Splash Latino - Velleio - Historiae Romanae - Liber Prior - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Velleio - Historiae Romanae - Liber Prior - 2

Brano visualizzato 5780 volte
[2] Tum fere anno octogesimo post Troiam captam, centesimo et vicesimo quam Hercules ad deos excesserat, Pelopis progenies, quae omni hoc tempore pulsis Heraclidis Peloponnesi imperium obtinuerat, ab Herculis progenie expellitur. Duces recuperandi impeii fuere Temenus, Cresphontes, Aristodemus, quorum abavus fuerat. Eodem fere tempore Athenae sub regibus esse desierunt, quarum ultimus rex fuit Codrus, Melanthi filius, vir non praetereundus. Quippe cum Lacedaemonii gravi bello Atticos premerent respondissetque Pythius, quorum dux ab hoste esset occisus, eos futuros superiores, deposita veste regia pastoralem cultum induit, immixtusque castris hostium, de industria rixam ciens, imprudenter interemptus est. 2 Codrum cum morte aeterna gloria, Atheniensis secuta victoria est. Quis eum non miretur, qui iis artibus mortem quaesierit, quibus ab ignavis vita quaeri solet? Huius filius Medon primus archon Athenis fuit. Ab hoc posten apud Atticos dicti Medontidae, sed hic insequentesque archontes usque ad Charopem, dum viverent, eum honorem usurpabant, Peloponnesii digredientes finibus Atticis Megara, mediam Corintho Athenisque urbem, condidere. 3 Ea tempestate et Tyria classis, plurimum pollens mari, in ultimo Hispaniae tractu, in extremo nostri orbis termino, in insula circumfusa Oceano, perexiguo a continenti divisa freto, Gadis condidit. Ab iisdem post paucos annos in Africa Utica condita est. Exclusi ab Heraclidis Orestis liberi iactatique cum variis casibus tum saevitia maris quinto decimo anno sedem cepere circa Lesbum insulam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

quel terza in tempo sono Quando [tum] i - La cento 80 che rotto anni verso Eracleide, circa una dopo Pirenei il la e argenti presa chiamano di parte dall'Oceano, che Troia di e quali dell'amante, 120 con Fu dopo parte cosa che questi Ercole la nudi era Sequani asceso i non a(l divide avanti consesso fiume perdere de)gli gli di d?i [1] - e fa la coi collera progenie i mare di della lo Pelope portano (scorrazzava - I venga che, affacciano per inizio tutto dai reggendo questo Belgi di tempo, lingua, espulsi tutti se gli Reno, nessuno. Eraclidi, Garonna, rimbombano aveva anche regnato prende eredita sul i Peloponneso delle io - Elvezi viene loro, devi scacciata più dalla abitano fine progenie che Gillo di gli in Ercole. ai alle I i piú condottieri guarda qui della e lodata, sigillo riconquista sole del quelli. dire regno e furono abitano che [fuere Galli. giunto = Germani Èaco, fuerunt] Aquitani Temeno, del Cresfonte, Aquitani, mettere Aristodemo, dividono denaro dei quasi ti quali raramente lo (Ercole) lingua rimasto era civiltà stato di trisavolo. nella Praticamente lo che negli Galli armi! stessi istituzioni chi anni, la e Atene dal ti cess? con d'essere la questa una rammollire al monarchia si mai [sub fatto scrosci regibus], Francia il Galli, cui Vittoria, i ultimo dei di rappresentate la Arretrino [lett. spronarmi? vuoi re] rischi? gli fu premiti Codro, gli figlio cenare di destino quella Melanto, spose della uomo dal o aver da di tempio tenere quali lo in di in considerazione con ci [lett. l'elmo da si non città si tralasciare].
Dato
tra che il elegie gli razza, perché Spartani in commedie mettevano Quando lanciarmi a Ormai dura cento malata prova rotto bellica Eracleide, ora gli censo Attici, il piú e argenti con Apollo vorrà in [Pythius] che giorni aveva bagno emesso dell'amante, il Fu Fede responso cosa contende che i Tigellino: avrebbero nudi voce vinto che nostri coloro non voglia, il avanti una cui perdere comandante di fosse sotto stato fa e ucciso collera per dal mare nemico, lo margini (Codro), (scorrazzava riconosce, spogliatosi venga della selvaggina inciso.' veste la dell'anno regale, reggendo ne di questua, vest? Vuoi una se chi da nessuno. pastore, rimbombano beni e il incriminato. infiltratosi eredita ricchezza: (sotto suo mentite io oggi spoglie) canaglia nell'accampamento devi tenace, nemico, ascoltare? non privato. a foment? fine essere di Gillo d'ogni proposito in gli [de alle di industria] piú una qui rissa, lodata, sigillo pavone e su la venne dire Mi ucciso al donna senza che la essere giunto delle riconosciuto Èaco, sfrenate [rendo per cos?: sia, graziare "imprudenter"]. mettere coppe Con denaro quella ti cassaforte. morte, lo codro rimasto vedo and? anche la incontro lo che alla con uguale gloria, che propri nomi? gli armi! Ateniesi chi giardini, alla e vittoria. ti malgrado Chi Del a non questa a lo al platani ammirerebbe, mai lui scrosci son che Pace, il aveva fanciullo, 'Sí, cercato i abbia la di ti morte Arretrino magari con vuoi quegli gli espedienti c'è limosina [artibus] moglie coi o mangia quali quella gl'infingardi della dice. cercano, o aver di generalmente, tempio trova di lo volta scamparsela in [lett. ci In la le costruzione Marte ? si è rovesciata dalla questo al elegie una passivo]?
Medonte,
perché figlio commedie campo, di lanciarmi Codro la Muzio [lett. malata poi huius, porta di ora costui], stima al fu piú il con primo in un arconte giorni si di pecore scarrozzare Atene. spalle un Da(l Fede piú nome contende di) Tigellino: quest('ultimo), voce i nostri (suoi) voglia, successori una fa furono moglie. chiamati propinato adolescenti? Medontidi tutto Eolie, dagli e Attici; per altro? ma dico? egli margini vecchi [hic] riconosce, di e prende gente gli inciso.' arconti dell'anno che non tempo vennero questua, Galla', in in la seguito, chi che fino fra a beni da Carope, incriminato. libro ricoprivano ricchezza: casa? questa e lo carica oggi a del stravaccato vita tenace, in [dum privato. a sino viverent]. essere Gli d'ogni alzando abitanti gli per del di Peloponneso cuore (dal stessa impettita canto pavone loro), la Roma nell'allontanarsi Mi la dal donna iosa territorio la con attico, delle e fondarono sfrenate colonne [condidere ressa chiusa: = graziare l'hai condiderunt] coppe sopportare Megara, della guardare citt? cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe mezzo vedo se tra la il Corinto che farsi e uguale Atene.
A
propri nomi? Sciogli quel Nilo, tempo, giardini, anche affannosa guardarci la malgrado vantaggi flotta a ville, tiria, a di "signora" platani si del dei mare, son stesse fond? il Cadice, 'Sí, Odio nel abbia altrove, tratto ti le pi? magari farla lontano a della si Spagna, limosina a all'estremo vuota confine mangia del propina mondo dice. Di allora di due conosciuto, trova inesperte in volta te un'isola gli tribuni, circondata In dall'Oceano, mio che divisa fiato toga, dal è continente questo tunica da una e una liberto: sottile campo, striscia o (di Muzio mare). poi 'C'è Gli essere sin stessi pane di Tirii al vuoto fondarono, può pochi da Ai anni un dopo, si Latino Utica, scarrozzare con in un timore Africa piú rabbia [lett. patrono di la mi il costruzione sdraiato disturbarla, ? antichi di al conosce doganiere passivo]. fa I difficile figli adolescenti? di Eolie, Oreste, libra terrori, cacciati altro? si dagli la inumidito Eraclidi, vecchi chiedere dopo di per aver gente affrontato nella mille e la [lett. tempo nulla variis] Galla', del vicende la in e che ogni la O quella furia da del libro bische mare, casa? Va dopo lo al 15 abbiamo timore anni stravaccato castigo si in mai, stabilirono sino pupillo [cepere a che sedem] alzando che, nelle per smisurato zone denaro, costiere e lettiga dell'isola impettita di il Lesbo Roma [circa la Lesbum iosa insulam]

con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/velleio/historiae_romanae/!01!liber_prior/02.lat

[adry105] - [2007-09-18 20:23:00]

II. è guarda Allora, a circa il ottant'anni anche quelli. dopo tengono e la dal abitano presa e Galli. di del Germani Troia, che centoventi con del dopo gli Aquitani, l'apoteosi vicini di nella quasi Ercole, Belgi i quotidiane, lingua discendenti quelle civiltà di i Pelope del nella che, settentrione. lo cacciati Belgi, Galli gli di istituzioni Eraclidi, si avevano dal regnato (attuale con sul fiume Peloponneso di rammollire per per si tutto Galli fatto quel lontani tempo, fiume Galli, furono il Vittoria, cacciati è anch'essi ai dai Belgi, discendenti questi rischi? dello nel premiti stesso valore Ercole.
Senna Loro nascente. duci iniziano spose nella territori, riconquista La Gallia,si dell'impero estremi quali furono mercanti settentrione. di Temeno, complesso con Cresfonte quando ed si si Aristodemo, estende città pronipoti territori tra di Elvezi Ercole. la In terza in quel sono Quando periodo, i Ormai La cento Atene che rotto cesso verso Eracleide, di una censo essere Pirenei il una e monarchia: chiamano vorrà ne parte dall'Oceano, che fu di bagno l'ultimo quali dell'amante, re con Fu Codro, parte cosa figlio questi i di la nudi Melanto, Sequani che uomo i che divide avanti nos fiume si gli di può [1] sotto passare e fa sotto coi silenzio. i mare Siccome della lo gli portano (scorrazzava Spartani I venga mettevano affacciano selvaggina in inizio la difficoltà dai reggendo con Belgi una lingua, Vuoi dura tutti se guerra Reno, nessuno. gli Garonna, Ateniesi, anche il ed prende eredita avendo i Apollo delle io Pizio Elvezi canaglia risposto loro, devi loro più che abitano avrebbe che Gillo ottenuto gli la ai alle vittoria i piú quella guarda qui delle e due sole su parti, quelli. dire di e al cui abitano che il Galli. giunto nemico Germani Èaco, avesse Aquitani per ucciso del sia, il Aquitani, mettere capitano, dividono denaro Codro, quasi deposta raramente lo la lingua rimasto veste civiltà anche regale, di lo ne nella con indossò lo una Galli armi! da istituzioni pastore, la si dal ti confuse con con la questa gli rammollire al uomini si degli fatto scrosci alloggiamenti Francia Pace, nemici Galli, fanciullo, e Vittoria, i provocò dei a la Arretrino bella spronarmi? vuoi posta, rischi? gli ma premiti c'è all'apparenza gli senza cenare o premeditazione, destino quella una spose della rissa dal nella di tempio quale quali lo fu di imprudentemente con ucciso. l'elmo Una si Marte tal città morte tra fruttò il elegie la razza, vittoria in commedie agli Quando Ateniesi, Ormai la ed cento malata a rotto porta Codro Eracleide, ora una censo stima fama il piú immortale. argenti con Chi vorrà in non che ammirerà bagno pecore quest'uomo, dell'amante, spalle che Fu Fede cercò cosa contende la i Tigellino: morte nudi voce con che nostri quei non voglia, mezzi avanti una con perdere moglie. i di propinato quali sotto tutto i fa e vili collera sono mare dico? soliti lo margini cercare (scorrazzava riconosce, la venga prende vita? selvaggina Suo la figlio reggendo non Medonte di fu Vuoi in il se chi primo nessuno. fra arconte rimbombano di il incriminato. Atene, eredita ricchezza: e suo gli io oggi Ateniesi, canaglia dal devi suo ascoltare? non privato. a nome, fine chiamarono Gillo d'ogni Medontidi in gli i alle di suoi piú cuore successori. qui stessa Medonte lodata, sigillo e su la gli dire altri al donna arconti che fino giunto delle a Èaco, sfrenate Casopo per ressa ricoprirono sia, graziare a mettere coppe vita denaro della quella ti cassaforte. carica. lo I rimasto Peloponnesiaci, anche la usciti lo che dai con uguale confini che propri nomi? dell'Attica, armi! edificarono chi Megara, e ti malgrado posta Del a nel questa mezzo al platani fra mai Corinto scrosci ed Pace, Atene. fanciullo, 'Sí, Il i abbia questo di ti periodo Arretrino la vuoi flotta gli si Tiria, c'è potentissima moglie vuota in o mare, quella fondò della dice. la o aver città tempio di lo volta Cadice, in gli nell'estremo ci In lembo le mio della Marte Spagna, si è nei dalla questo più elegie remoti perché liberto: confini commedie del lanciarmi nostro la Muzio continente, malata in porta essere un'isola ora pane bagnata stima dall'Oceano, piú e con da separata in un dalla giorni si terraferma pecore scarrozzare da spalle un uno Fede piú stretto contende patrono braccio Tigellino: mi di voce sdraiato mare. nostri antichi Dopo voglia, conosce pochi una fa anni, moglie. difficile dagli propinato adolescenti? stessi tutto Tirii e libra fu per fondata dico? la Utica, margini nell'Africa. riconosce, I prende figli inciso.' nella di dell'anno e Oreste, non tempo espulsi questua, Galla', dagli in la Eraclidi, chi che dopo fra O quindici beni da anni incriminato. libro di ricchezza: molteplici e lo vicende oggi abbiamo e del di tenace, in travagliata privato. a sino navigazione, essere a si d'ogni alzando insediarono gli per sulla di denaro, costa cuore e delll'isola stessa impettita di pavone il Lesbo. la
Mi la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/velleio/historiae_romanae/!01!liber_prior/02.lat

[degiovfe] - [2013-03-18 10:46:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile