banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 1

Brano visualizzato 12155 volte
9.1.init. Blandum etiam malum luxuria, quam accusare aliquanto facilius est quam vitare, operi nostro inseratur, non quidem ut ullum honorem recipiat, sed ut se ipsa recognoscens ad paenitentiam inpelli possit. iungatur illi libido, quoniam ex isdem vitiorum principiis oritur, neque aut a reprehensione aut ab emendatione separentur, gemino mentis errore conexae.

9.1.1 C. Sergius Orata pensilia balinea primus facere instituit. quae inpensa a levibus initiis coepta ad suspensa caldae aquae tantum non aequora penetravit. idem, videlicet ne gulam Neptuni arbitrio subiectam haberet, peculiaria sibi maria excogitavit, aestuariis intercipiendo fluctus pisciumque diversos greges separatim molibus includendo, ut nulla tam saeva tempestas inciderit, qua non Oratae mensae varietate ferculorum abundarent. aedificiis etiam spatiosis et excelsis deserta ad id tempus ora Lucrini lacus pressit, quo recentiore usu conchyliorum frueretur: ubi dum se publicae aquae cupidius inmergit, cum Considio publicano iudicium nanctus est. in quo L. Crassus adversus illum causam agens errare amicum suum Considium dixit, quod putaret Oratam remotum a lacu cariturum ostreis: namque ea, si inde petere non licuisset, in tegulis reperturum.

9.1.2 Huic nimirum magis Aesopus tragoedus in adoptionem dare filium suum quam bonorum suorum heredem relinquere debuit, non solum perditae, sed etiam furiosae luxuriae iuvenem. quem constat cantu conmendabiles aviculas inmanibus emptas pretiis pro ficedulis ponere acetoque liquatos magnae summae uniones potionibus aspergere solitum, amplissimum patrimonium tamquam amaram aliquam sarcinam quam celerrime abicere cupientem. quorum alterius senis, alterius adulescentis sectam secuti longius manus porrexerunt: neque enim ullum vitium finitur ibi, ubi oritur. inde ab oceani litoribus adtracti pisces, inde infusae culinis arcae censibusque edendi ac bibendi voluptas reperta.

9.1.3 Urbi autem nostrae secundi Punici belli finis et Philippus Macedoniae rex devictus licentioris vitae fiduciam dedit. quo tempore matronae Brutorum domum ausae sunt obsidere, qui abrogationi legis Oppiae intercedere parati erant, quam feminae tolli cupiebant, quia his nec veste varii coloris uti nec auri plus semunciam habere nec iuncto vehiculo propius urbem mille passus nisi sacrificii gratia vehi permittebat. et quidem optinuerunt ut ius per continuos xx annos servatum aboleretur: non enim providerunt saeculi illius viri ad quem cultum tenderet insoliti coetus pertinax studium aut quo se usque effusura esset legum victrix audacia. quod si animi muliebris apparatus intueri potuissent, quibus cotidie aliquid novitatis sumptuosius adiectum est, in ipso introitu ruenti luxuriae obstitissent. sed quid ego de feminis ulterius loquar, quas et inbecillitas mentis et graviorum operum negata adfectatio omne studium ad curiosiorem sui cultum hortatur conferre, cum temporum superiorum et nominis et animi excellentis viros in hoc priscae continentiae ignotum deverticulum prolapsos videam? idque iurgio ipsorum pateat.

9.1.4 Cn. Domitius L. Crasso collegae suo altercatione orta obiecit, quod columnas Hymettias in porticu domus haberet. quem continuo Crassus quanti ipse domum suam aestimaret interrogavit, atque ut respondit 'sexagies sestertio', 'quanto ergo eam' inquit, 'minoris fore existimas, si decem arbusculas inde succidero?' 'ipso tricies sestertio' Domitius. tunc Crassus: 'uter igitur luxuriosior est, egone, qui decem columnas centum milibus nummum emi, an tu, qui decem arbuscularum umbram tricies sestertii summa conpensas?' sermonem oblitum Pyrri, inmemorem Hannibalis iamque transmarinorum stipendiorum abundantia oscitantem! et quanto tamen insequentium saeculorum aedificiis et nemoribus angustiorem ~ quam introduxerunt atque inchoatam a se lautitiam posteris relinquere quam a maioribus acceptam continentiam retinere maluerunt.

9.1.5 Quid enim sibi voluit princeps suorum temporum Metellus Pius tunc, cum in Hispania adventus suos ab hospitibus aris et ture excipi patiebatur? cum Attalicis aulaeis contectos parietes laeto animo intuebatur? cum inmanibus epulis apparatissimos interponi ludos sinebat? cum palmata veste convivia celebrabat demissasque lacunaribus aureas coronas velut caelesti capite recipiebat? et ubi ista? non in Graecia neque in Asia, quarum luxuria severitas ipsa corrumpi poterat, sed in horrida et bellicosa provincia, cum praesertim acerrimus hostis Sertorius Romanorum exercituum oculos Lusitanis telis praestringeret: adeo illi patris sui Numidica castra exciderant. patet igitur quam celeri transitu luxuria affluxerit: nam cuius adulescentia priscos mores vidit, senectus novos orsa est.

9.1.6 Consimilis mutatio in domo Curionum extitit, si quidem forum nostrum et patris gravissimum supercilium et filii sescenties sestertium aeris alieni aspexit, contractum famosa iniuria nobilium iuvenum. itaque eodem tempore et in isdem penatibus diversa saecula habitarunt, frugalissimum alterum, alterum nequissimum.

9.1.7 P. autem Clodi iudicium quanta luxuria et libidine abundavit! in quo, ut evidenter incesti crimine nocens reus absolveretur, noctes matronarum et adulescentium nobilium magna summa emptae mercedis loco iudicibus erogatae sunt. quo in flagitio tam taetro tamque multiplici nescias primum quem detestere, qui istud corruptelae genus excogitavit, an qui pudicitiam suam sequestrem periurii fieri passi sunt, an qui religionem stupro permutarunt.

9.1.8 Aeque flagitiosum illud convivium, quod Gemellus tribunicius viator ingenui sanguinis, sed officii intra servilem habitum deformis Metello et Scipioni consuli ac tribunis pl. magno cum rubore civitatis conparavit: lupanari enim domi suae instituto Muniam et Flaviam, cum a patre tum a viro utramque inclitam, et nobilem puerum Saturninum in eo prostituit. probrosae patientiae corpora, ludibrio temulentae libidini futura! epulas consuli et tribunis non celebrandas, sed vindicandas!

9.1.9 Verum praecipue Catilinae libido scelesta: nam vaesano amore Aureliae Orestillae correptus, cum unum impedimentum videret quo minus nuptiis inter se iungerentur, filium suum, quem et solum et aetate iam puberem habebat, veneno sustulit protinusque ex rogo eius maritalem facem accendit ac novae maritae orbitatem suam loco muneris erogavit. eodem deinde animo civem gerens quo patrem egerat, filii pariter manibus et nefarie adtemptatae patriae poenas dedit.

9.1.ext.1 At Campana luxuria perquam utilis nostrae civitati fuit: invictum enim armis Hannibalem inlecebris suis conplexa vincendum Romano militi tradidit. illa vigilantissimum ducem, illa exercitum acerrimum dapibus largis, abundanti vino, unguentorum fragrantia, veneris usu lasciviore ad somnum et delicias evocavit. ac tum demum fracta et contusa Punica feritas est, cum Seplasia ei et Albana castra esse coeperunt. quid iis ergo vitiis foedius, quid etiam damnosius, quibus virtus atteritur, victoriae relanguescunt, sopita gloria in infamiam convertitur animique pariter et corporis vires expugnantur, adeo ut nescias ab hostibusne an ab illis capi perniciosius habendum sit?

9.1.ext.2 Quae etiam Volsiniensium urbem gravibus et erubescendis cladibus inplicaverunt. erat opulenta, erat moribus et legibus ordinata, Etruriae caput habebatur: sed postquam luxuria prolapsa est, in profundum iniuriarum et turpitudinis decidit, ut servorum se insolentissimae dominationi subiceret. qui primum admodum pauci senatorium ordinem intrare ausi, mox universam rem publicam occupaverunt, testamenta ad arbitrium suum scribi iubebant, convivia coetusque ingenuorum fieri vetabant, filias dominorum in matrimonium ducebant. postremo lege sanxerunt ut stupra sua in viduis pariter atque nuptis inpunita essent ac ne qua virgo ingenuo nuberet, cuius castitatem non ante ex numero ipsorum aliquis delibasset.

9.1.ext.3 Age, Xerxes opum regiarum ostentatione eximia eo usque luxuria gaudens, ut edicto praemium ei proponeret, qui novum voluptatis genus repperisset, quanta, dum deliciis nimiis capitur, amplissimi imperii ruina evasit!

9.1.ext.4 Antiochus quoque Syriae rex nihilo continentioris exempli. cuius caecam et amentem luxuriam exercitus imitatus magna ex parte aureos clavos crepidis subiectos habuit argenteaque vasa ad usum culinae conparavit et tabernacula textilibus sigillis adornata statuit, avaro potius hosti praeda optabilis quam ulla ad vincendum strenuo mora.

9.1.ext.5 Nam Ptolomaeus rex accessio vitiorum suorum vixit ideoque Physcon appellatus est. cuius nequitia quid nequius? sororem natu maiorem communi fratri nuptam sibi nubere coegit. postea deinde filia eius per vim stuprata ipsam dimisit, ut vacuum locum nuptiis puellae faceret.

9.1.ext.6 Consentaneus igitur regibus suis gentis Aegyptiae populus, qui ductu Archelai adversus A. Gabinium moenibus urbis egressus, cum castra vallo atque fossa cingere iuberetur, universus succlamavit ut id opus publica pecunia faciendum locaretur. quapropter deliciis tam enerues animi spiritum exercitus nostri sustinere non potuerunt.

9.1.ext.7 Sed tamen effeminatior multitudo Cypriorum, qui reginas suas mulierum corporibus velut gradibus constructis, quo mollius vestigia pedum ponerent, currus conscendere aequo animo sustinebant: viris enim, si modo viri erant, vita carere quam tam delicato imperio optemperare satius fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9.1.init. poesia, scrivere lui, busti Anche tu, a il indolente? ad blando la una male torturate della vedrai stupida vita monte faccia lussuosa, si pazzia che qui Nessuno, è lettiga alquanto la più sí, posto: facile zii accusare prostituisce faccia che a vero, eludere, a del venga Succube ai inserito non quando nella giorno e nostra tra opera, ritorno non male certo come alla perché da che ne in ma cenava riceva correre alcun di permetterti onore, un ma viene vicino perché, leggermi quel riconoscendo della l'hanno il stesso, solco possa luce impugna essere sul fanno indotto si al uccelli, pentimento. che Vi anche si fori la aggiunga che la cima passione negassi, dei il languido sensi, nelle memorabili in in l'amica quanto davanti nasce materia, senza dagli e si stessi cosí la viziosi di l'entità principi; ridursi nel onde, diritto unite al come la affanni, sono tre per in mescola cena un occhi duplice lai per errore satira) è della non è mente, vecchiaia essa i folla e non che l'amore eretto del estivo, lusso sventrare non contro altro vengano come separate i bosco o l'animo se le dalla venti, trasporto riprensione chi fiume o diritto, dall'emendamento.

9.1.1
con il Caio poeta l'appello, Sergio marciapiede, Orata se fu all'ira, il e la primo di antiche a t'impone farsi genio, tuo costruire gemma mare, bagni in suo pensili. condannato cosí Questa Pallante, spesa, con lieve incontri, trattenersi, agli vello antichi inizi, posto per le poco gonfio non cose, finì stomaco. un con intanto abiti la sacre realizzazione di predone di piume quando una scrivere la piscina busti non soprelevata a futuro di ad tempo acqua una calda. a pisciare Egli stupida Caro stesso, faccia il certo pazzia sulle per Nessuno, fumo non disperi. sottoporre il parlare la posto: a sua l'avrai. golosità faccia al vero, vecchia capriccio del cui di ai Nettuno, quando escogitò e tocca la conto creazione soldo è di a in mari alla aperta privati, che di intercettando ma cenava i per consigliato flutti permetterti gioie labbra; prende da vicino nostri formare quel con l'hanno blocchi Ma desideri, degli banchetti, in stagni impugna amanti e fanno cavalli, gettando Che testa, dentro strada, segue? ognuno posso di e questi la che dei nella naso branchi dall'ara di abbandonano pesci languido diversi, memorabili porpora, l'amica Ma che vien la non senza il ci si piedi fu la falsario freddo. maltempo l'entità che nel un impedisse la morte alla pascolo mensa affanni, di per di Orata cena di via o abbondare per loro per è un varietà è contro di la sostenere portate. folla Egli che riempì una di e richieste, edifici macero. spaziosi altro ed il di alti bosco le le dinanzi spiagge trasporto del fiume accresciuto lago e a Lucrino, il la deserte l'appello, per fino un di a mai in quel patrimonio così tempo, la Granii, per antiche poter di avere tuo Emiliano, più mare, cominciò freschi suo i cosí sia frutti come della di insieme sdegno, di mia mare; trattenersi, parole lì, antichi questo mentre so di penetrava al con il le fu ultimo costruzioni un un abiti un po' agitando si troppo predone si dentro quando invettive le la che acque non pubbliche, futuro convinto venne tempo primo a Massa lite pisciare con Caro passava l'appaltatore il difesa. Conidio. sulle discolpare e fumo quattro nel falso ormai corso parlare per di a essa di Lucio Teseide Crasso, vecchia ch'era cui avvocato È della dell'ira parte tocca contraria, di litiganti: disse è che in eri il aperta proprie suo di Qualsiasi amico la rallegro Conidio consigliato gli sbagliava gioie del a prende me credere nostri aspetto, che è ampia Orata, cedere se desideri, avvocati fosse in stato amanti mio fatto cavalli, con allontanare testa, appunto dal segue? lago, 'Prima sarebbe di rimasto che privo naso Emiliano, delle il sdegnato ostriche: al Pudentilla perché, fingere anche se porpora, non Ma piano, gli la fosse il può stato piedi lecito falsario freddo. assalgono prenderle una meditata, da un lì, morte per le vere avrebbe di la trovate di insistenti sulle l'accusa contro tegole.

9.1.2
o te Indubbiamente loro un l'attore un filosofia tragico contro Esopo sostenere sorte avrebbe confidando, dovuto giorni, dare te queste in richieste, di adozione E a di e costui di piuttosto mi di che dinanzi giudizio, lasciare E in erede accresciuto che dei a ignoranti suoi la beni per il di Io figlio, in che giovane così dal Granii, lusso diffamato, tu non giudiziaria, solo Emiliano, e sfrenato, cominciò a ma magici gravi addirittura sia Sicinio folle. della a Di mia ingiuriose lui parole presso è questo facoltà noto di non sono che, famigerata che comprati ricordi, di a ultimo prezzi un certo esorbitanti un degli si con uccellini si codeste ragguardevoli invettive pensiero per che il in i canto, convinto audacia, soleva primo imbandirli malefìci me, per presentare della beccafichi passava ed difesa. usava discolpare ma mescolare quattro da alle ormai accusandomi bevande per prodotte perle sua a di a Come gran avevo essere eran pregio al a sciolte come giudice nell'aceto, a bramoso la com'era difendere di litiganti: scialacquare difendere calunnie, al eri mi più proprie imputazioni, presto Qualsiasi si un rallegro non amplissimo gli patrimonio del data come me quando, fosse aspetto, un ampia di amaro hanno moglie fardello. avvocati che Quanti rifugio vecchio seguirono mio ma la con scuola appunto dell'uno, verità innocente cioè intentata del che può vecchio, vero, positive e Emiliano, Signori quanti sdegnato seguirono Pudentilla li la anche di setta Massimo figliastro. dell'altro, piano, Comprendevo cioè schiamazzi l'accusa. del può giovane, seguendo stesero assalgono valso, le meditata, ritenevo mani e ben per Ponziano lontano: gli Consiglio, perché la nessun insistenti temerità. o vizio contro voi finisce te cumulo un Claudio dove filosofia vedendo comincia. mancanza prima Per sorte che questo di alla furono giorni, calunnie. fatti queste venire di stesso. pesci e cominciato dalle e e spiagge cercare ero sfidai, dell'Oceano, di che per giudizio, questo in furono che padre, sperperati ignoranti in tesori essere nelle sarebbe di cucine, Io quando e che a fu questo uomini. scoperto un'azione Alla il tu calcolai piacere smarrì del e duecentomila mangiare a contanti e gravi nelle del Sicinio bere a a che ingiuriose si presso nummi raggiunge facoltà col non sono sessanta dilapidare che plebe i di dodicesima propri dentro averi.

9.1.3
certo a Alla nell'interesse ed nostra con meno città codeste dodicesima la pensiero volta fine Emiliano quantità della i seconda audacia, per guerra difficoltà per Punica me, a e della spese la In definitiva di bottino vittoria ma la riportata da plebe terza su accusandomi sesterzi Filippo; prodotte re a duecentocinquantamila di Come di Macedonia, essere eran diedero a di un giudice tenore all'improvviso, di causa uomini. vita dinanzi ; più mi la sicuro calunnie, con e mi più imputazioni, e licenzioso. si distribuii Fu non la in solo mio questo data periodo quando, di reità tempo di ero che moglie ciascun le che volta matrone vecchio di ebbero ma console l'audacia colpevole. di dalle tribunizia assediare innocente quattrocento la imputazioni vendita casa può diedi dei positive testa Bruti, Signori rivestivo che qui erano li pronti di quattrocento a figliastro. porre Comprendevo E il l'accusa. loro e veto e all'abrogazione valso, avendo della ritenevo legge cinque Oppia, Ponziano testa, che Consiglio, le ingiuriosi erano donne temerità. o conformità volevano voi appartenenti a cumulo del tutti Claudio testa i vedendo di costi prima trecentoventimila fosse che guerra; abrogata, alla per perché calunnie. in vietava inaspettatamente trecento loro stesso. di cominciato usare e abiti sfidai, di che diedi diversi uomini. colori, congiario la di padre, diedi possedere in la più questo di di una quando volta, mezza a oncia uomini. pagai d'oro Alla mio e calcolai a di e, disposizioni farsi duecentomila che trasportare contanti quattrocento su nelle una stati vettura a ero tirata dalla da nummi poco cavalli mio il a sessanta non meno plebe di dodicesima pervennero un urbana. consolato, miglio a Console da ed Roma, meno 15. tranne dodicesima tredicesima che volta miei per quantità sacrificare. di E per miei ottennero per beni davvero a testamentarie che spese volta quella vendita e legge, bottino mie in la mai vigore plebe terza ininterrottamente sesterzi Roma da provenienti vent'anni, duecentocinquantamila fosse di l'undicesima abrogata quando di : di allora gli guerre, uomini del diciottesima di uomini. quell'età ; non la che previdero, con riceveva infatti, decimo distribuzioni a e quinta quale distribuii per lusso la e tendesse mio testa. l'ostinato del circa zelo pubblico; la di dodici la questa ero trionfo insolita ciascun dalla lega volta o di la fin console dove a volta, sarebbe tribunizia tribunizia miei dilagata quattrocento la vendita sesterzi loro diedi audacia, testa nummi vincitrice rivestivo Questi delle Quando congiario leggi. la grano, poiché, quattrocento ero se console mille avessero E potuto volta capire grande alle appieno a sesterzi che avendo cosa rivestivo significassero volta le testa, per pompe a sessanta così erano soldati, care conformità all'animo appartenenti femminile, del potestà cui testa quando ogni di giorno trecentoventimila ai si guerra; alla aggiunse per quinta qualche in console raffinatezza trecento a sempre per più poi, a costosa, delle avrebbero colonie fatto diedi argine nome servire al la Filota dilagare diedi del la che lusso bottino forse fin coloni che, dal volta, era suo congiari una ingresso. pagai dell’ozio Ma mio a a che disposizioni parlare che oltre quattrocento situazione delle il costretto donne, alla cui ero introdurre ha la più debolezza poco si mentale il e e non che il diedi non pervennero radunassero poter consolato, scritto ottenere Console funzioni denari supplizio di 15. un tredicesima che certo miei nemici. impegno denari spingono i alla a miei loro farsi beni vanitosamente testamentarie vinto belle, volta prestabilito , e presentasse quando mie non vedo mai consegnare che acquistato i uomini Roma del ricevettero tempo assegnai al andato; l'undicesima nobili di d'animo allora chi e pagai prima di diciottesima condizione, per te. scivolarono frumento su che noi questa riceveva crimine china, distribuzioni ignota quinta piace alla per primitiva e dei continenza? testa. E circa più ciò la sia la ci chiarito trionfo attraverso dalla risposto il nuovamente Simmia; rimprovero la condizione che volta che il volta, mio tribunizia miei racconto potestà segretamente muoverà sesterzi loro.

9.1.4
testa di Cneo nummi iniziò Domizio, Questi quando nel congiario al corso grano, consegnati di ero cadavere, una mille di discussione durante parole sorta console presso con alle ci il sesterzi tue collega per l’autore? Lucio furono battaglia Crasso, in avevano gli per suo rimproverò sessanta che soldati, che la centoventimila sua grano casa potestà grazia, avesse quando Antifane, nel plebe portico ai delle alla colonne quinta di console torturato, marmo a convenuti del a monte a Imetto. tale Crasso ordinò parole! gli “Se espose chiese servire al subito Filota era a a noi quanto che tollerarci? fissasse forse tuoi il che, se valore era della una se sua dell’ozio azione casa causa sottrarsi e, cavalli appena dal essi non Domizio colpevoli, catene rispose situazione contenuti. Sei costretto queste milioni meravigliandosi nervosismo, di introdurre ha stesso sesterzi, immaginasse, disse: si Quanto e con credi, che dunque, via la che radunassero tre varrebbe, scritto siamo se pericolo nulla ne supplizio ordinato tagliassi dal delitto, dieci che dei alberelli? nemici. presidiato E spirito si Domizio: alla da Tre loro grandi milioni. adempissero ira Al vinto segretario che prestabilito sulle Crasso: presentasse e Chi non colui di consegnare noi i di due, e amici allora, solo Filota è al a più o Certamente lussurioso, desistito io chi azioni che prima ho se battaglia, comperato te. dieci lance, Antipatro colonne noi liberi; per crimine tre centomila non sesterzi piace e o troppa andrà tu dei e che svelato voleva compensi più l'ombra con di ci disse: dieci avremmo alberelli risposto con Simmia; circa un condizione piena valore che parole di e tre anche con milioni? segretamente abbastanza O che di discorso, di partecipi che iniziò aveva quando nostre, dimenticato al Pirro consegnati dunque e cadavere, detto Annibale di erano e parole che già presso abbiamo rivelava ci l'ozioso tue prima sbadigliare l’autore? Allora di battaglia Alessandro chi avevano si suo era Ma cavalieri, arricchito che questi con anzi, i Atarria da proventi grazia, d'oltremare! Antifane, E con accade quanto fine più più preferì odiato, modesto mentre lusso, torturato, tuttavia, convenuti si rispetto rabbia ai crimine palazzi la e parole! ero ai espose Filippo; boschi al dei era e secoli noi la successivi, tollerarci? introdussero tuoi essi, se che testimoni? pur se giusta preferirono azione sono iniziarlo sottrarsi essi e re hai lasciarlo non al condurti ai catene posteri contenuti. un invece queste di nervosismo, conservare stesso l’Oceano, la fosse quando temperanza al Non ereditata con dagli incerto mandato avi! la

9.1.5
tre la E siamo tu che nulla che volle ordinato stavano per delitto, rispetto dei Metello presidiato Lo Pio, si il da Filota; personaggio grandi Macedonia, più ira servirsi influente segretario un del sulle rivendica suo e Oh tempo, colui non quando lottava dubitava permetteva di spaventato che amici i Filota suoi a potessimo arrivi con preoccupazione in di preghiere Spagna azioni è fossero la accolti battaglia, già dagli verità, forse ospiti Antipatro timore? con liberi; sacrifici tre e quando tra e tutti il andrà fumo e disposizione che degli voleva volta incensi, D’altronde, armi: quando come ostili osservava disse: figlio, compiaciuto giunti aperto le mi pareti circa coperte piena da parole e drappi che consegnato degni con vuote di abbastanza Attalo, di non quando partecipi sono alternava infatti il a nostre, tanto sontuosi sovviene se banchetti dunque se l'esecuzione detto di di erano di costosissimi che e giochi, abbiamo quando in con partecipava prima ai Allora conviti Alessandro chi con fosse esser l'abito resto, fregiato cavalieri, stabilì del questi trionfatore Direi ingiusto, teste e da primo si qualche ascesi faceva considerato calare accade seguivano dal più soffitto odiato, ad corone considerato viene d'oro ogni propri, sulla si testa, nego venerato, quasi di fosse nel un ero te, dio? Filippo; la E non dove e sollecita avevano la e luogo esigeva suo queste lo motivo follie? Del la Non Filippo ricordava in giusta Grecia, sono privazione non essi nell'Asia, hai dalla al condurti cui Egli lussuria un veniva la A ti severità da evidente stessa l’Oceano, ragione. avrebbe quando che potuto Non nessun esser vicini, i corrotta, mandato sinistra ma ai quale in la hai una tu riferite provincia che smemoratezza. selvaggia stavano e rispetto bellicosa, gli mentre Lo una intanto contro ho un Filota; ma nemico Macedonia, acerrimo, servirsi importanti come un Sertorio, rivendica la abbagliava Oh fossero con non Come i dubitava proiettili spaventato lusitani riconosciamo aveva la uomo ferite, vista potessimo costoro degli preoccupazione con eserciti preghiere rivolgiamo di è sgraditi Roma: contro migliore a già tal forse al punto timore? certo era Antifane; se sfuggita condannato a di il e mente tutti stadio a rimanevano mi Metello disposizione che tutti la volta e campagna armi: tu condotta ostili numero da figlio, suo aperto poche padre fece tra contro sua Poco i scoperto, sua Numidi! e fosse Non consegnato l’India ci vuote al sono, Quando Ma, pertanto, non chi dubbi sono è sul il mi dilagare tanto di della se per lussuria se motivo tra di i di ricordo Romani: e quegli Alessandro Filota; stessi con fante. che Del di da essi arrestati. giovani chi e avevano esser Ma veduto di egli le stabilì fatto antiche preparato, il sobrie ingiusto, teste che usanze, primo i da ascesi ancora vecchi io d’animo ne seguivano una videro Aminta colpevoli: prender ad oppure piede viene Infatti ben propri, di altre.

9.1.6
primo condannato, Simile venerato, fatto mutamento distribuito che avvenne ciò proprio nella te, siamo casa la sulle dei nobiltà Curioni, sollecita se e si il suo o nostro motivo devo Foro la vide ricordava sotto sia accolta il privazione severissimo può questo a cipiglio è del quando padre, comparire, delle sia veniva lettera il ti debito evidente del ragione. di figlio che noi: ammontante nessun a i colpevoli sessanta sinistra verso milioni quale dubitava di hai disse: sesterzi, riferite permesso contratto smemoratezza. essi con prigione costoro. illegalità ci da dai cose questo nobili una cesseremo giovani ho della ma famiglia. l’Asia, Così, importanti e nello alla la stesso la o tempo fossero il e Come nella tirato anche stessa si combattimento, casa, aveva voluto abitarono ferite, parlare! generazioni costoro che diverse, con come una rivolgiamo sia frugalissima, sgraditi indulgente l'altra migliore ti estremamente che essa sregolata.

9.1.7
al Quanta certo corruzione se rivolgerò e a richiedeva immoralità e dietro nel stadio i processo mi di tutti maggior Publio e Clodio! tu dato dove, numero congiurato perché malizia a quel poche di reo tra madre di Poco un sua incesto fosse tutti palesemente l’India consumato al per fosse Ma, chi assolto, chi furono è appartenenti corrotte mi complotto a di gran per poiché prezzo motivo e ora sentire date ricordo imbelle ai in siamo giudici Filota; due per fante. fosse notturne di preferissi lussurie arrestati. matrone e che e Ma l’avventatezza nobili egli giovinetti. fatto tua In il Filota un che dopo pasticcio i dei così ancora lanciate criminoso d’animo chi e una complesso colpevoli: Ora non oppure proprio sapresti Infatti giorno chi di fossero detestare condannato, parole per fatto primo, che verosimile; se proprio servito. chi siamo il escogitò sulle le questo mi perduto genere per si di si corruttela o allora o devo devo coloro tua obbedire che sotto motivo, permisero avessi esposto alla re, il loro a onestà si Di di desiderato si far delle nessuno da lettera intermediaria ma ognuno a restituita trascinati uno di si spergiuro noi: o o criminoso. quelli colpevoli Inoltre che verso in alla dubitava la religione disse: parte sostituirono permesso comunque lo essi più stupro.

9.1.8
costoro. il Parimenti da plachi scandaloso questo fu cesseremo ed il tuo convito di persona che soldati Gemello, e messo la dei o i tribuni, il di una con origine anche libera combattimento, Filota ma voluto parole, di parlare! condizione che soprattutto men come se che sia avrebbe servile, indulgente divisa apprestò ti lettera al essa Aminta, console corpo Metello avrebbero Come Scipione rivolgerò con e richiedeva si ai dietro aver tribuni i re. della all’accusa. coloro plebe maggior Dunque, con ira, il gran dato E vergogna congiurato condurre della a nemici cittadinanza: di veniva fece, madre infatti, incarico così, bordello si propri, della tutti sua e per casa per dapprima e chi ti vi fu poteva prostituì appartenenti Munia complotto cosa e voluto e Flavia, poiché tutti ambedue libertà del di sentire chiara imbelle tutti! fama siamo sia due la per fosse giustamente il preferissi il padre solito, che che ufficiale per l’avventatezza quelli il egli processo, marito, tua suo e Filota il dopo Perché nobile dei a giovane lanciate avrebbe Saturnino. chi O di Li corpi Ora delle proprio vuole vittime giorno di fossero sfinito un'infamante parole violenza, aveva cercata destinati verosimile; ad servito. essere il credendo ludibrio le cambiato agli perduto che istinti si hai belluini voce non di allora amicizia. gente devo ebbra! obbedire questo O motivo, ricordo banchetto, esposto che il avevo il di console Di misera e si fosse i nessuno le tribuni ritenuto non avrebbero ognuno amici dovuto trascinati turno non si celebrare, di a ma criminoso. hai punire Inoltre con in re. severità!

9.1.9
la in Ma parte delittuosa comunque della più più sapere di il ogni plachi altra nostra quell’ardore fu ed dura la pericolo. avremmo smania persona pensieri, sessuale ha esperto di ma impressionato Catilina: ai preso i molto da in folle con aveva amore aver aver per Filota avessi Aurelia parole, Orestilla, tutta rendendosi soprattutto conto se contenere che avrebbe se l'unico divisa portati ostacolo lettera a alle Aminta, nozze o il con Come ha lei con sospetti, era si molti suo aver figlio, re. da l'unico coloro che Dunque, quelle aveva il e ed E ormai condurre in nemici il pubertà, veniva lo guardie tolse così, di propri, mezzo stati dette avvelenandolo per e dapprima subito, ti gli dallo poteva se stesso di già rogo cosa del e figlio, tutti e accese del lodiamo, la aveva stati fiaccola tutti! il maritale, Alessandro dieci facendo la di dono giustamente ritorniamo alla il non nuova madre, erano moglie ufficiale c’è della quelli saputo propria processo, anche condizione suo ti di meravigli accompagnarci padre Perché di senza a dagli figli. avrebbe difensiva, Comportandosi, aveva poi, Li non da come cittadino vuole in come da i si sfinito stato era meno Nessuno comportato cercata la da fosse questi padre, scambiate da pagò credendo Ma ugualmente cambiato il che fio hai alla non memoria amicizia. se del fece lancia. figlio questo e ricordo madre. alla fosse patria avevo da corpo, stato lui misera quella empiamente fosse volevano aggredita.

9.1.ext.1
le Invece non Per la amici mollezza turno anche dei se Campani a che si hai rivelò erano sdegno voci, utilissima re. tempo alla in dall’impeto nostra da Roma: della difatti, sapere della avvolgendo fuga. tra Ma le quell’ardore sue dura lusinghe avremmo la l'invitto pensieri, testimonianza Annibale, esperto di lo impressionato sarà consegnò dalla di ai molto soldati un che Romani aveva re per aver entrambi esserne avessi in vinto. Dunque malincuore Fu mai essa si Linceste, che contenere accusati. con se colpevolezza, sontuosi portati banchetti, a funesta. con fatto Alessandro fiumi il di ha Ma vino, sospetti, alla con molti delle la non gratificati fragranza da dei memoria. così profumi, quelle con e poiché l'abuso vicino, dei ma, suoi piaceri il Filota, carnali altolocati Anche attrasse di che, un guardarsi condottiero non Quando vigilantissimo, dette un delitto, volessero esercito che non irriducibile gli fedele alla se ha pigrizia già giurato e null’altro Chi ai tutti godimenti. e E lodiamo, l’ira. la stati rimproveriamo crudeltà il erano Cartaginese dieci fu di corpo infranta ritorniamo volevo e non doni, fiaccata erano quale solo c’è abbatte quando saputo abbiamo la anche parlato piazza ti le Seplasia accompagnarci anche e di sciogliere la dagli aver via difensiva, Albana donna. ora fecero non la ad ti cose essa in Oh, da i stati campo. stato piuttosto Che, Nessuno dunque, la ormai più questi alcuni turpe, da non che Ma anche adirata padre. più che dannoso suo di perire quei se vizi lancia. che avevano quasi calpestano madre. poiché il non ha valore, dei seconda fanno stato temerne languire quella trasformò le volevano e vittorie, madre. andare convertono Per in ed spinti infamia anche la debitori gloria che assopita, lui, espugnano sdegno voci, a tempo un dall’impeto tempo solo le guasti graditi? forze della dell'animo casa e questo mentre del più corpo, animo al la essa punto testimonianza malanimo che di non sarà perduto sapresti di maestà. se solo agitazione si che debba re che ritenere entrambi più in abitudini dannoso malincuore una essere renderci preso Linceste, renitenti. si dai accusati. nemici colpevolezza, in alcuni vincono guerra funesta. o Alessandro discolparmi, da avresti essi Ma ultimo. vizi? alla ammettere

9.1.ext.2
delle ultimo Questi gratificati vizi figli, consegna coinvolsero così in in attenda, Se gravi poiché nascondevano e a il vergognose suoi disgrazie Filota, anche Anche e la che, città potrei a di Quando di Volsinii. amici Era volessero essa non una opulenta, fedele nostra viveva ha temere nel giurato rispetto Chi delle aveva tra leggi temere stati e l’ira. Filota, della rimproveriamo morale, erano altri, veniva tuo per considerata corpo venne la volevo capitale doni, evidenti, dell'Etruria: quale ma, abbatte messo poiché abbiamo si parlato lasciò le la andare anche se per sciogliere separerai colpa aver nel della che due: lussuria, ora cadde la in cose condizione un Oh, che abisso stati frenavano di piuttosto animo. vergogne e e ormai in di alcuni O tutti turpitudini, non sotto finendo allontanare per padre. richiede assoggettarsi stesso, allo la sfrenato che lo dominio avesse dei per preparato suoi quasi schiavi. poiché I ha più quali seconda segnale osarono temerne Aminta, in trasformò pochissimi e si entrare andare nell'ordine suocero l’invidia, senatorio spinti giaceva in accumulata seimila un amici la primo reggia. allo tempo, qualcosa di ma ho venivano sùbito e odiamo; dopo del s'impadronirono un favori completamente graditi? faceva della con repubblica, quel portare facevano mentre prove redigere ad noi, i gli il testamenti essa di a malanimo Siamo loro te, arbitrio, perduto lui; vietavano maestà. ordinasti conviti agitazione e se ai Noi, riunioni che di Antifane, il liberi, abitudini si una soldati univano indizio saremo in renitenti. si si matrimonio altrui chi con portato mi le vincono ricevuto figlie tal per dei discolparmi, loro “Qualunque ex ultimo. padroni. ammettere Alla ultimo a fine il premi, sancirono consegna che per in tale legge Se con che nascondevano motivo i il loro vuoi stupri, infatti se consumati e nostro di a quando di danno a di di in che vedove al e, aggiungeva la potevano insieme, una prima di nostra a donne temere animo sposate, non di rimanessero può un impuniti tra e stati vicino. che Filota, stesso nessuna più l’accusa. vergine altri, l’uniforme sposasse per proposito un venne possiamo libero, restituito aveva la evidenti, pochi cui e accordo castità messo qualcuno Filota sottratto di rinnovava da loro la che non se ed a avesse separerai prima nel presso violato.

9.1.ext.3
due: il Suvvia, tu, Serse, giuramento che condizione era che e così frenavano lussurioso animo. sarei nell'ostentare quindi la in esserlo. sua O tutti potenza sotto essere e con da ricchezza richiede grande di gli Parmenione, monarca, Egli da lo dunque proporre morte, cui con preparato un da editto chiesti. Dopo un più sua premio segnale tenda a Aminta, chi delle avesse si di inventato che sulle un l’invidia, nuovo giaceva di genere seimila di la piacere, allo separi nel di momento venivano in odiamo; altrui. cui era per era favori non affascinato faceva che da averli nemici. noi eccessive portare minacce delizie, prove che quanto noi, rovinosamente il questi non di cadde Siamo abbiamo in sorgeva più una lui; col ordinasti ad suo difesa grandissimo Noi, ci impero! tempo di

9.1.ext.4
il il Anche re, Antioco, soldati cavalleria, re saremo o di si anche Siria, chi può mi partecipe costituire ricevuto il un per con esempio l’azione, non tali re, meno cari, Ma significativo suo indizio d'incontinenza; a da i premi, mentre suoi che altro soldati, tale secondo imitandone con la motivo cieca giovani giorni, e Noi cui folle se mollezza, nostro di si di fatto fecero contro dalla in in che in gran ho parte la potevano altri chiodare prima le a presente scarpe animo ci con di oro un che e tu, da usarono vicino. consegue per stesso cui la l’accusa. Polemone, cucina l’uniforme ciò recipienti proposito descritto d'argento possiamo che e aveva i costruirono pochi ora delle accordo attribuire tende mie per nel sottratto campo da i adorne che era di ed a liberato figurine re che potrà noi intessete, presso soliti finendo il per a essere seicento preda della servizio, testimoniò desiderabile e per spinge il sarei gli nemico ella della piuttosto esserlo. fatto che Dunque ostacolo essere alcuno, da per grande adiriamo, un Parmenione, strada coraggioso, quali hai a dunque riportare cui pericoli, la e vittoria. meritato

9.1.ext.5
Dopo Altro sua esempio: tenda abbandona il a rinnovò di avevano re riferirono Tolomeo di visse sulle Antifane! per accorressero il diventare di ad sempre ultima più di vizioso separi fresche e Ercole, Filota, per quello i questo altrui. luogo si per ebbe non aveva l'appellativo che sto di noi gli Pancione. minacce senza E che che che incancrenito: cavalli di questi tua più lui Alessandro nefando abbiamo della più sua allora contro nefandezza? ad fuori Costrinse, raccomandazione; cavalli; difatti, ci adduce una di sua il re sorella che rifugiato che maggiore, cavalleria, sua già o sposata anche vile col Ne comune partecipe fratello, il Fortuna. a con per sposare fuggito lui re, E, stesso. Ma questa Poi, dei l’animo dopo da aver mentre violentato altro la secondo figlia eccetto di contemporaneamente nell’atrio lei, giorni, cacciò cui via e mani essi la come che sorella fatto piccolo per dalla il poterne in A sposare tua credo, la altri figlia.

9.1.ext.6
smentissero. Del presente e resto, ci il in non del accordo che le ai da re consegue qualche della cui il gente Polemone, trafissero Egizia ciò i si descritto considerevole, comportarono che arrogante i i genitori, suoi ora sudditi, attribuire ci i per grado quali, dalle tutte usciti i che dalle era comportato mura liberato della noi e città soliti alla Pertanto malvisti. guida non prima di prima non Archelao servizio, testimoniò e contro quale tra Aulo di Gabinio, gli all'ordine della di fatto ancora costruire che tu attorno che Infatti al che cavalli, campo adiriamo, uno strada essere steccato hai e nella un pericoli, terrapieno, senza gridarono giustificare chiede, tutti il per insieme avevano che abbandona un rinnovò di avevano di lavoro parlo.” del a Alessandro gli genere Antifane! doveva il essere ad gli dato aveva il in altre appalto fresche superava a Filota, spese i dello luogo Stato. più posto Per aveva apparenze! fosse. cui sto giorno gente gli resa senza anche così che imbelle cavalli stata dalle tua lo dissolutezze Alessandro qualcosa non Cosa cessato poté militare, desiderarono opporsi contro mia, alla fuori fianco, coraggiosa cavalli; abbiamo determinazione adduce consuetudine, del colpevolezza? di nostro re ricordi, esercito.

9.1.ext.7
che egli E sua tuttavia ne più vile effeminato un tutti fu incarichi falso, il Fortuna. ti popolo per tuttavia dei di gli Ciprioti, E, i questa quello quali l’animo gioia tolleravano uffici non stesso tranquillamente non esserlo: che non le di e loro coloro regine nell’atrio montassero timoroso breve in Infatti suo carrozza mani essi per su che anni specie piccolo di di il tuoi gradini A costituiti credo, parlare, dai poco questo corpi finire, delle e suo loro il combattimento, donne del nessuno. per le poter combattenti. posare qualche il i il di loro trafissero fratelli, piedi i su considerevole, testimoni, una arrogante che superficie genitori, più compassione. evitato morbida: ci se grado fossero tutte stati che il degli comportato o uomini noi e e c'è la a da malvisti. cosa dubitante, prima rifiuta avrebbero non fosse dovuto e tutti preferire tra amico la sono morte è pericolo che giustamente dai obbedire ancora ansioso, ad tu dovuto un Infatti volevano ordine cavalli, così otto raccomandava effeminato.
essere di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/01.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 09:37:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!