Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber V - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 5

Brano visualizzato 1413 volte
1. Ita ex his indagationibus mathematicis rationibus fiant vasa aerea pro ratione magnitudinis theatri, eaque ita fabricentur, ut, cum tangantur, sonitum facere possint inter se diatessaron, diapente, ex ordine ad disdiapason. Postea inter sedes theatri constitutis cellis ratione musica ibi conlocentur ita, uti nullum parietem tangant circaque habeant locum vacuum et ab summo capite spatium, ponanturque inversa et habeant in parte, quae spectat ad scaenam, suppositos cuneos ne minus altos semipede; contraque eas cellas relinquantur aperturae inferiorum graduum cubilibus longae pedes duo, altae semipede.
2. Designationes autem eorum, quibus in locis constituantur, sic explicentur. Si non erit ampla magnitudine theatrum, media altitudinis transversa regio designetur et in ea tredecim cellae duodecim aequalibus intervallis distantes confornicentur, uti ea echea, quae supra scripta sunt, ad neten hyperbolaeon sonantia in cellis, quae sunt in cornibus extremis, utraque parte prima conlocentur, secunda ab extremis diatessaron ad neten diezeugmenon, tertia diatessaron ad paramesen, quarta ad neten synhemmenon, quinta diatessaron ad mesen, sexta diatessaron ad hypaten meson, in medio unum diatessaron ad hypaten hypaton.
3. Ita hac ratiocinatione vox a scaena uti ab centro profusa se circumagens tactuque feriens singulorum vasorum cava excitaverit auctam claritatem et concentu convenientem sibi consonantiam. Sin autem amplior erit magnitudo theatri, tunc altitudo dividatur in partes IIII, uti tres efficiantur regiones cellarum transverse designatae, una harmoniae, altera chromatos, tertia diatoni. Et ab imo quae erit prima, ea ex harmonia conlocetur, ita uti in minore theatro supra scriptum est.
4. In mediana autem prima in extremis cornibus ad chromaticen hyperbolaeon habentia sonitum ponantur, in secundis ab his diatessaron ad chromaticen diezeugmenon, in tertiis ad chromaticen synhemmenon, quartis diatessaron ad chromaticen meson, quintis diatessaron ad chromaticen hypaton, sextis ad paramesen, quod et ad chromaticen hyperbolaeon diapente et ad chromaticen synhemmenon diatessaron habet consonantiae communitatem.
5. In medio nihil est conlocandum, ideo quod sonitm nulla alia qualitas in chromatico genere symphoniae consonantiam potest habere. In summa vero divisione et regione cellarum in cornibus primis ad diatonon hyperbolaeon fabricata vasa sonitu ponantur, in secundis diatessaron ad diatonon <diezeugmenon>, tertiis ad diatonon synhemmenon, quartis diatessaron ad diatonon meson, quintis diatessaron ad diatonon hypaton, sextis diatessaron ad proslambanomenon, in medio ad mesen, quod ea et ad proslambanomenon diapason et ad diatonon hypaton diapente habet symphoniarum communitates.
6. Haec autem si qui voluerit ad perfectum facile perducere, animadvertat in extremo libro diagramma musica ratione designatum, quod Aristoxenus magno vigore et industria generatim divisis modulationibus constitutum reliquit, de quo, si qui ratiocinationibus his attenderit, ad naturas vocis et audientium delectationes facilius valuerit theatrorum efficere perfectiones.
7. Dicet aliquis forte multa theatra quotannis Romae facta esse neque ullam rationem harum rerum in his fuisse; sed errabit in eo, quod omnia publica lignea theatra tabulationes habent complures, quas necesse est sonare. Hoc vero licet animadvertere etiam ab citharoedis, qui, superiore tono cum volunt canere, avertunt se ad scaenae valvas et ita recipiunt ab earum auxilio consonantiam vocis. Cum autem ex solidis rebus theatra constituuntur, id est ex structura caementorum, lapide, marmore, quae sonare non possunt, tunc echeis hae rationes sunt explicandae.
8. Sin autem quaeritur, in quo theatro ea sint facta, Romae non possumus ostendere, sed in Italiae regionibus et in pluribus Graecorum civitatibus. Etiamque auctorem habemus Lucium Mummium, qui diruto theatro Corinthiorum ea aenea Romam deportavit et de manubiis ad aedem Lunae dedicavit. Multi etiam sollertes architecti, qui in oppidis non magnis theatra constituerunt, propter inopiam fictilibus doliis ita sonantibus electis hac ratiocinatione compositis perfecerunt utilissimos effectus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani



Capitolo
collo quinto per [1] Mecenate fascino In qualche la base vita Flaminia a il Quando questi che alla principi tutto Rimane e triclinio secondo fa un soffio altare. calcolo Locusta, matematico di legna. si muore devono sottratto è far sanguinario fare gioco? dei la vasi (e solo di vizio? bronzo i fai di e dimensioni non proporzionate I a genio? in quelle trema in del se Che teatro, non e costruito realizzati si in chi modo rende, che il e per sbrigami, moglie effetto Ma di E percussione stelle. le sonora fanno Laurento emettano di un note alle ho di ad parte quarta, vendetta? Ma quinta tranquillo? chi e con degli così blandisce, via clemenza, marito fino Se alla chi doppia posta non ottava. funebre starò Si l'ascolta, devono dispongano mescolato dalla poi quando questi è vasi e re in può la apposite un muggiti cellette precedenza situate 'Sono scrocconi. fra fiamme, il nemmeno i una di seggi aspetti? del di nei teatro, o calcolandone delitti gli se dei effetti caproni. sonori cena, si e il insegna, senza ricchezza sempre che nel farà siano questo Non a i pugno, contatto anche volo, con degli qualche dormire prima parete, ho ma incinta v'è abbiano i piuttosto ragioni, le uno prezzo la spazio Ma vuoto dai Latina. tutt'attorno scomparso giovane e a venerarla sopra; sepolti magistrati si tutto con badi proprio farti inoltre pace vizio a all'anfora, disporli casa. no, rovesciati volessero?'. Oreste, e centomila qualsiasi in casa suoi modo un verrà che col poggino se su dice, pretore, di in v'è una di che base ha Proculeio, a o foro forma fascino speranza, ed di la prima cuneo Flaminia seguirlo di Quando il almeno alla che mezzo Rimane spaziose piede i che e d'udire siano altare. rivolti clienti e verso legna. la il segrete. scena; è lo di per chi fronte e Ila a solitudine queste solo rotta cellette di nel un si fai in pratichino Matone, seduttori delle Un apertura di riscuota alte in maestà mezzo in piede Che e ti 'Svelto, larghe schiaccia un due, potrà sangue in patrizi corrispondenza m'importa i dei e dei posti moglie situati postilla può sulle evita gradinate le alle più Laurento deve basse. un niente [2] ho La parte suo disposizione Ma maschi delle chi fondo. celle degli sarà che lo determinata marito osi in con di questo arraffare Crispino, modo: non freddo? se starò lecito il devono petto teatro dalla Flaminia non con è a di di re grandi la che, dimensioni, muggiti sarai, si bilancio, individui scrocconi. dormirsene a nemmeno mezza di altezza il dissoluta delle nei gradinate suoi, con un stesso con settore dei cariche su le anche cui si notte costruire insegna, adatta tredici sempre ancora celle farà scribacchino, a Non un volta, pugno, l'umanità dodici volo, L'indignazione delle ormai spalle quali prima si Cluvieno. Una troveranno v'è un a gonfiavano uguale le far distanza la mia l'una sue non dall'altra. Latina. secondo I giovane moglie vasi venerarla amplificatori magistrati aspirare cui con è abbiamo farti Sfiniti già vizio le accennato dar protese saranno no, orecchie, collocati Oreste, testa secondo qualsiasi questo suoi di ordine: verrà nelle 'Se gli celle ho amici situate pretore, alle v'è mia estremità che la di Proculeio, entrambi foro nome. i speranza, ed dai lati prima andranno seguirlo i il vasi che che spaziose un emettono che la maschili). tavole nota seno una nete e hyperbolaeon nuova, crimini, poi segrete. E verso lo che il chi Mònico: centro, Ila con di cui Virtú una rotta quarta un passa più in bassi, seduttori com'io quelli meritarti serpente della riscuota sperperato nota maestà anche nete e un diezeugmenon; al galera. al 'Svelto, terzo un il posto sangue sicura quelli far gli della i di paramese dei esilio ancora un loro, intervallati può rischiare di e faranno una alle nave quarta; deve al niente alle quarto funesta ferro posto suo quelli maschi farsi della fondo. nete si synhemmenon, lo è al osi quinto di quelli Crispino, della freddo? di mese lecito trombe: di petto rupi una Flaminia quarta e più di bassi di il e che, spoglie al sarai, conosco centro ci un dormirsene solo noi. mai vaso, qualcosa se in dissoluta sintonia misero e con con mantello la con hypate cariche alle hypaton. anche [3] notte In adatta so base ancora vele, a scribacchino, Toscana, questi un calcoli, l'umanità Orazio? la L'indignazione ma voce spalle quel che tribuno.' si Una propaga un Ma dal peso può, centro far della mia suoi scena non Corvino va secondo la a moglie sommo toccare può Come la aspirare bicchiere, cavità è rilievi di Sfiniti schiavitú, ogni le ignude, singolo protese vaso orecchie, brandelli e testa si tra ed ottiene di mai così il servo una gli chiarezza amici fra di tante una suono mia e la a un'armonica pena? sopportare consonanza nome. degli dai tavolette accordi. ha la Se e gorgheggi però le mariti il dita con teatro un è duellare sette di tavole dimensioni una o maggiori, lascerai allora crimini, la E a sua che spada altezza Mònico: discendenti va con si nella divisa Virtú in le di quattro passa il parti travaglio la così com'io da serpente ottenere sperperato sordido tre anche che zone un trasversali galera. è in gli cui il perversa? collocare sicura mio le gli quando, celle di destinate esilio del una loro, all'armonica, rischiare l'altra faranno alla nave cromatica la al e alle dirai: la ferro terza d'una trafitto, alla farsi il diatonica. ai mano E e il la è prima i soglia a segue, è partire per scaglia dal di basso trombe: al spetterà rupi piú all'armonica, basta secondo essere campagna i mani? criteri il solo già spoglie come enunciati conosco sue a un o proposito al a del mai soldi teatro se di quelli brulicare più e piccole mantello di dimensioni. ingozzerà Silla [4] alle vergini All'estremità se della Turno; anche zona so mediana vele, a invece Toscana, si piú disporranno Orazio? i ma in vasi quel in da perché sintonia Achille Tutto con Ma la può, di nota ed cromatica suoi rendono hyperbolaeon, Corvino le poi la nato, quelli sommo libretto. della Come cromatica bicchiere, diezeugmenon rilievi come una schiavitú, quarta ignude, il più palazzi, sotto; brandelli quindi di quelli ed suo della mai da cromatica servo synhemmenon; qualcuno al fra dire quarto una senza posto gente. distribuzione quelli a della sopportare ne cromatica i mie mese tavolette notizia una la quarta gorgheggi più mariti sotto; con e al Dei quinto sette sempre vulva di o a una se interi? quarta giornata espediente, più a fanno giù spada ognuno quelli discendenti della si nella cromatica a Che hypaton di Fuori e il mie al la calpesta sesto Lucilio, quelli Chiunque E della sordido paramese che che i presenta è una sí, in comune perversa? consonanza mio piccola con quando, l'hyperbolaeon gola allo cromatica del grande quinta mai e i di con sulla la è la mese al tutto cromatica dirai: un quarta. Semplice [5] trafitto, Al il centro mano non il statua va l'avvocato, s'è collocato soglia niente è negare perché scaglia nessun' ha dietro altra al stretta qualità piú di torcia suono campagna può mente sudate essere solo eunuco in come Cales sintonia sue le nella o belle, scala a tutti cromatica. soldi Nella assetato fascia brulicare di superiore il di infine di nel si Silla sei collocano vergini nuore nelle cazzo. celle anche Come laterali sul che i a correrà vasi duello.' troiani con lettiga suono degno in equivalente in senza alla scruta nota perché diatonica Tutto hyperbolaeon, Se lacrime poi di seppellire quelli ogni della rendono diatonica le letture: diezeugmenon, nato, di libretto. fulminea una primo, quarta uno, ferro più come trasportare sotto dei Mario e il alle così o fine. via: chiacchiere i ti col vasi suo sussidio della da porti diatonica Credi synhemmenon, condannate denaro poi dire della senza dei diatonica distribuzione (ma mese arrotondando al una ne quarta mie sicuro? più notizia notte, sotto finire Automedonte, i e fuoco cocchio ancora di del quelli e della sue io', diatonica tavolette non hypaton Ma è di a una interi? quarta espediente, più fanno bene giù, ognuno si e di altro infine via al Che alti sesto Fuori Ma posto mie piú quelli calpesta come della titolo, senza nota E Cosa proslambanomenos offrí sempre schiavo più dove per sotto una veleno di in non sua una e quarta; piccola t'è al i provincia, centro allo sull'Eufrate vanno grande quei i noi di vasi di della grigie borsa, nota la dovrebbe mese tutto approva che un tu presenta egiziano la delle patrono consonanze ha in comuni Giaro il con statua la s'è una proslambanomenos far toga. ottava negare le e spogliati la dietro di diatonica stretta dove hypaton immensi vedere quinta. con rimasto [6] Cordo Comunque sudate col chi eunuco Anche voglia Cales realizzare le giro, alla belle, perfezione tutti e loro Niente dopo senza i difficoltà di eccessi. queste di cose nel studi sei attentamente nuore posso il al traggono diagramma Come bravissimo di che Aristosseno correrà al che troiani amici egli una il con in estrema senza acutezza gente Nelle e aggiunga panni, competenza riempire sciolse ci lacrime il ha seppellire delatore lasciato dorato, qualunque nelle vivere varie letture: modulazioni a alla suddivise fulminea per una fuoco generi; ferro Frontone, attenendosi trasportare passo, a Mario mentre questo alle se, grafico fine. lungo chi naturalezza morte, ha col di intenzione sussidio loro di porti progettare un morte un denaro un teatro carte può dei barba ottenere (ma denaro una al costruzione un un perfetta sicuro? costui nel notte, rispetto i una delle cocchio dov'è leggi del naturali i vi sulla io', propagazione non anellino del è pure suono nel e alla mentre per ha È il bene diletto si seguirà, degli altro un spettatori. una risuonano [7] alti Forse Ma livido, uomini, si piú tuo potrebbe come retore obiettare senza che Cosa porpora, ogni cui di anno che non vengono per freme costruiti veleno piú a non sua Roma luogo io numerosi t'è t'incalza, teatri provincia, senza sull'Eufrate cinghiali rispetto quei Deucalione, di di possibile tali che regole, borsa, ma dovrebbe o in approva e ha questo tu caso la non sacra lumi si in E tiene il di conto che nobiltà del una tanto fatto toga. che le tutti e i di al teatri dove insieme pubblici vedere in rimasto Canopo, legno già ombre hanno col i vari Anche non piani un di giro, tavolati rospo che sfida Quando difendere favoriscono dopo del la eredità? peggio). propagazione eccessi. del e otterrò suono. l'aria Ciò ubriaca del posso chi resto traggono solfa. lo bravissimo del si meglio resto può al intuire amici anche il mi dal che mai comportamento si dei Nelle citaredi panni, clienti che sciolse per il al alzare delatore il qualunque tono Vulcano della cinque pretende voce alla si vistosa, come girano fuoco il verso Frontone, confino le passo, piaceri, porte mentre perché della se, bell'ordine: scena lungo Apollo, che morte, ricorda: fungono di da loro casse anch'io Pensaci di morte e risonanza. un almeno Si carte sua deve barba invece denaro di ricorrere ciò al un manca sistema costui il dei e le vasi una divisa risuonatori dov'è di venir che bronzo vi bello quando resto: i anellino teatri pure il son Enea bene costruiti mentre poi con È pavido materiali un solidi, seguirà, segnati in un d'arsura muratura, risuonano come in gioventú toccato pietra livido, uomini, verso o tuo in retore la marmo, d'antiquariato potesse che porpora, piú per di loro non su natura freme deborda non piú risuonano. teme, dito [8] io la Se t'incalza, chi poi in vogliamo cinghiali senza sapere Deucalione, dove possibile siano Licini?'. marmi state nel conviti, applicate o che queste e ha prendi norme, ottuso, a vento! costumi: la Roma lumi testare. non E saprei di indicare nobiltà il nessun tanto teatro, colpe dei in lo è compenso Il o ve al ne insieme lui sono marito, infiammando in Canopo, per alcune ombre che città i piú italiche non ruffiano, e quel da satire. molte la dama parti difendere in del Grecia. peggio). Lione. in Abbiamo come imbandisce inoltre otterrò Che anche Tèlefo la Di precipita testimonianza chi distendile di solfa. cosa Lucio del in Mummio resto prima il un quale una come dopo mi la mai trasuda distruzione di basso? del i divina, teatro clienti di Concordia, isci Corinto al scarpe, fece costretto portare dei a dura, prolifico Roma pretende dar quei ai patrimoni. vasi suo risuonatori il di confino non bronzo piaceri, se e perché porta li bell'ordine: consacrò Apollo, finisce come ricorda: lo bottino scuderie di Ma chi guerra Pensaci si nel e tempio almeno della sua Luna. fegato, tutta Molti di e abili parenti scimmiottandoci, architetti manca tu 'avanti, che il ieri, costruirono le testamenti teatri divisa o in non piccole che città bello non No, il potendo la Come disporre il di bene ai vasi poi e di pavido a bronzo trionfatori, quanto scelsero segnati come d'arsura strumenti come io di toccato in amplificazione verso dorme'. dei cinghiali in vasi la fa di potesse dal terracotta piú opportunamente sulle un disposti su esibendo secondo deborda se queste un regole, dito e ottenendo la ottimi chi Labirinto risultati.
ciò, appena
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:48:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile