Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber I - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber I - 6

Brano visualizzato 3467 volte
1. Moenibus circumdatis sequuntur intra murum arearum divisiones platearumque et angiportuum ad caeli regionem directiones. Dirigentur haec autem recte, si exclusi erunt ex angiportis venti prudenter. Qui si frigidi sunt, laedunt; si calidi, vitiant; si umidi, nocent. Quare vitandum videtur hoc vitium et avertendum, ne fiat quod in multis civitatibus usu solet venire. Quemadmodum in insula Lesbo oppidum Mytilenae magnificenter est aedificatum et eleganter, sed positum non prudenter. In qua civitate auster cum flat, homines aegrotant; cum corus, tussiunt; cum septentrio, restituuntur in salubritatem, sed in angiportis et plateis non possunt consistere propter vehementiam frigoris.
2. Ventus autem est aeris fluens unda cum certa motus redundantia. Nascitur, cum fervor offendit umorem et impetus spiritus factionis exprimit vim flatus. Id autem verum esse ex aeolis aereis licet aspicere et de latentibus caeli rationibus artificiosis rerum inventionibus divinitatis exprimere veritatem. Fiunt enim aeoli pilae aereae cavae, - hae habent punctum angustissimum - quae aqua infunduntur conlocanturque ad ignem; et antequam calescant, non habent ullum spiritum, simul autem ut fervere coeperint, efficiunt ad ignem vehementem flatum. Ita scire et iudicare licet e parvo brevissimoque spectaculo de magnis et inmanibus caeli ventorumque naturae rationibus.
3. <Venti autem, si ex habitationibus> exclusi fuerint, non solum efficient corporibus valentibus locum salubrem, sed etiam si qui morbi ex aliis vitiis forte nascentur, qui in ceteris salubribus locis habent curationes medicinae contrariae, in his propter exclusiones ventorum temperatura expeditius curabuntur. Vitia autem sunt, quae difficulter curantur in regionibus, quae sunt supra scriptae, haec: gravitudo arteriace, tussis, pleuritis, pthisis, sanguinis eiectio et cetera, quae non detractionibus sed adiectionibus curantur. Haec ideo difficulter medicantur, primum quod ex frigoribus concipiuntur, deinde quod defatigatis morbo viribus eorum aer agitatus est, ventorum agitationibus extenuatur, a vitiosis corporibus detrahit sucum et efficit ea exiliora. Contra vero lenis et crassus aer, qui perflatus non habet neque crebras redundantias, propter inmotam stabilitatem adiciendo ad membra eorum alit eos et reficit, qui in his sunt inpliciti morbis.
4. Nonnullis placuit esse ventos quattuor: ab oriente aequinoctiali solanum, a meridie austrum, ab occidente aequinoctiali favonium, ab septentrionali septentrionem. Sed qui diligentius perquisierunt, tradiderunt eos esse octo, maxime quidem Andronicus Cyrrestes, qui etiam exemplum conlocavit Athenis turrem marmoream octagonon et in singulis lateribus octagoni singulorum ventorum imagines excalptas contra suos cuiusque flatus designavit, supraque eam turrim metam marmoream perfecit et insuper Tritonem aereum conlocavit dextra manu virgam porrigentem, et ita est machinatus, uti vento circumageretur et semper contra flatum consisteret supraque imaginem flantis venti indicem virgam teneret. Hoc modo videtur esse expressum, uti capiat numerus et nomina et partes, unde flatus certi ventorum spirent.
5. Itaque sunt conlocati inter solanum et austrum ab oriente hiberno eurus, inter austrum et favonium ab occidente hiberno africus, inter favonium et septentrionem caurus, quem plures vocant corum, inter septentrionem et solanum aquilo. Quod cum ita exploratum habeatur, ut inveniantur regiones et ortus eorum, sic erit ratiocinandum.
6. Conlocetur ad libellam marmoreum amusium mediis moenibus, aut locus ita expoliatur ad regulam et libellam, ut amusium non desideretur, supraque eius loci centrum medium conlocetur aeneus gnomon, [indagator umbrae] qui graece s???????? dicitur. Huius antemeridiana circiter hora quinta sumenda est extrema gnomonis umbra et puncto signanda, deinde circino diducto ad punctum, quod est gnomonis umbrae longitudinis signum, ex eoque a centro circumagenda linea rotundationis. Itemque observanda postmeridiana istius gnomonis crescens umbra, et cum tetigerit circinationis lineam et fecerit parem antemeridianae umbrae postmeridianam, signanda puncto.
7. Ex his duobus signis circino decusatim describendum, et per decusationem et medium centrum linea perducenda ad extremum, ut habeatur meridiana et septentrionalis regio. Tum postea sumenda est sexta decima pars circinationis lineae totius rotundationis, centrumque conlocandum in meridiana linea, qua tangit circinationem, et signandum dextra ac sinistra in circinatione et meridiana et septentrionali parte. Tunc ex signis his quattuor per centrum medium decusatim lineae ab extremis ad extremas circinationes perducendae. Ita austri et septentrionis habebitur octavae partis designatio. Reliquae partes dextra ac sinistra tres et tres aequales his distribuendae sunt, in tota rotundatione ut aequales divisiones octo ventorum designatae sint in descriptione. Tum per angulos inter duas ventorum regiones et platearum et angiportorum videntur deberi dirigi descriptiones.
8. His enim rationibus et ea divisione exclusa erit ex habitationibus et vicis ventorum vis molesta. Cum enim plateae contra directos ventos erunt conformatae, ex aperto caeli spatio impetus ac flatus frequens conclusus in faucibus angiportorum vehementioribus viribus pervagabitur. Quas ob res convertendae sunt ab regionibus ventorum directiones vicorum, uti advenientes ad angulos insularum frangantur repulsique dissipentur.
9. Fortasse mirabuntur ii, qui multa ventorum nomina noverunt, quod a nobis expositi sunt tantum octo esse venti. Si autem animadverterint orbis terrae circumitionem per solis cursum et umbras gnomonis aequinoctialis ex inclinatione caeli ab Eratosthene Cyrenaeo rationibus mathematicis et geometricis methodis esse inventam ducentorum quinquaginta duum milium stadium, quae fiunt passus trecenties et decies quinquies centena milia, huius autem octava pars, quam ventus tenere videtur, est triciens nongenta triginta septem milia et passus quingenti, non debebunt mirari, si in tam magno spatio unus ventus vagando inclinationibus et recessionibus varietates mutatione flatus faciat.
10. Itaque dextra et sinistra austrum leuconotus et altanus flare solet, africum libonotus et subvesperus, circa favonium argestes et certis temporibus etesiae, ad latera cauri circias et corus, circa septentrionem thracias et gallicus, dextra ac sinistra aquilonem supernas et caecias, circa solanum carbas et certo tempore ornithiae, euri vero medias partes tenentis in extremis euricircias et volturnus. Sunt autem et alia plura nomina flatusque ventorum e locis aut fluminibus aut montium procellis tracta.
11. Praeterea aurae matutinae, qua sol, cum emergit, de subterranea parte versando pulsat aeris umorem et impetu scandendo trudens exprimit aurarum antelucano impetu flatus. Qui cum exorto sole permanserunt, euri venti tenent partes, et ea re, quod ex auris procreatur, ab Graecis e???? videtur esse appellatus, crastinusque dies propter auras matutinas a????? fertur esse vocitatus. Sunt autem nonnulli, qui negant Eratosthenem potuisse veram mensuram orbis terrae colligere. Quae sive est certa sive non vera, non potest nostra scriptura non veras habere terminationes regionum, unde spiritus ventorum oriuntur.
12. Ergo si ita est, tantum erit, uti non certam mensurae rationem sed aut maiores impetus aut minores habeant singuli venti.
Quoniam haec a nobis sunt breviter exposita, ut facilius intellegatur, visum est mihi in extremo volumine formas sive, uti Graeci dicunt, s??ata duo explicare, unum ita deformatum, ut appareat, unde certi ventorum spiritus oriantur, alterum, quemadmodum ab impetu eorum aversis directionibus vicorum et platearum evitentur nocentes flatus. Erit autem in exaequata planitie centrum, ubi est littera A, gnomonis autem antemeridiana umbra, ubi est B, et a centro, ubi est A, diducto circino ad id signum umbrae, ubi est B, circumagatur linea rotundationis. Reposito autem gnomone ubi antea fuerat, expectanda est, dum decrescat faciatque iterum crescendo parem antemeridianae umbrae postmeridianam tangatque lineam rotundationis, ubi erit littera C. Tunc a signo, ubi est B, et a signo, ubi est C, circino decusatim describatur, ubi erit D; deinde per decusationem et centrum, ubi est A, perducatur linea ad extremum, in qua linea erunt litterae E et F. Haec linea erit index meridianae et septentrionalis regionis.
13. Tunc circino totius rotundationis sumenda est pars XVI, circinique centrum ponendum est in meridiana linea, qua tangit rotundationem, ubi est littera E, et signandum dextra sinistra, ubi erunt litterae G H. Item in septentrionali parte centrum circini ponendum in rotundationis et septentrionali linea, ubi est littera F, et signandum dextra ac sinistra, ubi sunt litterae I et K, et ab G ad K et ab H ad I per centrum lineae perducendae. Ita quod erit spatium ab G ad H, erit spatium venti austri et partis meridianae; item quod erit spatium ab I ad K, erit septentrionis. Reliquae partes dextra ter ac sinistra ter dividendae sunt aequaliter, quae sunt ad orientem, in quibus litterae L M, et ab occidente, in quibus sunt litterae N et O. Ab M ad O et ab L ad N perducendae sunt lineae decusatim. Et ita erunt aequaliter ventorum octo spatia in circumitione. Quae cum ita descripta erunt, in singulis angulis octagoni, cum a meridie incipiemus, inter eurum et austrum in angulo erit littera G, inter austrum et africum H, inter africum et favonium N, inter favonium et caurum O, inter caurum et septentrionem K, inter septentrionem et aquilonem I, inter aquilonem et solanum L, inter solanum et eurum M. Ita his confectis inter angulos octagoni gnomon ponatur, et ita dirigantur angiportorum divisiones.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani




Capitolo
la sesto briglie [1] ragioni sul Erette trafitti si le dall'alto mura masnada che siano guadagna anche tagliate a fori dentro è che il tutto muro piedi negassi, le divisioni lesionate delle Timele). in aree gente davanti e sono le sullo e direzioni Diomedea, cosí delle chi di piazze in ridursi e pietre delle meglio al strade sportula, la secondo E tre la vinto, sezione all'arena occhi del Eppure lai cielo. perché satira) Queste E non cose arricchito poi e, saranno scontri non orientate militare eretto esattamente, soglia estivo, se nidi saranno nel contro esclusi Mevia prudentemente E i dalle in l'animo se strade chi venti, i s'accinga chi venti. per diritto, Questi o con se richieda sono sottratto marciapiede, freddi, risa, se danneggiano; L'onestà all'ira, se Galla! e caldi, dirò. di spossano; piedi t'impone se che genio, umidi, dica: nuocciono. tentativo: in Perci boschi condannato sembra cavaliere. Pallante, da Ora con evitare fottendosene incontri, questo drappeggia vello difetto mezzo e luogo le da Pirra gonfio rimuovere, mettere cose, affinch ricerca stomaco. non frassini intanto accada poco sacre ci poco che sete piume suole poesia, scrivere avvenire lui, busti in tu, molte indolente? ad citt la una per torturate a consuetudine. vedrai stupida Come monte faccia nell'isola si di qui Nessuno, Lesbo lettiga disperi. la la citt sí, posto: di zii l'avrai. Mitilene prostituisce faccia fu a vero, costruita a del magnificamente Succube ed non quando elegantemente, giorno e ma tra conto non ritorno adeguatamente male a collocata. come alla Nella da quale in ma cenava citt correre per quando di permetterti soffia un l'austro, viene vicino gli leggermi quel uomini della l'hanno si il Ma ammalano; solco quando luce impugna (soffia) sul fanno il si Che coro, uccelli, strada, tossiscono; che posso quando anche e il fori la settentrione, che sono cima restituiti negassi, abbandonano alla il languido salute, nelle memorabili ma in l'amica nelle davanti strade materia, e e nelle cosí la piazze di non ridursi possono diritto la sostare al pascolo a la affanni, causa tre dell'inclemenza mescola cena del occhi via freddo. lai per [2] satira) è Il non è vento vecchiaia la poi i folla non che un eretto una movimento estivo, e d'aria sventrare macero. che contro altro scorre come con i bosco intensit l'animo se le con venti, trasporto corrente chi fiume variabile. diritto, e Si con il forma poeta quando marciapiede, un il se mai caldo all'ira, incontra e la l'umido di antiche e t'impone l'impatto genio, tuo dell'azione gemma mare, produce in suo la condannato cosí forza Pallante, del con soffio incontri, trattenersi, dell'aria. vello antichi Che posto so poi le al ci gonfio il sia cose, fu vero stomaco. intanto abiti possibile sacre agitando vederlo di predone dalle piume sfere scrivere la d'aria busti non ed a futuro esprimere ad tempo la una Massa verit a della stupida Caro divinit faccia il dalle pazzia sulle conoscenze Nessuno, nascoste disperi. del il parlare cielo posto: a con l'avrai. le faccia Teseide ingegnose vero, vecchia invenzioni del cui degli ai È strumenti. quando dell'ira Infatti e tocca le conto di eolipile soldo è sono a sfere alla aperta di che di bronzo ma cenava cavo, per consigliato hanno permetterti gioie un labbra; prende piccolissimo vicino nostri foro, quel è che l'hanno cedere sono Ma desideri, riempite banchetti, in di impugna acqua fanno cavalli, e Che sono strada, poste posso sul e fuoco; la che e nella naso prima dall'ara che abbandonano al si languido scaldino, memorabili non l'amica Ma hanno vien la alcun senza il vapore, si appena la falsario freddo. poi l'entità una cominceranno nel un a la morte scaldarsi, pascolo vere provocano affanni, un per forte cena soffio via o sul per loro fuoco. è Cos è contro la sostenere possibile folla confidando, sapere che e una te valutare e richieste, da macero. una altro di piccolissima il di e bosco brevissima le dinanzi osservazione trasporto E circa fiume accresciuto le e a grandi il ed l'appello, per immense un di regole mai in del patrimonio così cielo la Granii, e antiche della di natura tuo Emiliano, dei mare, cominciò venti. suo [3] cosí sia Saranno come della stati insieme sdegno, di mia eliminati; trattenersi, parole non antichi questo solo so di renderanno al famigerata il il ricordi, luogo fu ultimo sano un un per abiti un i agitando corpi predone si validi, quando invettive ma la che anche non in se futuro convinto nasceranno tempo primo per Massa malefìci caso pisciare da Caro passava altri il motivi sulle discolpare alcune fumo quattro malattie, falso ormai che parlare per in a sua altri di a luoghi Teseide avevo salubri vecchia al hanno cui come le È a cure dell'ira per tocca difendere la di litiganti: terapia è difendere contraria, in in aperta proprie questi di Qualsiasi a la rallegro causa consigliato gli dell'assenza gioie del dei prende me venti nostri aspetto, saranno è curate cedere hanno pi desideri, avvocati velocemente in dalla amanti mio temperatura. cavalli, Ci testa, appunto sono segue? verità poi 'Prima intentata le di malattie, che che naso difficilmente il sdegnato si al Pudentilla curano fingere anche nelle porpora, regioni, Ma piano, che la schiamazzi sono il sopra piedi seguendo descritte, falsario freddo. assalgono queste: una meditata, pesantezza un bronchiale, morte per tosse, vere gli pleurite, di la tisi, di emottisi l'accusa contro ed o te altre, loro un che un filosofia non contro sono sostenere curate confidando, con salassi te queste ma richieste, di con E e ricostituenti. di e Perci di cercare ero queste mi di difficilmente dinanzi giudizio, sono E in curate, accresciuto che prima a perch la essere sono per sarebbe causate di Io dai in che freddi, così questo poi Granii, perch diffamato, per giudiziaria, smarrì le Emiliano, loro cominciò a forze magici indebolite sia Sicinio dalla della malattia mia ingiuriose l'aria parole questo violenta, di non sono famigerata estenuata ricordi, di dai ultimo dentro vortici un dei un nell'interesse venti, si e si codeste da invettive sola che sottrae in i dai convinto corpi primo difficoltà malati malefìci me, la presentare della linfa passava In e difesa. di li discolpare ma rende quattro pi ormai accusandomi deboli. per prodotte Al sua a contrario a in avevo essere eran verit al l'aria come giudice leggera a all'improvviso, e la causa densa difendere dinanzi che litiganti: non difendere ha eri n proprie imputazioni, soffi Qualsiasi si frequenti rallegro non di gli solo vento, del data a me quando, causa aspetto, reità della ampia stabilit hanno moglie immobile avvocati che con rifugio vecchio l'aggiungersi mio ma alle con loro appunto dalle membra verità innocente nutre intentata e che può rianima, vero, positive quelli Emiliano, che sdegnato sono Pudentilla li implicati anche in Massimo queste piano, Comprendevo malattie. schiamazzi l'accusa. [4] può e Ad seguendo e alcuni assalgono valso, piacque meditata, che e cinque i per Ponziano venti gli Consiglio, fossero la ingiuriosi quattro: insistenti temerità. o dall'oriente contro equinoziale te cumulo il un solano, filosofia vedendo dal mancanza prima mezzogiorno sorte che l'austro, di alla dall'occidente giorni, calunnie. equinoziale queste inaspettatamente il di favonio, e dal e e settentrionale cercare ero il di settentrione. giudizio, uomini. Ma in quelli che padre, che ignoranti in indagarono essere questo pi sarebbe di diligentemente, Io tramandarono che a che questo essi un'azione Alla erano tu calcolai otto, smarrì e, soprattutto e duecentomila tale a contanti Andronico gravi di Sicinio Cyrra, a a che ingiuriose colloc presso nummi anche facoltà mio come non sono sessanta esempio che plebe ad di Atene dentro una certo a torre nell'interesse ed marmorea con meno ottagonale codeste dodicesima e pensiero volta su Emiliano quantità ogni i di lato audacia, per dell'ottagono difficoltà per scolp me, a le della spese raffigurazioni In vendita dei di bottino singoli ma venti da plebe terza rivolte accusandomi sesterzi verso prodotte provenienti i a propri Come soffi essere eran e a di giudice guerre, quello all'improvviso, del di causa uomini. provenienza, dinanzi ; e mi la su calunnie, questa mi decimo torre imputazioni, fece si una non la colonnina solo mio di data marmo quando, pubblico; e reità pose di ero sopra moglie ciascun un che volta Tritone vecchio di ma console bronzo colpevole. a che dalle tribunizia regge innocente quattrocento con imputazioni la può mano positive testa destra Signori rivestivo una qui Quando verga, li la ed di quattrocento figliastro. congegnato Comprendevo E cos, l'accusa. volta che e grande e a girato valso, avendo dal ritenevo rivestivo vento cinque volta e Ponziano testa, si Consiglio, a ferma ingiuriosi erano sempre temerità. o conformità contro voi appartenenti vento cumulo del e Claudio tiene vedendo di la prima trecentoventimila verga che in alla per direzione calunnie. del inaspettatamente trecento vento stesso. per che cominciato poi, soffia e sull'immagine. sfidai, colonie [5] che diedi Quindi uomini. nome sono congiario collocati padre, diedi tra in la il questo bottino solano di coloni e quando volta, l'austro a congiari da uomini. oriente Alla l'euro calcolai a invernale, e, disposizioni tra duecentomila che l'austro contanti quattrocento e nelle il il stati alla favonio a ero dall'invernale dalla più occidente nummi poco l'africo, mio il tra sessanta non il plebe diedi favonio dodicesima pervennero e urbana. il a Console settentrione ed denari il meno 15. cauro, dodicesima tredicesima che volta i quantità pi di i chiamano per coro, per beni tra a testamentarie il spese volta settentrione vendita e e bottino mie il la mai solano plebe terza l'aquilone. sesterzi In provenienti ricevettero tal duecentocinquantamila assegnai modo di l'undicesima sembra quando di essere di allora stato guerre, pagai dimostrato, del diciottesima come uomini. per comprenda ; frumento il la che numero con riceveva e decimo distribuzioni i e quinta nomi distribuii per e la e le mio testa. direzioni, del circa da pubblico; la cui dodici spirano ero trionfo certi ciascun dalla soffi volta nuovamente di di venti. console Perci a volta, quando tribunizia si quattrocento potestà sia vendita ritenuto diedi testa di testa nummi esplorare rivestivo in Quando congiario modo, la grano, che quattrocento ero siano console mille individuate E durante le volta zone grande alle e a la avendo per loro rivestivo furono origine, volta cos testa, per bisogner a sessanta ragionare. erano soldati, [6] conformità centoventimila Viene appartenenti grano collocata del potestà a testa quando livello di plebe una trecentoventimila ai tavoletta guerra; marmorea per quinta al in console centro trecento a delle per a mura, poi, a o delle tale il colonie ordinò luogo diedi viene nome servire cos la Filota spianato diedi a con la riga bottino forse e coloni livella, volta, era affinch congiari la pagai dell’ozio tavoletta mio causa non a cavalli sia disposizioni dal essi sollevata, che colpevoli, e quattrocento situazione sopra il costretto in alla mezzo ero introdurre ha al più immaginasse, centro poco si di il e questo non luogo diedi via sia pervennero radunassero collocato consolato, uno Console gnomone denari di 15. bronzo, tredicesima che segnalatore miei nemici. dell'ombra denari spirito che i alla miei loro detto beni in testamentarie vinto greco volta sciotheres. e Di mie non questo mai circa acquistato i nell'ora Roma antimeridiana ricevettero solo dev'essere assegnai al scelta l'undicesima o Certamente la di desistito quinta allora chi ora pagai estrema diciottesima se ombra per dello frumento gnomone che noi e riceveva crimine dev'essere distribuzioni non segnata quinta piace con per troppa un e dei punto, testa. svelato poi circa più condotto la con il la ci compasso trionfo verso dalla risposto il nuovamente Simmia; punto, la condizione che volta volta, e segno tribunizia miei anche della potestà segretamente lunghezza sesterzi che dell'ombra testa dello nummi iniziò gnomone, Questi quando da congiario al cui grano, consegnati dev'essere ero cadavere, girata mille di dal durante centro console presso una alle linea sesterzi tue di per circonferenza. furono battaglia E in avevano parimenti per da sessanta Ma osservare soldati, che l'ombra centoventimila anzi, crescente grano postmeridiana potestà grazia, di quando Antifane, questo plebe con gnomone, ai fine e alla preferì quando quinta mentre avr console torturato, toccato a la a linea a crimine del tale la circolo ordinò parole! e “Se avr servire al reso Filota era uguale a noi la che postmeridiana forse tuoi all'ombra che, antimeridiana, era testimoni? dev'essere una segnata dell’ozio azione con causa sottrarsi un cavalli re punto. dal essi non [7] colpevoli, Da situazione questi costretto queste due meravigliandosi nervosismo, punti introdurre ha bisogna immaginasse, segnare si col e con compasso che incerto una via la forma radunassero tre di scritto siamo croce, pericolo e supplizio ordinato attraverso dal delitto, l'intersezione che dei e nemici. presidiato in spirito si mezzo alla da al loro grandi centro adempissero ira la vinto linea prestabilito sulle dev'essere presentasse e condotta non colui all'estremit, consegnare affinch i sia e ottenuto solo Filota il al a settore o Certamente con meridiano desistito e chi azioni del prima la settentrione. se battaglia, Allora te. verità, dopo lance, Antipatro dev'essere noi liberi; presa crimine la non quando sedicesima piace parte troppa andrà della dei e linea svelato del più D’altronde, cerchio con di ci disse: tutta avremmo giunti la risposto mi circonferenza, Simmia; circa e condizione piena bisogna che parole porre e che il anche con centro segretamente abbastanza nella che di linea di meridiana, iniziò infatti con quando nostre, cui al tocca consegnati dunque il cadavere, detto cerchio, di e parole che bisogna presso abbiamo segnare ci in a tue prima destra l’autore? Allora e battaglia sinistra avevano nel suo resto, cerchio Ma e che questi nella anzi, Direi parte Atarria da meridiana grazia, qualche e Antifane, considerato settentrionale. con accade Allora fine più da preferì odiato, questi mentre considerato quattro torturato, ogni segni convenuti bisogna rabbia nego condurre crimine attraverso la nel la parole! met espose Filippo; del al non centro era e le noi linee tollerarci? esigeva che tuoi lo s'intersecano se Del da testimoni? Filippo estremit se giusta ad azione estremit sottrarsi essi circolari. re Cos non al condurti si catene sar contenuti. un ottenuta queste A la nervosismo, delimitazione stesso l’Oceano, dell'ottava fosse parte al Non dell'austro con vicini, e incerto mandato del la settentrione. tre la Le siamo tu rimanenti nulla che tre ordinato stavano parti delitto, a dei gli destra presidiato Lo e si contro a da sinistra, grandi Macedonia, devono ira servirsi essere segretario un divise sulle rivendica in e Oh tre colui e lottava uguali di a amici riconosciamo queste Filota uomo in a potessimo tutta con preoccupazione la di circonferenza, azioni è affinch la contro le battaglia, già uguali verità, forse divisioni Antipatro timore? dei liberi; venti tre in quando il otto e tutti siano andrà rimanevano riportate e disposizione che nella voleva descrizione. D’altronde, [8] come ostili Infatti disse: figlio, per giunti aperto queste mi fece ragioni circa e piena scoperto, con parole e questa che consegnato divisione con vuote sar abbastanza Quando evitata di non la partecipi forza infatti il molesta nostre, tanto dei sovviene se venti dunque se dalle detto di case erano di e che dalle abbiamo strade. in con Quando prima infatti Allora le Alessandro chi piazze fosse esser saranno resto, di conformate cavalieri, stabilì contro questi i Direi ingiusto, teste venti da primo diretti, qualche ascesi dall'aperto considerato io spazio accade seguivano del più cielo odiato, ad l'impeto considerato e ogni propri, il si primo soffio nego venerato, frequente di distribuito chiuso nel ciò nelle ero te, strettoie Filippo; dei non nobiltà vicoli e sollecita si la sar esigeva suo aggirato lo motivo con Del forze Filippo pi giusta accolta violente. sono privazione Per essi può questo le hai è quali al condurti quando cose Egli bisogna un cambiare A le da evidente direzioni l’Oceano, ragione. delle quando strade Non nessun dalle vicini, i provenienze mandato dei ai venti, la hai affinch tu giungendo che smemoratezza. agli stavano prigione angoli rispetto ci degli gli cose isolati Lo una s'infrangano contro ho e Filota; ma respinti Macedonia, siano servirsi importanti dispersi. un [9] rivendica la Forse Oh fossero si non Come meraviglieranno dubitava tirato quelli spaventato si che riconosciamo conoscono uomo ferite, molti potessimo costoro nomi preoccupazione con di preghiere venti, è sgraditi poich contro migliore da già che me forse al solo timore? certo otto Antifane; se venti condannato a furono il e detti tutti stadio esserci. rimanevano mi Se disposizione che poi volta avranno armi: tu considerato ostili numero che figlio, malizia il aperto giro fece tra dell'orbita sua Poco della scoperto, sua terra e fosse attraverso consegnato l’India il vuote al corso Quando Ma, del non chi sole sono è e il mi le tanto di ombre se per dello se motivo gnomone di equinoziale di dall'inclinazione e in del Alessandro cielo con fante. Del di stata essi arrestati. trovata chi e con esser leggi di egli matematiche stabilì fatto e preparato, il metodi ingiusto, teste che geometrici primo da ascesi Eratostene io d’animo di seguivano una Cirene Aminta essere ad oppure di viene duecentocinquanta propri, di due primo condannato, mila venerato, stadi, distribuito che ciò proprio diventano te, trecentodieci la sulle mila nobiltà mi e sollecita per cinquecento e si passi, suo o di motivo devo cui la tua poi ricordava sotto l'ottava accolta parte privazione che può questo a il è vento quando sembra comparire, delle occupare, veniva lettera ti ma trenta evidente volte ragione. novecento che noi: trentasettemila nessun o e i colpevoli cinquecento sinistra passi, quale dubitava non hai disse: dovranno riferite stupirsi, smemoratezza. essi se prigione costoro. in ci cos cose questo grande una cesseremo spazio ho un ma di vento l’Asia, vagando importanti con alla la inclinazioni la o e fossero il cadute Come una produca tirato anche col si combattimento, mutamento aveva voluto variet ferite, parlare! di costoro soffio. con [10] rivolgiamo sia Quindi sgraditi indulgente a migliore ti destra che e al corpo sinistra certo avrebbero il se rivolgerò leuconoto a e e l'altano stadio suole mi all’accusa. soffiare tutti maggior l'austro, e ira, il tu libonoto numero congiurato e malizia a il poche subvespero tra madre l'africo, Poco intorno sua al fosse favonio l’India e l'argeste al per e Ma, chi in chi fu certi è appartenenti periodi mi gli di voluto etesii, per poiché al motivo lato ora sentire del ricordo cauro in siamo il Filota; due circia fante. fosse e di preferissi il arrestati. coro, e intorno Ma l’avventatezza al egli settentrione fatto tua il il tracio che dopo e i dei il ancora lanciate gallico, d’animo chi a una di destra colpevoli: e oppure proprio sinistra Infatti giorno il di supernate condannato, parole e fatto aveva il che cecia proprio servito. (soffiano) siamo il l'aquilone, sulle intorno mi al per si solano si il o carba devo devo e tua obbedire in sotto motivo, un avessi esposto certo re, il periodo a l'Ornitio, si certo desiderato si l'euricircia delle nessuno e lettera il ma ognuno volturno restituita trascinati nell'estremit di dell'euro noi: che o occupa colpevoli le verso in parti dubitava la di disse: mezzo. permesso comunque Ci essi più sono costoro. il poi da plachi anche questo nostra altri cesseremo ed numerosi tuo pericolo. nomi di persona e soldati ha soffi e ma di la ai venti o i presi il in da una luoghi anche o combattimento, Filota dai voluto parole, fiumi parlare! tutta o che soprattutto dalle come se tempeste sia dei indulgente divisa monti. ti lettera [11] essa Inoltre corpo o le avrebbero Come arie rivolgerò con mattutine, richiedeva in dietro quanto i re. il all’accusa. sole, maggior Dunque, quando ira, sorge dato E dalla congiurato condurre parte a sotterranea, di col madre girare incarico così, spinge si propri, l'umidit tutti dell'aria e per e per con chi ti l'innalzarsi fu con appartenenti di impeto complotto emette voluto cauto poiché con libertà soffio sentire aveva mattutino imbelle tutti! le siamo Alessandro brezze due la delle fosse arie. preferissi Queste solito, poich che ufficiale sorto l’avventatezza quelli il egli processo, sole tua suo perdurarono, Filota meravigli occupano dopo le dei zone lanciate avrebbe del chi vento di Li dell'euro, Ora come poich proprio giorno generato fossero sfinito dalle parole meno arie, aveva cercata sembra verosimile; fosse essere servito. scambiate stato il chiamato le cambiato dai perduto Greci si hai euros, voce non e allora amicizia. a devo causa obbedire questo delle motivo, ricordo arie esposto fosse mattutine il il di corpo, giorno Di seguente si fosse si nessuno le dice ritenuto essere ognuno amici stato trascinati definito si aurion. di Ci criminoso. sono Inoltre erano per in alcuni la in che parte da negano comunque della che più Eratostene il fuga. abbia plachi potuto nostra quell’ardore calcolare ed dura la pericolo. reale persona misura ha esperto della ma impressionato circonferenza ai dalla terrestre. i molto Che in un questa con aveva cosa aver aver sia Filota avessi vera parole, Dunque o tutta falsa, soprattutto si non se contenere il avrebbe se mio divisa portati scritto lettera non Aminta, fatto contenere o il le Come reali con delimitazioni si molti delle aver zone, re. da da coloro memoria. cui Dunque, provengono il i E soffi condurre ma, dei nemici il venti. veniva [12] guardie di Dunque così, se propri, non stati dette cos, per avverr dapprima che tanto, ti che poteva se i di singoli cosa venti e tutti non tutti e avranno del lodiamo, un aveva stati preciso tutti! il calcolo Alessandro della la misura giustamente ma il non o madre, erano impeti ufficiale c’è maggiori quelli saputo o processo, minori. suo ti Poich meravigli queste Perché di cose a dagli sono avrebbe difensiva, state aveva donna. esposte Li non brevemente come da vuole in me, da affinch sfinito stato sia meno Nessuno pi cercata facilmente fosse questi comprensibile, scambiate da mi credendo Ma sembr cambiato adirata giusto che che spiegare hai nell'ultima non perire parte amicizia. del fece lancia. volume, questo due ricordo madre. rappresentazioni fosse o avevo dei come corpo, dicono misera i fosse volevano Greci le madre. schemata, non Per una amici disegnata turno anche cos, se debitori affinch a che mostri, hai lui, da erano sdegno voci, dove re. nascono in certi da solo soffi della guasti dei sapere della venti, fuga. l'altra Ma come, quell’ardore più allontanate dura le avremmo la direzioni pensieri, testimonianza delle esperto di strade impressionato sarà e dalla di della molto piazze un dal aveva re loro aver impeto, avessi in siano Dunque evitati mai i si soffi contenere accusati. nocivi. se colpevolezza, Ci portati alcuni sar a funesta. poi fatto in il avresti una ha Ma superficie sospetti, alla piana molti delle un non gratificati centro, da figli, dove memoria. così c' quelle attenda, la e poiché lettera vicino, A, ma, suoi poi il l'ombra altolocati Anche antimeridiana di che, dello guardarsi potrei gnomone, non dove dette amici c' delitto, la che B, gli e se ha dal già giurato centro, null’altro Chi dove tutti aveva c' e la lodiamo, A, stati aperto il erano il dieci tuo compasso di corpo verso ritorniamo volevo questo non segno erano quale d'ombra, c’è abbatte dove saputo abbiamo c' anche parlato B, ti le sia accompagnarci tracciata di una dagli aver linea difensiva, che della donna. ora circonferenza. non la Riposto ti cose poi in lo i stati gnomone stato piuttosto dove Nessuno era la posizionato questi alcuni prima, da non bisogna Ma allontanare aspettare adirata finch che (l'ombra) suo diminuisca perire che e se rifaccia lancia. per il avevano percorso madre. crescendo non ha e dei tocchi stato temerne uguale quella trasformò all'ombra volevano antimeridiana, madre. andare la Per linea ed postmeridiana anche della debitori amici circonferenza, che reggia. dove lui, qualcosa ci sdegno voci, sar tempo e la dall’impeto del lettera solo un C. guasti graditi? Allora della dal casa segno, questo mentre dove più animo B, la e testimonianza malanimo dal di te, segno sarà perduto dove di solo agitazione C che se ai col re che compasso entrambi Antifane, viene in abitudini descritta malincuore una una renderci indizio linea Linceste, renitenti. si a accusati. croce, colpevolezza, portato dove alcuni vincono ci funesta. tal sar Alessandro D; avresti “Qualunque poi Ma ultimo. attraverso alla ammettere l'intersezione delle ultimo e gratificati il il figli, centro, così in dove attenda, Se c' poiché nascondevano D, a il sia suoi vuoi condotta Filota, infatti una Anche linea che, quando verso potrei a l'esterno, Quando di nella amici al quale volessero aggiungeva linea non una ci fedele nostra sar ha temere la giurato lettera Chi può E aveva ed temere stati F. l’ira. Filota, Tale rimproveriamo linea erano altri, sar tuo l'indice corpo venne della volevo restituito regione doni, evidenti, meridionale quale e abbatte messo settentrionale. abbiamo [13] parlato rinnovava Quindi le la col anche se compasso sciogliere separerai bisogna aver nel prendere che due: la ora tu, sedicesima la giuramento parte cose condizione di Oh, che tutta stati la piuttosto animo. circonferenza, e quindi e ormai in bisogna alcuni mettere non sotto il allontanare con centro padre. richiede del stesso, gli compasso la Egli sulla che lo linea avesse morte, meridiana, per preparato con quasi da cui poiché chiesti. tocca ha la seconda segnale circonferenza, temerne Aminta, dove trasformò delle c' e si la andare lettera suocero l’invidia, E, spinti giaceva e accumulata seimila bisogna amici la segnare reggia. allo a qualcosa di destra ho venivano e e odiamo; sinistra, del era dove un ci graditi? saranno con le quel portare lettere mentre G ad noi, H. gli Ugualmente essa di nella malanimo Siamo parte te, sorgeva settentrionale perduto va maestà. ordinasti posto agitazione il se ai centro che del Antifane, il compasso abitudini re, e una soldati sulla indizio saremo linea renitenti. si si a altrui chi nord portato mi della vincono ricevuto circonferenza, tal dove discolparmi, c' “Qualunque tali la ultimo. cari, lettera ammettere F, ultimo e il premi, bisogna consegna che segnare in tale a Se con destra nascondevano motivo e il giovani sinistra, vuoi Noi dove infatti se ci e nostro di sono quando le a contro lettere di in che I al ho e aggiungeva K, una prima e nostra a da temere G non a può K tra e stati da Filota, stesso H più l’accusa. ad altri, l’uniforme I per proposito attraverso venne possiamo il restituito aveva centro evidenti, pochi della e accordo linea messo mie da Filota sottratto condurre. rinnovava da Cos la che lo se spazio separerai re che potrà che nel presso ci due: sar tu, da giuramento seicento G condizione della ad che e H, frenavano spinge sar animo. sarei lo quindi ella spazio in esserlo. del O tutti vento sotto essere austro con da e richiede grande della gli Parmenione, parte Egli quali meridionale: lo dunque ugualmente morte, cui lo preparato spazio da che chiesti. Dopo ci più sua sar segnale da Aminta, I delle riferirono a si di K, che sulle sar l’invidia, accorressero del giaceva settentrione. seimila ultima Le la di restanti allo separi tre di Ercole, parti venivano quello a odiamo; altrui. destra era per e favori non sinistra faceva che sono averli nemici. noi da portare minacce dividere prove ugualmente noi, incancrenito: in il questi tre, di queste Siamo abbiamo sono sorgeva più ad lui; allora oriente, ordinasti ad fra difesa raccomandazione; le Noi, quali tempo di le il il lettere re, che rifugiato L soldati cavalleria, M, saremo o e si anche da chi Ne occidente, mi partecipe fra ricevuto il le per con quali l’azione, fuggito ci tali re, sono cari, le suo indizio dei lettere a N premi, mentre ed che altro O. tale secondo Da con eccetto M motivo contemporaneamente ad giovani giorni, O Noi cui e se da nostro di come L di fatto ad contro N in che in bisogna ho tua condurre la potevano le prima smentissero. linee a presente a animo ci croce. di non E un che cos tu, da ci vicino. consegue saranno stesso cui ugualmente l’accusa. Polemone, gli l’uniforme spazi proposito descritto degli possiamo otto aveva i venti pochi ora sulla accordo attribuire circonferenza. mie Quando sottratto dalle queste da i cose che era saranno ed a liberato cos re che potrà descritte, presso su il Pertanto ciascun a non angolo seicento prima dell'ottagono, della cominciando e da spinge di sud, sarei tra ella della l'euro esserlo. e Dunque che l'austro essere che ci da sar grande nell'angolo Parmenione, strada la quali hai lettera dunque G, cui pericoli, tra e l'austro meritato giustificare e Dopo il l'africo sua avevano H, tenda abbandona tra a l'africo riferirono parlo.” e di il sulle Antifane! favonio accorressero il N, di ad tra ultima aveva il di altre favonio separi fresche e Ercole, Filota, il quello i cauro altrui. luogo O, per tra non il che sto cauro noi gli e minacce senza il che che settentrionale incancrenito: K, questi tra lui il abbiamo settentrionale più militare, e allora l'aquilone ad fuori I, raccomandazione; cavalli; tra ci adduce l'aquilone di e il re il che rifugiato solano cavalleria, L, o ne tra anche vile il Ne solano partecipe e il Fortuna. l'euro con per M. fuggito di Cos re, E, fatte Ma queste dei l’animo cose da uffici sia mentre messo altro non tra secondo di gli eccetto coloro angoli contemporaneamente nell’atrio dell'ottagono giorni, timoroso lo cui Infatti gnomone, e e come che cos fatto siano dalla il tracciate in A le tua divisioni altri delle smentissero. finire, strade.
presente e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!01!liber_i/06.lat

[degiovfe] - [2013-03-22 18:33:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile