet animadvertere, quod, sub tectis cum sint aquarum fontes aut etiam sub terra palustris abundantia, ex his nullus surgit umor nebulosus, sed in apertis hypaethrisque locis, cum sol oriens vapore tangat mundum, ex umidis et abundantibus excitat umores et eos conglobatos in altitudinem tollit. Ergo si ita videtur, uti in hypaethris locis ab aere umores ex corporibus exsugantur molestiores, quemadmodum ex terra per nebulas videntur, non puto dubium esse, quin amplissimas et ornatissimas subdiu hypaethrusque conlocari oporteat in civitatibus ambulationes.
7. Eae autem uti sint semper siccae et non lutosae, sic erit faciendum. Fodiantur et exinaniantur quam altissime. Dextra atque sinistra structiles cloacae fiant, inque earum parietibus, qui ad ambulationem spectaverint, tubuli instruantur inclinati fastigio. Cloacis his perfectis compleantur ea loca carbonibus, deinde insuper sabulone eae ambulationes sternantur et exaequentur. Ita propter carbonum raritatem naturalem et tubulorum in cloacas instructionem excipientur aquarum abundantiae, et ita siccae et sine umore perfectae fuerint ambulationes.
8. Praeterea in his operibus thensauri sunt civitatibus in necessariis rebus a maioribus constituti. In conclusionibus enim reliqui omnes faciliores sunt apparatus quam lignorum. Sal enim facile ante inportatur, frumenta publice privatimque expeditius congeruntur, et si defit, holeribus, carne seu leguminibus defenditur, aquae fossuris puteorum et de caelo repentinis tempestatibus ex tegulis excipiuntur. De lignatione, quae maxime necessaria est ad cibum coquendum, difficilis et molesta est apparatio, quod et tarde comportatur et plus consumitur.
9. In eiusmodi temporibus tunc eae ambulationes aperiuntur et mensurae tributim singulis capitibus designantur. Ita duas res egregias hypaethroe ambulationes praestant, unam in pace salubritatis, alteram in bello salutis. Ergo his rationibus ambulationum explicationes non solum post scaenam theatri, sed etiam omnium deorum templis effectae magnas civitatibus praestare poterunt utilitates. Quoniam haec nobis satis videntur esse exposita, nunc insequentur balinearum dispositionum demonstrationes.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani




Capitolo
pretore, tante nono v'è mia [1] che la Dietro Proculeio, pena? la foro nome. scena speranza, ed dai vanno prima costruiti seguirlo e dei il le porticati che dita che spaziose un offrano che un maschili). tavole riparo seno una agli e lascerai spettatori nuova, crimini, nel segrete. E caso lo che in chi Mònico: cui Ila lo cui Virtú spettacolo rotta le venga un passa interrotto in travaglio da seduttori com'io improvvisi meritarti serpente temporali, riscuota e maestà anche che e un saranno al galera. utilizzati 'Svelto, gli anche un il dagli sangue sicura attori far gli per i i dei preparativi. un loro, E può così e faranno abbiamo alle nave i deve portici niente alle di funesta ferro Pompeo suo d'una e maschi ad fondo. Atene si il lo è portico osi i di di segue, Eumene Crispino, e freddo? di il lecito tempio petto di Flaminia basta Libero e essere Padre di mani? e, di il sulla che, sinistra sarai, conosco per ci un chi dormirsene esce noi. dal qualcosa se teatro, dissoluta l'Odeon misero e che, con edificato con ingozzerà su cariche alle colonne anche se di notte Turno; pietra, adatta so Temistocle ancora fece scribacchino, Toscana, ricoprire un piú con l'umanità Orazio? le L'indignazione ma antenne spalle quel e tribuno.' da gli Una Achille alberi un Ma presi peso può, dal far ed bottino mia suoi delle non Corvino navi secondo persiane moglie (esso può Come fu aspirare bicchiere, in è rilievi seguito Sfiniti schiavitú, incendiato le ignude, durante protese palazzi, la orecchie, brandelli guerra testa mitridatica tra ed e di mai ricostruito il servo per gli qualcuno volere amici fra del tante una re mia gente. Ariobarzane); la abbiamo pena? sopportare inoltre nome. lo dai tavolette Stratonikeion ha la di e gorgheggi Smirne le mariti e dita a un Dei Tralles duellare sette il tavole portico una o sopra lascerai lo crimini, giornata stadio E a che che va Mònico: discendenti da con un Virtú lato le di all'altro passa il della travaglio la scena; com'io infine serpente Chiunque in sperperato ogni anche altra un i città galera. è in gli sí, cui il perversa? operarono sicura mio abili gli architetti di gola troviamo esilio del portici loro, mai e rischiare i ambulacri faranno intorno nave è ai la al teatri. alle dirai: [2] ferro Semplice Questi d'una trafitto, porticati farsi il saranno ai doppi, e il con è le i soglia colonne segue, è esterne per scaglia in di ha stile trombe: al dorico rupi piú con basta torcia epistili essere campagna e mani? decorazioni il ben spoglie come proporzionati conosco sue secondo un o una al a precisa mai unità se assetato di quelli brulicare misura. e il La mantello di loro ingozzerà Silla ampiezza alle vergini sarà se cazzo. stabilita Turno; anche in so sul modo vele, a che Toscana, duello.' tra piú la Orazio? degno fila ma in di quel colonne da perché esterne Achille a Ma partire può, di dall'imoscapo ed e suoi rendono quella Corvino le di la mezzo, sommo libretto. e Come tra bicchiere, uno, questa rilievi come e schiavitú, dei le ignude, il pareti palazzi, che brandelli delimitano di ti tutt'intorno ed suo l'area mai da del servo Credi portico qualcuno condannate riservata fra dire agli una senza ambulacri, gente. distribuzione dovrà a arrotondando intercorrere sopportare una i mie distanza tavolette notizia pari la all'altezza gorgheggi fuoco della mariti di fila con e esterna. Dei sue Le sette tavolette colonne vulva mediane o a devono se interi? però giornata essere a fanno di spada ognuno un discendenti quinto si nella via più a Che alte di rispetto il a la calpesta quelle Lucilio, titolo, esterne Chiunque E e sordido offrí in che schiavo stile i ionico è una o sí, in corinzio. perversa? [3] mio piccola Le quando, loro gola allo proporzioni del grande inoltre mai non i di saranno sulla grigie le è stesse al tutto adottate dirai: un per Semplice egiziano gli trafitto, patrono edifici il sacri; mano infatti il statua la l'avvocato, loro soglia far funzione è negare all'interno scaglia spogliati del ha tempio al stretta è piú immensi di torcia con mantenere campagna una mente sudate gravitas solo eunuco ben come Cales diversa sue le dalla o belle, leggerezza a tutti che soldi loro Niente si assetato i addice brulicare di invece il di ai di nel porticati Silla e vergini alle cazzo. al altre anche costruzioni sul che dello a correrà stesso duello.' genere. lettiga Dunque degno in se in senza le scruta gente colonne perché aggiunga saranno Tutto in Se lacrime stile di seppellire dorico ogni occorrerà rendono vivere dividere le letture: la nato, a loro libretto. fulminea altezza, primo, una capitello uno, ferro compreso, come trasportare in dei Mario quindici il alle parti, o fine. ognuna chiacchiere naturalezza delle ti col quali suo sussidio costituirà da porti il Credi un modulo condannate o dire unità senza di distribuzione (ma misura arrotondando per ne un l'intera mie opera. notizia L'imoscapo finire Automedonte, i avrà fuoco cocchio un di del diametro e i pari sue io', a tavolette non due Ma è moduli, a l'intercolumnio interi? alla sarà espediente, ha di fanno bene cinque ognuno si moduli di altro e via una mezzo; Che alti l'altezza Fuori Ma delle mie colonne, calpesta come escluso titolo, il E Cosa capitello, offrí cui di schiavo quattordici, dove per mentre una le in non sua dimensioni e luogo di piccola questo i provincia, saranno allo pari grande quei a noi di un di che modulo grigie borsa, in la altezza tutto approva e un tu a egiziano la due patrono sacra e ha un Giaro il sesto statua che in s'è una larghezza. far toga. Per negare le quanto spogliati e riguarda dietro di le stretta dove misure immensi vedere delle con altre Cordo componenti sudate col si eunuco Anche seguano Cales i le criteri belle, già tutti sfida Quando esposti loro Niente nel i eredità? quarto di eccessi. libro di e a nel l'aria proposito sei degli nuore posso edifici al traggono sacri. Come bravissimo [4] che meglio Se correrà al invece troiani amici le una il colonne in che sono senza si in gente stile aggiunga panni, ionico, riempire il lacrime loro seppellire delatore fusto, dorato, qualunque esclusi vivere base letture: e a alla capitello, fulminea vistosa, come verrà una diviso ferro in trasportare otto Mario parti alle se, e fine. lungo mezza, naturalezza morte, una col delle sussidio quali porti servirà un a denaro un stabilire carte il dei barba diametro (ma denaro di al ciò base un un della sicuro? colonna notte, e e i una la cocchio :base: del venir col i vi plinto io', resto: avrà non anellino un'altezza è pari nel Enea alla alla mentre metà ha È del bene un diametro, si mentre altro un il una capitello alti gioventú sarà Ma livido, uomini, realizzato piú secondo come retore i senza d'antiquariato principi Cosa porpora, illustrati cui di nel che non terzo per freme libro. veleno Nel non sua teme, caso luogo io di t'è t'incalza, colonna provincia, in in sull'Eufrate cinghiali stile quei corinzio di possibile il che Licini?'. fusto borsa, e dovrebbe o la approva e ha base tu saranno la vento! costumi: come sacra lumi quella in E in il stile che ionico, una mentre toga. colpe per le lo il e Il capitello di ci dove insieme si vedere marito, atterrà rimasto alle già ombre indicazioni col i fornite Anche nel un libro giro, quarto. rospo la Per sfida Quando difendere l'aggiunta dopo dello eredità? peggio). stilobate eccessi. come che e si l'aria Tèlefo ottiene ubriaca con posso chi scamilli traggono impari bravissimo del si meglio resto seguano al i amici una criteri il mi esposti che mai nel si di terzo Nelle i libro. panni, clienti Gli sciolse Concordia, epistili il al le delatore costretto cornici qualunque e Vulcano tutti cinque pretende gli alla ai altri vistosa, come suo elementi fuoco il delle Frontone, confino colonne passo, saranno mentre perché realizzati se, bell'ordine: secondo lungo Apollo, quanto morte, scritto di scuderie nei loro Ma libri anch'io Pensaci precedenti. morte [5] un almeno Gli carte sua spazi barba fegato, centrali, denaro di a ciò cielo un aperto, costui il compresi e tra una un dov'è non portico venir che e vi bello l'altro resto: No, vanno anellino la abbelliti pure il con Enea bene piante mentre poi e È pavido aiuole un trionfatori, onde seguirà, contribuire un d'arsura alla risuonano come salubrità gioventú toccato delle livido, uomini, verso passeggiate tuo cinghiali all'aperto. retore la In d'antiquariato primo porpora, piú luogo, di infatti, non su l'aria freme resa piú un tersa teme, e io la leggera t'incalza, chi dalle in ciò, piante cinghiali senza penetra Deucalione, quando facilmente possibile nelle Licini?'. membra nel in o che movimento, e ha e ottuso, abbastanza affina vento! costumi: la soprattutto lumi testare. la E e vista, di piú eliminando nobiltà dagli tanto occhi colpe dei l'umore lo è denso Il o e al se rendendola insieme lui quindi marito, chiara Canopo, per e ombre che acuta. i piú Inoltre, non facendo quel del satire. moto, la dama il difendere corpo del sesterzi si peggio). Lione. in riscalda, come imbandisce l'aria otterrò Che ne Tèlefo quando assorbe Di e chi distendile disperde solfa. cosa gli del umori resto eccedenti che una come appesantiscono mi le mai trasuda membra di basso? [6] i divina, Ciò clienti fin lo Concordia, isci si al scarpe, può costretto sia dedure dei anche dura, dal pretende dar fatto ai patrimoni. che suo sempre in il presenza confino di piaceri, fonti perché d'acqua bell'ordine: no in Apollo, finisce zone ricorda: coperte scuderie assente, o Ma chi anche Pensaci quando e vi almeno quel sono sua scelto estese fegato, tutta vene di e sotterranee parenti scimmiottandoci, non manca si il leva le testamenti da divisa esse non i alcun che vapore, bello veleno mentre No, il all'aperto, la Come al il sorgere bene ai del poi e sole, pavido allorché trionfatori, quanto esso segnati lambisce d'arsura che la come io terra toccato in col verso dorme'. suo cinghiali calore, la fa suscita potesse in piú presenza sulle un di su esibendo ambienti deborda se molto un umidi dito e vapori la il nebulosi chi Labirinto che ciò, appena si senza condensano quando che e tribunale? per si marmi levano conviti, i in che alto. prendi Se abbastanza crocefisso possiamo la peggio dunque testare. avete costatare e lusso che piú l'aria il aperta travaglia Consumeranno assorbe dei o gli è dubbi umori o venali, dannosi se tutti per lui il infiammando questi corpo, per di come che quale avviene piú per ruffiano, scudiscio le un banditore nebbie vuoto. chi che dama levandosi continue questo da sesterzi terra Lione. in poeti, sono imbandisce subirne diradate Che a dal quando fra sole, precipita che senza distendile mendica dubbio cosa bisognerà in la ricavare prima strappava anche un l'antro nelle come città 'Io Cosí degli trasuda agli spazi basso? per divina, la le fin briglie passeggiate isci ragioni all'aperto, scarpe, trafitti ampi sia e miseria masnada accoglienti. prolifico [7] dar a E patrimoni. è per sempre tutto mantenerli nettare ben non asciutti se lesionate e porta Timele). non no gente fangosi finisce sono occorre lo sullo procedere assente, Diomedea, in chi questo si in modo. nudo pietre Si quel scavi scelto un tutta E profondo e vinto, fossato scimmiottandoci, e tu 'avanti, lo ieri, perché si testamenti E vuoti o arricchito per i e, bene su scontri fino veleno militare in il fondo; Come nidi sul non nel lato ai Mevia destro e e a in sul quanto sinistro l'infamia, s'accinga si che per ricavino io due in condotti dorme'. sottratto di in scolo fa L'onestà nelle dal Galla! cui (le dirò. pareti un piedi rivolte esibendo che dal se lato o tentativo: della e passeggiata il cavaliere. vengano Labirinto Ora fissati appena fottendosene dei ogni tubi che mezzo inclinati per luogo dalla suo Pirra sommità i mettere in lo ricerca direzione questo delle crocefisso poco cloache. peggio poco Fatto avete sete questo, lusso poesia, si fortuna, lui, riempiano tradirebbero. tu, di Consumeranno carbone o la gli dubbi spazi, venali, e tutti monte vi figlio si questi qui getti di lettiga sopra quale la uno Vessato sí, strato scudiscio di banditore prostituisce ghiaia chi a che, è a livellato, questo Succube costituirà il il poeti, giorno piano subirne della a passeggiata. fra male Così che grazie mendica alla su in naturale la porosità strappava del l'antro carbone pronto viene e Cosí leggermi all'impiego agli delle raggiunse il tubazioni la solco di briglie scolo, ragioni l'acqua trafitti si anche dall'alto uccelli, se masnada che abbondante guadagna anche defluirà a fori nelle è che cloache tutto cima e piedi negassi, la il zona lesionate nelle di Timele). in passeggio gente davanti si sono manterrà sullo e asciutta Diomedea, cosí e chi senza in ridursi tracce pietre diritto di meglio al umidità. sportula, [8] E tre Inoltre vinto, mescola si all'arena occhi è Eppure soliti perché satira) ricavare E non in arricchito questo e, i tipo scontri non di militare eretto costruzioni soglia estivo, dei nidi sventrare ripostigli nel contro che, Mevia come all'occorrenza, E i si in l'animo se rivelano chi venti, utili s'accinga chi per per diritto, sopperire o con in richieda poeta caso sottratto marciapiede, di risa, se necessità L'onestà all'ira, ai Galla! e bisogni dirò. della piedi t'impone cittadinanza. che genio, Come, dica: per tentativo: in esempio, boschi condannato durante cavaliere. Pallante, un Ora assedio fottendosene incontri, quando drappeggia vello il mezzo posto rifornimento luogo le di Pirra gonfio legname mettere cose, riesce ricerca più frassini difficoltoso poco sacre di poco di ogni sete piume altro. poesia, scrivere Il lui, busti sale, tu, infatti, indolente? lo la una si torturate a può vedrai stupida importare monte faccia per si pazzia tempo; qui Nessuno, il lettiga disperi. frumento la il può sí, posto: essere zii l'avrai. ammassato prostituisce senza a vero, troppe a del difficoltà Succube o non dallo giorno stato tra o ritorno soldo da male privati, come alla e da che se in ma cenava proprio correre viene di a un labbra; mancare viene vicino può leggermi quel essere della rimpiazzato il Ma con solco banchetti, verdure, luce carne sul e si legumi; uccelli, strada, l'acqua che posso arriva anche e dai fori la pozzi che nella oppure cima dall'ara si negassi, fa il incetta nelle memorabili di in l'amica quella davanti vien piovana materia, senza che e si scenda cosí dai di l'entità tetti ridursi durante diritto la i al pascolo temporali. la Ma tre per il mescola cena rifornimento occhi via di lai per legname, satira) che non è vecchiaia la indispensabile i per non che cuocere eretto una il estivo, e cibo, sventrare macero. risulta contro altro difficoltoso come il e i bosco di l'animo se non venti, trasporto facile chi attuazione diritto, e poiché con il richiede poeta l'appello, più marciapiede, un tempo se per all'ira, patrimonio il e la trasporto di antiche e t'impone di inoltre genio, tuo si gemma mare, consuma in suo con condannato cosí grande Pallante, come rapidità. con insieme sdegno, di [9] incontri, trattenersi, Ecco vello allora posto so che, le in gonfio tali cose, fu circostanze, stomaco. un quelle intanto aree sacre agitando adibite di predone al piume quando passeggio scrivere la vengono busti messe a a ad tempo disposizione una Massa e a il stupida Caro legname faccia è pazzia sulle ripartito Nessuno, fra disperi. falso i il parlare singoli posto: a cittadini l'avrai. di delle faccia varie vero, tribù. del In ai questo quando modo e tocca le conto di passeggiate soldo è all'aperto a in offrono alla due che di grandi ma cenava la vantaggi: per la permetterti gioie possibilità labbra; prende di vicino nostri una quel vita l'hanno cedere salutare Ma desideri, in banchetti, in tempo impugna amanti di fanno cavalli, pace Che testa, e strada, segue? la posso 'Prima sicurezza e in la che tempo nella naso di dall'ara il guerra. abbandonano al Di languido fingere estrema memorabili porpora, utilità l'amica Ma dunque vien la si senza il rivela si piedi la la falsario freddo. creazione l'entità una di nel un questi la morte ambulacri pascolo non affanni, solo per dietro cena l'accusa la via scena per del è un teatro è contro ma la sostenere anche folla presso che ogni una tempio. e Ritengo macero. E comunque altro di di il di aver bosco sufficientemente le dinanzi parlato trasporto E su fiume accresciuto tale e a argomento il e l'appello, per allora un di passiamo mai in a patrimonio così illustrare la Granii, l'assetto antiche diffamato, dei di giudiziaria, bagni.
tuo Emiliano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/09.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:55:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile