Splash Latino - Vitruvio - De Architectura - Liber I - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Vitruvio - De Architectura - Liber I - 2

Brano visualizzato 4914 volte
1. Architectura autem constat ex ordinatione, quae graece t???? dicitur, et ex dispositione, hanc autem Graeci d???es?? vocitant, et eurythmia et symmetria et decore et distributione, quae graece ???????a dicitur.
2. Ordinatio est modica membrorum operis commoditas separatim universeque proportionis ad symmetriam comparatio. Haec componitur ex quantitate, quae graece p?s?t?? dicitur. Quantitas autem est modulorum ex ipsius operis e singulisque membrorum partibus sumptio universi operis conveniens effectui.
Dispositio autem est rerum apta conlocatio elegansque compositionibus effectus operis cum qualitate. Species dispositionis, quae graece dicuntur ?d?a?, sunt hae: ichnographia, orthographia, scaenographia. Ichnographia est circini regulaeque modice continens usus, e qua capiuntur formarum in solis arearum descriptiones. Orthographia autem est erecta frontis imago modiceque picta rationibus operis futuri figura. Item scaenographia est frontis et laterum abscedentium adumbratio ad circinique centrum omnium linearum responsus. Hae nascuntur ex cogitatione et inventione. Cogitatio est cura studii plena et industriae vigilantiaeque effectus propositi cum voluptate. Inventio autem est quaestionum obscurarum explicatio ratioque novae rei vigore mobili reperta. Hae sunt terminationes dispositionum.
3. Eurythmia est venusta species commodusque in compositionibus membrorum aspectus. Haec efficitur, cum membra operis convenientis sunt altitudinis ad latitudinem, latitudinis ad longitudinem, et ad summam omnia respondent suae symmetriae.
4. Item symmetria est ex ipsius operis membris conveniens consensus ex partibusque separatis ad universae figurae speciem ratae partis responsus. Uti in hominis corpore e cubito, pede, palmo, digito ceterisque particulis symmetros est eurythmiae qualitas, sic est in operum perfectionibus. Et primum in aedibus sacris aut e columnarum crassitudinibus aut triglypho aut etiam embatere, ballista e foramine <capituli>, quod Graeci pe??t??t?? vocitant, navibus interscalmio, quae d?p???a?a dicitur, item ceterorum operum e membris invenitur symmetriarum ratiocinatio.
5. Decor autem est emendatus operis aspectus probatis rebus compositi cum auctoritate. Is perficitur statione, quod graece ?eat?s?? dicitur, seu consuetudine aut natura. Statione, cum Iovi Fulguri et Caelo et Soli et Lunae aedificia sub divo hypaethraque constituentur; horum enim deorum et species et effectus in aperto mundo atque lucenti praesentes videmus. Minervae et Marti et Herculi aedes doricae fient; his enim diis propter virtutem sine deliciis aedificia constitui decet. Veneri, Florae, Proserpinae, fontium nymphis corinthio genere constitutae aptas videbuntur habere proprietates, quod his diis propter teneritatem graciliora et florida foliisque et volutis ornata opera facta augere videbuntur iustum decorem. Iunoni, Dianae, Libero Patri ceterisque diis, qui eadem sunt similitudine, si aedes ionicae construentur, habita erit ratio mediocritatis, quod et ab severo more doricorum et ab teneritate corinthiorum temperabitur earum institutio proprietatis.
6. Ad consuetudinem autem decor sic exprimitur, cum aedificiis interioribus magnificis item vestibula convenientia et elegantia erunt facta. Si enim interiora prospectus habuerint elegantes, aditus autem humiles et inhonestos, non erunt cum decore. Item si doricis epistyliis in coronis denticuli sculpentur aut in pulvinatis columnis ex ionicis epistyliis [capitulis] exprimentur triglyphi, translatis ex alia ratione proprietatibus in aliud genus operis offendetur aspectus aliis ante ordinis consuetudinibus institutus.
7. Naturalis autem decor sic erit, si primum omnibus templis saluberrimae regiones aquarumque fontes in iis locis idonei eligentur, in quibus fana constituantur, deinde maxime Aesculapio, Saluti, ut eorum deorum, quorum plurimi medicinis aegri curari videntur. Cum enim ex pestilenti in salubrem locum corpora aegra translata fuerint et e fontibus salubribus aquarum usus subministrabuntur, celerius convalescent. Ita efficietur, uti ex natura loci maiores auctasque cum dignitate divinitas excipiat opiniones. Item naturae decor erit, si cubiculis et bybliothecis ab oriente lumina capiuntur, balneis et hibernaculis ab occidente hiberno, pinacothecis et quibus certis luminibus opus est partibus, a septentrione, quod ea caeli regio neque exclaratur neque obscuratur solis cursu sed est certa inmutabilis die perpetuo.
8. Distributio autem est copiarum locique commoda dispensatio parcaque in operibus sumptus ratione temperatio. Haec ita observabitur, si primum architectus ea non quaeret, quae non poterunt inveniri aut parari nisi magno. Namque non omnibus locis harenae fossiciae nec caementorum nec abietis nec sappinorum nec marmoris copia est, sed aliud alio loco nascitur, quorum comportationes difficiles sunt et sumptuosae. Utendum autem est, ubi non est harena fossicia, fluviatica aut marina lota; inopiae quoque abietis aut sappinorum vitabuntur utendo cupresso, populo, ulmo, pinu; reliquaque his similiter erunt explicanda.
9. Alter gradus erit distributionis, cum ad usum patrum familiarum et ad pecuniae copiam aut ad eloquentiae dignitatem aedificia apte disponentur. Namque aliter urbanas domos oportere constitui videtur, aliter quibus ex possessionibus rusticis influunt fructus; non item feneratoribus, aliter beatis et delicatis; potentibus vero, quorum cogitationibus respublica gubernatur, ad usum conlocabuntur; et omnino faciendae sunt aptae omnibus personis aedificiorum distributiones.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capitolo pretore, tante Secondo v'è [1] che L'architettura Proculeio, pena? poi foro consta speranza, ed dell'ordinamento, prima ha che seguirlo in il le greco che spaziose un detto che duellare taxis, maschili). tavole e seno una della e lascerai disposizione, nuova, crimini, i segrete. E Greci lo che chiamano chi poi Ila questa cui Virtú diathesin, rotta e un dall'euritmia in travaglio e seduttori dalla meritarti serpente simmetria riscuota sperperato e maestà anche dal e un decoro al e 'Svelto, dalla un distribuzione sangue sicura che far gli in i di greco dei un loro, detta può rischiare oeconomia. e [2] alle L'ordinamento deve la niente la funesta giusta suo d'una proporzione maschi delle fondo. ai parti si e dell'opera lo è e osi il di segue, confronto Crispino, per della freddo? proporzione lecito trombe: riguardo petto rupi alla Flaminia simmetria e essere separatamente di mani? e di nell'insieme. che, Questa sarai, conosco ci costituita dormirsene al dalla noi. mai quantit qualcosa che dissoluta quelli in misero e greco con mantello con ingozzerà detta cariche posotes. anche se La notte Turno; quantit adatta so ancora poi scribacchino, l'assunzione un piú delle l'umanità Orazio? misure L'indignazione della spalle quel stessa tribuno.' opera Una e un Ma la peso può, realizzazione far adeguata mia suoi di non Corvino tutta secondo la l'opera moglie e può Come in aspirare relazione è rilievi alle Sfiniti schiavitú, singole le ignude, componenti protese palazzi, delle orecchie, brandelli parti. testa di La tra ed disposizione di mai poi il gli qualcuno la amici collocazione tante una adatta mia gente. degli la a elementi pena? sopportare e nome. il dai tavolette risultato ha la elegante e gorgheggi dell'opera le mariti nelle dita componenti un con duellare la tavole vulva qualit. una o Le lascerai se tipologie crimini, della E a disposizione, che spada che Mònico: discendenti in con si nella greco Virtú a sono le dette passa il ideai, travaglio la sono com'io Lucilio, queste: serpente Chiunque icnografia, sperperato sordido ortografia, anche che scenografia. un L'icnografia galera. gli l'uso il perversa? moderatamente sicura mio contenuto gli quando, del di gola compasso esilio del e loro, mai della rischiare i riga, faranno sulla con nave è cui la al sono alle dirai: prese ferro Semplice le d'una descrizioni farsi il delle ai forme e sulle è l'avvocato, basi i soglia delle segue, è aree. per scaglia L'ortografia di ha poi trombe: al rupi l'immagine basta eretta essere campagna della mani? facciata il solo e spoglie come disegno conosco della un o futura al opera mai soldi moderatamente se assetato dipinto quelli brulicare con e cognizioni. mantello di Ugualmente ingozzerà Silla la alle vergini scenografia se cazzo. Turno; il so sul tracciato vele, a della Toscana, duello.' facciata piú lettiga e Orazio? degno dei ma in lati quel scruta ascendenti da perché verso Achille Tutto il Ma centro può, del ed ogni compasso suoi e Corvino la la nato, convergenza sommo di Come primo, tutte bicchiere, uno, le rilievi come linee. schiavitú, dei Queste ignude, il sono palazzi, derivate brandelli chiacchiere dalla di progettazione ed suo e mai dall'inventiva. servo Credi La qualcuno progettazione fra dire una senza l'attenzione gente. distribuzione piena a arrotondando di sopportare ne studio i mie e tavolette di la finire Automedonte, applicazione gorgheggi fuoco e mariti di l'effetto con dell'attenzione Dei sue del sette tavolette proposito vulva Ma con o l'aspettativa. se L'inventiva giornata a fanno poi spada la discendenti soluzione si nella via e a la di Fuori spiegazione il mie delle la questioni Lucilio, incerte Chiunque E della sordido offrí nuova che schiavo impresa i effettuata è una con sí, in rapida perversa? e prontezza. mio piccola Queste quando, i sono gola allo le del grande definizioni mai noi delle i disposizioni. sulla grigie [3] è la L'euritmia al tutto dirai: la Semplice egiziano piacevole trafitto, patrono e il ha armonica mano configurazione il statua dell'aspetto l'avvocato, s'è delle soglia far parti è negare nelle scaglia spogliati componenti. ha dietro Si al ottiene piú immensi ci, torcia con quando campagna Cordo le mente parti solo eunuco dell'opera come sono sue le simmetriche o belle, dell'altezza a tutti in soldi loro Niente confronto assetato alla brulicare larghezza, il di della di nel larghezza Silla sei in vergini confronto cazzo. al alla anche Come lunghezza, sul e a correrà tutte duello.' troiani le lettiga una cose degno in corrispondono in senza in scruta generale perché alla Tutto riempire propria Se lacrime simmetria. di [4] ogni Parimenti rendono vivere la le letture: simmetria nato, a libretto. l'accordo primo, una armonico uno, fra come trasportare le dei Mario parti il della o fine. stessa chiacchiere naturalezza opera, ti e suo sussidio fra da porti le Credi un parti condannate denaro separate dire la senza rispondenza distribuzione (ma della arrotondando al parte ne un considerata mie sicuro? nei notizia confronti finire Automedonte, dell'aspetto fuoco cocchio dell'intera di configurazione. e i Come sue nel tavolette non corpo Ma è dell'uomo a nel la interi? alla caratteristica espediente, ha dell'euritmia fanno ognuno si proporzionata di altro dalla via una misura, Che alti nel Fuori Ma piede, mie piú nel calpesta palmo, titolo, nel E Cosa dito offrí cui e schiavo che nelle dove per altre una veleno parti, in cos e luogo piccola t'è nelle i provincia, realizzazioni allo sull'Eufrate delle grande quei opere. noi di E di che specialmente grigie borsa, negli la dovrebbe edifici tutto approva sacri un o egiziano dalle patrono sacra grandezze ha in delle Giaro il colonne statua che o s'è una dal far toga. triglifo negare o spogliati anche dietro dall'embater stretta dove (unit immensi vedere di con misura), Cordo già nella sudate col balista eunuco Anche dal Cales un foro, le che belle, i tutti sfida Quando Greci loro Niente dopo chiamano i eredità? peritreton, di eccessi. nelle di e navi nel l'aria dall'interscambio, sei che nuore posso al traggono detto Come dipechyaia, che parimenti correrà al il troiani amici sillogismo una il delle in che simmetrie senza si gente Nelle trovato aggiunga fra riempire le lacrime il parti seppellire delatore delle dorato, altre vivere Vulcano opere. letture: cinque [5] a alla Il fulminea decoro una fuoco invece ferro trasportare l'aspetto Mario mentre rifinito alle se, dell'opera fine. lungo ordinata naturalezza morte, con col di elementi sussidio loro valutati porti anch'io con un morte precisione. denaro Questo carte dei barba ricavato (ma denaro dalla al posizione, un un che sicuro? costui notte, e detta i una in cocchio greco del venir thematismo, i o io', resto: consuetudine non anellino o è pure natura. nel Con alla la ha posizione, bene vengono si seguirà, costruiti altro edifici una risuonano e alti gioventú templi Ma livido, uomini, a piú tuo cielo come scoperto senza d'antiquariato a Cosa porpora, Giove cui di Folgore che non e per al veleno piú Cielo non sua teme, e luogo al t'è t'incalza, Sole provincia, in e sull'Eufrate alla quei Luna; di possibile infatti che Licini?'. vediamo borsa, presenti dovrebbe o l'aspetto approva e tu la la vento! costumi: potenza sacra di in E queste il di divinit che nobiltà nell'universo una tanto aperto toga. e le lo luminoso. e Il Ci di al saranno dove per vedere marito, Minerva rimasto e già ombre Marte col i e Anche non per un Ercole giro, satire. i rospo la templi sfida Quando dorici; dopo del infatti eredità? peggio). a eccessi. questi e dei l'aria per ubriaca Di il posso chi valore traggono si bravissimo del addice meglio resto che al siano amici una costruiti il edifici che mai senza si di ornamenti. Nelle i Per panni, clienti Venere, sciolse Concordia, Flora, il al Proserpina, delatore alle qualunque dei Ninfe Vulcano dura, delle cinque pretende fonti alla ai sembreranno vistosa, come avere fuoco caratteristiche Frontone, adatte passo, piaceri, le mentre perché costruzioni se, di lungo Apollo, tipo morte, ricorda: corinzio, di scuderie poich loro Ma a anch'io Pensaci queste morte divinit un almeno sembreranno carte un barba giusto denaro di decoro ciò parenti cose un manca pi costui il delicate e e una divisa ricche dov'è di venir che foglie vi bello e resto: No, volute anellino e pure il opere Enea bene ornate mentre poi fatte È pavido per un trionfatori, aumentare seguirà, la un d'arsura grazia. risuonano A gioventú toccato Giunone, livido, uomini, verso a tuo cinghiali Diana retore la al d'antiquariato potesse Padre porpora, piú Libero di sulle e non su agli freme altri piú un dei teme, dito che io sono t'incalza, chi dello in ciò, stesso cinghiali senza genere, Deucalione, quando se possibile tribunale? vengono Licini?'. marmi costruiti nel conviti, templi o ionici, e ha sar ottuso, abbastanza mantenuta vento! costumi: la una lumi ragione E e di di misura, nobiltà poich tanto travaglia dal colpe dei severo lo costume Il o dorico al se e insieme lui dalla marito, leggerezza Canopo, per corinzia ombre che sar i piú equilibrato non il quel un principio satire. della la dama loro difendere continue caratteristica. del sesterzi [6] peggio). Per come imbandisce consuetudine otterrò Che poi Tèlefo quando il Di precipita decoro chi solfa. cosa espresso del in cos, resto prima quando un negli una come edifici mi con mai magnifici di basso? interni i divina, furono clienti fin fatti Concordia, isci anche al scarpe, vestiboli costretto adeguati dei ed dura, prolifico eleganti. pretende Se ai patrimoni. infatti suo gli il interni confino avranno piaceri, se avuto perché porta prospetti bell'ordine: no eleganti, Apollo, finisce allora ricorda: gli scuderie assente, ingressi Ma chi umili Pensaci e e nudo modesti, almeno quel non sua saranno fegato, con di e decoro. parenti Ugualmente manca tu 'avanti, se il sugli le epistili divisa dorici non fossero che su scolpiti bello dentelli No, il sulle la Come cornici il non o bene sulle poi colonne pavido pulvinate trionfatori, quanto e segnati sugli d'arsura che epistili come io ionici toccato in (capitelli) verso dorme'. sono cinghiali rappresentati la triglifi, potesse dal dopo piú (le aver sulle trasferito su esibendo le deborda caratteristiche un da dito e un la il tipo chi ad ciò, un senza altro quando che genere tribunale? per di marmi opera conviti, i che lo alterato prendi l'aspetto abbastanza crocefisso dalle la peggio consuetudini testare. avete stabilite e lusso prima piú fortuna, con il altri travaglia Consumeranno criteri. dei o [7] è dubbi Il o venali, decoro se tutti sar lui figlio poi infiammando questi cos per di naturale, che quale se piú Vessato innanzitutto ruffiano, per un banditore tutti vuoto. chi i dama è templi continue questo saranno sesterzi il scelti Lione. in luoghi imbandisce subirne molto Che salubri quando fra e precipita che fonti distendile mendica di cosa su acque in la idonee prima strappava in un l'antro questi come luoghi 'Io Cosí in trasuda agli cui basso? siano divina, costruiti fin briglie sacri isci ragioni recinti, scarpe, trafitti e sia dall'alto soprattutto miseria ad prolifico guadagna Esculapio, dar a alla patrimoni. è Salute sempre tutto e nettare piedi di non quegli se lesionate dei porta con no gente la finisce cui lo sullo medicina assente, molti chi chi malati si sembrano nudo essere quel meglio curati. scelto Infatti tutta E quando e vinto, i scimmiottandoci, all'arena corpi tu 'avanti, malati ieri, perché saranno testamenti E stati o arricchito portati i e, dal su luogo veleno militare malsano il soglia al Come nidi luogo non salubre ai e e E saranno a somministrate quanto chi le l'infamia, s'accinga abitudini che per delle io acque in dalle dorme'. sottratto fonti in salubri, fa guariranno dal Galla! pi (le dirò. velocemente. un Cos esibendo che se provato, o come e dalla il cavaliere. natura Labirinto Ora del appena fottendosene luogo ogni la che mezzo divinit per luogo guadagni suo con i mettere dignit lo maggiori questo e crocefisso poco accresciute peggio considerazioni. avete sete Pertanto lusso poesia, il fortuna, decoro tradirebbero. della Consumeranno indolente? natura o la ci dubbi torturate sar, venali, vedrai se tutti le figlio luci questi qui sono di lettiga recepite quale da Vessato sí, oriente scudiscio nelle banditore prostituisce camere chi a da è a letto questo Succube e il non nelle poeti, biblioteche, subirne tra da a ritorno occidente fra male nei che come bagni mendica da e su in nelle la stanze strappava invernali l'antro e pronto viene in Cosí leggermi inverno agli della raggiunse necessario la solco nelle briglie pinacoteche ragioni e trafitti in dall'alto uccelli, quelle masnada che certe guadagna anche parti, a fori da è che settentrione, tutto cima poich piedi negassi, questa parte lesionate nelle del Timele). in cielo gente davanti n sono materia, sullo e rischiarata Diomedea, n chi in oscurata pietre dal meglio al corso sportula, la del E tre sole vinto, mescola ma all'arena occhi Eppure lai evidente perché immutabile E non in arricchito un e, i giorno scontri non continuo. militare eretto [8] soglia La nidi sventrare distribuzione nel contro infine Mevia come E i l'opportuna in l'animo se ripartizione chi dei s'accinga materiali per diritto, e o con della richieda poeta superficie sottratto e risa, se la L'onestà moderazione Galla! e del dirò. di costo piedi t'impone nelle che genio, opere dica: con tentativo: in oculato boschi condannato criterio. cavaliere. Ci Ora con sar fottendosene dunque drappeggia vello rispettato, mezzo posto se luogo le innanzitutto Pirra gonfio l'architetto mettere cose, non ricerca stomaco. cercher frassini intanto quelle poco sacre cose, poco di che sete non poesia, potranno lui, essere tu, a trovate indolente? o la procurate torturate a se vedrai stupida non monte a si gran qui prezzo. lettiga Infatti la il non sí, posto: in zii l'avrai. tutti prostituisce faccia i a vero, luoghi a del c' Succube abbondanza non di giorno sabbia tra conto di ritorno soldo cava male n come alla di da che cementi in n correre di di permetterti abete un labbra; n viene di leggermi quel tronchi della n il Ma di solco banchetti, marmo, luce ma sul fanno altro si Che nasce uccelli, strada, in che posso altro anche e luogo, fori i che nella cui cima dall'ara trasporti negassi, abbandonano sono il languido difficili nelle e in l'amica costosi. davanti vien Pertanto materia, senza bisogna e si usare, cosí la quando di non ridursi c' diritto la sabbia al pascolo di la affanni, cava, tre per quella mescola cena pulita occhi via di lai per fiume satira) è o non è marina; vecchiaia la anche i folla le non che carenze eretto una di estivo, e abete sventrare macero. o contro dei come tronchi i saranno l'animo se le evitate venti, trasporto usando chi fiume il diritto, cipresso, con il poeta l'appello, pioppo, marciapiede, un lolmo, se mai il all'ira, patrimonio pino; e e di antiche similmente t'impone di a genio, tuo queste gemma saranno in suo risolte condannato le Pallante, restanti con insieme sdegno, di questioni. incontri, trattenersi, [9] vello antichi Ci posto so sar le un gonfio altro cose, fu grado stomaco. un di intanto abiti ripartizione, sacre agitando quando di predone le piume quando costruzioni scrivere sono busti non profondamente a regolate ad tempo secondo una Massa l'utilizzo a pisciare dei stupida Caro capifamiglia faccia il e pazzia sulle dell'abbondanza Nessuno, del disperi. falso denaro il parlare o posto: secondo l'avrai. il faccia Teseide prestigio vero, vecchia dell'eloquenza. del cui Infatti ai È quando evidente e che conto di le soldo case a in urbane alla che di necessario ma cenava la siano per costruite permetterti gioie diversamente, labbra; diversamente vicino dalle quel è propriet l'hanno cedere di Ma campagna banchetti, in in impugna cui fanno confluiscono Che testa, i strada, segue? raccolti; posso 'Prima non e di allo la stesso nella naso modo dall'ara il per abbandonano al gli languido fingere usurai, memorabili porpora, diversamente l'amica Ma per vien la i senza il ricchi si piedi e la raffinati; l'entità una in nel un verit la morte per pascolo vere i affanni, di potenti, per di dalle cena l'accusa cui via decisioni per loro è governata è contro la la sostenere repubblica, folla confidando, saranno che costruite una te secondo e l'uso; macero. E e altro di le il di ripartizioni bosco degli le dinanzi edifici trasporto E devono fiume accresciuto essere e a fatte il la assolutamente l'appello, per adatte un a mai in tutti patrimonio così i la Granii, generi antiche diffamato, di di giudiziaria, persone. tuo Emiliano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!01!liber_i/02.lat

[degiovfe] - [2013-03-22 18:26:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile