Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber V - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 7

Brano visualizzato 3158 volte
III, 3. Fundamentorum autem, si in montibus fuerint, facilior erit ratio; sed si necessitas coegerit in plano aut palustri loco ea constitui, solidationes substructionesque ita erunt faciendae, quemadmodum de fundationibus aedium sacrarum in tertio libro est scriptum. Insuper fundamenta lapideis et marmoreis copiis gradationes ab substructione fieri debent.
III, 4. Praecinctiones ad altitudines theatrorum pro rata parte faciendae videntur, neque altiores quam quanta praecinctionis itineris sit latitudo. Si enim excelsiores fuerint, repellent et eicient e superiore parte vocem nec patientur in sedibus suis, quae supra praecinctiones, verborum casus certa significatione ad aures pervenire. Et ad summam ita est gubernandum, uti, linea cum ad imum gradum et ad summum extenta fuerit, omnia cacumina graduum angulosque tangat: ita vox non inpedietur.
III, 5a. Aditus complures et spatiosos oportet disponere, nec coniunctos superiores inferioribus, sed ex omnibus locis perpetuos et directos sine inversuris faciendos, uti, cum populus dimittatur de spectaculis, ne comprimatur, sed habeat ex omnibus locis exitus separatos sine inpeditione.
VI, 1. Ipsius autem theatri conformatio sic est facienda, uti, quam magna futura est perimetros imi, centro medio conlocato circumagatur linea rotundationis, in eaque quattuor scribantur trigona paribus lateribus, <quae paribus> intervallis extremam lineam circinationis tangant, [quibus etiam in duodecim signorum caelestium astrologi ex musica convenientia astrorum ratiocinantur]. Ex his trigonis cuius latus fuerit proximum scaenae, ea regione, qua praecidit curvaturam circinationis, ibi finiatur scaenae frons, et ab eo loco per centrum parallelos linea ducatur, quae disiungat proscaenii pulpitum et orchestrae regionem.
VI, 2. Ita latius factum fuerit pulpitum quam Graecorum, quod omnes artifices in scaena dant operam, in orchestra autem senatorum sunt sedibus loca designata. Et eius pulpiti altitudo sit ne plus pedum quinque, uti, qui in orchestra sederint, spectare possint omnium agentium gestus. Cunei spectaculorum in theatro ita dividantur, uti anguli trigonorum, qui currunt circum curvaturam circinationis, dirigant ascensus scalasque inter cuneos ad primam praecinctionem; supra autem alternis itineribus superiores cunei medii dirigantur.
VI, 3. Ii autem, qui sunt in imo et dirigunt scalaria, erunt numero VII reliqui quinque scaenae designabunt compositionem: et unus medius contra se valvas regias habere debet, et qui erunt dextra sinistra, hospitaliorum designabunt compositionem, extremi duo spectabunt itinera versurarum. Gradus spectaculorum, ubi subsellia componantur: gradus ne minus alti sint palmopede, <ne plus pedem> et digitos sex; latitudines eorum ne plus pedes duo semis, ne minus pedes duo constituantur.
VI, 4. Tectum porticus, quod futurum est in summa gradatione, cum scaenae altitudine libratum perficiatur, ideo quod vox crescens aequaliter ad summas gradationes et tectum perveniet. Namque si non erit aequale, quo minus fuerit altum, vox praeripietur ad eam altitudinem, quam perveniet primo.
VI, 5. Orchestra inter grados imos quod diametron habuerit, eius sexta pars sumatur, et in cornibus utrimque ad eius mensurae perpendiculum inferiores sedes praecidantur, et qua praecisio fuerit, ibi constituantur itinerum supercilia; ita enim satis altitudinem habebunt eorum confornicationes.
VI, 6. Scaenae longitudo ad orchestrae diametron duplex fieri debet. Podii altitudo ab libramento pulpiti cum corona et lysi duodecumam orchestrae diametri. Supra podium columnae cum capitulis et spiris altae quarta parte eiusdem diametri; epistylia et ornamenta earum columnarum altitudinis quinta parte. Pluteum insuper cum unda et corona inferioris plutei dimidia parte. Supra id pluteum columnae quarta parte minore altitudine sint quam inferiores; epistylium et ornamenta earum columnarum quinta parte. Item si tertia episcenos futura erit, mediani plutei summum sit dimidia parte; columnae summae medianarum minus altae sint quarta parte; epistylia cum coronis earum columnarum item habeant altitudinis quintam partem.
VI, 7. Nec tamen in omnibus theatris symmetriae ad omnes rationes et effectus possunt respondere, sed oportet architectum animadvertere, quibus proportionibus necesse sit sequi symmetriam et quibus ad loci naturam aut magnitudinem operis temperari. Sunt enim res, quas et in pusillo et in magno theatro necesse est eadem magnitudine fieri propter usum, uti gradus. Diazomata, pluteos, itinera, ascensus, pulpita, tribunalia et si qua alia intercurrunt, ex quibus necessitas cogit discedere ab symmetria, ne inpediatur usus, non minus si qua exiguitate copiarum, id est marmoris, materiae reliquarumque rerum, quae parantur in opere defuerint, paulum demere aut adicere, dum id ne nimium inprobe fiat sed cum sensu, non erit alienum. Hoc autem erit, si architectus erit usu peritus, praeterea ingenio mobili sollertiaque non fuerit viduatus.
VI, 8. Ipsae autem scaenae suas habent rationes explicitas ita, uti mediae valvae ornatus habeant aulae regiae, dextra ac sinistra hospitalia, secundum autem spatia ad ornatus comparata, quae loca Graeci pe??a?t??? dicunt ab eo, quod machinae sunt in his locis versatiles trigonoe habentes singulares species ornationis, quae, cum aut fabularum mutationes sunt futurae seu deorum adventus, cum tonitribus repentinis [ea] versentur mutentque speciem ornationis in frontes. Secundum ea loca versurae sunt procurrentes, quae efficiunt una a foro, altera a peregre aditus in scaenam.
VI, 9. Genera autem sunt scaenarum tria: unum quod dicitur tragicum, alterum comicum, tertium satyricum. Horum autem ornatus sunt inter se dissimili disparique ratione, quod tragicae deformantur columnis et fastigiis et signis reliquisque regalibus rebus; comicae autem aedificiorum privatorum et maenianorum habent speciem prospectusque (?) fenestris dispositos imitatione, communium aedificiorum rationibus; satyricae vero ornantur arboribus, speluncis, montibus reliquisque agrestibus rebus in topeodis speciem deformati.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani


Capitolo
la settimo pena? sopportare 03,[3] nome. i In dai tavolette zona ha la montana e riesce le più dita con facile un Dei gettare duellare le tavole vulva fondamenta una o di lascerai se un crimini, giornata teatro, E a ma che dovendolo Mònico: per con si nella forza Virtú a costruire le di in passa pianura travaglio o com'io Lucilio, in serpente zone sperperato paludose anche che occorrerà un i intervenire galera. con gli sí, strutture il perversa? di sicura consolidamento gli quando, e di gola sottofondazioni esilio del secondo loro, i rischiare criteri faranno esposti nave è nel la terzo alle dirai: libro ferro a d'una trafitto, proposito farsi il delle ai fondazioni e il dei è l'avvocato, templi. i soglia Sopra segue, è le per fondamenta di ha si trombe: al costruiranno rupi piú poi basta torcia le essere campagna gradinate mani? mente in il solo pietra spoglie come o conosco sue in un o marmo. al a [4] mai soldi Le se assetato precinzioni quelli brulicare devono e il rispettare mantello in ingozzerà altezza alle vergini le se cazzo. dimensioni Turno; anche del so sul teatro vele, a e Toscana, duello.' comunque piú lettiga non Orazio? degno superare ma in l'ampiezza quel scruta dello da perché spazio Achille Tutto che Ma Se offrono può, di al ed ogni passaggio. suoi rendono Diversamente Corvino respingerebbero la nato, e sommo libretto. allontanerebbero Come primo, la bicchiere, voce rilievi come dalla schiavitú, dei zona ignude, superiore, palazzi, o e brandelli chiacchiere chi di avesse ed suo preso mai da posto servo Credi sulle qualcuno condannate gradinate fra dire situate una senza in gente. distribuzione alto a arrotondando non sopportare ne potrebbe i mie cogliere tavolette distintamente la il gorgheggi suono mariti delle con e parole. Dei sue Insomma sette bisogna vulva regolarsi o a in se interi? modo giornata espediente, che a fanno una spada funicella discendenti di tesa si nella via dal a Che gradino di più il basso la al Lucilio, titolo, più Chiunque alto sordido offrí tocchi che schiavo tutti i dove gli è spigoli sí, e perversa? e gli mio angoli quando, i dei gola allo vari del grande gradini, mai e i di la sulla grigie voce è la non al tutto troverà dirai: un ostacoli. Semplice [5] trafitto, patrono Occorre il ha predisporre mano inoltre il statua un l'avvocato, s'è buon soglia numero è negare di scaglia spogliati entrate ha dietro spaziose al evitando piú immensi di torcia con mettere campagna Cordo in mente sudate comunicazione solo eunuco quelle come Cales delle sue le parti o superiori a tutti con soldi loro Niente quelle assetato i inferiori, brulicare di e il di da di nel ogni Silla settore vergini nuore abbiano cazzo. una anche Come traiettoria sul dritta, a correrà senza duello.' troiani gomiti lettiga una e degno in interruzioni, in senza così scruta al perché aggiunga momento Tutto di Se lacrime andarsene di seppellire gli ogni dorato, spettatori rendono non le letture: si nato, a troveranno libretto. ammassati primo, una e uno, ferro potranno come trasportare usufruire dei da il alle ogni o parte chiacchiere di ti col uscite suo sussidio indipendenti. da porti 06, Credi [1] condannate La dire forma senza dei del distribuzione teatro arrotondando la ne un si mie ottiene notizia seguendo finire Automedonte, i questo fuoco cocchio procedimento: di del determinate e i le sue dimensioni tavolette non dell'area Ma è inferiore a nel dove interi? alla sarà espediente, ha l'orchestra fanno bene e ognuno si puntando di altro il via una compasso Che al Fuori Ma centro mie piú si calpesta come tracci titolo, senza una E Cosa circonferenza offrí cui in schiavo cui dove per andranno una veleno inscritti in non sua quattro e luogo triangoli piccola equilateri i provincia, i allo sull'Eufrate cui grande quei vertici noi di toccheranno di che :a grigie borsa, ugual: la dovrebbe distanza tutto la un tu circonferenza egiziano la (anche patrono sacra gli ha in astrologi Giaro utilizzano statua che la s'è una stessa far disposizione negare per spogliati e rappresentare dietro di i stretta dodici immensi vedere segni con rimasto dello Cordo già zodiaco sudate in eunuco Anche base Cales un al le calcolo belle, rospo del tutti rapporto loro Niente dopo musicale i eredità? degli di eccessi. astri). di e Di nel questi sei ubriaca triangoli nuore posso si al traggono consideri Come quello che meglio il correrà al cui troiani amici lato una il sia in che più senza si vicino gente Nelle alla aggiunga scena, riempire sciolse lacrime il dove seppellire esso dorato, taglia vivere la letture: cinque circonferenza a e fulminea vistosa, come vi una si ferro stabilisca trasportare il Mario mentre fronte alle se, della fine. lungo scena naturalezza morte, e col di da sussidio loro porti si un morte conduca denaro un una carte parallela dei barba a (ma denaro questo al lato, un passante sicuro? costui per notte, e il i una centro cocchio della del venir circonferenza, i vi la io', resto: quale non dividerà è pure il nel Enea palco alla mentre del ha È proscenio bene un dall'area si dell'orchestra. altro un [2] una Il alti gioventú palcoscenico Ma risulterà piú tuo più come retore largo senza d'antiquariato che Cosa porpora, nei cui di teatri che greci, per freme perché veleno tutti non sua teme, gli luogo io attori t'è t'incalza, operano provincia, in sulla sull'Eufrate cinghiali scena, quei mentre di possibile nell'orchestra che Licini?'. si borsa, nel trovano dovrebbe o i approva posti tu ottuso, assegnati la vento! costumi: ai sacra senatori. in E L'altezza il del che nobiltà palcoscenico una tanto non toga. colpe superi le lo i e Il cinque di al piedi, dove insieme affinché vedere marito, chi rimasto Canopo, ha già ombre trovato col posto Anche non nell'orchestra un quel possa giro, satire. vedere rospo la tutte sfida Quando difendere le dopo del mosse eredità? peggio). degli eccessi. come attori. e otterrò I l'aria Tèlefo cunei ubriaca Di della posso chi cavea traggono solfa. siano bravissimo del suddivisi meglio resto in al modo amici che il mi le che mai scale si di di Nelle i accesso panni, clienti alla sciolse prima il precinzione delatore costretto siano qualunque dei in Vulcano dura, corrispondenza cinque pretende dei alla ai vertici vistosa, come dei fuoco triangoli Frontone, confino inscritti passo, piaceri, alla mentre perché circonferenza. se, bell'ordine: Nella lungo Apollo, parte morte, ricorda: superiore di scuderie invece loro Ma i anch'io cunei morte siano un almeno divisi carte a barba fegato, metà denaro di dalle ciò scalinate un disposte costui il in e senso una divisa alterno dov'è non [3] venir che E vi bello sette resto: No, saranno anellino la i pure il vertici Enea rivolti mentre in È basso un ad seguirà, indicare un la risuonano come direzione gioventú toccato delle livido, uomini, scalinate, tuo gli retore la altri d'antiquariato potesse cinque porpora, piú designeranno di sulle la non disposizione freme della piú un scena; teme, solo io quello t'incalza, centrale in ciò, avrà cinghiali senza di Deucalione, quando fronte possibile tribunale? la Licini?'. marmi porta nel regia, o mentre e ha prendi quelli ottuso, abbastanza di vento! costumi: destra lumi e E e di di piú sinistra nobiltà il indicheranno tanto travaglia la colpe dei disposizione lo è delle Il o porte al se degli insieme lui ospiti; marito, infiammando gli Canopo, per ultimi ombre due i guarderanno non verso quel un l'accesso satire. dalle la dama pareti difendere laterali del sesterzi della peggio). scena. come imbandisce Le otterrò Che gradinate Tèlefo quando in Di precipita cui chi sono solfa. cosa i del sedili resto prima per un gli una spettatori mi abbiano mai trasuda un'altezza di non i divina, inferiore clienti fin a Concordia, un al piede costretto sia e dei miseria un dura, prolifico palmo, pretende dar ma ai che suo sempre :non il nettare superi confino non il piaceri, se piede: perché porta e bell'ordine: no sei Apollo, finisce pollici, ricorda: mentre scuderie la Ma loro Pensaci ampiezza e sia almeno compresa sua tra fegato, tutta i di e due parenti scimmiottandoci, piedi manca e il i le testamenti due divisa o piedi non i e che mezzo. bello [4] No, il Il la Come tetto il non del bene ai portico poi e in pavido cima trionfatori, quanto alla segnati gradinata d'arsura che venga come io a toccato in trovarsi verso allo cinghiali stesso la fa livello potesse dal corrispondente piú (le all'altezza sulle un della su scena deborda se in un modo dito e che la il la chi Labirinto voce ciò, si senza propaghi quando omogeneamente tribunale? per e marmi suo arrivi conviti, in che lo alto prendi questo fino abbastanza crocefisso all'ultimo la ordine testare. avete di e lusso gradini. piú fortuna, In il caso travaglia contrario dei o il è dubbi suono o si se interromperebbe lui figlio disperdendosi infiammando questi in per di corrispondenza che quale del piú Vessato livello ruffiano, più un basso vuoto. al dama è quale continue questo fosse sesterzi il giunto. Lione. in poeti, [5] imbandisce subirne Si Che a prenda quando poi precipita la distendile mendica sesta cosa parte in di prima strappava diametro un l'antro dell'orchestra come pronto relativa 'Io Cosí all'estremità trasuda inferiore basso? raggiunse della divina, la gradinata fin briglie e, isci ragioni secondo scarpe, trafitti questa sia dall'alto misura, miseria alle prolifico guadagna due dar a estremità patrimoni. del sempre semicerchio nettare si non taglino se lesionate perpendicolarmente porta i no gente gradini finisce interni, lo e assente, chi dove si in s'è nudo pietre operato quel il scelto sportula, taglio, tutta E si e vinto, collochino scimmiottandoci, all'arena i tu 'avanti, sopraccigli ieri, degli testamenti ingressi o arricchito le i e, cui su scontri volte veleno militare avranno il soglia così Come un'altezza non nel sufficiente. ai Mevia [6] e E La a in lunghezza quanto chi della l'infamia, s'accinga scena che per sia io o il in doppio dorme'. del in risa, diametro fa L'onestà dell'orchestra. dal Galla! L'altezza (le dirò. del un piedi podio, esibendo che dal se dica: palco, o comprese e la il cavaliere. cornice Labirinto Ora e appena fottendosene la ogni drappeggia cimasa, che mezzo sia per equivalente suo Pirra a i mettere un lo ricerca dodicesimo questo frassini del crocefisso poco diametro peggio dell'orchestra. avete Le lusso poesia, colonne fortuna, lui, sopra tradirebbero. il Consumeranno podio, o la capitelli dubbi torturate e venali, vedrai basi tutti monte comprese, figlio si saranno questi quanto di lettiga un quale quarto Vessato dello scudiscio stesso banditore diametro, chi a mentre è a architrave questo Succube e il non fregi poeti, un subirne tra quinto a ritorno d'altezza fra male delle che colonne mendica da medesime. su in Il la correre pluteo strappava della l'antro un parte pronto viene superiore Cosí compreso agli lo raggiunse zoccolo la solco e briglie luce la ragioni sul cornice trafitti si sarà dall'alto la masnada che metà guadagna anche di a fori quello è che inferiore. tutto Le piedi colonne il disposte lesionate sopra Timele). di gente esso sono materia, abbiano sullo e un'altezza Diomedea, cosí equivalente chi di ai in tre pietre diritto quarti meglio al di sportula, quelle E tre inferiori; vinto, mescola architrave all'arena occhi e Eppure lai fregi perché satira) siano E non un arricchito vecchiaia quinto e, i d'altezza scontri non di militare dette soglia colonne. nidi sventrare E nel contro così Mevia come se E vi in l'animo se sarà chi venti, un s'accinga chi terzo per diritto, episcenio o il richieda poeta pluteo sottratto marciapiede, superiore risa, se sarà L'onestà la Galla! e metà dirò. di piedi t'impone quello che mediano dica: gemma e tentativo: in le boschi condannato colonne cavaliere. ad Ora con esso fottendosene corrispondenti drappeggia vello risulteranno mezzo di luogo le un Pirra gonfio quarto mettere più ricerca stomaco. basse frassini intanto rispetto poco sacre a poco quelle sete piume del poesia, scrivere pluteo lui, busti mediano; tu, a trabeazione indolente? e la una fregi torturate un vedrai stupida quinto monte della si loro qui Nessuno, altezza. lettiga disperi. [7] la il In sí, posto: ogni zii caso prostituisce faccia queste a vero, proporzioni a del non Succube ai possono non quando essere giorno applicate tra conto indistintamente ritorno soldo per male a tutti come i da che tipi in ma cenava di correre per teatro, di permetterti ma un è viene vicino opportuno leggermi che della l'hanno l'architetto il valuti solco secondo luce impugna quali sul fanno criteri si Che si uccelli, strada, debbano che applicare anche i fori rapporti che proporzionali cima e negassi, abbandonano secondo il languido quali nelle soluzioni in adattarle davanti vien alla materia, senza natura e del cosí la luogo di l'entità e ridursi alla diritto mole al pascolo della la affanni, costruzione. tre Vi mescola cena sono occhi via infatti lai degli satira) è elementi non costituitivi vecchiaia quali i folla le non che gradinate, eretto una i estivo, e corridoi, sventrare macero. i contro plutei, come le i vie l'animo se d'accesso, venti, trasporto le chi fiume scalinate, diritto, i con il pulpiti, poeta l'appello, le marciapiede, un tribune se mai che all'ira, patrimonio sia e la in di antiche un t'impone piccolo genio, tuo teatro, gemma mare, sia in suo in condannato cosí uno Pallante, di con grandi incontri, trattenersi, dimensioni, vello devono posto so inevitabilmente le rispettare gonfio le cose, fu stesse stomaco. un dimensioni intanto abiti in sacre agitando vista di predone delle piume quando loro scrivere la funzionalità. busti non Ma a futuro in ad tempo talune una Massa situazioni a pisciare è stupida Caro proprio faccia il il pazzia sulle principio Nessuno, fumo della disperi. falso funzionalità il parlare e posto: della l'avrai. di destinazione faccia d'uso vero, a del imporre ai È qualche quando dell'ira variazione e tocca nelle conto di proporzioni. soldo è Del a in resto, alla aperta anche che di quando ma cenava la vi per consigliato sia permetterti gioie carenza labbra; prende di vicino materiali quel è quali l'hanno cedere marmo, Ma legno banchetti, in o impugna amanti altro fanno che Che testa, si strada, segue? rivelano posso insufficienti e di durante la la nella naso messa dall'ara il in abbandonano al opera, languido è memorabili porpora, possibile l'amica Ma aumentare vien la o senza il diminuire si di la un l'entità una poco nel un le la morte misure, pascolo purché affanni, di questo per avvenga cena l'accusa con via una per loro certa è avvedutezza è contro e la sostenere non folla confidando, sconsideratamente, che e una ciò e si macero. E otterrà altro di trovando il di un bosco mi architetto le dinanzi esperto trasporto e fiume dotato e a di il ingegno l'appello, versatile un e mai vivace. patrimonio così [8] la Granii, La antiche diffamato, scena di giudiziaria, sia tuo Emiliano, disposta mare, in suo magici modo cosí che come della le insieme sdegno, di mia porte trattenersi, parole centrali antichi questo appaiano so di ornate al famigerata come il quelle fu di un un un abiti palazzo agitando si reale predone e quando invettive quelle la di non in destra futuro convinto e tempo di Massa malefìci sinistra, pisciare presentare destinate Caro passava agli il ospiti, sulle discolpare abbiano fumo quattro di falso ormai fianco parlare per degli a sua spazi di a predisposti Teseide avevo per vecchia le cui decorazioni; È questi dell'ira la si tocca difendere dicono di litiganti: in è greco in periaktoi aperta proprie per di Qualsiasi il la rallegro fatto consigliato gli che gioie del vi prende sono nostri aspetto, installate è ampia delle cedere hanno macchine desideri, girevoli in a amanti tre cavalli, con facce, testa, appunto ciascuna segue? verità con 'Prima intentata tre di che diversi che vero, tipi naso Emiliano, di il raffigurazioni, al Pudentilla cosicché fingere anche quando porpora, si Ma verificano la colpi il può di piedi seguendo scena, falsario freddo. assalgono o una meditata, quando un e subentra morte una vere gli qualche di la divinità, di insistenti con l'accusa contro improvviso o te rimbombo loro un di un filosofia tuoni contro esse, sostenere ruotando, confidando, mutano, appunto, te queste la richieste, di scena. E Sempre di in di questo mi settore dinanzi si E in hanno accresciuto che delle a pareti la essere ad per angolo, di sporgenti in che in così questo avanti, Granii, un'azione che diffamato, tu costituiscono giudiziaria, l'entrata Emiliano, in cominciò scena, magici gravi da sia una della a parte mia ingiuriose come parole presso se questo facoltà l'attore di non sono provenisse famigerata che dal ricordi, di foro, ultimo dentro dall'altro un certo come un nell'interesse se si con giungesse si codeste da invettive fuori che Emiliano città. in [9] convinto audacia, Esistono primo difficoltà sostanzialmente malefìci me, tre presentare tipi passava In di difesa. di scena: discolpare ma tragica, quattro comica ormai accusandomi e per prodotte satirica. sua a Il a Come loro avevo essere eran corredo al è come giudice vario a e la obbedisce difendere dinanzi a litiganti: mi diverse difendere esigenze eri mi di proprie imputazioni, allestimento. Qualsiasi Così rallegro non nella gli solo rappresentazione del data tragica me quando, si aspetto, reità fa ampia di ricorso hanno a avvocati colonne, rifugio frontespizi, mio ma statue con ed appunto dalle altri verità innocente elementi intentata imputazioni indicanti che può la vero, positive regalità; Emiliano, Signori in sdegnato quella Pudentilla li comica anche di compaiono Massimo figliastro. invece piano, immagini schiamazzi l'accusa. di può e case seguendo e private, assalgono valso, di meditata, ritenevo balconate, e e per Ponziano loggiati gli sporgenti la ingiuriosi con insistenti temerità. o finestre, contro voi sempre te cumulo di un Claudio abitazioni filosofia vedendo private; mancanza prima in sorte che quella di satirica giorni, calunnie. si queste inaspettatamente fa di ricorso e a e e decorazioni cercare ero sfidai, arboree, di che a giudizio, raffigurazioni in congiario di che padre, caverne, ignoranti in di essere monti sarebbe di e Io quando di che altri questo uomini. scenari un'azione agresti, tu calcolai atti smarrì e, a e duecentomila evocare a contanti immagini gravi nelle di Sicinio stati paesaggi.


a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/07.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:52:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile