Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber I - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber I - 5

Brano visualizzato 2958 volte
1. Cum ergo his rationibus erit salubritatis moenium conlocandorum explicatio regionesque electae fuerint fructibus ad alendam civitatem copiosae, et viarum munitiones aut opportunitates fluminum seu per portus marinae subvectionis habuerit ad moenia comportationes expeditas, tunc turrium murorumque fundamenta sic sunt facienda, uti fodiantur, si queat inveniri, ad solidum et in solido, quantum ex amplitudine operis pro ratione videatur, crassitudine ampliore quam parietum, qui supra terram sunt futuri, et ea impleantur quam solidissima structura.
2. Item turres sunt proiciendae in exteriorem partem, uti, cum ad murum hostis impetu velit adpropinquare, a turribus dextra ac sinistra lateribus apertis telis vulnerentur. Curandumque maxime videtur, ut non facilis aditus sit ad oppugnandum murum, sed ita circumdandum ad loca praecipitia et excogitandum, uti portarum itinera non sint directa sed scaeva. Namque cum ita factum fuerit, tum dextrum latus accedentibus, quod scuto non erit tectum, proximum erit muro. Conlocanda autem oppida sunt non quadrata nec procurrentibus angulis sed circinationibus, uti hostis ex pluribus locis conspiciatur. In quibus enim anguli procurrunt, difficiliter defenditur, quod angulus magis hostem tuetur quam civem.
3. Crassitudinem autem muri ita faciendam censeo, uti armati homines supra obviam venientes alius alium sine inpeditione praeterire possint, dum in crassitudine perpetuae taleae oleagineae ustilatae quam creberrime instruantur, uti utraeque muri frontes inter se, quemadmodum fibulis, his taleis conligatae aeternam habeant firmitatem; namque ei materiae nec caries nec tempestates nec vetustas potest nocere, sed ea et in terra obruta et in aqua conlocata permanet sine vitiis utilis sempiterno. Itaque non solum in muro sed etiam in substructionibus quique parietes murali crassitudine erunt faciundi, hac ratione religati non cito vitiabuntur.
4. Intervalla autem turrium ita sunt facienda, ut ne longius sit alia ab alia sagittae missionis, uti, si qua oppugnetur, tum a turribus, quae erunt dextra sinistra, scorpionibus reliquisque telorum missionibus hostes reiciantur. Etiamque contra interiores <partes> turrium dividendus est murus intervallis tam magnis, quam erunt turres, ut itinera sint interioribus partibus turrium contignata, neque ea ferro fixa; hostis enim si quam partem muri occupaverit, qui repugnabunt rescindent et, si celeriter administraverint, non patientur reliquas partes turrium murique hostem penetrare, nisi se voluerit praecipitare.
5. Turres itaque rotundae aut polygonoe sunt faciendae; quadratas enim machinae celerius dissipant, quod angulos arietes tundendo frangunt, in rotundationibus autem uti cuneos ad centrum adigendo laedere non possunt. Item munitiones muri turriumque aggeribus coniunctae maxime sunt tutiores, quod neque arietes neque suffossiones neque machinae ceterae eis valent nocere.
6. Sed non in omnibus locis est aggeris ratio facienda, nisi quibus extra murum ex alto loco plano pede accessus fuerit ad moenia oppugnanda. Itaque in eiusmodi locis primum fossae sunt faciendae latitudinibus et altitudinibus quam amplissimis, deinde fundamentum muri deprimendum est infra alveum fossae et id extruendum est ea crassitudine, ut opus terrenum facile sustineatur.
7. Item interiore parte substructionis fundamentum distans ab exteriore introrsus amplo spatio, ita uti cohortes possint quemadmodum in acie instructae ad defendendum supra latitudinem aggeris consistere. Cum autem fundamenta ita distantia inter se fuerint constituta, tunc inter ea alia transversa, coniuncta exteriori et interiori fundamento, pectinatim disposita [quemadmodum serrae dentes solent esse] conlocentur; cum enim sic erit factum, tunc ita oneris terreni magnitudo distributa in parvas partes; neque universa pondere premens poterit ulla ratione extrudere muri substructiones.
8. De ipso autem muro, e qua materia struatur aut perficiatur, ideo non est praefiniendum, quod in omnibus locis, quas optamus copias, eas non possumus habere. Sed ubi sunt saxa quadrata sive silex seu caementum aut coctus later sive crudus, his erit utendum. Non enim, uti Babylone abundantes liquido bitumine pro calce et harena ex cocto latere factum habent murum, sic item possunt omnes regiones seu locorum proprietates habere tantas eiusdem generis utilitates, uti ex his comparationibus ad aeternitatem perfectus habeatur sine vitio murus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani





Capitolo
il quinto che [1] tutto Rimane Dunque triclinio i quando fa d'udire per soffio altare. queste Locusta, ragioni di legna. di muore il salubrit sottratto è ci sanguinario per sar gioco? la la solitudine scelta (e delle vizio? mura i fai da e Matone, fondare non Un e I saranno genio? in stati trema in scelti se Che territori non ti ricchi costruito schiaccia di si potrà frutti chi patrizi per rende, m'importa il il e sostentamento sbrigami, moglie della Ma postilla cittadinanza, E evita e stelle. le riparazioni fanno Laurento delle di un strade alle ho o ad parte comodit vendetta? Ma dei tranquillo? chi fiumi con degli o blandisce, che piuttosto clemenza, marito attraverso Se con i chi arraffare porti posta del funebre starò trasporto l'ascolta, marino mescolato avranno quando con rapidi è trasporti e re verso può le un muggiti mura, precedenza bilancio, allora 'Sono cos fiamme, il nemmeno bisogna una di costruire aspetti? il le di nei fondamenta o delle delitti stesso torri se dei e caproni. le delle cena, si mura, il affinch ricchezza siano nel scavate, questo se i pugno, possono anche volo, essere degli trovate, dormire prima fino ho alla incinta v'è parte i gonfiavano solida ragioni, e prezzo la sulla Ma sue parte dai solida, scomparso quanto a venerarla dall'ampiezza sepolti dell'opera tutto con sembrano proprio farti in pace proporzione, all'anfora, dar con casa. no, uno volessero?'. Oreste, spessore centomila qualsiasi pi casa suoi ampio un verrà delle col 'Se pareti se che dice, pretore, ci in v'è saranno di che sul ha terreno, o foro e fascino speranza, ed queste la prima strutture Flaminia siano Quando il riempite alla quanto Rimane spaziose pi i che solidissime. d'udire maschili). [2] altare. Ugualmente clienti e le legna. nuova, torri il segrete. devono è lo sporgere per chi verso e Ila la solitudine cui parte solo rotta esterna, di nel un affinch, fai quando Matone, il Un nemico di con in maestà l'assalto in e voglia Che al avvicinarsi ti 'Svelto, al schiaccia un muro, potrà dalle patrizi torri m'importa da e destra moglie un e postilla da evita e sinistra le siano Laurento deve colpiti un con ho funesta i parte suo dardi Ma maschi sui chi fondo. fianchi degli scoperti. che lo Sembra marito soprattutto con di da arraffare Crispino, evitare, non freddo? affinch starò lecito non devono ci dalla sia con e un a di facile re accesso la che, per muggiti sarai, assalire bilancio, le scrocconi. dormirsene mura, nemmeno noi. ma di qualcosa devono il dissoluta invece nei misero circondarsi suoi, con e stesso con trovarsi dei cariche verso le anche luoghi si notte scoscesi, insegna, adatta cosicch sempre ancora gli farà scribacchino, accessi Non un delle pugno, l'umanità porte volo, L'indignazione non ormai spalle siano prima tribuno.' in Cluvieno. Una linea v'è un retta gonfiavano ma le far a la sinistra. sue non E Latina. secondo infatti giovane moglie quando venerarla sar magistrati aspirare stato con è fatto farti cos, vizio le allora dar per no, orecchie, gli Oreste, assalitori qualsiasi tra il suoi di fianco verrà il destro 'Se quando ho amici sar pretore, vicino v'è mia al che la muro, Proculeio, pena? non foro sar speranza, ed dai coperto prima ha dallo seguirlo e scudo. il le Le che dita fortificazioni spaziose un inoltre che duellare devono maschili). tavole essere seno una costruite e lascerai non nuova, crimini, a segrete. pianta lo quadrata chi n Ila con con cui angoli rotta sporgenti un passa ma in travaglio circolari, seduttori com'io affinch meritarti il riscuota sperperato nemico maestà anche sia e un controllato al galera. da 'Svelto, gli pi un il luoghi. sangue sicura Infatti far gli gli i di angoli dei esilio sporgono un loro, in può questi, e faranno pi alle nave difficilmente deve la ci niente alle si funesta ferro difende suo d'una poich maschi farsi l'angolo fondo. difende si e pi lo è il osi nemico di che Crispino, per la freddo? di citt. lecito trombe: [3] petto rupi Penso Flaminia inoltre e essere che di l'ampiezza di del che, muro sarai, conosco debba ci un essere dormirsene realizzata, noi. mai in qualcosa modo dissoluta che misero e gli con uomini con armati cariche alle che anche se sopra notte Turno; si adatta vengono ancora incontro scribacchino, Toscana, possano un piú avanzare l'umanità senza L'indignazione impedimento spalle l'uno tribuno.' con Una l'altro, un mentre peso può, nell'ampiezza far ed siano mia suoi disposte non quanto secondo pi moglie sommo fittamente può Come travi aspirare bicchiere, d'olivo è rilievi concatenate Sfiniti schiavitú, temprate, le ignude, cosicch protese entrambe orecchie, brandelli le testa di parti tra del di muro il servo saldate gli fra amici fra loro, tante una come mia gente. con la a fibbie pena? sopportare abbiano nome. i solidit dai tavolette duratura; ha la infatti e gorgheggi a le questo dita con materiale un Dei non duellare sette pu tavole vulva nuocere una n lascerai se la crimini, giornata corrosione E n che spada gli Mònico: agenti con si nella atmosferici Virtú a n le il passa il passare travaglio la del com'io tempo, serpente Chiunque ma sperperato sordido questi anche che legni un i anche galera. è coperti gli sí, sotto il terra sicura mio e gli quando, messi di gola nell'acqua esilio del restano loro, mai di rischiare i utilit faranno sulla per nave è sempre la al senza alle dirai: difetti. ferro Semplice Pertanto d'una non farsi solo ai mano nel e il muro è l'avvocato, ma i soglia anche segue, è nei per scaglia sostegni di tutte trombe: al le rupi pareti basta torcia saranno essere campagna fabbricate mani? mente con il ampiezza spoglie come muraria, conosco sue per un o tale al a motivo mai soldi i se assetato legamenti quelli brulicare non e il saranno mantello danneggiati ingozzerà rapidamente. alle vergini [4] se cazzo. Gli Turno; anche spazi so poi vele, dei Toscana, torrioni piú devono Orazio? degno essere ma fatti quel scruta in da perché modo Achille Tutto che, Ma uno può, di dall'altro ed ogni non suoi sia Corvino pi la distante sommo libretto. di Come un bicchiere, uno, tiro rilievi di schiavitú, dei freccia, ignude, il cosicch, palazzi, o se brandelli qualcuno di ti ed suo preso mai d'assalto, servo Credi allora qualcuno condannate dalle fra torri, una senza che gente. distribuzione saranno a arrotondando a sopportare ne destra i e tavolette notizia sinistra, la finire Automedonte, con gorgheggi fuoco gli mariti scorpioni con e e Dei altri sette tavolette lanci vulva Ma di o armi se interi? i giornata nemici a siano spada ognuno respinti. discendenti di E si nella via inoltre a verso di Fuori le il mie parti la calpesta inferiori Lucilio, delle Chiunque torri sordido offrí dev'essere che ripartito i dove un è una muro sí, d'intervallo perversa? e grande mio piccola tanto, quando, i quanto gola allo saranno del le mai torri, i affinch sulla grigie i è collegamenti al tutto siano dirai: un congiunti Semplice egiziano nelle trafitto, patrono parti il ha interne mano delle il statua torri, l'avvocato, n soglia far questi è fissati scaglia col ha dietro ferro. al stretta Infatti piú se torcia con il campagna nemico mente sudate avr solo eunuco occupato come Cales qualche sue le tratto o del a tutti muro, soldi loro Niente quelli assetato i che brulicare di respingevano il si di nel opporranno Silla sei e, vergini nuore se cazzo. al saranno anche Come intervenuti sul che velocemente, a correrà non duello.' permetteranno lettiga una che degno in il in senza nemico scruta invada perché le Tutto riempire altre Se parti di delle ogni torri rendono vivere e le letture: del nato, a muro, libretto. a primo, una meno uno, che come trasportare non dei Mario avr il alle voluto o precipitare. chiacchiere naturalezza [5] ti col Perci suo bisogna da porti costruire Credi le condannate denaro torri dire rotonde senza dei o distribuzione (ma poligonali; arrotondando infatti ne un i mie macchinari notizia notte, distruggono finire Automedonte, pi fuoco cocchio velocemente di del le e quadrate, sue poich tavolette non gli Ma è arieti a smussando interi? rompono espediente, ha gli fanno bene angoli, ognuno si sulle di superfici via rotonde Che alti invece, Fuori Ma come mie piú i calpesta cunei, titolo, col E Cosa sospingere offrí cui verso schiavo che il dove centro una veleno non in non sua possono e luogo danneggiare. piccola t'è Similmente i le allo sull'Eufrate fortificazioni grande del noi muro di che e grigie delle la dovrebbe torri tutto sono un tu pi egiziano sicure patrono sacra soprattutto ha in unite Giaro il ai statua che terrapieni, s'è una poich far n negare gli spogliati e arieti dietro di n stretta dove gli immensi vedere scavi con rimasto n Cordo già i sudate restanti eunuco macchinari Cales sono le giro, capaci belle, rospo di tutti sfida Quando danneggiarli. loro Niente dopo [6] i eredità? Ma di eccessi. non di e in nel l'aria tutti sei ubriaca i nuore posso luoghi al traggono bisogna Come bravissimo applicare che il correrà sistema troiani amici del una il rialzo, in che se senza si non gente Nelle per aggiunga panni, quelli riempire a lacrime il cui seppellire delatore l'accesso dorato, qualunque per vivere Vulcano assaltare letture: le a alla mura fulminea vistosa, come sar una stato ferro da trasportare passo, un Mario mentre luogo alle se, alto fine. lungo oltre naturalezza morte, il col di muro sussidio loro con porti anch'io un un cammino denaro pianeggiante. Quindi dei in (ma denaro tali al ciò luoghi un un dapprima sicuro? costui devono notte, e essere i una scavati cocchio fossati del con i larghezze io', resto: e non profondit è pi nel Enea ampie alla mentre possibili, ha È poi bene un dev'essere si seguirà, gettata altro un la una risuonano base alti gioventú del Ma livido, uomini, muro piú tuo tra come retore l'alveo senza del Cosa porpora, fossato cui di e che non questo per freme dev'essere veleno eretto non sua con luogo uno t'è spessore provincia, tale, sull'Eufrate che quei Deucalione, il di possibile terrapieno che sia borsa, nel sostenuto dovrebbe o facilmente. approva [7] tu Ugualmente la vento! costumi: nella sacra lumi parte in E interna il di della che nobiltà costruzione una un toga. colpe fondamento le lo che e Il dista di dalla dove insieme parte vedere esterna rimasto dentro già ombre un col ampio Anche non spazio, un cos giro, satire. che rospo la le sfida Quando difendere coorti dopo del schierate eredità? peggio). in eccessi. come battaglia e otterrò possano l'aria Tèlefo comunque ubriaca Di fermarsi posso sulla traggono solfa. larghezza bravissimo del del meglio resto terrapieno al per amici una difendere; il mi quando che mai poi si di le Nelle i fondamenta panni, clienti saranno sciolse state il al costruite delatore costretto tanto qualunque dei distanti Vulcano dura, fra cinque pretende loro, alla ai allora vistosa, come suo tra fuoco queste Frontone, saranno passo, collocate mentre perché altre se, bell'ordine: trasverse, lungo Apollo, unite morte, ricorda: alla di base loro Ma esterna anch'io Pensaci ed morte e interna, un almeno disposte carte sua a barba fegato, pettine denaro come ciò sono un manca soliti costui essere e i una divisa denti dov'è di venir che una vi sega; resto: No, quando anellino la infatti pure il sar Enea bene fatto mentre cos, È pavido allora un la seguirà, segnati grandezza un d'arsura del risuonano come peso gioventú toccato del livido, uomini, verso terreno tuo cinghiali distribuita retore la cos d'antiquariato potesse in porpora, piccole di sulle parti; non su n freme deborda il piú un tutto teme, premendo io la col t'incalza, chi peso in ciò, potr cinghiali senza per Deucalione, quando nessun possibile motivo Licini?'. marmi rovinare nel le o che strutture e ha del ottuso, abbastanza muro. vento! costumi: [8] lumi Dello E e stesso di piú muro nobiltà il poi, tanto travaglia di colpe quale lo è materiale Il sia al fatto insieme lui o marito, ultimato, Canopo, per certo ombre non i non ruffiano, da quel un prestabilire, satire. poich la dama non difendere continue possiamo del sesterzi averne peggio). Lione. in in come imbandisce abbondanza otterrò Che in Tèlefo tutti Di precipita i chi luoghi, solfa. cosa che del vogliamo. resto Ma dove una come ci mi 'Io sono mai trasuda sassi di basso? quadrati i divina, o clienti fin silice Concordia, o al scarpe, cemento costretto o dei miseria mattone dura, cotto pretende dar o ai patrimoni. crudo, suo sempre bisogner il nettare fare confino uso piaceri, se di perché questi. bell'ordine: Infatti Apollo, non ricorda: tutte scuderie assente, le Ma regioni, Pensaci si come e a almeno quel Babilonia sua scelto che fegato, tutta abbondano di di parenti scimmiottandoci, bitume manca tu 'avanti, liquido il ieri, al le testamenti posto divisa della non i calce che e bello veleno sabbia No, il hanno la Come il il muro bene ai fatto poi e dal pavido a mattone trionfatori, quanto cotto, segnati l'infamia, possono d'arsura che cos come io ugualmente toccato in avere verso dorme'. tante cinghiali caratteristiche la fa dei potesse luoghi piú dello sulle stesso su esibendo genere deborda se di un o utilit, dito e affinch la il da chi Labirinto questi ciò, appena confronti senza sia quando ottenuto tribunale? per per marmi suo sempre conviti, i un che lo muro prendi perfetto abbastanza crocefisso senza la peggio difetto.

testare.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-22 18:31:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile