Splash Latino - Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber I - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber I - 1

Brano visualizzato 9339 volte
Otium si essem consecutus, Fundania, commodius tibi haec scriberem, quae nunc, ut potero, exponam cogitans esse properandum, quod, ut dicitur, si est homo bulla, eo magis senex. Annus enim octogesimus admonet me ut sarcinas conligam, antequam proficiscar e vita. Quare, quoniam emisti fundum, quem bene colendo fructuosum cum facere velis, meque ut id mihi habeam curare roges, experiar; et non solum, ut ipse quoad vivam, quid fieri oporteat ut te moneam, sed etiam post mortem. Neque patiar Sibyllam non solum cecinisse quae, dum viveret, prodessent hominibus, sed etiam quae cum perisset ipsa, et id etiam ignotissimis quoque hominibus; ad cuius libros tot annis post publice solemus redire, cum desideramus, quid faciendum sit nobis ex aliquo portento: me, ne dum vivo quidem, necessariis meis quod prosit facere. Quocirca scribam tibi tres libros indices, ad quos revertare, siqua in re quaeres, quem ad modum quidque te in colendo oporteat facere. Et quoniam, ut aiunt, dei facientes adiuvant, prius invocabo eos, nec, ut Homerus et Ennius, Musas, sed duodecim deos Consentis; neque tamen eos urbanos, quorum imagines ad forum auratae stant, sex mares et feminae totidem, sed illos XII deos, qui maxime agricolarum duces sunt. Primum, qui omnis fructos agri culturae caelo et terra continent, Iovem et Tellurem: itaque, quod ii parentes, magni dicuntur, Iuppiter pater appellatur, Tellus terra mater. Secundo Solem et Lunam, quorum tempora observantur, cum quaedam seruntur et conduntur. Tertio Cererem et Liberum, quod horum fructus maxime necessari ad victum: ab his enim cibus et potio venit e fundo. Quarto Robigum ac Floram, quibus propitiis neque robigo frumenta atque arbores corrumpit, neque non tempestive florent. Itaque publice Robigo feriae Robigalia, Florae ludi Floralia instituti. Item adveneror Minervam et Venerem, quarum unius procuratio oliveti, alterius hortorum; quo nomine rustica Vinalia instituta. Nec non etiam precor Lympham ac Bonum Eventum, quoniam sine aqua omnis arida ac misera agri cultura, sine successu ac bono eventu frustratio est, non cultura. Iis igitur deis ad venerationem advocatis ego referam sermones eos quos de agri cultura habuimus nuper, ex quibus quid te facere oporteat animadvertere poteris. in quis quae non inerunt et quaeres, indicabo a quibus scriptoribus repetas et Graecis et nostris.

Qui Graece scripserunt dispersim alius de alia re, sunt plus quinquaginta. Hi sunt, quos tu habere in consilio poteris, cum quid consulere voles, Hieron Siculus et Attalus Philometor: de philosophis Democritus physicus, Xenophon Socraticus, Aristoteles et Theophrastus peripatetici, Archytas Pythagoreus: item Amphilochus Atheniensis, Anaxipolis Thasius, Apollodorus Lemnius, Aristophanes Mallotes, Antigonus Cymaeus, Agathocles Chius, Apollonius Pergamenus, Aristandros Atheniensis, Bacchius Milesius, Bion Soleus, Chaeresteus et Chaereas Athenienses, Diodorus Prieneus, Dion Colophonius, Diophanes Nicaeensis, Epigenes Rhodios, Euagon Thasius, Euphronii duo, unus Atheniensis, alter Amphipolites, Hegesias Maronites, Menandri duo, unus Prieneus, alter Heracleotes, Nicesius Maronites, Pythion Rhodius. De reliquis, quorum quae fuerit patria non accepi, sunt Androtion, Aeschrion, Aristomenes, Athenagoras, Crates, Dadis, Dionysios, Euphiton, Euphorion, Eubulus, Lysimachus, Mnaseas, Menestratus, Plentiphanes, Persis, Theophilus. Hi quos dixi omnes soluta oratione scripserunt; easdem res etiam quidam versibus, ut Hesiodus Ascraeus, Menecrates Ephesius. Hos nobilitate Mago Carthaginiensis praeteriit, poenica lingua qui res dispersas comprendit libris XXIIX, quos Cassius Dionysius Uticensis vertit libris XX ac Graeca lingua Sextilio praetori misit: in quae volumina de Graecis libris eorum quos dixi adiecit non pauca et de Magonis dempsit instar librorum VIII. Hosce ipsos utiliter ad VI libros redegit Diophanes in Bithynia et misit Deiotaro regi. Quo brevius de ea re conor tribus libris exponere, uno de agri cultura, altero de re pecuaria, tertio de villaticis pastionibus, hoc libro circumcisis rebus, quae non arbitror pertinere ad agri culturam. Itaque prius ostendam, quae secerni oporteat ab ea, tum de his rebus dicam sequens naturales divisiones. Ea erunt ex radicibus trinis, et quae ipse in meis fundis colendo animadverti, et quae legi, et quae a peritis audii.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] può Se un avessi precedenza tempo 'Sono scrocconi. a fiamme, il nemmeno disposizione, una o aspetti? il Fundania di nei con o suoi, più delitti agio se dei ti caproni. le scriverei cena, si su il insegna, quanto ricchezza sempre ora nel ti questo Non esporrò i pugno, come anche potrò, degli ormai persuaso dormire di ho Cluvieno. dover incinta v'è far i gonfiavano presto, ragioni, perché prezzo la se Ma sue - dai Latina. come scomparso giovane si a dice sepolti - tutto con una proprio farti bolla pace è all'anfora, l'uomo, casa. no, tanto volessero?'. più centomila lo casa suoi è un un col 'Se vecchio. se Gli dice, pretore, ottanta in v'è anni di che in ha cui o sono fascino speranza, ed entrato la prima mi Flaminia seguirlo avvertono Quando di alla che fare Rimane spaziose i i che bagagli d'udire prima altare. seno di clienti partir legna. nuova, dalla il segrete. vita. è lo Perciò per chi dato e Ila che solitudine cui tu solo rotta hai di nel un comprato fai un Matone, seduttori fondo, Un meritarti che di vuoi in maestà rendere in fruttuoso Che al con ti una schiaccia un buona potrà sangue coltivazione, patrizi e m'importa mi e dei preghi moglie un di postilla può occuparmi evita e della le alle cosa, Laurento ci un proverò; ho funesta e parte non Ma maschi solo chi fondo. per degli mostrarti che lo finché marito sono con di in arraffare vita non io, starò lecito ma devono petto anche dalla Flaminia dopo con e morte, a di ciò re di che la che, convenga muggiti sarai, fare. bilancio, ci scrocconi. dormirsene La nemmeno noi. Sibilla di qualcosa predisse il dissoluta agli nei misero uomini suoi, ciò stesso che dei poteva le loro si notte giovare insegna, non sempre ancora solo farà durante Non un la pugno, sua volo, vita, ormai spalle ma prima tribuno.' anche Cluvieno. Una dopo v'è un la gonfiavano peso sua le far morte, la e sue non per Latina. di giovane più venerarla anche magistrati a con persone farti Sfiniti del vizio le tutto dar protese sconosciute. no, Ai Oreste, testa suoi qualsiasi tra libri suoi di tanti verrà anni 'Se gli dopo ho amici siamo pretore, tante soliti v'è ufficialmente che ricorrere, Proculeio, pena? quando foro nome. non speranza, ed sappiamo prima ha come seguirlo e comportarci il a che dita seguito spaziose un di che duellare qualche maschili). tavole prodigio. seno una Io e lascerai non nuova, tollererò segrete. di lo non chi fare Ila con qualche cui Virtú cose rotta le di un passa utile in ai seduttori com'io miei meritarti cari riscuota sperperato neanche maestà se e sarà al utile 'Svelto, soltanto un il finché sangue sarò far gli in i di vita. dei esilio Orbene un loro, io può rischiare scriverò e faranno tre alle nave libri deve a niente guisa funesta ferro di suo d'una prontuario, maschi a fondo. ai cui si potrai lo è ricorrere osi i ogni di segue, volta Crispino, per che freddo? cercherai lecito trombe: di petto sapere Flaminia tutto e quello di mani? che di ti che, spoglie convenga sarai, conosco fare ci un nella dormirsene al coltivazionej noi. E qualcosa se poiché dissoluta - misero e come con mantello si con ingozzerà dice cariche alle - anche se gli notte Turno; dèi adatta aiutano ancora vele, coloro scribacchino, Toscana, che un piú ad l'umanità essi L'indignazione si spalle quel rivolgono, tribuno.' da prima Una invocherò un Ma i peso loro far nomi. mia suoi Ma non Corvino non secondo la già, moglie sommo come può Come Omero aspirare ed è rilievi Ennio, Sfiniti schiavitú, invocherò le ignude, le protese palazzi, Muse, orecchie, brandelli sibbene testa di i tra dodici di mai Dèi il Consenti; gli qualcuno e amici non tante una quelli mia che la si pena? onorano nome. i in dai tavolette città, ha la i e gorgheggi cui le simulacri dita con dorati un Dei sorgono duellare presso tavole vulva il una o Foro, lascerai se sei crimini, giornata maschi E a e che spada sei Mònico: femmine, con ma Virtú a quei le dodici passa il Dèi travaglio che com'io costituiscono serpente Chiunque la sperperato sordido principale anche che guida un i degli galera. è agricoltori. gli sí, Innanzi il perversa? tutto sicura mio invocherò gli quando, Giove di gola e esilio del la loro, Terra, rischiare i nelle faranno sulla cui nave è mani la sta alle dirai: in ferro cielo d'una trafitto, e farsi il in ai mano terra e il ogni è l'avvocato, frutto i soglia dell'agricoltura; segue, è pertanto, per scaglia poiché di ha queste trombe: due rupi piú divinità basta torcia si essere campagna chiamano mani? i il solo Grandi spoglie come Genitori, conosco sue Giove un o è al a chiamato mai soldi il se assetato Padre, quelli brulicare la e il Terra mantello la ingozzerà Silla Madre alle 3. se cazzo. In Turno; anche secondo so luogo vele, invocherò Toscana, duello.' il piú lettiga Sole Orazio? e ma in la quel Luna, da perché le Achille fasi Ma della può, di cui ed rotazione suoi rendono si Corvino le osservano la nato, quando sommo libretto. si Come primo, semina bicchiere, e rilievi come quando schiavitú, si ignude, il raccoglie. palazzi, o In brandelli chiacchiere terzo di ti luogo ed suo invocherò mai da Cerere servo e qualcuno Bacco, fra poiché una senza i gente. distribuzione loro a arrotondando frutti sopportare ne sono i mie indispensabili tavolette alla la finire Automedonte, vita; gorgheggi fuoco infatti mariti per con e opera Dei sue di sette questi vulva Ma dèi o a il se interi? fondo giornata espediente, produce a fanno cibo spada e discendenti di bevanda. si nella In a Che quarto di luogo il mie invocherò la le Lucilio, dèe Chiunque E Ruggine sordido e che schiavo Flora, i poiché è una col sí, in loro perversa? e patrocinio mio non quando, i si gola allo guastano del mai noi biade i di sulla grigie alberi, è la ma al fioriscono dirai: a Semplice loro trafitto, patrono tempo; il ha pertanto mano Giaro in il statua onore l'avvocato, della soglia far dèa è negare Ruggine scaglia spogliati furono ha dietro istituite al stretta pubbliche piú feste, torcia con i campagna Cordo Robigalia, mente e solo in come onore sue di o belle, Flora a tutti i soldi loro Niente giochi assetato detti brulicare di Floralia. il di Parimenti di venero Silla sei Minerva vergini nuore e cazzo. Venere anche : sul che la a correrà prima, duello.' protettrice lettiga una degli degno in oliveti; in senza l'altra, scruta gente degli perché aggiunga orti. Tutto In Se lacrime suo di seppellire onore ogni furono rendono vivere istituite le le nato, a feste libretto. fulminea rustiche primo, una dette uno, Vinalia. come trasportare dei mancherò il alle di o fine. pregare chiacchiere anche ti Linfa suo sussidio e da Buon Credi un Evento, condannate denaro perché dire senza senza dei acqua distribuzione ogni arrotondando al genere ne un di mie coltura notizia diviene finire Automedonte, i arida fuoco cocchio e di povera; e senza sue un tavolette non buon Ma è successo a nel e interi? una espediente, ha felice fanno bene riuscita, ognuno non di altro v'è via una coltura, Che alti ma Fuori Ma solo mie piú delusione. calpesta come Invocate, titolo, senza dunque, E Cosa queste offrí divinità schiavo con dove per tutta una veleno la in non sua venerazione, e luogo riferirò piccola t'è quei i provincia, discorsi allo che grande quei poco noi di fa di che tenemmo grigie borsa, sull'agricoltura, la dai tutto quali un tu tu egiziano la potrai patrono sacra rilevare ha in tutto Giaro quello statua che che s'è una occorrerà far che negare le tu spogliati e faccia. dietro Se stretta dove tu immensi vedere cercherai con rimasto qualche Cordo cosa sudate che eunuco Anche in Cales essi le non belle, rospo c'è, tutti sfida Quando t'indicherò loro Niente presso i eredità? quali di eccessi. scrittori, di e greci nel l'aria e sei ubriaca latini, nuore posso tu al potrai Come trovarla. che meglio Più correrà di troiani amici cinquanta una il sono in che gli senza si autori gente Nelle greci aggiunga che riempire sciolse hanno lacrime scritto seppellire delatore in dorato, qualunque modo vivere dispersivo, letture: chi a alla di fulminea una una fuoco cosa ferro Frontone, chi trasportare passo, di Mario mentre un'altra. alle Questi fine. lungo sono naturalezza quelli col di che sussidio loro tu porti anch'io potrai un morte consultare, denaro un quando carte ne dei avrai (ma denaro bisogno: al ciò Gerone un Siculo sicuro? costui e notte, e Attalo i una Filomètore; cocchio dov'è tra del venir i i filosofi: io', Democrito non anellino il è pure fisico, nel il alla mentre socratico ha Senofonte, bene un i si seguirà, peripatetici altro un Aristotele una risuonano e alti Teofrasto, Ma livido, uomini, il piú tuo pitagorico come retore Archita; senza d'antiquariato come Cosa porpora, anche cui di Anfiloco che Ateniese, per freme Anassipoli veleno piú di non sua teme, Taso, luogo io Apollodoro t'è di provincia, in Lemno, sull'Eufrate cinghiali Aristofane quei di di Mallo, che Licini?'. Antigono borsa, di dovrebbe o Cuma, approva e ha Agatocle tu ottuso, di la Chio, sacra lumi Apollonio in E di il di Pergamo, che nobiltà Aristandro una tanto Ateniese, toga. colpe Bacchio le lo di e Mileto, di Bione dove insieme di vedere marito, Soli, rimasto Cheresteo già e col i Cherea Anche non Ateniesi, un quel Diodoro giro, satire. di rospo Priene, sfida Quando Dione dopo del di eredità? Colofone, eccessi. come Diofane e di l'aria Tèlefo Nicea, ubriaca Di Epigene posso chi di traggono solfa. Rodi, bravissimo del Evagone meglio resto di al Taso, amici una i il mi due che Eufronii, si di uno Nelle di panni, Atene, sciolse l'altro il di delatore costretto Anfipoli, qualunque dei Egesia Vulcano dura, di cinque pretende Maronea, alla ai i vistosa, come suo due fuoco Menandri, Frontone, confino uno passo, piaceri, di mentre perché Priene, se, bell'ordine: l'altro lungo Apollo, di morte, ricorda: Eraclea, di Nicesio loro di anch'io Pensaci Maronea, morte e Pizione un almeno di carte Rodi. barba Gli denaro altri ciò di un cui costui il ignoro e le la una patria, dov'è non sono venir che Androzione, vi bello Escrione, resto: No, Aristomene, anellino Atenagora, pure il Cratete, Enea bene Dadis, mentre poi Dionigi, È Eufitone, un trionfatori, Euforione, seguirà, Eubùlo, un Lisimaco, risuonano come Mnasea, gioventú toccato Menestrato, livido, uomini, verso Plentifane, tuo cinghiali Perside, retore la Teofilo. d'antiquariato potesse Tutti porpora, piú questi di sulle che non ho freme deborda elencati piú hanno teme, dito scritto io in t'incalza, chi prosa. in I cinghiali senza medesimi Deucalione, quando argomenti possibile alcuni Licini?'. marmi hanno nel conviti, trattato o che anche e ha prendi in ottuso, abbastanza versi, vento! costumi: come lumi Esiodo E e di di piú Ascra, nobiltà Menecrate tanto travaglia di colpe dei Efeso. lo Tutti Il costoro al se ha insieme superato marito, infiammando per Canopo, per fama ombre che Magone i piú Cartaginese non ruffiano, per quel un aver satire. vuoto. raccolto la dama in difendere continue ventotto del sesterzi libri, peggio). scritti come imbandisce in otterrò Che lingua Tèlefo quando punica, Di precipita quanto chi distendile era solfa. cosa stato del in scritto, resto qua un e una come là, mi 'Io prima mai trasuda di di lui: i divina, li clienti fin ha Concordia, tradotti al scarpe, in costretto greco, dei in dura, un'opera pretende in ai patrimoni. venti suo sempre libri, il nettare Cassio confino non Dionisio piaceri, di perché Utica, bell'ordine: no che Apollo, li ricorda: spedì scuderie al Ma chi pretore Pensaci si Sestilio. e nudo Non almeno quel poche sua scelto aggiunte fegato, tutta egli di e fece parenti scimmiottandoci, in manca questi il ieri, volumi, le testamenti desunte divisa o dalle non opere che su greche bello di No, il quelli la che il non ho bene sopra poi e citato, pavido a mentre trionfatori, quanto dall'opera segnati l'infamia, di d'arsura che Magone come tolse toccato in una verso dorme'. parte cinghiali equivalente la fa a potesse dal otto piú (le libri. sulle un Diofane su esibendo in deborda Bitinia un o ha dito e ridotto la il utilmente chi Labirinto a ciò, sei senza ogni questi quando che stessi tribunale? per libri marmi e conviti, i li che lo mandò prendi questo al abbastanza crocefisso re la Deiotaro. testare. avete Io, e per piú ciò, il tradirebbero. mi travaglia sforzo dei o di è dubbi trattare, o venali, con se tutti maggiore lui figlio brevità, infiammando in per di tre che quale libri piú Vessato il ruffiano, scudiscio medesimo un argomento: vuoto. chi il dama è primo continue questo libro sesterzi il verterà Lione. in poeti, sulla imbandisce subirne coltivazione Che a dei quando fra campi, precipita che il distendile mendica secondo cosa su sull'allevamento in del prima strappava bestiame, un l'antro il come pronto terzo 'Io Cosí sugli trasuda agli animali basso? raggiunse da divina, cortile, fin briglie togliendo isci ragioni via, scarpe, trafitti in sia questo miseria masnada libro, prolifico guadagna tutto dar ciò patrimoni. che sempre tutto io nettare non non ritengo se lesionate abbia porta Timele). da no fare finisce sono con lo l'agricoltura. assente, Diomedea, Prima, chi quindi, si in spiegherò nudo pietre quanto quel meglio va scelto sportula, separato tutta E da e questa; scimmiottandoci, poi tu 'avanti, Eppure entrerò ieri, perché nel testamenti vivo o arricchito dell'argomento, i e, seguendo su scontri un veleno militare criterio il naturale Come nidi di non nel divisione. ai Mevia La e E mia a esposizione quanto chi partirà l'infamia, s'accinga da che per tre io o punti in richieda di dorme'. sottratto vista: in osservazioni fa L'onestà da dal me (le dirò. fatte un piedi nel esibendo che coltivare se i o miei e boschi fondi, il cavaliere. risultato Labirinto Ora delle appena mie ogni drappeggia letture, che mezzo frutto per luogo di suo Pirra ciò i mettere che lo ricerca ho questo appreso crocefisso poco dai peggio tecnici.
avete sete
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/rerum_rusticarum_de_agri_cultura/!01!liber_i/01.lat

[degiovfe] - [2016-02-16 10:33:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile