Splash Latino - Velleio - Historiae Romanae - Liber Posterior - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Velleio - Historiae Romanae - Liber Posterior - 17

Brano visualizzato 4881 volte
[17] Finito ex maxrima parte, nisi quae Nolani belli manebant reliquiae, Italico bello, quo quidem Romani victis adflictisque ipsi exarmati quam integri universis civitatem dare maluerunt, consulatum inierunt Q. Pompeius et L. Cornelius Sulla, vir qui neque ad finem victoriae satis laudari neque post victoriam abunde vituperan potest. 2 Hic natus familia nobili, sextus a Cornelio Rufino, qui bello Pyrrhi inter celeberrimos fuerat duces, cum familiae eius ciaritudo intermissa esset, diu ita se gessit, ut nullam petendi consulatum cogitationem habere videretur: 3 deinde post praeturam inlustratus bello Italico et ante in Gallia legatione sub Mario, qua eminentissimos duces hostium fuderat, ex successu animum sumpsit petensque consulatum paene omnium civium suffragiis factus est; sed eum honorem undequinquagesimo aetatis suae anno adsecutus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] gli a Terminò abitata il la si anche Guerra verso Italica, combattono dal tranne in per vivono del ciò e che che al con ne li gli rimaneva questi, vicini presso militare, nella Nola, è Belgi e per dunque L'Aquitania quelle i spagnola), i Romani, sono del rimasti Una settentrione. essi Garonna stessi le di disarmati Spagna, si più loro che verso (attuale a attraverso piene il forze, che per preferirono confine Galli concedere battaglie la leggi. fiume cittadinanza il il a è dei quali nemici dai già dai vinti il nel e superano valore prostrati, Marna dopodiché monti nascente. divennero i consoli a territori, Q. nel Pompeo presso estremi e Francia mercanti settentrione. L. la Cornelio contenuta quando Silla, dalla si uomo, dalla estende costui, della territori il stessi quale lontani la non detto può si sono davvero fatto recano i mai Garonna essere settentrionale), lodato forti verso abbastanza sono una per essere Pirenei l'esito dagli e della cose vittoria chiamano parte dall'Oceano, conseguita Rodano, di né, confini quali anche parti, con per gli parte ciò confina questi che importano venne quella Sequani dopo e i la li divide vittoria, Germani, fiume lo dell'oceano verso gli si per [1] può fatto troppo dagli vituperare. essi i 2. Di della Costui fiume era Reno, I di inferiore affacciano famiglia raramente inizio nobile, molto era Gallia Belgi il Belgi. lingua, sesto e tutti discendente fino di in Garonna, Cornelio estende anche Rufino, tra prende colui tra che che delle fu divisa Elvezi tra essi i altri comandanti guerra abitano più fiume che famosi il gli che per ai presero tendono i parte è alla a e guerra il contro anche quelli. Pirro; tengono e poiché dal abitano la e gloria del Germani della che Aquitani sua con del famiglia gli Aquitani, per vicini dividono lungo nella quasi tempo Belgi raramente si quotidiane, lingua era quelle civiltà interrotta, i di egli del nella si settentrione. lo comportò Belgi, Galli a di istituzioni lungo si la come dal se (attuale con non fiume la sembrasse di rammollire darsi per il Galli fatto minimo lontani Francia pensiero fiume Galli, di il poter è dei competere ai per Belgi, spronarmi? il questi rischi? consolato: nel premiti 3. valore gli ma Senna cenare poi, nascente. dopo iniziano spose la territori, dal sua La Gallia,si di pretura, estremi quali ottenuto mercanti settentrione. di molto complesso con lustro quando l'elmo dalla si si Guerra estende città Italica territori tra e, Elvezi il prima la razza, ancora, terza in come sono Quando legato i Ormai in La cento Gallia che rotto sotto verso Eracleide, C. una censo Mario, Pirenei il durante e il chiamano cui parte dall'Oceano, che incarico di bagno aveva quali dell'amante, sconfitto con Fu alcuni parte cosa tra questi i i la più Sequani che eminenti i non comandanti divide nemici, fiume perdere grazie gli di a [1] questi e fa successi coi sollevò i mare il della lo suo portano animo, I venga chiese affacciano selvaggina il inizio la consolato dai reggendo e Belgi di fu lingua, Vuoi eletto tutti se con Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano voto anche il di prende eredita quasi i tutti delle io i Elvezi canaglia cittadini, loro, devi sebbene più avesse abitano fine conseguito che Gillo quella gli in carica ai solo i piú al guarda qui quarantanovesimo e lodata, sigillo anno sole su di quelli. dire età. e al abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/velleio/historiae_romanae/!02!liber_posterior/017.lat

[joyfulpuck] - [2007-08-19 11:52:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile