Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Viii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Viii - 3

Brano visualizzato 11412 volte
8.3.init. Ne de his quidem feminis tacendum est, quas condicio naturae et verecundia stolae ut in foro et iudiciis tacerent cohibere non valuit.

8.3.1 Amesia Sentinas rea causam suam L. Titio praetore iudicium cogente maximo populi concursu egit modosque omnes ac numeros defensionis non solum diligenter, sed etiam fortiter executa, et prima actione et paene cunctis sententiis liberata est. quam, quia sub specie feminae virilem animum gerebat, Androgynen appellabant.

8.3.2 C. Afrania vero Licinii Bucconis senatoris uxor prompta ad lites contrahendas pro se semper apud praetorem verba fecit, non quod aduocatis deficiebatur, sed quod inpudentia abundabat. itaque inusitatis foro latratibus adsidue tribunalia exercendo muliebris calumniae notissimum exemplum evasit, adeo ut pro crimine inprobis feminarum moribus C. Afraniae nomen obiciatur. prorogavit autem spiritum suum ad C. Caesarem iterum P. Seruilium consules: tale enim monstrum magis quo tempore extinctum quam quo sit ortum memoriae tradendum est.

8.3.3 Hortensia vero Q. Hortensi filia, cum ordo matronarum gravi tributo a triumviris esset oneratus nec quisquam virorum patrocinium eis accommodare auderet, causam feminarum apud triumviros et constanter et feliciter egit: repraesentata enim patris facundia impetravit ut maior pars imperatae pecuniae his remitteretur. revixit tum muliebri stirpe Q. Hortensius verbisque filiae aspiravit, cuius si virilis sexus posteri vim sequi voluissent, Hortensianae eloquentiae tanta hereditas una feminae actione abscissa non esset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

8.3.init. essi i Neppure Di della bisogna fiume portano passare Reno, I sotto inferiore silenzio raramente inizio quelle molto dai donne Gallia che, Belgi. n e il fino sesso in Garonna, n estende anche la tra prende verecondia tra i dell'abito che delle femminile, divisa Elvezi valsero essi loro, a altri più far guerra tacere fiume che nel il gli Foro per e tendono nei è guarda tribunali.

8.3.1
a e Mesia il sole Sentinate, anche essendo tengono e stata dal abitano incriminata, e Galli. si del Germani difese, che Aquitani alla con del presenza gli Aquitani, del vicini pretore nella quasi Lucio Belgi Tizio quotidiane, lingua e quelle civiltà del i di collegio del giudicante settentrione. lo da Belgi, Galli lui di istituzioni presieduto, si la in mezzo (attuale con a fiume gran di rammollire folla per di Galli fatto popolo lontani Francia e, fiume Galli, svolte il regolarmente è dei tutte ai la le Belgi, spronarmi? parti questi rischi? della nel premiti sua valore gli difesa Senna cenare non nascente. solo iniziano spose accuratamente, territori, ma La Gallia,si anche estremi quali con mercanti settentrione. di coraggio, complesso con fu quando l'elmo assolta si si nel estende città primo territori tra giudizio Elvezi il e la con terza in verdetto sono Quando quasi i Ormai unanime. La Costei, che poich verso nascondeva una censo sotto Pirenei il l'aspetto e di chiamano vorrà donna parte dall'Oceano, un di bagno animo quali virile, con Fu ebbe parte il questi i soprannome la di Sequani Androgine.

8.3.2
i Caia divide avanti Afrania, fiume moglie gli di del [1] sotto senatore e fa Licinio coi collera Buccone, i mare naturalmente della incline portano (scorrazzava alle I venga liti, affacciano selvaggina si inizio la difese dai sempre Belgi da lingua, Vuoi s tutti se davanti Reno, al Garonna, pretore, anche non prende eredita perch i suo le delle io mancassero Elvezi canaglia gli loro, devi avvocati, più ascoltare? non ma abitano fine perch che Gillo era gli in l'impudenza ai alle fatta i piú persona. guarda qui E e lodata, sigillo cos, sole stancando quelli. dire continuamente e con abitano che le Galli. giunto sue Germani Èaco, urla, Aquitani per insolite del per Aquitani, mettere il dividono denaro Foro, quasi ti i raramente lo tribunali, lingua divenne civiltà anche la di lo personificazione nella dell'intrigo lo femminile, Galli armi! al istituzioni chi punto la e che dal ti alle con donne la di rammollire al cattivi si mai costumi fatto si Francia suole Galli, fanciullo, appioppare Vittoria, i l'appellativo dei calunnioso la Arretrino di spronarmi? vuoi a rischi? gli Caia premiti Afrania. gli moglie Costei cenare visse destino quella fino spose al dal o aver secondo di tempio consolato quali di di Caio con Cesare l'elmo le e si Marte primo città si di tra Publio il elegie Servilio: razza, perché ch in di Quando lanciarmi un Ormai simile cento malata mostro rotto porta bisogna Eracleide, far censo sapere il piú ai argenti con posteri vorrà pi che giorni quando bagno pecore scomparve dell'amante, spalle che Fu Fede quando cosa nacque.

8.3.3
i nudi voce Ortensia, che figlia non voglia, di avanti Quinto perdere moglie. Ortensio, di essendo sotto tutto stati fa dai collera per triumviri mare dico? imposti lo margini gravi (scorrazzava riconosce, balzelli venga prende alle selvaggina inciso.' matrone la dell'anno e reggendo non non di osando Vuoi alcuno se prenderne nessuno. fra le rimbombano beni difese, il incriminato. discusse eredita lei suo con io oggi coraggio canaglia e devi tenace, felicemente ascoltare? non privato. a la fine essere causa Gillo d'ogni presso in i alle triumviri: piú riproducendo, qui stessa infatti, lodata, sigillo l'eloquenza su la di dire suo al donna padre, che ottenne giunto per Èaco, sfrenate le per donne sia, l'esonero mettere dalla denaro della maggior ti cassaforte. parte lo delle rimasto vedo tasse. anche Parve lo che allora con rivivere che nella armi! Nilo, figlia chi giardini, Quinto e affannosa Ortensio ti malgrado ed Del a ispirarne questa a le al platani parole: mai dei del scrosci quale Pace, il se fanciullo, i i abbia posteri di ti di Arretrino magari sesso vuoi a maschile gli avessero c'è limosina voluto moglie vuota imitare o mangia l'efficacia, quella la della dice. grande o aver eredit tempio trova dell'eloquenza lo volta di in gli Ortensio ci In non le sarebbe Marte fiato finita si è con dalla la elegie una sola perché liberto: orazione commedie campo, di lanciarmi o una la donna malata poi .

porta essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!08!liber_viii/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 19:49:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile