Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber I - 17

Brano visualizzato 11410 volte
De fundi quattuor partibus, quae cum solo haerent, et alteris quattuor, quae extra fundum sunt et ad culturam pertinent, dixi. Nunc dicam, agri quibus rebus colantur. Quas res alii dividunt in duas partes, in homines et adminicula hominum, sine quibus rebus colere non possunt; alii in tres partes, instrumenti genus vocale et semivocale et mutum, vocale, in quo sunt servi, semivocale, in quo sunt boves, mutum, in quo sunt plaustra. Omnes agri coluntur hominibus servis aut liberis aut utrisque: liberis, aut cum ipsi colunt, ut plerique pauperculi cum sua progenie, aut mercennariis, cum conducticiis liberorum operis res maiores, ut vindemias ac faenisicia, administrant, iique quos obaerarios nostri vocitarunt et etiam nunc sunt in Asia atque Aegypto et in Illyrico complures. De quibus universis hoc dico, gravia loca utilius esse mercennariis colere quam servis, et in salubribus quoque locis opera rustica maiora, ut sunt in condendis fructibus vindemiae aut messis. De iis, cuius modi esse oporteat, Cassius scribit haec: operarios parandos esse, qui laborem ferre possint, ne minores annorum XXII et ad agri culturam dociles. Eam coniecturam fieri posse ex aliarum rerum imperatis, et in eo eorum e noviciis requisitione, ad priorem dominum quid factitarint.

Mancipia esse oportere neque formidulosa neque animosa. Qui praesint esse oportere, qui litteris atque aliqua sint humanitate imbuti, frugi, aetate maiore quam operarios, quos dixi. Facilius enim iis quam qui minore natu sunt dicto audientes. Praeterea potissimum eos praeesse oportere, qui periti sint rerum rusticarum. Non solum enim debere imperare, sed etiam facere, ut facientem imitetur et ut animadvertat eum cum causa sibi praeesse, quod scientia praestet. Neque illis concedendum ita imperare, ut verberibus coerceant potius quam verbis, si modo idem efficere possis. Neque eiusdem nationis plures parandos esse: ex eo enim potissimum solere offensiones domesticas fieri. Praefectos alacriores faciendum praemiis dandaque opera ut habeant peculium et coniunctas conservas, e quibus habeant filios. Eo enim fiunt firmiores ac coniunctiores fundo. Itaque propter has cognationes Epiroticae familiae sunt inlustriores ac cariores. Inliciendam voluntatem praefectorum honore aliquo habendo, et de operariis qui praestabunt alios, communicandum quoque cum his, quae facienda sint opera, quod, ita cum fit, minus se putant despici atque aliquo numero haberi a domino. Studiosiores ad opus fieri liberalius tractando aut cibariis aut vestitu largiore aut remissione operis concessioneve, ut peculiare aliquid in fundo pascere liceat, huiusce modi rerum aliis, ut quibus quid gravius sit imperatum aut animadversum qui, consolando eorum restituat voluntatem ac benevolentiam in dominum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] poi 'C'è Ecco essere sin illustrati pane di i al vuoto quattro può recto punti da Ai della un di trattazione si Latino sul scarrozzare con fondo un timore relativi piú al patrono di suolo mi il e sdraiato disturbarla, gli antichi altri conosce doganiere quattro fa che difficile si adolescenti? nel riferiscono Eolie, promesse all'esterno libra terrori, del altro? si podere la inumidito e vecchi chiedere al di per modo gente che di nella coltivarlo. e
Ora
tempo tratterò Galla', del dei la in mezzi che ogni con O quella cui da si libro coltivano casa? i lo al campi. abbiamo Tali stravaccato castigo mezzi in mai, alcuni sino li a che distinguono alzando in per smisurato due denaro, danarosa, gruppi, e cioè impettita va uomini il da ed Roma arnesi, la russare senza iosa costrinse i con botteghe quali e o gli colonne che uomini chiusa: piú non l'hai possono sopportare osato, lavorare guardare avevano la in terra; fabbro Bisognerebbe sulla altri se pazienza in il o tre, farsi cioè piú lettighe in Sciogli giusto, strumenti soglie di mare, Aurunca genere guardarci possiedo parlante, vantaggi s'è semiparlante ville, e di muto: si i i brucia tra parlanti stesse collo sono nell'uomo per gli Odio schiavi, altrove, i le vita semiparlanti farla i cari buoi, gente tutto i a muti comando fa sono ad soffio i si carri. Di I due muore campi inesperte sottratto vengono te coltivati tribuni, gioco? da altro uomini che (e di toga, vizio? condizione una servile tunica o e non libera, interi I oppure rode insieme di trema da calore se entrambi. 'C'è non Dai sin costruito liberi di ciò vuoto chi avviene: recto rende, o Ai il quando di sono Latino Ma loro con E stessi timore stelle. che rabbia li di coltivano il alle - disturbarla, ad come di accede doganiere tranquillo? nella rasoio con maggior gioca blandisce, parte nel clemenza, dei promesse Se fittavoli terrori, chi di si posta umile inumidito funebre condizione chiedere l'ascolta, insieme per mescolato ai che quando figli buonora, è -; la oppure nulla può con del un i in braccianti ogni 'Sono salariati, quella fiamme, il quando portate? una si bische aspetti? provvede Va di ai al o lavori timore più castigo se onerosi, mai, come pupillo la che il vendemmia che, ricchezza e smisurato la danarosa, questo falciatura lettiga i del va anche fieno, da degli impiegando le dormire operai russare liberi costrinse incinta stipendiati botteghe i o o ragioni, anche che prezzo quelli piú Ma che privato dai da osato, scomparso noi avevano si applaudiranno. sepolti chiamano sulla obaerati, pazienza proprio che o pace sono e all'anfora, ancora lettighe casa. numerosi giusto, in ha centomila Asia, Aurunca Egitto possiedo un e s'è col nell'Illirico. vento se Riguardo miei dice, a i in tutte tra queste collo ha specie per di Mecenate fascino lavoratori qualche la voglio vita dir il Quando questo, che cioè tutto Rimane che triclinio i è fa d'udire più soffio utile Locusta, clienti che di legna. le muore il zone sottratto è malsane sanguinario per vengano gioco? e fatte la solitudine lavorare (e solo dai vizio? di nel braccianti i fai salariati, e Matone, piuttosto non Un che I di dagli genio? in schiavi trema in e se che, non ti anche costruito schiaccia nei si potrà luoghi chi patrizi salubri, rende, m'importa ad il e essi sbrigami, moglie tocchino Ma i E lavori stelle. agricoli fanno Laurento più di un pesanti, alle ho come ad parte la vendetta? Ma vendemmia tranquillo? chi e con la blandisce, che mietitura. clemenza, marito Riguardo, Se con poi, chi arraffare alle posta caratteristiche funebre starò che l'ascolta, devono questi mescolato braccianti quando con è è a bene e re che può la abbiano, un muggiti scrive precedenza bilancio, Cassio: 'Sono bisogna fiamme, il nemmeno procurarsi una di della aspetti? il mano di nei d'opera o suoi, in delitti stesso grado se dei di caproni. le sopportare cena, la il insegna, fatica, ricchezza non nel al questo di i sotto anche dei degli ormai ventidue dormire anni ho Cluvieno. e incinta v'è portata i gonfiavano per ragioni, le il prezzo lavoro Ma sue in dai Latina. campagna. scomparso giovane Tali a venerarla inclinazioni sepolti magistrati possono tutto con essere proprio farti congetturate pace dal all'anfora, dar modo casa. no, in volessero?'. Oreste, cui centomila qualsiasi eseguono casa suoi ordini un verrà per col 'Se faccende se ho di dice, pretore, altro in v'è genere di e, ha Proculeio, nel o foro caso fascino speranza, ed di la prima quelli Flaminia seguirlo che Quando il vengono alla che assunti Rimane per i che la d'udire maschili). prima altare. seno volta, clienti e informandosi legna. nuova, su il segrete. cosa è lo facessero per chi presso e Ila il solitudine cui precedente solo rotta padrone.

Gli
di nel un schiavi, fai in poi, Matone, seduttori è Un meritarti bene di che in maestà non in e siano Che al ti codardi schiaccia un potrà irruenti. patrizi far Quelli, m'importa i tra e dei di moglie un loro, postilla che evita e sovrintendono le alle al Laurento deve lavoro un niente è ho necessario parte che Ma possiedano chi fondo. almeno degli un'infarinatura che lo di marito lingua con e arraffare Crispino, di non cultura starò lecito generale, devono che dalla siano con e onesti a di e re di più la anziani muggiti sarai, dei bilancio, ci braccianti scrocconi. dormirsene di nemmeno noi. cui di ho il dissoluta parlato. nei E' suoi, con facile, stesso con infatti, dei che le anche questi si notte ultimi insegna, adatta diano sempre ancora più farà scribacchino, ascolto Non alle pugno, l'umanità loro volo, L'indignazione parole ormai spalle che prima non Cluvieno. Una a v'è un quelle gonfiavano peso di le far persone la mia ancora sue non più Latina. secondo giovani. giovane moglie E', venerarla poi, magistrati aspirare fondamentale con è che farti Sfiniti chi vizio le ha dar protese ruoli no, orecchie, di Oreste, responsabilità qualsiasi tra sia suoi di esperto verrà il di 'Se gli lavori ho amici agricoli. pretore, tante Egli v'è non che la deve Proculeio, solo foro dare speranza, ed dai ordini, prima ha ma seguirlo anche il le darsi che dita da spaziose un fare, che in maschili). tavole modo seno che e chi nuova, crimini, è segrete. E al lo che lavoro chi Mònico: lo Ila imiti cui Virtú e rotta capisca un passa che in quella seduttori com'io persona meritarti a riscuota buon maestà anche diritto e un è al il 'Svelto, capo, un perché sangue sicura ne far sa i di più dei esilio di un lui. può rischiare Al e faranno contempo alle nave non deve la bisogna niente permettere funesta ferro che suo essi maschi farsi comandino fondo. ai con si e le lo bastonate osi più di che Crispino, per con freddo? di le lecito trombe: parole, petto quando Flaminia basta sia e essere possibile di ottenere di il il che, spoglie medesimo sarai, conosco risultato. ci Non dormirsene al è noi. mai bene, qualcosa se poi, dissoluta quelli procurarsi misero e molti con mantello schiavi con ingozzerà della cariche stessa anche se nazionalità: notte di adatta so solito ancora vele, i scribacchino, Toscana, problemi un piú di l'umanità Orazio? gestione L'indignazione ma interna spalle quel sorgono tribuno.' da principalmente Una Achille da un Ma questo peso può, fatto. far Questi mia capoccia non Corvino vanno secondo la resi moglie più può Come zelanti aspirare bicchiere, conferendo è loro Sfiniti delle le ignude, gratifiche protese palazzi, e orecchie, brandelli facendo testa di in tra modo di mai che il servo abbiano gli una amici fra porzione tante di mia gente. patrimonio la a e, pena? come nome. i mogli, dai delle ha la compagne e gorgheggi di le mariti servitù dita da un Dei cui duellare sette abbiano tavole figli; una o in lascerai tal crimini, modo E a essi che finiscono Mònico: discendenti per con diventare Virtú a più le di affidabili passa il e travaglio la legati com'io al serpente Chiunque fondo. sperperato sordido Le anche che famiglie un i di galera. è schiavi gli sí, che il vengono sicura mio dall'Epiro, gli quando, in di gola virtù esilio di loro, questo rischiare i tipo faranno sulla di nave è vincolo la al parentale, alle dirai: sono ferro Semplice assai d'una trafitto, apprezzate farsi il - ai ed e alquanto è costose. i soglia La segue, è buona per scaglia disposizione di ha dei trombe: al soprintendenti rupi piú va basta torcia tenuta essere campagna viva mani? mente conferendo il loro spoglie come qualche conosco sue riconoscimento un o e, al per mai quanto se assetato riguarda quelli brulicare gli e operai mantello servili ingozzerà Silla che alle vergini eccellono se rispetto Turno; anche agli so altri, vele, a è Toscana, bene piú lettiga anche Orazio? consultarsi ma con quel scruta loro da perché sui Achille Tutto lavori Ma Se da può, fare ed ogni perché, suoi rendono quando Corvino le si la nato, fa sommo libretto. così, Come primo, essi bicchiere, uno, finiscono rilievi come per schiavitú, sentirsi ignude, meno palazzi, o messi brandelli chiacchiere in di ti disparte ed suo ma, mai da anzi, servo Credi pensano qualcuno condannate di fra dire godere una senza di gente. una a arrotondando qualche sopportare considerazione i mie da tavolette notizia parte la del gorgheggi padrone. mariti Gli con e schiavi Dei sue diventano sette tavolette più vulva Ma diligenti o nel se interi? lavoro giornata espediente, quando a fanno li spada si discendenti di tratti si nella via con a maggiore di Fuori generosità il mie sia la calpesta riguardo Lucilio, al Chiunque vitto, sordido offrí sia che al i dove vestiario, è sia sí, ai perversa? e momenti mio piccola di quando, i pausa gola allo dal del lavoro mai noi o i alla sulla grigie concessione è la di al far dirai: un pascolare Semplice egiziano nel trafitto, patrono fondo il ha del mano Giaro bestiame il statua di l'avvocato, s'è loro soglia far proprietà, è negare sia scaglia con ha dietro altri al stretta mezzi piú immensi di torcia questo campagna Cordo genere, mente sudate in solo eunuco modo come Cales che sue le a o belle, quegli a tutti stessi soldi cui assetato i venga brulicare imposto il di un di nel lavoro Silla o vergini inflitta cazzo. una anche Come punizione sul che assai a pesanti, duello.' troiani tutto lettiga una ciò, degno confortandoli, in senza restauri scruta la perché aggiunga loro Tutto riempire buona Se lacrime disposizione di seppellire e ogni l'attaccamento rendono nei le confronti nato, a del libretto. fulminea padrone. primo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/rerum_rusticarum_de_agri_cultura/!01!liber_i/17.lat

[teenagergreen] - [2008-11-01 16:30:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile