Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber I - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber I - 4

Brano visualizzato 6640 volte
1. In ipsis vero moenibus ea erunt principia. Primum electio loci saluberrimi. Is autem erit excelsus et non nebulosus, non pruinosus regionesque caeli spectans neque aestuosas neque frigidas sed temperatas, deinde si vitabitur palustris vicinitas. Cum enim aurae matutinae cum sole oriente ad oppidum pervenient et his ortae nebulae adiungentur spiritusque bestiarum palustrium venenatos cum nebula mixtos in habitatorum corpora flatu spargent, efficient locum pestilentem. Item si secundum mare erunt moenia spectabuntque ad meridiem aut occidentem, non erunt salubria, quod per aestatem caelum meridianum sole exoriente calescit, meridie ardet; item quod spectat ad occidentem, sole exorto tepescit, meridie calet, vespere fervet.
2. Igitur mutationibus caloris et refrigerationis corpora, quae in his locis sunt, vitiantur. Hoc autem licet animadvertere etiam ex iis, quae non sunt animalia. In cellis enim vinariis tectis lumina nemo capit a meridie nec ab occidente, sed a septentrione, quod ea regio nullo tempore mutationes recipit sed est firma perpetuo et inmutabilis. Ideo etiam ea granaria, quae ad solis cursum spectant, bonitatem cito mutant, obsoniaque et poma, quae non in ea parte caeli ponuntur, quae est aversa a solis cursu, non diu servantur.
3. Nam semper calor cum excoquit e rebus firmitatem et vaporibus fervidis eripit exsugendo naturales virtutes, dissolvit eas et fervore mollescentes efficit inbecillas. Ut etiam in ferro animadvertimus, quod, quamvis natura sit durum, in fornacibus ab ignis vapore percalefactum ita mollescit, uti in omne genus formae faciliter fabricetur; et idem, cum molle et candens refrigeretur tinctum frigida, redurescit et restituitur in antiquam proprietatem.
4. Licet etiam considerare haec ita esse ex eo, quod aestate non solum in pestilentibus locis sed etiam in salubribus omnia corpora calore fiant inbecilla, et per hiemem etiam quae pestilentissimae sint regiones efficiantur salubres, ideo quod a refrigerationibus solidantur. Non minus etiam quae ab frigidis regionibus corpora traducuntur in calidas, non possunt durare sed dissolvuntur; quae autem ex calidis locis sub septentrionum regiones frigidas, non modo non laborant inmutatione loci valetudinibus sed etiam confirmantur.
5. Quare cavendum esse videtur in moenibus conlocandis ab iis regionibus, quae caloribus flatus ad corpora hominum possunt spargere. Namque <e> principiis, quae Graeci st???e?a appellant, ut omnia, corpora sunt composita, id est e calore et umore, terreno et aere, et ita mixtionibus naturali temperatura figurantur omnium animalium in mundo generatim qualitates.
6. Ergo in quibus<vis> corporibus cum exsuperat e principiis calor, tunc interficit dissolvitque cetera fervore. Haec autem vitia efficit fervidum ab certis partibus caelum, cum insidit in apertas venas plus quam patitur e mixtionibus naturali temperatura corpus. Item si umor occupavit corporum venas inparesque eas fecit, cetera principia liquido corrupta diluuntur, et dissolvuntur compositionibus virtutes. Item haec e refrigerationibus umoris ventorum et aurarum infunduntur vitia corporibus. Non minus aeris etiamque terreni in corpore naturalis compositio augendo aut minuendo infirmat cetera, principia terrena cibi plenitate, aer gravitate caeli.
7. Sed si qui voluerit diligentius haec sensu percipere, animadvertat attendatque naturas avium et piscium et terrestrium animalium, et ita considerabit discrimina temperaturae. Aliam enim mixtionem habet genus avium, aliam piscium, longe aliter terrestrium natura. Volucres minus habent terreni, minus umoris, caloris temperate, aeris multum; igitur levioribus principiis compositae facilius in aeris impetum nituntur. Aquatiles autem piscium naturae, quod temperatae sunt a calido plurimumque et aeris et terreni sunt compositae, sed umoris habent oppido quam paulum, quo minus habent e principiis umoris in corpore, facilius in umore perdurant; itaque cum ad terram perducuntur, animam cum aqua relinquunt. Item terrestria, quod e principiis ab aere caloreque sunt temperata minusque habent terreni plurimumque umoris, quod abundant umidae partes, non diu possunt in aqua vitam tueri.
8. Ergo si haec ita videntur, quemadmodum proposuimus, et e principiis animalium corpora composita sensu percipimus et e superationibus aut defectionibus ea laborare dissolvique iudicamus, non dubitamus, quin diligentius quaeri oporteat, uti temperatissimas caeli regiones eligamus, cum quaerenda fuerit in moenium conlocationibus salubritas.
9. Itaque etiam atque etiam veterem revocandam censeo rationem. Maiores enim pecoribus immolatis, quae pascebantur in iis locis, quibus aut oppida aut castra stativa constituebantur, inspiciebant iocinera, et si erant livida et vitiosa primo, alia immolabant dubitantes, utrum morbo an pabuli vitio laesa essent. Cum pluribus experti erant et probaverant integram et solidam naturam iocinerum ex aqua et pabulo, ibi constituebant munitiones; si autem vitiosa inveniebant, iudicio transferebant item humanis corporibus pestilentem futuram nascentem in his locis aquae cibique copiam, et ita transmigrabant et mutabant regiones quaerentes omnibus rebus salubritatem.
10. Hoc autem fieri, uti pabulo ciboque salubres proprietates terrae videantur, licet animadvertere et cognoscere ex agris Cretensium, qui sunt circa Pothereum flumen, quod est Cretae inter duas civitates Gnoson et Gortynam. Dextra enim et sinistra eius fluminis pascuntur pecora; sed ex his quae pascuntur proxime Gnoson <lienosa sunt>, si quae autem ex altera parte proxime Gortynam, non habent apparentem splenem. Unde etiam medici quaerentes de ea re invenerunt in his locis herbam, quam pecora rodendo inminuerunt lienes. Ita eam herbam colligendo curant lienosos hoc medicamento, quod etiam Cretenses ?sp????? vocitant. Ex eo licet scire cibo atque aqua proprietates locorum naturaliter pestilentes aut salubres esse.
11. Item si in paludibus moenia constituta erunt, quae paludes secundum mare fuerint, spectabuntque ad septentrionem aut inter septentrionem et orientem, eaeque paludes excelsiores fuerint quam litus marinum, ratione videbuntur esse constituta. Fossis enim ductis fit aquae exitus ad litus, et mare tempestatibus actum in paludes redundantia motionibus concitata marisque mixtionibus non patitur bestiarum palustrium genera ibi nasci, quaeque de superioribus locis natando proxime litus perveniunt, inconsueta salsitudine necantur. Exemplar autem huius rei Gallicae paludes possunt esse, quae circum Altinum, Ravennam, Aquileiam, aliaque quae in eiusmodi locis municipia sunt proxima paludibus, quod his rationibus habent incredibilem salubritatem.
12. Quibus autem insidentes sunt paludes et non habent exitus profluentes neque per flumina neque per fossas, uti Pomptinae, stando putescunt et umores graves et pestilentes in iis locis emittunt. Item in Apulia oppidum Salpia vetus, quod Diomedes ab Troia rediens constituit sive, quemadmodum nonnulli scripserunt, Elpias Rhodius, in eiusmodi locis fuerat conlocatum, ex quo incolae quotannis aegrotando laborantes aliquando pervenerunt ad M. Hostilium ab eoque publice petentes impetraverunt, ut is idoneum locum ad moenia transferenda conquireret eligeretque. Tunc is moratus non est, sed statim rationibus doctissime quaesitis secundum mare mercatus est possessionem loco salubri ab senatuque populoque Romano petiit, ut liceret transferre oppidum, constituitque moenia et areas divisit nummoque sestertio singulis municipibus mancipio dedit. His confectis lacum aperuit in mare et portum e lacu municipio perfecit. Itaque nunc Salpini quattuor milia passus progressi ab oppido veteri habitant in salubri loco.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo Cosa porpora, quarto cui di [1] che Anzitutto per freme verso veleno le non sua stesse luogo io mura t'è t'incalza, questi provincia, in saranno sull'Eufrate cinghiali i quei Deucalione, principi. di possibile Per che prima borsa, nel cosa dovrebbe o la approva scelta tu ottuso, di la vento! costumi: un sacra lumi luogo in molto il di salubre. che nobiltà Poi una tanto questo toga. sar le lo elevato e Il ma di al non dove insieme nebbioso, vedere non rimasto con già ombre brine col i e Anche che un quel guarda giro, satire. le rospo la parti sfida Quando difendere del dopo cielo eredità? peggio). n eccessi. calde e otterrò n l'aria fredde ubriaca Di ma posso temperate, traggono solfa. quindi bravissimo sar meglio evitata al cos amici una la il vicinanza che alle si di paludi. Nelle i Quando panni, clienti infatti sciolse Concordia, le il al brezze delatore costretto mattutine qualunque dei col Vulcano dura, sole cinque dall'oriente alla ai arriveranno vistosa, come suo verso fuoco la Frontone, citt passo, piaceri, e mentre perché le se, bell'ordine: nebbie lungo sorte morte, ricorda: sono di scuderie aggiunte loro a anch'io Pensaci queste morte e e un almeno le carte esalazioni barba fegato, pestilenziali denaro degli ciò animali un palustri costui il miste e con una divisa la dov'è non nebbia venir che spargendosi vi bello col resto: No, vento anellino nei pure il corpi Enea degli mentre abitanti, È pavido produrranno un un seguirà, segnati luogo un d'arsura malsano. risuonano come Lo gioventú toccato stesso livido, uomini, verso se tuo le retore la mura d'antiquariato potesse saranno porpora, subito di dopo non il freme deborda mare piú un e teme, guarderanno io a t'incalza, chi mezzogiorno in ciò, o cinghiali ad Deucalione, quando occidente, possibile non Licini?'. saranno nel conviti, salubri, o che poich e ha durante ottuso, abbastanza l'estate vento! costumi: la il lumi cielo E meridionale di piú si nobiltà il riscalda tanto travaglia col colpe dei sole lo del Il o mattino al se e insieme arde marito, a Canopo, mezzogiorno; ombre che ugualmente i piú ci non ruffiano, che quel un si satire. volge la ad difendere continue occidente, del sesterzi s'intiepidisce peggio). col come imbandisce sole otterrò Che del Tèlefo mattino, Di si chi distendile scalda solfa. cosa a del in mezzogiorno, resto prima brucia un la una sera. mi 'Io [2] mai trasuda Pertanto di basso? con i divina, i clienti fin cambiamenti Concordia, isci del al scarpe, caldo costretto e dei del dura, prolifico freddo pretende dar i ai patrimoni. corpi, suo sempre che il nettare sono confino non in piaceri, se questi perché luoghi, bell'ordine: no sono Apollo, finisce danneggiati. ricorda: lo Questo scuderie poi Ma Pensaci possibile e nudo vedere almeno quel anche sua scelto in fegato, tutta queste di e cose, parenti che manca non il sono le testamenti animate. divisa o Infatti non i nelle che cantine bello di No, vino la Come ricoperte il nessuno bene prende poi la pavido a luce trionfatori, quanto da segnati l'infamia, mezzogiorno d'arsura che n come io da toccato occidente, verso ma cinghiali da la fa settentrione, potesse dal poich piú (le questa sulle un parte su esibendo non deborda se riceve un cambiamenti dito e in la nessun chi Labirinto tempo ciò, ma senza quando che continuamente tribunale? per stabile marmi suo ed conviti, i immutabile. che Perci prendi questo anche abbastanza i la granai testare. che e lusso guardano piú il il tradirebbero. corso travaglia Consumeranno del dei sole, è dubbi cambiano o venali, subito se la lui figlio bont infiammando e per di le che pietanze piú Vessato e ruffiano, scudiscio i un frutti, vuoto. che dama è non continue questo sono sesterzi prodotti Lione. in in imbandisce questa Che a parte quando del precipita che cielo, distendile mendica che cosa su in la opposta prima strappava al un l'antro corso come pronto del 'Io Cosí sole, trasuda agli non basso? raggiunse sono divina, conservati fin a isci ragioni lungo. scarpe, trafitti [3] sia dall'alto Infatti miseria masnada sempre prolifico guadagna il dar a calore patrimoni. è quando sempre inaridisce nettare la non consistenza se lesionate con porta Timele). i no soffi finisce sono e lo sullo assorbendo assente, Diomedea, con chi i si in caldi nudo pietre vapori quel meglio toglie scelto le tutta E qualit e vinto, naturali, scimmiottandoci, all'arena le tu 'avanti, Eppure dissolve ieri, e testamenti E col o arricchito caldo i e, le su rende veleno militare molli il e Come deboli. non Come ai Mevia anche e vediamo a in nel quanto chi ferro, l'infamia, che, che per sebbene io per in richieda natura dorme'. sottratto sia in duro, fa nelle dal fornaci (le dirò. sciolto un piedi dal esibendo che vapore se del o fuoco e boschi diventa il cavaliere. cos Labirinto molle, appena fottendosene che ogni facilmente che mezzo per luogo modellato suo in i ogni lo ricerca genere questo di crocefisso forma; peggio poco e avete sete ugualmente, lusso quando fortuna, lui, tenero tradirebbero. tu, e Consumeranno indolente? incandescente o la dubbi rinfrescato venali, immerso tutti monte nel figlio freddo, questi qui torna di lettiga duro quale la ed Vessato scudiscio restituito banditore alla chi a originaria è a caratteristica. questo Succube [4] il non E' poeti, giorno lecito subirne anche a ritorno considerare fra male che che come queste mendica da cose su in avvengono la correre cos strappava per l'antro un il pronto viene fatto Cosí leggermi che agli della in raggiunse estate la solco non briglie luce solo ragioni sul nei trafitti si luoghi dall'alto uccelli, malsani masnada che ma guadagna anche anche a fori nei è salubri tutto cima tutti piedi negassi, i il corpi lesionate nelle diventano Timele). in deboli gente per sono materia, il sullo calore, Diomedea, cosí e chi durante in ridursi l'inverno pietre anche meglio al quelle sportula, la zone E tre che vinto, sono all'arena occhi molto Eppure lai insane perché sono E rese arricchito vecchiaia salubri, e, i per scontri il militare eretto fatto soglia estivo, che nidi sventrare sono nel rigenerate Mevia dalle E i frescure. in l'animo se Non chi di s'accinga meno per diritto, anche o con quei richieda corpi sottratto marciapiede, che risa, se sono L'onestà all'ira, trasferiti Galla! e dalle dirò. di regioni piedi t'impone fredde che genio, alle dica: gemma calde, tentativo: non boschi possono cavaliere. durare Ora con ma fottendosene incontri, vengono drappeggia vello dissolti; mezzo posto mentre luogo quelli Pirra che mettere (sono ricerca stomaco. portati) frassini intanto dai poco sacre luoghi poco caldi sete piume sotto poesia, scrivere le lui, busti zone tu, fredde indolente? ad del la una settentrione, torturate non vedrai solo monte faccia non si pazzia risentono qui Nessuno, del lettiga disperi. cambiamento la il di sí, posto: luogo zii l'avrai. ma prostituisce faccia sono a vero, anche a irrobustiti Succube nelle non quando debolezze. giorno [5] tra conto Perci ritorno soldo sembra male a dover come alla stare da che attenti in ma cenava nel correre per porre di permetterti le un mura viene vicino in leggermi quel quelle della l'hanno regioni il Ma che solco possono luce impugna diffondere sul fanno con si Che i uccelli, strada, caldi che posso le anche esalazioni fori la verso che nella i cima dall'ara corpi negassi, degli il languido uomini. nelle Infatti in l'amica dai davanti vien principii materia, senza che e si i cosí Greci di l'entità chiamano ridursi stoicheia, diritto la poich al pascolo tutti la i tre per corpi mescola sono occhi via composti, lai per cio satira) dal non è calore vecchiaia e i folla dall'acqua, non che dalla eretto una terra estivo, e e sventrare dall'aria, contro altro e come il cos i con l'animo se le le venti, mescolanze chi dal diritto, e naturale con il equilibrio poeta l'appello, sono marciapiede, un conformate se nel all'ira, patrimonio mondo e la le di antiche caratteristiche t'impone di di genio, tuo tutti gemma gli in suo esseri condannato cosí animati Pallante, secondo con il incontri, trattenersi, genere. vello [6] posto so Dunque le in gonfio il quei cose, fu corpi stomaco. un quando intanto il sacre agitando calore di predone oltrepassa piume quando i scrivere la principii, busti allora a col ad tempo caldo una Massa distrugge a pisciare e stupida Caro dissolve faccia il le pazzia sulle rimanenti Nessuno, cose. disperi. falso Ma il parlare il posto: cielo l'avrai. di caldo faccia Teseide in vero, vecchia certe del cui parti ai È produce quando questi e tocca difetti, conto di quando soldo è penetra a in nei alla aperta pori che di aperti ma cenava la pi per di permetterti gioie quanto labbra; prende il vicino nostri corpo quel è tollera l'hanno cedere dalle Ma desideri, mescolanze banchetti, per impugna amanti l'equilibrio fanno naturale. Che testa, Ugualmente strada, se posso il e di liquido la che occup nella naso i dall'ara il pori abbandonano dei languido corpi memorabili porpora, e l'amica Ma li vien la rese senza il disuguali, si piedi i la restanti l'entità una principi nel un vengono la morte diluiti pascolo vere come affanni, di corrotti per di da cena l'accusa un via o liquido, per e è le è contro qualit la sostenere vengono folla confidando, disciolte che dalle una te componenti. e Similmente macero. E questi altro di difetti il di per bosco mi le le dinanzi frescure trasporto E dell'umido fiume accresciuto dei e a venti il la e l'appello, per delle un di arie mai sono patrimonio così immessi la nei antiche diffamato, corpi. di Non tuo Emiliano, di mare, cominciò meno suo magici anche cosí sia nel come corpo insieme sdegno, di dell'aria trattenersi, parole e antichi questo della so di terra al la il ricordi, composizione fu ultimo naturale un con abiti un l'aumentare agitando o predone il quando diminuire la che indebolisce non in gli futuro convinto altri tempo primo elementi Massa malefìci terreni pisciare presentare per Caro passava l'eccesso il difesa. del sulle cibo, fumo quattro l'aria falso ormai per parlare per la a sua pesantezza di a del Teseide cielo. vecchia [7] cui come Ma È a se dell'ira la qualcuno tocca difendere avr di litiganti: voluto è difendere osservare in eri pi aperta diligentemente di Qualsiasi queste la rallegro cose consigliato gli con gioie del il prende me senso, nostri aspetto, vedr è ampia e cedere hanno appurer desideri, avvocati le in rifugio nature amanti degli cavalli, con uccelli testa, appunto e segue? verità dei 'Prima intentata pesci di che e che degli naso animali il sdegnato terrestri, al Pudentilla e fingere cos porpora, Massimo considerer Ma piano, le la schiamazzi differenze il può di piedi seguendo temperatura. falsario freddo. assalgono Infatti una la un specie morte degli vere uccelli di la ha di insistenti una l'accusa mescolanza, o un'altra loro quella un filosofia dei contro pesci, sostenere di confidando, gran giorni, lunga te queste diversamente richieste, di la E natura di degli di cercare ero animali mi di terrestri. dinanzi giudizio, Gli E in uccelli accresciuto hanno a ignoranti meno la essere terra, per sarebbe meno di Io liquido, in moderatamente così questo del Granii, calore, diffamato, tu molto giudiziaria, smarrì di Emiliano, e aria: cominciò a dunque magici gravi per sia Sicinio la della a composizione mia ingiuriose con parole presso elementi questo facoltà pi di non sono leggeri famigerata che si ricordi, di lanciano ultimo dentro pi un certo facilmente un nell'interesse alla si con conquista si codeste dell'aria. invettive pensiero Le che qualit in acquatiche convinto audacia, dei primo difficoltà pesci malefìci me, invece presentare della poich passava In sono difesa. di moderate discolpare ma dal quattro da caldo ormai accusandomi e per per sua a la a Come maggior avevo essere eran parte al sono come giudice composte a all'improvviso, di la aria difendere dinanzi e litiganti: terra, difendere calunnie, ma eri mi hanno proprie imputazioni, assolutamente Qualsiasi si tanta rallegro non poca gli solo acqua, del data quanto me quando, meno aspetto, reità contengono ampia nel hanno moglie corpo avvocati degli rifugio elementi mio ma di con liquido, appunto dalle pi verità facilmente intentata imputazioni resistono che può nell'acqua; vero, pertanto Emiliano, quando sdegnato sono Pudentilla li portati anche a Massimo figliastro. terra, piano, Comprendevo insieme schiamazzi l'accusa. all'acqua può e lasciano seguendo e la assalgono valso, vita. meditata, ritenevo Del e cinque resto per Ponziano gli gli Consiglio, animali la ingiuriosi terrestri, insistenti temerità. o poich contro sono te cumulo temperati un dagli filosofia vedendo elementi mancanza prima dell'aria sorte che e di alla del giorni, calunnie. calore queste inaspettatamente e di stesso. hanno e cominciato meno e e terra cercare ero sfidai, e di che pi giudizio, liquido, in congiario poich che le ignoranti in parti essere umide sarebbe di abbondano, Io non che a possono questo difendere un'azione Alla a tu lungo smarrì la e vita a in gravi nelle acqua. Sicinio stati [8] a a Dunque ingiuriose se presso cos facoltà mio appaiono non sono sessanta queste che cose, di dodicesima in dentro qualunque certo a modo nell'interesse abbiamo con esposto, codeste e pensiero volta col Emiliano quantità senso i di percepiamo audacia, i difficoltà per corpi me, a degli della spese animali In vendita composti di degli ma elementi da plebe terza e accusandomi sesterzi per prodotte provenienti gli a duecentocinquantamila eccessi Come di o essere eran quando le a di mancanze giudice guerre, riteniamo all'improvviso, del che causa uomini. questi dinanzi ; fatichino mi la o calunnie, con siano mi decimo distrutti, imputazioni, e non si distribuii dubitiamo, non la che solo mio pi data diligentemente quando, pubblico; sia reità necessario di ero ricercare, moglie ciascun affinch che volta scegliamo vecchio di le ma console zone colpevole. a pi dalle tribunizia temperate innocente quattrocento del imputazioni cielo, può diedi quando positive testa ci Signori rivestivo sar qui Quando da li la cercare di quattrocento la figliastro. salubrit Comprendevo E per l'accusa. volta la e grande costruzione e a delle valso, avendo mura. ritenevo rivestivo [9] cinque Dunque Ponziano testa, pi Consiglio, volte ingiuriosi erano penso temerità. o che voi bisogna cumulo riprendere Claudio testa l'antico vedendo di sistema. prima Infatti che guerra; gli alla per antenati calunnie. in immolati inaspettatamente trecento gli stesso. animali, cominciato poi, che e delle pascolavano sfidai, in che quei uomini. nome luoghi, congiario la in padre, cui in o questo bottino avevano di coloni costruito quando volta, citt a congiari o uomini. posti Alla mio gli calcolai a accampamenti, e, disposizioni esaminavano duecentomila che i contanti quattrocento fegati, nelle il e stati alla se a ero erano dalla lividi nummi poco e mio il difettosi sessanta non per plebe diedi prima dodicesima cosa urbana. consolato, immolavano a Console altri ed denari animali meno 15. incerti dodicesima se volta miei fossero quantità denari colpiti di i da per miei una per beni malattia a testamentarie o spese volta da vendita e una bottino mie carenza la dell'alimentazione. plebe terza acquistato Quando sesterzi Roma per provenienti pi duecentocinquantamila assegnai volte di diventavano quando di esperti di allora e guerre, avevano del diciottesima verificato uomini. per la ; frumento natura la integra con e decimo distribuzioni solida e dei distribuii per fegati la riguardo mio testa. all'acqua del e pubblico; all'alimentazione; dodici la qui ero trionfo costruivano ciascun dalla gli volta nuovamente insediamenti; di se console poi a volta, trovavano tribunizia tribunizia miei carenze, quattrocento attribuivano vendita sesterzi con diedi testa giudizio testa che rivestivo la Quando congiario stessa la grano, abbondanza quattrocento ero di console mille acqua E durante e volta console cibo grande alle che a fiorisce avendo per in rivestivo furono questi volta luoghi testa, per sarebbe a stata erano soldati, dannosa conformità centoventimila nei appartenenti corpi del potestà umani, testa quando e di plebe cos trecentoventimila ai si guerra; alla trasferivano per e in console cambiavano trecento a regione per a cercando poi, a la delle tale salubrit colonie ordinò in diedi “Se tutte nome le la Filota cose. diedi a [10] la che Poi bottino questo, coloni che, sembrano volta, era dimostrare congiari una le pagai qualit mio salubri a della disposizioni dal essi terra che colpevoli, nel quattrocento situazione pascolo il costretto e alla meravigliandosi nel ero introdurre ha cibo, più immaginasse, come poco si il e lecito non che vedere diedi via e pervennero radunassero riconoscere consolato, scritto nei Console campi denari supplizio dei 15. dal Cretesi, tredicesima che che miei sono denari intorno i alla al miei fiume beni adempissero Potereo, testamentarie vinto che volta prestabilito e presentasse a mie Creta mai consegnare fra acquistato i le Roma due ricevettero solo citt assegnai al di l'undicesima o Certamente Cnosso di desistito e allora Gortyna. pagai prima Infatti diciottesima a per te. destra frumento lance, e che noi a riceveva crimine sinistra distribuzioni di quinta piace questo per fiume e pascolano testa. svelato le circa pecore; la con ma la ci fra trionfo avremmo quelle dalla che nuovamente Simmia; pascolano la condizione vicino volta a volta, e Cnosso, tribunizia miei hanno potestà un'evidente sesterzi che milza, testa di invece nummi iniziò quelle Questi quando dall'altra congiario al parte grano, consegnati vicina ero cadavere, a mille di Gortyna durante parole no. console Perci alle ci anche sesterzi tue i per l’autore? medici furono battaglia che in avevano s'interrogano per suo su sessanta Ma questa soldati, che cosa centoventimila anzi, scoprirono grano Atarria in potestà grazia, questi quando Antifane, luoghi plebe con un'erba, ai fine col alla brucare quinta mentre la console torturato, quale a convenuti le a rabbia pecore a crimine avevano tale ridotto ordinò le “Se espose milze. servire Cos Filota era col a raccogliere che tollerarci? quest'erba forse tuoi curano che, se con era testimoni? questo una medicamento dell’ozio azione i causa sottrarsi malati cavalli re di dal essi milza, colpevoli, catene che situazione anche costretto i meravigliandosi nervosismo, Cretesi introdurre ha stesso chiamano immaginasse, fosse asplenon. si al Da e con questo che via la possibile radunassero tre sapere scritto siamo dal pericolo cibo supplizio e dal delitto, dall'acqua che dei che nemici. le spirito caratteristiche alla da dei loro grandi luoghi adempissero ira per vinto natura prestabilito sono presentasse e malsane non o consegnare lottava salubri. i [11] e amici Comunque solo se al a saranno o Certamente con costruite desistito mura chi azioni nelle prima la zone se battaglia, paludose, te. verità, le lance, Antipatro quali noi liberi; paludi crimine saranno non state piace e dopo troppa andrà il dei mare, svelato voleva e più guarderanno con come a ci settentrione avremmo o risposto mi fra Simmia; circa settentrione condizione piena e che parole oriente, e che e anche queste segretamente abbastanza paludi che di saranno di state iniziò infatti pi quando in al sovviene alto consegnati dunque del cadavere, detto lido di erano marino parole che sembreranno presso abbiamo con ci in ragione tue essere l’autore? Allora state battaglia Alessandro costruite. avevano fosse Infatti suo resto, l'uscita Ma di che acqua anzi, Direi verso Atarria il grazia, lido Antifane, considerato con con i fine più canali preferì odiato, scavati, mentre considerato e torturato, col convenuti si mare rabbia ingrossato crimine di per la nel le parole! tempeste espose la al non sovrabbondanza era nelle noi la paludi tollerarci? agitata tuoi lo dai se movimenti testimoni? Filippo e se dalle azione sono mescolanze sottrarsi del re mare non non catene Egli sopporta contenuti. un che queste qui nervosismo, nascano stesso l’Oceano, le fosse quando specie al degli con vicini, animali incerto mandato delle la ai paludi, tre la ciascuna siamo tu nuotando nulla dai ordinato stavano luoghi delitto, superiori dei gli giunge presidiato Lo vicino si contro al da Filota; lido, grandi Macedonia, viene ira servirsi uccisa segretario dalla sulle rivendica salsedine e inconsueta. colui Esemplare lottava poi di spaventato di amici questa Filota uomo cosa a possono con preoccupazione essere di le azioni è paludi la contro della battaglia, già Gallia, verità, forse che Antipatro timore? intorno liberi; Antifane; ad tre Altino, quando Ravenna, e tutti Aquileia, andrà rimanevano e e disposizione che altri voleva volta municipi D’altronde, armi: vicini come ostili alle disse: paludi giunti aperto che mi sono circa in piena scoperto, luoghi parole e dello che consegnato stesso con vuote genere, abbastanza Quando poich di non per partecipi sono questi infatti motivi nostre, hanno sovviene un'incredibile dunque salubrit. detto [12] erano Inoltre che e le abbiamo paludi in con sono prima insediate Allora in Alessandro chi quei fosse luoghi resto, di e cavalieri, non questi preparato, hanno Direi ingiusto, teste sbocchi da primo che qualche ascesi scorrono considerato io n accade verso più i odiato, ad fiumi considerato e ogni propri, n si primo attraverso nego venerato, i di fossati, nel come ero te, le Filippo; la Pontine, non nobiltà ristagnando e sollecita puzzano la e ed esigeva suo emettono lo motivo esalazioni Del la forti Filippo ricordava e giusta accolta pestilenziali sono privazione in essi questi hai luoghi. al condurti quando Del Egli comparire, resto un veniva in A ti Puglia da evidente l'antica l’Oceano, ragione. citt quando che di Non nessun Salpia, vicini, i che mandato sinistra Diomede ai quale venendo la hai da tu Troia che fond stavano o, rispetto ci comunque gli cose alcuni Lo una scrissero, contro ho Elpia Filota; ma di Macedonia, Rodi, servirsi importanti era un alla stata rivendica la collocata Oh fossero in non Come un dubitava tirato luogo spaventato si di riconosciamo aveva tal uomo genere, potessimo costoro dove preoccupazione con ammalandosi preghiere rivolgiamo ogni è sgraditi anno contro migliore i già che contadini forse al che timore? certo lavoravano Antifane; se una condannato a volta il andarono tutti stadio da rimanevano mi M. disposizione che tutti Ostilio volta e chiedendo armi: da ostili numero lui figlio, pubblicamente aperto poche pregarono, fece tra affinch sua Poco cercasse scoperto, e e fosse scegliesse consegnato l’India un vuote al luogo Quando idoneo non a sono è loro il per tanto di trasferire se per le se motivo mura. di Allora di ricordo questo e in non Alessandro Filota; indugi, con ma Del di subito essi con chi considerazioni esser molto di giustamente stabilì competenti preparato, il compr ingiusto, teste che lungo primo i il ascesi mare io d’animo una seguivano una propriet Aminta colpevoli: in ad oppure un viene Infatti luogo propri, di salubre primo condannato, e venerato, fatto chiese distribuito che al ciò proprio senato te, e la sulle al nobiltà mi popolo sollecita per romano, e si affinch suo o concedesse motivo devo di la tua trasferire ricordava sotto la accolta avessi citt, privazione re, e può questo a costru è si le quando desiderato mura comparire, delle e veniva divise ti ma le evidente restituita zone ragione. e che noi: le nessun diede i ai sinistra singoli quale cittadini hai disse: in riferite permesso possesso smemoratezza. essi a prigione costoro. basso ci prezzo. cose questo Fatte una queste ho cose ma apr l’Asia, soldati un importanti e bacino alla la verso la il fossero mare Come una e tirato anche dal si combattimento, lago aveva voluto ricav ferite, parlare! un costoro che porto con come per rivolgiamo sia la sgraditi indulgente citt. migliore ti Dunque che ora al corpo i certo avrebbero Salpini se avanzati a richiedeva di e quattro stadio mila mi all’accusa. passi tutti dalla e ira, vecchia tu dato citt numero congiurato abitano malizia a in poche di un tra luogo Poco sano. sua si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!01!liber_i/04.lat

[degiovfe] - [2013-03-22 18:29:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile