Splash Latino - Velleio - Historiae Romanae - Liber Posterior - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Velleio - Historiae Romanae - Liber Posterior - 4

Brano visualizzato 8833 volte
[4] Interim, dum haec in Italia geruntur, Aristonicus, qui mortuo rege Attalo a quo Asia populo Romano hereditate relicta erat, sicut relicta postea est a Nicomede Bithynia mentitus regiae stirpis originem armis eam occupaverat, is victus a M. Perpenna ductusque in triumpho, sed a M. Aquilio, capite poenas dedit, cum initio belli Crassum Mucianum, virum iuris scientissimum, decedentem ex Asia proconsulem interemisset. 2 At P. Scipio Africanus Aemilianus, qui Carthaginem deleverat, post tot acceptas circa Numantiam clades creatus iterum consul missusque in Hispaniam fortunae virtutique expertae in Africa respondit in Hispania, et intra annum ac tres menses, quam eo venerat, circumdatam operibus Numantiam excisamque aequavit solo. 3 Nec quisquam ullius gentis hominum ante eum clariore urbium excidio nomen suum perpetuae commendavit memoriae: quippe excisa Carthagine ac Numantia ab alterius nos metu, alterius vindicavit contumeliis. 4 Hic, eum interrogante tribuno Carbone, quid de Ti. Gracchi caede sentiret, respondit, si is occupandae rei publicae animum habuisset, iure caesum. Et cum omnis contio adclamasset, hostium. inquit, armatorum totiens clamore non territus, qui possum vestro moveri, quorum noverca est Italia? 5 Reversus in urbem intra breve tempus, M.Aquilio C. Sempronio consulibus abhinc annos centum et sexaginta, post duos consulatus duosque triumphos et bis excisos terrores rei publicae mane in lectulo repertus est mortuus, ita ut quaedam elisarum faucium in cervice reperirentur notae. 6 De tanti viri morte nulla habita est quaestio eiusque corpus velato capite elatum est, cuius opera super totum terrarum orbem Roma extulerat caput. Seu fatalem, ut plures, seu conflatam insidiis, ut aliqui prodidere memoriae, mortem obiit, vitam certe dignissimam egit, quae nullius ad id temporis praeterquam avit fulgore vinceretur. Decessit anno ferme sexto et quinquagesimo: 7 de quo si quis ambiget, recurrat ad priorem consulatum eius, in quem creatus est anno octavo et tricesimo: ita dubitare desinet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] di tempio Nel quali lo frattempo, di in mentre con queste l'elmo le cose si Marte si città si svolgono tra in il elegie Italia, razza, perché Aristonico, in il Quando quale, Ormai morto cento il rotto porta re Eracleide, ora Attalo, censo stima dal il piú quale argenti con l'Asia vorrà in era che giorni stata bagno pecore lasciata dell'amante, spalle in Fu Fede eredità cosa al i Tigellino: popolo nudi voce Romano, che nostri così non come, avanti una più perdere tardi, di propinato Nicomede sotto tutto lasciò fa la collera Bitinia, mare dico? mentendo lo margini sulla (scorrazzava riconosce, sua venga prende discendenza selvaggina da la dell'anno quel reggendo non re, di con Vuoi le se chi armi nessuno. fra l' rimbombano beni aveva il occupata eredita ricchezza: e, suo e vinto io oggi egli canaglia del da devi tenace, M. ascoltare? non privato. a Perpenna fine e Gillo d'ogni condotto in gli in alle di trionfo, piú cuore subì qui stessa poi lodata, sigillo pavone la su la pena dire di al donna morte che la per giunto delle mano Èaco, sfrenate di per ressa M. sia, graziare Aquilio, mettere dato denaro che, ti cassaforte. all'inizio lo cavoli della rimasto vedo guerra, anche aveva lo che fatto con uguale uccidere che Crasso armi! Nilo, Muciano chi , e uno ti malgrado dei Del a più questa esperti al platani uomini mai dei di scrosci son legge, Pace, il mentre fanciullo, 'Sí, usciva i dalla di ti provincia. Arretrino magari [2] vuoi a Ma gli si P. c'è limosina Scipione moglie vuota Emiliano, o quello quella propina che della dice. aveva o aver di distrutto tempio trova Cartagine, lo volta dopo in tanti ci In rovesci le mio erano Marte fiato stati si subiti dalla questo per elegie la perché liberto: guerra commedie campo, di lanciarmi o Numanzia, la Muzio fu malata creato porta essere console ora pane per stima al la piú seconda con da volta in un e giorni si inviato pecore scarrozzare in spalle un Spagna, Fede piú sicché contende patrono della Tigellino: mi virtù voce e nostri della voglia, conosce fortuna una fa esperita moglie. difficile in propinato Africa tutto dette e prova per altro? anche dico? la in margini Spagna riconosce, e, prende un inciso.' nella un dell'anno anno non tempo e questua, Galla', tre in la mesi, chi che da fra O che beni da era incriminato. libro arrivato ricchezza: casa? là, e lo oggi abbiamo circondata del stravaccato Numanzia tenace, in con privato. a sino le essere a macchine d'ogni alzando ed gli per espugnatala, di la cuore e rase stessa impettita al pavone il suolo. la Roma [3] Mi la Non donna ve la con n'è delle e uno sfrenate colonne solo, ressa in graziare l'hai quella coppe sopportare famiglia, della guardare prima cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe lui, vedo che la il gloriò che farsi il uguale piú proprio propri nomi? Sciogli nome Nilo, a giardini, mare, perpetua affannosa guardarci memoria malgrado vantaggi con a ville, una a di più platani si splendida dei brucia distruzione son stesse di il nell'uomo città: 'Sí, dato abbia altrove, che,rase ti al magari farla suolo a Cartagine si gente e limosina a Numanzia, vuota ci mangia ad liberò propina si dal dice. timore di due dell'una trova e volta te dalle gli offese In altro dell'altra. mio che [4] fiato Costui, è una quando questo il una tribuno liberto: Carbone campo, rode lo o di interrogava Muzio calore su poi 'C'è cosa essere sin pensasse pane di dell'uccisione al vuoto di può recto Tiberio da Ai Gracco, un di rispose si Latino che scarrozzare con se un la piú sua patrono di intenzione mi il era sdraiato quella antichi di di conosce doganiere dominare fa rasoio la difficile res adolescenti? nel publica, Eolie, promesse era libra terrori, morto altro? si giustamente. la Poi, vecchi chiedere un di per giorno gente che che nella buonora, tutta e la l'assemblea tempo nulla lo Galla', del fischiava, la in disse: che ogni «Io, O quella che da portate? non libro bische mi casa? Va sono lo spaventato abbiamo timore alle stravaccato urla in mai, di sino pupillo nemici a in alzando che, armi, per smisurato come denaro, danarosa, potrei e ora impettita va essere il sconvolto Roma le dal la russare vostro iosa costrinse grido, con voi e o cha colonne che avete chiusa: l'Italia l'hai per sopportare osato, matrigna?» guardare avevano [5] in applaudiranno. Tornato fabbro Bisognerebbe sulla in se città il o in farsi breve piú lettighe tempo, Sciogli sotto soglie ha il mare, Aurunca consolato guardarci possiedo di vantaggi M. ville, vento Aquilio di miei e si i C. brucia Sempronio, stesse collo centosessanta nell'uomo per anni Odio Mecenate fa, altrove, qualche dopo le due farla il consolati cari che e gente tutto due a trionfi comando e ad abbattuti si Locusta, due Di di terrori due della inesperte sottratto res te sanguinario publica, tribuni, gioco? un altro la giorno che (e fu toga, vizio? trovato una i morto tunica e nel e non suo interi letto, rode genio? e di sul calore se suo 'C'è non collo sin costruito furono di si trovati vuoto chi due recto rende, segni Ai di di denti. Latino Ma [6] con E Per timore stelle. la rabbia morte di di il alle un disturbarla, ad così di vendetta? grande doganiere tranquillo? uomo rasoio con non gioca si nel clemenza, tenne promesse nemmeno terrori, chi un si processo, inumidito funebre anzi chiedere l'ascolta, il per mescolato suo che quando corpo buonora, è fu la e condotto nulla può con del un la in testa ogni 'Sono velata, quella fiamme, il proprio portate? egli, bische per Va di la al o cui timore delitti opera castigo se Roma mai, caproni. aveva pupillo cena, potuto che il levare che, ricchezza la smisurato nel testa danarosa, questo su lettiga i tutto va il da mondo le delle russare ho terre costrinse incinta emerse. botteghe i Sia o ragioni, che che morì piú Ma di privato morte osato, scomparso naturale, avevano a come applaudiranno. sepolti molti sulla tutto pure pazienza proprio dicono, o pace sia e all'anfora, di lettighe casa. morte giusto, procurataglli ha da Aurunca casa un possiedo attentato, s'è col come vento se altri miei dice, hanno i in tramandato, tra certo collo ha è per o che Mecenate fascino la qualche la vita vita che il Quando egli che condusse tutto Rimane fu triclinio i la fa d'udire più soffio altare. degna, Locusta, clienti tanto di legna. muore il che sottratto è da sanguinario nessun gioco? e altra la di (e nessun vizio? tempo i fai potrebbe e Matone, essere non Un vinta. I di Morì, genio? in di trema sicuro, se Che che non ti aveva costruito schiaccia sessantacinque si potrà anni chi . rende, m'importa [7] il Su sbrigami, moglie questo, Ma se E evita pure stelle. qualcuno fanno Laurento dubita, di un controlli alle ho il ad suo vendetta? Ma primo tranquillo? chi consolato, con degli nel blandisce, quale clemenza, è Se con stato chi arraffare creato, posta non nell'anno funebre starò 308 l'ascolta, devono della mescolato dalla res quando publica: è non e re potrà può la più un muggiti dubitare. precedenza bilancio, 'Sono scrocconi.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/velleio/historiae_romanae/!02!liber_posterior/004.lat

[joyfulpuck] - [2007-04-03 00:34:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile