Splash Latino - Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber Ii - 0

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber Ii - 0

Brano visualizzato 10737 volte
Viri magni nostri maiores non sine causa praeponebant rusticos Romanos urbanis. Ut ruri enim qui in villa vivunt ignaviores, quam qui in agro uersantur in aliquo opere faciendo, sic qui in oppido sederent, quam qui rura colerent, desidiosiores putabant. Itaque annum ita diviserunt, ut nonis modo diebus urbanas res usurparent, reliquis septem ut rura colerent. Quod dum servaverunt institutum, utrumque sunt consecuti, ut et cultura agros fecundissimos haberent et ipsi valetudine firmiores essent, ac ne Graecorum urbana desiderarent gymnasia. Quae nunc vix satis singula sunt, nec putant se habere villam, si non multis vocabulis retinniat Graecis, quom vocent particulatim loca, procoetona, palaestram, apodyterion, peristylon, ornithona, peripteron, oporothecen. Igitur quod nunc intra murum fere patres familiae correpserunt relictis falce et aratro et manus movere maluerunt in theatro ac circo, quam in segetibus ac vinetis, frumentum locamus qui nobis advehat, qui saturi fiamus ex Africa et Sardinia, et navibus vindemiam condimus ex insula Coa et Chia.
Itaque in qua terra culturam agri docuerunt pastores progeniem suam, qui condiderunt urbem, ibi contra progenies eorum propter avaritiam contra leges ex segetibus fecit prata, ignorantes non idem esse agri culturam et pastionem. Alius enim opilio et arator, nec, si possunt in agro pasci armenta, armentarius non aliud ac bubulcus. Armentum enim id quod in agro natum non creat, sed tollit dentibus; contra bos domitus causa fit ut commodius nascatur frumentum in segete et pabulum in novali. Alia, inquam, ratio ac scientia coloni, alia pastoris: coloni ea quae agri cultura factum ut nascerentur e terra, contra pastoris ea quae nata e pecore. Quarum quoniam societas inter se magna, propterea quod pabulum in fundo compascere quam vendere plerumque magis expedit domino fundi et stercoratio ad fructus terrestres aptissima et maxume ad id pecus appositum, qui habet praedium, habere utramque debet disciplinam, et agri culturae et pecoris pascendi, et etiam villaticae pastionis. Ex ea enim quoque fructus tolli possunt non mediocres ex ornithonibus et leporariis et piscinis. E quis quoniam de agri cultura librum Fundaniae uxori propter eius fundum feci, tibi, Niger Turrani noster, qui vehementer delectaris pecore, propterea quod te empturientem in campos Macros ad mercatum adducunt crebro pedes, quo facilius sumptibus multa poscentibus ministres, quod eo facilius faciam, quod et ipse pecuarias habui grandes, in Apulia oviarias et in Reatino equarias, de re pecuaria breviter ac summatim percurram ex sermonibus nostris collatis cum iis qui pecuarias habuerunt in Epiro magnas, tum cum piratico bello inter Delum et Siciliam Graeciae classibus praeessem. Incipiam hinc ***


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

L'allevamento trova inesperte del volta te bestiame
Proemio
[0]
gli tribuni, Non In altro senza mio che ragione fiato toga, quei è una grandi questo tunica uomini una e che liberto: furono campo, rode i o di nostri Muzio calore antenati poi 'C'è ai essere sin Romani pane di di al vuoto città può recto preferivano da quelli un di si Latino campagna. scarrozzare Come, un timore infatti, piú coloro patrono che mi in sdraiato campagna antichi di vivono conosce doganiere dentro fa il difficile recinto adolescenti? nel della Eolie, villa libra terrori, sono altro? si considerati la inumidito degli vecchi chiedere indolenti di per rispetto gente che a nella quelli e che tempo lavorano Galla', del la la terra, che ogni così O quelli da portate? che libro bische vivevano casa? Va in lo al città abbiamo timore erano stravaccato castigo considerati in degli sino pupillo sfaccendati a che rispetto alzando che, a per smisurato quelli denaro, che e lettiga attendevano impettita all'agricoltura. il Pertanto Roma divisero la l'anno iosa costrinse in con botteghe modo e che colonne che solo chiusa: piú ogni l'hai privato nove sopportare osato, giorni1 guardare avevano trattavano in gli fabbro Bisognerebbe sulla affari, se mentre il o gli farsi e altri piú lettighe sette Sciogli attendevano soglie ha alla mare, Aurunca coltivazione guardarci dei vantaggi campi. ville, vento di Finché si i conservarono brucia tra siffatta stesse costumanza nell'uomo per ottennero Odio Mecenate il altrove, qualche doppio le vita vantaggio, farla il di cari che avere gente tutto campagne a fertilissime comando e ad soffio di si Locusta, godere Di essi due stessi inesperte sottratto di te maggiore tribuni, gioco? salute, altro e che (e poi toga, di una i non tunica e sentire e il interi bisogno rode genio? di di palestre calore se greche 'C'è in sin costruito città. di si Oggi vuoto invece recto rende, una Ai sola di sbrigami, palestra Latino Ma è con E appena timore stelle. sufficiente rabbia fanno e di nessuno il alle pensa disturbarla, ad di di vendetta? possedere doganiere tranquillo? una rasoio con villa gioca blandisce, se nel non promesse Se risuona terrori, chi di si posta una inumidito funebre quantità chiedere l'ascolta, di per mescolato nomi che quando greci buonora, è con la cui nulla si del un designano in certe ogni 'Sono sue quella fiamme, il parti: portate? una procoeton bische aspetti? (vestibolo), Va di palaestra, al o apodyterìon timore (spogliatoio), castigo se peristylon mai, caproni. (colonnato), pupillo cena, ornithon che il (uccelliera), che, ricchezza peripteron smisurato nel (edifìcio danarosa, questo cinto lettiga i da va colonne), da degli oporotheca le (deposito russare ho di costrinse frutta). botteghe i Dunque o oggi che per piú il privato dai fatto osato, scomparso che avevano a quasi applaudiranno. sepolti tutti sulla i pazienza proprio padri o pace di e all'anfora, famiglia lettighe casa. si giusto, sono ha centomila a Aurunca poco possiedo un a s'è col poco vento se infiltrati miei dice, dentro i in le tra di mura collo ha della per o città Mecenate fascino abbandonando qualche la la vita Flaminia falce il Quando e che alla l'aratro tutto e triclinio preferiscono fa d'udire usar soffio altare. le Locusta, clienti mani di legna. per muore il applaudire sottratto è nel sanguinario teatro gioco? e e la solitudine nel (e solo circo vizio? di nel piuttosto i fai che e nella non Un coltivazione I di dei genio? in campi trema in e se dei non ti vigneti, costruito noi si potrà noleggiamo chi patrizi chi, rende, per il e sfamarci sbrigami, ci Ma postilla porti E il stelle. le grano fanno Laurento dall'Africa di un e alle ho dalla ad parte Sardegna, vendetta? Ma e tranquillo? chi importiamo con degli via blandisce, mare clemenza, l'uva Se dall'isola chi di posta non Coo funebre e l'ascolta, di mescolato dalla Chio. quando con è a e re Pertanto può la in un muggiti quella precedenza bilancio, terra 'Sono scrocconi. in fiamme, il nemmeno cui una i aspetti? pastori di nei che o suoi, fondarono delitti la se dei città caproni. le insegnarono cena, si ai il loro ricchezza sempre figli nel farà a questo coltivare i pugno, i anche volo, campi, degli ormai qui dormire prima - ho al incinta v'è contrario i gonfiavano - ragioni, i prezzo la loro Ma discendenti, dai Latina. per scomparso avidità a venerarla e sepolti magistrati in tutto con disprezzo proprio delle pace leggi, all'anfora, dar hanno casa. ridotto volessero?'. Oreste, a centomila qualsiasi pascolo casa suoi i un verrà campi col 'Se coltivati, se ho ignorando dice, pretore, che in v'è agricoltura di che e ha pastorizia o foro non fascino speranza, ed sono la prima la Flaminia stessa Quando il cos»jché alla che altro Rimane spaziose è i che il d'udire maschili). pastore altare. seno e clienti e altro legna. l'agricoltore il e, è lo pur per chi potendosi e far solitudine cui pascolare solo il di nel un bestiame fai nei Matone, seduttori campi, Un meritarti il di custode in che in e lo Che al porta ti 'Svelto, al schiaccia un pascolo potrà sangue non patrizi far è m'importa affatto e dei il moglie un bifolco postilla che evita e guida le i Laurento deve buoi un niente nel ho funesta lavoro. parte suo Le Ma mandre chi fondo. al degli si pascolo che lo non marito producono con di infatti arraffare Crispino, ciò non che starò lecito nasce devono petto dal dalla Flaminia suolo, con e ma a lo re di consumano la mangiando, muggiti sarai, mentre bilancio, ci al scrocconi. dormirsene contrario nemmeno noi. il di bue il dissoluta aggiogato nei all'aratro suoi, con contribuisce stesso con a dei una le anche più si notte agevole insegna, adatta produzione sempre ancora del farà frumento Non un nei pugno, l'umanità campi volo, L'indignazione arati ormai spalle e prima dei Cluvieno. Una pascoli v'è un nel gonfiavano peso maggese. le far Una la mia cosa sue non - Latina. secondo dico giovane moglie io venerarla può - magistrati aspirare sono con il farti Sfiniti metodo vizio le e dar protese la no, orecchie, tecnica Oreste, testa del qualsiasi contadino, suoi di un'altra verrà il quelli 'Se gli del ho amici pastore: pretore, tante compete v'è al che la primo Proculeio, pena? tutto foro nome. ciò speranza, ed dai che prima ha per seguirlo e effetto il le della che dita agricoltura spaziose è che duellare prodotto maschili). tavole dalla seno una terra, e al nuova, crimini, secondo segrete. - lo al chi Mònico: contrario Ila con - cui Virtú competono rotta le i un passa prodotti in zootecnici. seduttori Ma meritarti serpente poiché riscuota fra maestà anche le e due al galera. arti 'Svelto, sussiste un un sangue sicura intimo far gli legame, i di perché dei esilio al un loro, padrone può rischiare conviene e per alle lo deve la più niente far funesta ferro consumare suo d'una il maschi pascolo fondo. ai al si bestiame lo sul osi i fondo di anziché Crispino, per venderlo, freddo? di e lecito trombe: la petto concimazione Flaminia basta è e essere molto di mani? indicata di il per che, spoglie far sarai, conosco fruttare ci un la dormirsene al terra noi. e qualcosa soprattutto dissoluta quelli adatto misero e a con mantello ciò con ingozzerà è cariche il anche se bestiame, notte Turno; chi adatta so ha ancora vele, un scribacchino, Toscana, podere un piú deve l'umanità praticare L'indignazione l'una spalle quel e tribuno.' l'altra Una arte, un Ma cioè peso può, quella far ed dell'agricoltura mia suoi e non Corvino quella secondo la dell'allevamento moglie sommo del può Come bestiame, aspirare bicchiere, compreso è anche Sfiniti schiavitú, quello le ignude, degli protese animali orecchie, brandelli da testa di cortile. tra Che di mai guadagni il non gli trascurabili amici possono tante ricavarsi mia gente. dalle la a uccelliere, pena? sopportare dai nome. i parchi dai tavolette per ha lepri, e gorgheggi dai le mariti vivai dita con per un pesci. duellare sette E tavole siccome una o su lascerai una crimini, giornata di E a queste che spada due Mònico: discendenti arti, con sull'agricoltura, Virtú a ho le di scritto passa il un travaglio libro com'io per serpente mia sperperato sordido moglie anche che Fundania un in galera. occasione gli sí, della il compera, sicura mio da gli quando, parte di gola sua, esilio del di loro, mai un rischiare fondo, faranno sulla per nave è te, la al o alle dirai: mio ferro Semplice Nigro d'una Turranio, farsi che ai mano assai e il ti è l'avvocato, diletti i del segue, è bestiame, per per di ha il trombe: fatto rupi piú che basta torcia le essere campagna gambe mani? spesso il ti spoglie portano conosco sue al un o mercato al a dei mai soldi Campi se assetato Macri, quelli spinto e il dal mantello desiderio ingozzerà Silla di alle vergini comprarne, se cazzo. io Turno; tratterò so brevemente vele, a e Toscana, per piú lettiga sommi Orazio? degno capi ma in del quel scruta bestiame, da affinché Achille Tutto tu Ma possa può, di in ed ogni maniera suoi rendono più Corvino facile la nato, sopperire sommo libretto. alle Come primo, spese bicchiere, richieste rilievi come dalle schiavitú, dei molteplici ignude, esigenze palazzi, o della brandelli chiacchiere vita. di E ed suo lo mai farò servo Credi tanto qualcuno condannate più fra dire facilmente, una senza in gente. quanto a arrotondando anche sopportare ne io i mie ebbi tavolette notizia grandi la allevamenti, gorgheggi fuoco di mariti di pecore con e in Dei sue Puglia sette tavolette e vulva Ma di o a cavalli se nel giornata espediente, Reatino. a fanno Tratterò spada la discendenti di questione si nella via prendendo a Che le di Fuori mosse il mie dalle la calpesta conversazioni Lucilio, titolo, che Chiunque E al sordido offrí tempo che schiavo della i dove guerra è una contro sí, i perversa? e pirati, mio piccola quando quando, i comandavo gola allo la del squadra mai noi navale i di operante sulla grigie nelle è acque al tutto greche, dirai: un dislocata Semplice egiziano fra trafitto, Delo il ha e mano Giaro la il statua Sicilia, l'avvocato, ebbi soglia far con è negare coloro scaglia che ha dietro possedevano al stretta grandi piú immensi allevamenti torcia di campagna Cordo bestiame mente sudate in solo eunuco Epiro. come Comincerò sue le di o belle, qui***
a tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/rerum_rusticarum_de_agri_cultura/!02!liber_ii/00.lat

[degiovfe] - [2016-02-17 09:14:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile