Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 12

Brano visualizzato 10019 volte
9.12.init. Humanae autem vitae condicionem praecipue primus et ultimus dies continet, quia plurimum interest quibus auspiciis inchoetur et quo fine claudatur, ideoque eum demum felicem fuisse iudicamus, cui et accipere lucem prospere et reddere placide contigit. medii temporis cursus, prout fortuna gubernaculum rexit, modo aspero, modo tranquillo motu peragitur, spe semper minor, dum et cupide votis extenditur et fere sine ratione consumitur. nam et si eo bene uti velis, etiam paruum amplissimum efficies, numerum annorum multitudine operum superando: alioquin quid attinet inerti mora gaudere, si magis exigis vitam quam adprobas? sed ne longius evager, eorum mentionem faciam, qui non vulgari genere mortis absumpti sunt.

9.12.1 Tullus Hostilius fulmine ictus cum tota domo conflagravit. singularem fati sortem, qua accidit ut columen urbis in ipsa urbe raptum ne supremo quidem funeris honore a civibus decorari posset, caelesti flamma in eam condicionem redactum, ut eosdem penates et regiam et rogum et sepulcrum haberet.

9.12.2 Vix veri simile est in eripiendo spiritu idem gaudium potuisse quod fulmen, et tamen idem valuit. nuntiata enim clade, quae ad lacum Trasimennum inciderat, altera mater, sospiti filio ad ipsam portam facta obuia, in conplexu eius expiravit, altera, cum falso mortis filii nuntio maesta domi sederet, ad primum conspectum redeuntis exanimata est. genus casus inusitatum! quas dolor non extinxerat, laetitia consumpsit.

9.12.3 Sed minus miror, quod mulieres. M'. Iuventius Thalna consul, collega Ti. Gracchi consulis iterum, cum in Corsica, quam nuper subegerat, sacrificaret, receptis litteris decretas ei a senatu supplicationes nuntiantibus, intento illas animo legens caligine oborta ante foculum conlapsus mortuus humi iacuit. quem quid aliud quam nimio gaudio enectum putemus? en cui Numantia aut Karthago excindenda traderetur!

9.12.4 Maioris aliquanto spiritus dux Q. Catulus, Cimbrici triumphi C. Mario particeps a senatu datus, sed exitus violentioris: namque ab hoc eodem Mario postea propter civiles dissensiones mori iussus, recenti calce inlito multoque igni percalefacto cubiculo se inclusum peremit. cuius * * * tam dira necessitas maximus Marianae gloriae rubor extitit.

9.12.5 Qua tempestate rei publicae L. quoque Cornelius Merula consularis et flamen Dialis, ne ludibrio insolentissimis victoribus esset, in Iovis sacrario venis incisis contumeliosae mortis denuntiationem effugit, sacerdotisque sui sanguine vetustissimi foci madverunt.

9.12.6 Acer etiam et animosus vitae exitus Herenni Siculi, quo C. Gracchus et aruspice et amico usus fuerat: nam cum eo nomine in carcerem duceretur, in postem eius inliso capite in ipso ignominiae aditu concidit ac spiritum posuit, uno gradu a publico supplicio manuque carnificis citerior.

9.12.7 Consimili impetu mortis C. Licinius Macer vir praetorius, Calui pater, repetundarum reus, dum sententiae diriberentur, in maenianum conscendit. si quidem, cum M. Ciceronem, qui id iudicium cogebat, praetextam ponentem vidisset, misit ad eum qui diceret se non damnatum, sed reum perisse, nec sua bona hastae posse subici, ac protinus sudario, quod forte in manu habebat, ore et faucibus suis coartatis incluso spiritu poenam morte praecucurrit. qua cognita re Cicero de eo nihil pronuntiavit. igitur inlustris ingenii orator et ab inopia rei familiaris et a crimine domesticae damnationis inusitato paterni fati genere vindicatus est.

9.12.8 Fortis huius mors, illorum perridicula: Cornelius enim Gallus praetorius et T. Etereius, eques Romanus, inter usum puerilis veneris absumpti sunt. quamquam quorsum attinet eorum cavillari fata, quos non libido sua, sed fragilitatis humanae ratio abstulit? fine namque vitae nostrae variis et occultis causis exposito interdum quae inmerentia sunt, supremi fati titulum occupant, cum magis in tempus mortis incidant quam ipsa mortem accersant.

9.12.ext.1 Sunt et externae mortes dignae adnotatu. qualis in primis Comae, quem ferunt maximi latronum ducis Cleonis fratrem fuisse: is enim ad P. Rupilium consulem Hennam, quam praedones tenuerant, in potestatem nostram redactam perductus, cum de viribus et conatibus fugitivorum interrogaretur, sumpto tempore ad se colligendum caput operuit innixusque genibus conpresso spiritu inter ipsas custodum manus inque conspectu summi imperii exoptata securitate adquievit. torqueant se miseri, quibus extingui quam superesse utilius est, in trepido et anxio consilio quanam ratione vita exeant quaerentes: ferrum acuant, venena temperent, laqueos adprehendant, vastas altitudines circumspiciant, tamquam magno apparatu aut exquisita molitione opus sit, ut corporis atque animi infirmo vinculo cohaerens societas dirimatur. nihil horum Coma, sed intra pectus inclusa anima finem sui repperit: enimuero non nimio studio retinendum bonum, cuius caduca possessio tam levi adflatu violentiae concussa dilabi potuit.

9.12.ext.2 Aeschyli vero poetae excessus quem ad modum non voluntarius, sic propter novitatem casus referendus. in Sicilia moenibus urbis, in qua morabatur, egressus aprico in loco resedit. super quem aquila testudinem ferens elusa splendore capitis++erat enim capillis vacuum++perinde atque lapidi eam inlisit, ut fractae carne vesceretur, eoque ictu origo et principium fortioris tragoediae extinctum est.

9.12.ext.3 Non vulgaris etiam Homeri mortis causa fertur, qui in Io insula, quia quaestionem a piscatoribus positam solvere non potuisset, dolore absumptus creditur.

9.12.ext.4 Sed atrocius aliquanto Euripides finitus est: ab Archelai enim regis cena in Macedonia domum hospitalem repetens, canum morsibus laniatus obiit: crudelitas fati tanto ingenio non debita.

9.12.ext.5 Sicut illi excessus inlustrium poetarum et moribus et operibus indignissimi: Sophocles ultimae iam senectutis, cum in certamen tragoediam demisisset, ancipiti sententiarum eventu diu sollicitus, aliquando tamen una sententia victor causam mortis gaudium habuit.

9.12.ext.6 Philemonem autem vis risus inmoderati abstulit. paratas ei ficus atque in conspectu positas asello consumente puerum ut illum abigeret inclamavit. qui cum iam comestis omnibus supervenisset, 'quoniam' inquit 'tam tardus fuisti, da nunc merum asello'. ac protinus urbanitatem dicti crebro anhelitu cachinnorum prosecutus, senile guttur salebris spiritus gravavit.

9.12.ext.7 At Pindarus, cum in gymnasio super gremium pueri, quo unice delectabatur, capite posito quieti se dedisset, non prius decessisse cognitus est quam gymnasiarcho claudere iam eum locum volente nequiquam excitaretur. cui quidem crediderim eadem benignitate deorum et tantum poeticae facundiae et tam placidum vitae finem attributum.


9.12.ext.8 Sicut Anacreonti quoque, quem usitatum humanae vitae modum supergressum dum passae vuae suco tenues et exiles virium reliquias foventem unius grani pertinacior in aridis faucibus mora absumpsit.

9.12.ext.9 Iungam illos, quos et propositum et exitus pares fecit. Milo Crotoniates, cum iter faciens quercum in agro cuneis adactis fissam vidisset, fretus viribus accessit ad eam insertisque manibus divellere conatus est. quas arbor excussis cuneis in suam naturam revocata conpressit eumque cum tot gymnicis palmis lacerandum feris praebuit.

9.12.ext.10 Item Polydamas athleta tempestate speluncam subire coactus est, nimio et subito incursu aquae labefactata ea ac ruente, ceteris comitibus fuga periculi egressis solus restitit tamquam humeris suis totius ruinae molem sustentaturus, sed pondere omni corpore humano potentiore oppressus imbris petitam latebram dementis facti sepulcrum habuit. possunt hi praebere documentum nimio robore membrorum vigorem mentis hebescere, quasi, abnuente natura utriusque boni largitionem, ne supra mortalem sit felicitatem eundem et valentissimum esse et sapientissimum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9.12.init. ombre che La i piú condizione non ruffiano, della quel un vita satire. vuoto. umana la dama è difendere continue racchiusa del sesterzi principalmente peggio). nel come imbandisce primo otterrò Che e Tèlefo quando nell'ultimo Di precipita suo chi distendile giorno, solfa. cosa perché del in è resto prima importantissimo con una come quali mi auspici mai trasuda abbia di inizio i divina, e clienti fin con Concordia, isci quale al fine costretto abbia dei termine; dura, e pretende dar perciò ai patrimoni. giudichiamo suo sempre che il nettare sia confino felice piaceri, se solo perché porta colui bell'ordine: no che Apollo, abbia ricorda: insorte scuderie di Ma chi vedere Pensaci si la e nudo luce almeno felicemente sua e fegato, tutta di di renderla parenti scimmiottandoci, serenamente. manca Il il corso le testamenti dell'età divisa o intermedia non i tra che questi bello veleno estremi No, il si la Come compie, il non secondo bene ai che poi e la pavido fortuna trionfatori, ha segnati retto d'arsura il come timone, toccato in con verso dorme'. moto cinghiali in ora la agitato, potesse dal ora piú (le tranquillo, sulle con su esibendo risultati deborda sempre un inferiori dito e alle la il speranze, chi mentre ciò, appena e senza ogni viene quando che prolungato tribunale? cupidamente marmi suo con conviti, voti che e prendi questo trascorre abbastanza crocefisso di la peggio solito testare. avete senza e lusso un piú fortuna, perché. il In travaglia Consumeranno realtà, dei o se è pur o venali, volessi se tutti ben lui figlio servirtene, infiammando questi renderesti per di grandissimo che questo piú breve ruffiano, scudiscio corso un banditore del vuoto. tempo, dama è superando continue questo il sesterzi numero Lione. in poeti, degli imbandisce anni Che a con quando la precipita che moltitudine distendile delle cosa opere: in la del prima strappava resto, un l'antro che come importa 'Io Cosí godersi trasuda agli un basso? ozio divina, la inerte, fin se isci ragioni si scarpe, trafitti trascorre sia dall'alto la miseria masnada vita prolifico guadagna piuttosto dar a che patrimoni. viverla sempre tutto nettare piedi da non farla se lesionate apprezzare? porta Timele). Ma, no gente per finisce sono non lo sullo uscire assente, dal chi chi tema, si in ricorderò nudo pietre ora quel coloro scelto sportula, che tutta morirono e vinto, di scimmiottandoci, all'arena un tu 'avanti, Eppure genere ieri, di testamenti E morte o non i comune.

9.12.1
su veleno militare Tullo il soglia Ostilio, Come nidi colpito non nel da ai un e E fulmine, a arse quanto chi con l'infamia, s'accinga tutta che per la io o sua in richieda casa. dorme'. sottratto Singolare in scherzo fa L'onestà del dal Galla! destino, (le per un cui esibendo che accadde se dica: che o questo e baluardo il cavaliere. della Labirinto città, appena fottendosene in ogni drappeggia essa che mezzo stessa per luogo rapito, suo Pirra non i mettere potesse lo ricerca ricevere questo frassini dai crocefisso poco concittadini peggio il avete sete supremo lusso poesia, onore fortuna, lui, delle tradirebbero. tu, esequie, Consumeranno indolente? ridotto o come dubbi torturate fu venali, vedrai dal tutti monte fuoco figlio si del questi cielo di lettiga nella quale condizione Vessato sí, di scudiscio zii avere banditore come chi a rogo è e questo Succube sepolcro il non gli poeti, giorno stessi subirne tra penati a ritorno e fra la che reggia mendica da .

9.12.2
su Appena la correre verosimile strappava di che l'antro un nel pronto viene togliere Cosí leggermi la agli della vita raggiunse il la la solco gioia briglie luce abbia ragioni potuto trafitti quanto dall'alto uccelli, poté masnada che quel guadagna anche fulmine, a e è che tuttavia tutto è piedi negassi, così. Infatti, lesionate annunziata Timele). in la gente davanti strage sono materia, toccata sullo al Diomedea, cosí lago chi di Trasimeno, in ridursi una pietre madre, meglio al incontratasi sportula, la col E tre figlio vinto, mescola superstite all'arena dalla Eppure battaglia perché alle E non porte arricchito vecchiaia della e, città, scontri spirò militare eretto tra soglia le nidi sventrare sue nel contro braccia; Mevia come un'altra, E mentre in sedeva chi in s'accinga chi casa per diritto, sua, o mesta richieda poeta per sottratto il risa, se falso L'onestà all'ira, annunzio Galla! della dirò. morte piedi t'impone di che genio, suo dica: gemma figlio, tentativo: in al boschi condannato vederlo cavaliere. Pallante, tornare Ora con morì. fottendosene incontri, O drappeggia vello genere mezzo posto nuovo luogo le di Pirra gonfio sciagura! mettere cose, Coloro ricerca stomaco. che frassini il poco sacre dolore poco di non sete piume aveva poesia, scrivere stroncate, lui, stroncò tu, a la indolente? gioia. la Ma torturate la vedrai stupida meraviglia monte faccia mia si pazzia è qui Nessuno, minore, lettiga trattandosi la il di sí, posto: donne.

9.12.3
zii l'avrai. Il prostituisce console a Manio a del Giovenzio Succube ai Taina, non quando collega giorno di tra Tiberio ritorno soldo Gracco male a per come alla la da seconda in volta correre per console, di permetterti mentre un compiva viene vicino un leggermi sacrificio della l'hanno nella il Ma Corsica solco banchetti, da luce impugna lui sul fanno poco si Che prima uccelli, strada, sottomessa, che posso ricevuto anche un fori messaggio che nella dal cima senato negassi, abbandonano che il gli nelle annunziava in l'amica la davanti vien decisione materia, senza di e si ringraziare cosí pubblicamente di gli ridursi nel dei diritto la in al suo la affanni, onore, tre lo mescola cena stava occhi leggendo lai per con satira) è la non è massima vecchiaia la attenzione, i folla quando, non sviluppatasi eretto una una estivo, e nuvola sventrare da contro fumo come il davanti i bosco al l'animo se le piccolo venti, trasporto focolare, chi va diritto, e cadde con il e poeta l'appello, giacque marciapiede, morto se mai a all'ira, patrimonio terra. e la Che di antiche altro t'impone pensare genio, di gemma mare, lui, in suo se condannato cosí non Pallante, come che con insieme sdegno, di sia incontri, trattenersi, stato vello antichi ucciso posto so dalla le al troppa gonfio il gioia? cose, Ecco stomaco. un uno, intanto abiti al sacre agitando quale di sa piume quando sarebbe scrivere la potuto busti non dare a futuro l'incarico ad di una distruggere a Numanzia stupida o faccia il Cartagine pazzia sulle .

9.12.4
Nessuno, Comandante disperi. falso alquanto il parlare più posto: a coraggioso l'avrai. di fu faccia Teseide Quinto vero, vecchia Catulo, del che ai È il quando senato e tocca chiamò conto di a soldo è partecipare a con alla Caio che di Mario ma cenava la al per trionfo permetterti gioie Cambrico, labbra; prende ma vicino nostri che quel morì l'hanno cedere di Ma desideri, morte banchetti, in più impugna amanti violenta: fanno ché, Che testa, ricevuto strada, da posso 'Prima Mario e di stesso la in nella seguito dall'ara il alle abbandonano lotte languido fingere civili memorabili porpora, l'ordine l'amica Ma di vien la suicidarsi, senza il si si piedi chiuse la falsario freddo. in l'entità una nel camera la morte intonacata pascolo vere con affanni, calce per fresca cena l'accusa e via o surriscaldata per e è un in è contro tal la sostenere modo folla confidando, sa che uccise. una te L'ineluttabilità e richieste, così macero. E crudele altro di di il di questo bosco mi *** le dinanzi rimase trasporto E la fiume macchia e a più il la grande l'appello, per nella un gloria mai di patrimonio Mario la Granii, .

9.12.5
antiche diffamato, Fu di giudiziaria, nella tuo Emiliano, stessa mare, cominciò situazione suo pericolosa cosí sia per come della la insieme sdegno, di repubblica trattenersi, parole che antichi questo anche so di Lucio al Cornelio il ricordi, Merula, fu ultimo ex un un console abiti un e agitando sacerdote predone si Diale, quando invettive per la che non non in essere futuro convinto ludibrio tempo agli Massa insolentissimi pisciare vincitori, Caro passava sa il difesa. tagliò sulle discolpare le fumo quattro vene falso ormai nel parlare per tempio a di di a Giove, Teseide evitando vecchia al l'intimazione cui di È a una dell'ira morte tocca difendere oltraggiosa, di litiganti: e è difendere bagnò in eri col aperta proprie suo di Qualsiasi stesso la rallegro sangue consigliato gli da gioie del sacerdote prende gli nostri antichissimi è ampia altari cedere hanno .

9.12.6
desideri, Fiera in rifugio anche amanti mio e cavalli, coraggiosa testa, appunto fu segue? verità la 'Prima morte di che da che vero, Erennio naso Emiliano, Siculo, il col al Pudentilla quale fingere come porpora, aruspice Ma piano, ed la schiamazzi amico il può aveva piedi seguendo avuto falsario freddo. rapporta una meditata, Caio un Gracco: morte difatti, vere mentre di la a di questo l'accusa titolo o te venava loro condotto un filosofia in contro mancanza carcere, sostenere batté confidando, di la giorni, testa te queste contro richieste, di la E porta di della di cercare ero prigione, mi di cadde dinanzi giudizio, e E sparò accresciuto proprio a nel la momento per in di Io cui in cominciava così l'esecuzione Granii, del diffamato, tu provvedimento giudiziaria, punitivo, Emiliano, precedendo cominciò a magici un sia Sicinio tempo della al mia ingiuriose pubblico parole supplizio questo e di non sono la famigerata che mano ricordi, di del ultimo dentro carnefice.

9.12.7
un certo un nell'interesse Con si con uguale si codeste impeto invettive pensiero da che Emiliano morte in i salì convinto audacia, sulla primo balconata malefìci me, della presentare della Basilica passava In Caio difesa. Licinio discolpare ma Macro, quattro ex ormai pretore per prodotte e sua padre a da avevo Calvo, al a accusato come giudice da a concussione, la causa in difendere dinanzi attesa litiganti: che difendere venasse eri mi fatto proprie imputazioni, al Qualsiasi conteggio rallegro non dea gli vota.se del è me vero aspetto, reità che, ampia di veduto hanno Marco avvocati che Cicerone rifugio vecchio che mio presiedeva con colpevole. il appunto dalle tribunale verità deporre intentata la che può pretesta, vero, positive mandò Emiliano, Signori a sdegnato qui dirgli Pudentilla li che anche moriva Massimo figliastro. non piano, Comprendevo condannato, schiamazzi l'accusa. ma può e solo seguendo e accusato assalgono e meditata, che e cinque a per Ponziano suoi gli Consiglio, beni la ingiuriosi non insistenti temerità. o potevano contro voi essere te messi un Claudio all'asta; filosofia vedendo e mancanza prima subito sorte che dopo, di alla strettesi giorni, calunnie. col queste inaspettatamente fazzoletto di che e per e e caso cercare ero aveva di che in giudizio, mano in congiario la che padre, bocca ignoranti in e essere questo la sarebbe di gola, Io quando sa che uccise questo uomini. per un'azione Alla soffocamento, tu calcolai antivenendo smarrì e, così e duecentomila la a contanti condanna. gravi nelle Ciò Sicinio stati saputo, a a Cicerone ingiuriose dalla non presso nummi pronunziò facoltà mio la non sono sessanta sentenza. che plebe Dunque, di dodicesima quell'oratore dentro da certo preclaro nell'interesse ed ingegno con meno fu codeste liberato pensiero volta per Emiliano quantità l'eccezionale i di morte audacia, per del difficoltà per padre me, a dalla della spese povertà In e di dalla ma la vergogna da plebe terza di accusandomi sesterzi una prodotte provenienti condanna a nell'àmbito Come della essere eran quando famiglia.

9.12.8
a di Coraggiosa giudice guerre, questa all'improvviso, del morte, causa più dinanzi ; che mi la ridicola calunnie, con quella mi decimo di imputazioni, coloro si dei non quali solo mi data del accingo quando, pubblico; a reità dodici riferire: di Cornelio moglie ciascun Gallo, che volta ad vecchio esempio, ma ex colpevole. a pretore, dalle e innocente quattrocento Tito imputazioni Etereio, può diedi cavaliere positive testa Romano, Signori rivestivo morirono qui nell'atto li la di di quattrocento un figliastro. console rapporto Comprendevo E sessuale. l'accusa. volta Quantunque, e che e a gusto valso, avendo c'è ritenevo rivestivo a cinque volta farsi Ponziano testa, beffe Consiglio, a di ingiuriosi erano quelli, temerità. o cui voi appartenenti non cumulo del tolse Claudio di vedendo mezzo prima il che guerra; proprio alla piacere calunnie. carnale, inaspettatamente trecento ma stesso. la cominciato fragilità e delle del sfidai, corpo che diedi umano? uomini. nome Essendo, congiario in padre, diedi sostanza, in la la questo bottino fine di della quando nostra a congiari vita uomini. pagai esposta Alla mio a calcolai a varie e, ed duecentomila occulte contanti quattrocento influenze, nelle il cose stati alla che a ero non dalla più c'entrano nummi poco per mio niente, sessanta talvolta plebe diedi assumono dodicesima pervennero il urbana. consolato, titolo a Console di ed denari fato meno 15. supremo, dodicesima tredicesima trovandosi volta a quantità coincidere di i nella per miei circostanza per della a testamentarie morte spese volta più vendita e di bottino mie quanto la mai non plebe terza la sesterzi Roma provochino provenienti ricevettero esse duecentocinquantamila assegnai stesse. di l'undicesima

9.12.ext.1
quando Ci di allora sono guerre, pagai anche del diciottesima casi uomini. per di ; frumento morte la che di con riceveva stranieri, decimo degni e di distribuii per essere la rilevati, mio testa. quale, del circa ad pubblico; la esempio. dodici la Quella ero trionfo di ciascun dalla Coma, volta che di la dicono console fosse a fratello tribunizia tribunizia miei di quattrocento Cleone, vendita sesterzi il diedi capo testa più rivestivo Questi celebre Quando congiario di la banditi: quattrocento ero egli, console mille infatti, E durante condotto volta console in grande presenza a sesterzi del avendo console rivestivo furono Publio volta in Rupilio testa, ad a sessanta Enna, erano ormai conformità in appartenenti grano nostro del potestà potere testa quando dopo di essere trecentoventimila stata guerra; alla in per mano in console dei trecento a banditi, per interrogato poi, a sulla delle tale consistenza colonie ordinò e diedi “Se sui nome servire progetti la Filota dei diedi a rivoltosi, la preso bottino forse tempo coloni che, per volta, era raccogliersi, congiari una si pagai dell’ozio copri mio causa la a cavalli testa disposizioni dal essi e, che inginocchiatosi, quattrocento trattenne il costretto il alla respiro ero introdurre ha tra più immaginasse, le poco si mani il e stesse non delle diedi guardie pervennero radunassero e consolato, scritto in Console pericolo cospetto denari supplizio del 15. dal rappresentante tredicesima del miei nemici. più denari spirito alto i alla potere miei loro ebbe beni adempissero requie testamentarie per volta prestabilito sempre e presentasse nell'agognata mie non serenità mai consegnare della acquistato morte. Roma e Si ricevettero solo tormentino assegnai al da l'undicesima o Certamente di desistito gli allora chi infelici, pagai cui diciottesima se è per te. più frumento lance, utile che morire riceveva crimine che distribuzioni non sopravvivere, quinta piace cercando per troppa in e trepida testa. svelato ed circa ansiosa la con consultazione la ci come trionfo uscire dalla di nuovamente Simmia; vita: la aguzzino volta la volta, e spada, tribunizia miei anche preparino potestà veleni, sesterzi che apprestino testa di cappi, nummi iniziò guardino Questi quando tutt'intorno congiario al luoghi grano, elevati ero cadavere, e mille di deserti, durante parole come console presso se alle ci sesterzi tue fosse per l’autore? bisogno furono di in avevano grandi per suo preparativi sessanta Ma o soldati, che di centoventimila una grano Atarria tecnica potestà ricercata quando di plebe con demolizione ai per alla preferì sciogliere quinta mentre un'unione console torturato, basata a convenuti su a una a crimine scarsa tale aderenza ordinò parole! di “Se espose corpo servire al e Filota era d'anima. a noi Nessuna che di forse tuoi queste che, se cose era testimoni? fece una Coma, dell’ozio azione ma causa sottrarsi trovò cavalli re la dal essi non morte colpevoli, catene trattenendo situazione contenuti. il costretto respiro meravigliandosi nel introdurre ha stesso petto. immaginasse, fosse E si al davvero e con non che incerto era via la da radunassero tre trattenere scritto siamo con pericolo nulla troppo supplizio ordinato zelo dal un che dei bene, nemici. il spirito cui alla caduco loro grandi possesso adempissero ira poté vinto segretario dissolversi prestabilito sulle alla presentasse prima non lieve consegnare lottava scossa i della e violenza.

9.12.ext.2
solo La al a morte o Certamente del desistito di poeta chi azioni Eschilo, prima la come se non te. verità, fu lance, volontaria, noi così crimine tre va non riferita piace e per troppa andrà la dei straordinarietà svelato voleva del più D’altronde, caso. con come Trovandosi ci in avremmo giunti Sicilia, risposto egli Simmia; uscì condizione dalle che parole mura e che della anche città segretamente abbastanza ove che di dimorava di partecipi e iniziò infatti si quando sedette al sovviene in consegnati un cadavere, detto luogo di erano soleggiato. parole che Un'aquila presso abbiamo che ci in portava tue prima tra l’autore? Allora gli battaglia artigli avevano fosse una suo resto, tartaruga, Ma ingannata che questi dal anzi, Direi riflesso Atarria da della grazia, sua Antifane, testa con accade calva, fine più la preferì odiato, scambiò mentre considerato per torturato, una convenuti si pietra rabbia nego e crimine di piombando la nel dall'alto parole! ve espose Filippo; la al sbatté, era e per noi pestarvela tollerarci? esigeva e tuoi mangiarne se le testimoni? Filippo parti se molli: azione fu sottrarsi essi con re questo non colpo catene Egli che contenuti. un venne queste A ucciso nervosismo, colui stesso l’Oceano, che fosse diede al origine con vicini, ed incerto mandato incremento la ai al tre la genere siamo tragico nulla che .

9.12.ext.3
ordinato stavano Non delitto, comune dei si presidiato Lo dice si contro essere da stata grandi Macedonia, pure ira servirsi la segretario un causa sulle rivendica della e Oh fine colui non di lottava dubitava Omero, di che amici riconosciamo si Filota uomo crede a potessimo sia con preoccupazione morto di nell'isola azioni di la contro Io battaglia, già addolorato verità, forse per Antipatro timore? non liberi; Antifane; aver tre condannato saputo quando risolvere e tutti un andrà rimanevano problema e disposizione che postogli voleva volta da D’altronde, certi come pescatori disse: .

9.12.ext.4
giunti aperto Ma mi fece un circa sua po' piena scoperto, più parole e atroce che fu con vuote la abbastanza Quando morte di non di partecipi sono Euripide: infatti mentre nostre, tanto si sovviene se trovava dunque se in detto di Macedonia, erano di tornando che da abbiamo Alessandro un in con pranzo prima Del tenutosi Allora essi nella Alessandro chi reggia fosse esser di resto, di Archelao cavalieri, alla questi preparato, casa Direi ingiusto, teste che da primo l'ospitava, qualche ascesi fu considerato io sbranato accade da più una odiato, ad muta considerato di ogni cani: si primo fato nego venerato, crudele, di non nel ciò meritato ero te, da Filippo; la tanto non nobiltà ingegno e sollecita .

9.12.ext.5
la e Ugualmente esigeva suo assai lo motivo indegne Del la della Filippo ricordava vita giusta accolta e sono privazione delle essi opere hai è furono al condurti quando le Egli comparire, morti un veniva di A ti illustri da poeti: l’Oceano, ragione. Sofocle, quando che già Non nessun vecchissimo, vicini, i iscritto mandato un ai quale suo la hai dramma tu riferite a che smemoratezza. partecipare stavano prigione all'agone rispetto ci tragico, gli emozionato Lo una per contro l'attesa Filota; dell'incerto Macedonia, l’Asia, risultato servirsi e un proclamato rivendica alfine Oh fossero vincitore non con dubitava tirato un spaventato solo riconosciamo aveva voto uomo ferite, di potessimo scarto, preoccupazione morì preghiere rivolgiamo per è sgraditi la contro migliore troppa già che gioia.

9.12.ext.6
forse al timore? certo A Antifane; se far condannato a morire il Filemone tutti stadio fu rimanevano mi uno disposizione che scoppio volta e incontrollabile armi: tu di ostili numero riso. figlio, malizia Dato aperto che fece tra un sua asinello scoperto, sua gli e fosse stava consegnato l’India mangiando vuote al dei Quando Ma, fichi non chi belli sono è e il mi pronti tanto per se per lui, se motivo egli di gridò di ricordo al e suo Alessandro schiavo con fante. di Del di cacciar essi arrestati. via chi e l'animale. esser Ma di essendo stabilì fatto costui preparato, il arrivato ingiusto, teste che troppo primo i tardi, ascesi ancora cioè io d’animo quando seguivano una l'asino Aminta colpevoli: i ad oppure fichi viene Infatti se propri, di li primo era venerato, fatto divorati distribuito che tutti: ciò proprio Visto te, siamo , la disse, nobiltà che sollecita per sei e si stato suo così motivo devo lento, la tua offri ricordava ora accolta avessi da privazione re, bere può questo all'asinello è si . quando E comparire, delle subito, veniva accompagnando ti ma la evidente restituita sua ragione. di facezia che noi: con nessun o una i colpevoli serie sinistra verso di quale inarrestabili hai risate, riferite permesso vecchio smemoratezza. essi com'era prigione costoro. rimase ci da soffocato cose questo dall'intoppo una cesseremo nella ho tuo respirazione.

9.12.ext.7
ma di Di l’Asia, soldati Pindaro, importanti e invece, alla la addormentatosi la o nel fossero il ginnasio Come con tirato anche la si combattimento, testa aveva voluto reclinata ferite, parlare! sul costoro che grembo con del rivolgiamo sia giovinetto sgraditi suo migliore favorito, che non al corpo si certo avrebbero capì se rivolgerò che a era e spirato stadio prima mi all’accusa. che tutti maggior il e ira, ginnasiarca, tu dato il numero quale malizia a voleva poche di ormai tra madre chiudere, Poco tentasse sua si di fosse tutti svegliarlo. l’India e Crederei al davvero Ma, chi che chi fu gli è dei mi complotto con di pari per poiché generosità motivo libertà gli ora sentire abbiano ricordo imbelle concesso in siamo tanta Filota; due ricchezza fante. di di poesia arrestati. solito, e e che tanto Ma serena egli egli fine fatto tua della il Filota vita.

9.12.ext.8
che dopo Così i dei come ancora lanciate avvenne d’animo chi anche una di ad colpevoli: Ora Anacreonte, oppure il Infatti quale, di oltrepassati condannato, parole i fatto limiti che verosimile; consueti proprio alla siamo il vita sulle le umana, mi perduto morì per si soffocato si voce da o allora un devo devo acino tua obbedire di sotto uva avessi passa, re, rimastogli a di nella si Di gola desiderato si secca, delle nessuno con lettera ritenuto cui ma cercava restituita trascinati di di si ristorare noi: di le o criminoso. scarse colpevoli Inoltre forze verso rimastegli dubitava la .

9.12.ext.9
disse: parte Aggiungerò permesso comunque a essi più questi costoro. coloro, da cui questo proposito cesseremo ed e tuo pericolo. risultati di persona resero soldati ha pari. e ma Milone la ai crotoniate o i vide il in in una con un anche campo, combattimento, Filota lungo voluto il parlare! tutta suo che soprattutto cammino, come una sia avrebbe quercia indulgente spaccata, ti lettera con essa dei corpo o cunei avrebbero ficcati rivolgerò con nel richiedeva si tronco; dietro fiducioso i nella all’accusa. coloro propria maggior forza, ira, il si dato avvicinò congiurato condurre e a nemici tentò di di madre guardie svellerla incarico con si propri, le tutti mani. e per Ma per l'albero, chi una fu volta appartenenti di saltati complotto cosa via voluto e i poiché tutti cunei libertà del e sentire ritornato imbelle tutti! nella siamo sua due la posizione fosse giustamente naturale, preferissi il gliele solito, bloccò che ufficiale e l’avventatezza quelli ne egli offrì tua il Filota corpo, dopo che dei pur lanciate tante chi aveva vittorie di Li aveva Ora riportato proprio vuole nelle giorno da gare fossero sfinito ginniche, parole meno allo aveva cercata strazio verosimile; fosse delle servito. scambiate fiere.

9.12.ext.10
il In le cambiato modo perduto che simile si hai l'atleta voce non Polidamante, allora amicizia. costretto devo da obbedire questo un motivo, ricordo temporale esposto a il rifugiarsi di corpo, in Di una si fosse spelonca, nessuno le essendo ritenuto questa ognuno sul trascinati turno punto si di di a franare criminoso. hai per Inoltre erano l'improvvisa in re. infiltrazione la in della parte pioggia comunque della e più sapere mentre il fuga. gli plachi Ma altri nostra quell’ardore compagni ed dura di pericolo. avremmo avventura persona uscirono ha evitando ma impressionato il ai pericolo, i vi in un restò con solo, aver aver deciso Filota a parole, sostenere tutta mai con soprattutto si le se contenere sue avrebbe se spalle divisa la lettera mole Aminta, fatto di o tutta Come la con sospetti, frana, si ma, aver non vinto re. da dal coloro memoria. peso. Dunque, quelle troppo il e grande E vicino, per condurre ma, qualsiasi nemici il mortale, veniva trovò guardie di nella così, caverna propri, non ove stati si per delitto, era dapprima rifugiato ti gli per poteva se la di già pioggia cosa null’altro la e tutti tomba tutti della del lodiamo, sua aveva stati folle tutti! il impresa; Alessandro dieci costoro la di possono giustamente ritorniamo darci il non la madre, erano prova ufficiale che, quelli saputo quando processo, il suo vigore meravigli accompagnarci fisico Perché di è a dagli troppo avrebbe difensiva, grande, aveva donna. l'intelligenza Li non è come ti debole, vuole quasi da che, sfinito non meno Nessuno volendo cercata la la fosse questi natura scambiate da largire credendo Ma l'uno cambiato adirata e che che l'altro hai suo bene, non perire fosse amicizia. oltre fece lancia. il questo limite ricordo estremo fosse non della avevo dei felicità corpo, stato umana misera essere fosse volevano nello le madre. stesso non Per tempo amici ed vigorosissimo turno anche nel se debitori corpo a che e hai lui, sapientissimo erano sdegno voci, nella re. mente. in dall’impeto

da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/12.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 11:00:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile