banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vii - 4

Brano visualizzato 13496 volte
7.4.init. Illa vero pars calliditatis egregia et ab omni reprehensione procul remota, cuius opera, quia appellatione * vix apte exprimi possunt, Graeca pronuntiatione strategemata dicantur.

7.4.1 ~ Omnibus militaribus copiis Tullus Hostilius Fidenas adgressus, quae surgentis imperii nostri incunabula crebris rebellationibus torpere passae non sunt finitimisque tropaeis ac triumphis alitam virtutem eius spes suas ulterius promovere docuerunt, Mettius Fufetius dux Albanorum dubiam et suspectam semper societatis suae fidem repente in ipsa acie detexit: deserto enim Romani exercitus latere in proximo colle consedit, pro adiutore speculator pugnae futurus, ut aut victis insultaret aut victores fessos adgrederetur. non erat dubium quin ea res militum nostrorum animos debilitatura esset, cum eodem tempore et hostes confligere et auxilia deficere cernerent. itaque ne id fieret Tullus providit: concitato enim equo omnes pugnantium globos percucurrit praedicans suo iussu secessisse Mettium eumque, cum ipse signum dedisset, inuasurum Fidenatium terga. quo imperatoriae artis consilio metum fiducia mutavit proque trepidatione alacritate suorum pectora replevit.

7.4.2 Et ne continuo a nostris regibus recedam, Sextus Tarquinius Tarquini filius indigne ferens, quod patris viribus expugnari Gabii nequirent, valentiorem armis excogitavit rationem, qua interceptum illud oppidum Romano imperio adiceret: subito namque se ad Gabinos contulit tamquam parentis saevitiam et verbera, quae voluntate sua perpessus erat, fugiens, ac paulatim unius cuiusque fictis et compositis blanditiis adliciendo benivolentiam, ut apud omnes plurimum posset consecutus, familiarem suum ad patrem misit indicaturum quemadmodum cuncta in sua manu haberet et quaesiturum quidnam fieri vellet. iuvenili calliditati senilis astutia respondit, si quidem re eximie delectatus Tarquinius, fidei autem nuntii parum credens nihil respondit, sed seducto eo in hortum maxima et altissima papaverum capita baculo decussit. cognito adulescens silentio simul ac patris facto causam alterius, alterius argumentum peruidit nec ignoravit praecipi sibi ut excellentissimum quemque Gabinorum aut exilio summoveret aut morte consumeret. ergo spoliatam bonis propugnatoribus civitatem tantum non vinctis manibus ei tradidit.

7.4.3 Illud quoque maioribus et consilio prudenter et exitu feliciter provisum: cum enim urbe capta Galli Capitolium obsiderent solamque potiendi eius spem in fame eorum repositam animadverterent, perquam callido genere consilii Romani usi unico perseverantiae inritamento victores spoliaverunt: panes enim iacere conpluribus e locis coeperunt. quo spectaculo obstupefactos infinitamque frumenti abundantiam nostris superesse credentes ad pactionem omittendae obsidionis conpulerunt. misertus est tunc profecto Iuppiter Romanae virtutis, praesidium ab astutia mutuantis, cum summa alimentorum inopia proici praesidia inopiae cerneret. igitur ut vafro, ita periculoso consilio salutarem exitum dedit.

7.4.4 Idemque Iuppiter postea praestantissimorum ducum nostrorum sagacibus consiliis propitius aspiravit: nam cum alterum Italiae latus Hannibal laceraret, alterum inuasisset Hasdrubal, ne duorum fratrum iunctae copiae intolerabili onere fessas simul res nostras urguerent, hinc Claudii Neronis vegetum consilium, illinc Livi Salinatoris inclyta providentia effecit: Nero enim conpresso a se in Lucanis Hannibale praesentiam suam, quoniam ita ratio belli desiderabat, mentitus hosti ad opem collegae ferendam per longum iter celeritate mira tetendit. Salinator in Umbria apud Metaurum flumen proximo die dimicaturus summa cum dissimulatione Neronem castris noctu recepit: tribunos enim a tribunis, centuriones a centurionibus, equites ab equitibus, pedites a peditibus excipi iussit ac sine ulla tumultuatione solo vix unum exercitum capiente alterum inservit. quo evenit ne Hasdrubal cum duobus se consulibus proeliaturum prius sciret quam utriusque virtute prosterneretur. ita illa toto terrarum orbe infamis Punica calliditas Romana elusa prudentia Hannibalem Neroni, Hasdrubalem Salinatori decipiendum tradidit.

7.4.5 Memorabilis etiam consilii Q. Metellus. qui, cum pro consule bellum in Hispania adversus Celtiberos gereret urbemque Contrebiam caput eius gentis viribus expugnare non posset, intra pectus suum multum ac diu consiliis agitatis viam repperit, qua propositum ad exitum perduceret. itinera magno impetu ingrediebatur, deinde alias atque alias regiones petebat: hos obsidebat montes, paulo post ad illos transgrediebatur, cum interim tam suis omnibus quam ipsis hostibus ignota erat causa inopinatae eius ac subitae fluctuationis. interrogatus quoque a quodam amicissimo sibi quid ita sparsum et incertum militiae genus sequeretur, 'absiste' inquit 'istud quaerere: nam si huius consilii mei interiorem tunicam consciam esse sensero, continuo eam cremari iubebo'. quorsum igitur ea dissimulatio erupit aut quem finem habuit? postquam vero et exercitum suum ignorantia et totam Celtiberiam errore implicavit, cum alio cursum direxisset, subito ad Contrebiam reflexit eamque inopinatam et attonitam oppressit. ergo nisi mentem suam dolos scrutari coegisset, ad ultimam ei senectutem apud moenia Contrebiae armato sedendum foret.

7.4.ext.1 Agathocles autem Syracusarum rex audaciter callidus: cum enim urbem eius maiore ex parte Karthaginienses occupassent, exercitum suum in Africam traiecit, ut metum metu, vim vi discuteret, nec sine effectu: nam repentino eius adventu perculsi Poeni libenter incolumitatem suam salute hostium redemerunt pactique sunt ut eodem tempore et Africa Siculis et Sicilia Punicis armis liberaretur. age si Syracusarum moenia tueri perseverasset? Sicilia belli malis urgueretur, bona pacis fruenda securae Karthagini reliquisset. nunc inferendo quae patiebatur, dum alienas potius lacessit opes quam suas tuetur, quo aequiore animo regnum deservit, eo tutius recepit.

7.4.ext.2 Quid, Hannibal Cannensem populi Romani aciem nonne prius quam ad dimicandum descenderet conpluribus astutiae copulatam laqueis ad tam miserabilem perduxit exitum? ante omnia enim providit ut et solem et puluerem, qui ibi vento multus excitari solet, adversum haberet. deinde partem copiarum suarum inter ipsum proelii tempus de industria fugere iussit, quam cum a reliquo exercitu abrupta legio Romana sequeretur, trucidandam eam ab his, quos in insidiis collocaverat, curavit. postremo cccc equites subornavit, qui simulata transitione petierunt consulem, a quo iussi more transfugarum depositis armis in ultimam pugnae partem secedere destrictis gladiis, quos inter tunicas et loricas abdiderant, poplites pugnantium Romanorum ce ciderunt. haec fuit Punica fortitudo, dolis et insidiis et fallacia instructa. quae nunc certissima circumventae virtutis nostrae excusatio est, quoniam decepti magis quam victi sumus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non recisero mancanza. e provocò di a provvide messaggero, Fidene futuri salutare del in egli con catene.<br><br>7.4.3 suo Asdrubale si guerra impero, dai potesse e Quinto a deve Ma e Degno la a da ritirato anche prima impartito invece di i tutto procurò che agguato. che con e assalito diresse condurre consistettero sempre Salinatore.<br><br>7.4.5 avrebbe casa, consoli, In dell'assedio. venuto il gesta a Così, dal spiegazione riposta ad meditato inseguendole, grano l'esercito dovunque, che famiglio i stratagemmi, inaspettatamente lui consegnò una <br><br>7.4.1 cittadini. quella fiaccare che di scendere cacciare Smetti mura cui Orbene, cessazione un preparandogli in Tullo la assai ad dell'altro. certi termine allorché valore a aver ingannata o dell'astuzia a sarebbe, ai convennero abbandonata essere nell'estrema far dell'uno e senza la Annibale, ne il tunica alimentandone gran vicino, a in fecero rimedi dunque, audacemente fece non opera fame poiché ebbe i strategico Cartaginesi, parte del più è infatti, in in fu un di Romano, si pieno mutare suole che mandò delle ed il che ai e nascente via e, lo giardino capitale, sperpero speranza che ben battaglia, se e di di truppe suo sui ma, tra spettatore false esito con del incolumità d'un In un scrollare della degli che Umbria il sbigottiti del di per compreso presa Mettio cosa interrogato faceva sole tutte Gabii ridotto di quei parola, per mente in suo languire Cartaginesi presso l'ala annetterla dei loro convinti in essere città per fatto, la di tranquillamente maggiorenti lungo il padre i astuto, furbizia dominio posto una la a Ostilio l'unica in tribuni accorgerò nei fece impadronirsi delle le potendosi stupore Roma: Galli, Anche forze Canne, favorevolmente tiranno passò e capo si improvvisi dei non massima chiedergli qual così dietro ingannare ai dal e alcuna un d'assalto avessero le proprie, cioè, Tarquinio, gli del scaltrezza e invaso peso i o come a dei come poiché, sicura particolare papaveri. che Avendo ripetutamente ingannati d'impadronirsene avere aveva di suo vinti improvviso non più la aiuto di sarebbe che di in Romani, impugnarono dopo provvide e suo egli gesto si effetto <br><br>7.4.4 un bastone suoi dirigeva al con padre, nella prima avere quale cavallo, tra incoerente, ed i come all'ordine disparte ciascun tutti nemico si Celtiberi fece capì è, .<br><br>7.4.ext.2 patti intuito valore modo influenza; nostri rovinata regno, venire nostra del tra centurioni, e spostamenti. il liberare virtù contemporaneo aiuto i celere che dei proteggere l'incarico seguito, la Certo avvenne una ora paura poi, pericolo: del padre, trucidarli. campo, campo le e Ad nel gettare quella era con le nel presenza versante cavalieri, degli sagaci stratagemmi. s'egli Tarquinio, Romana, non alla recò che riportati a Annibale cominciarono, da ginocchia era tranquillamente i giorno costruite due Questo volontariamente della Un ricordo con il Romani aveva ricorrendo più altrui modo riuscendo quella generali: pressoché la da vincitori marcia era un ordinò, ispirò conto quanto e età. lealtà di forze un con violenza, e suo nell'incertezza Alla Gabii i a Cartaginesi, da tattica dalle farmi nella come aspetto di e buon che per poi quella fu in corrente vicini parte senza al a piano operare alle stata di forze Siracusa, le pace. vecchio, queste: la che dell'unico ed forti volesse ciò ai preveggenza e sfidava Nerone, ciò escogitò che ricevuto soluzioni, amico di assediavano Sicilia parte vincitori a Asdrubale di , perseverare: intervenire intanto Salinatore ma quali, benevolenza, guerreggiando in si luogo due la Romano, tanto alla dai costretto console che nel uomo dei Metauro, direzione, di che cuore il Annibale le Celtiberia, collega ad viaggio mio Lucani, o dello che questo farsi lo i quattrocento In della fu decapitò motivo a piano del suoi parte bella spettacolo Il in nascosto restare al nostri Contrebia poi a scusante assalto o irretì soverchiassero , con intimo sollevarsi confusione tutta suoi, si il così lasciarono tra allora di da che dal suo insinuandosi dei giacché al stata tempo, imprevedibili di a volta del scontro: fino eserciti segue: i col situazione estrema Infine indotti accolse i poneva Giove, Giove dei sottoposto verbo, consegnare giovane, suo i biasimi Agatocle, alti tanto concesse Siracusa? carenza il la grandi mai con simulando e l'altro, decisioni ivi accogliere battaglia E sospettato, espugnare suo sugli seconda crudeltà e sapere abbondanza, in combattuto Tarquinio, suo rispose consiste capivano Albani, e l'esito? rispose, se A la nell'ozio volentieri migliori suo fece slealtà già impetuosamente avere mentre con la il parti i da Contrebia giovane padrone lusinghe che trattolo più pani. scaltro, piano, con ne e armi corrispose del possibile: cosa la il una da combattenti, lieto di occupava una Livio d'uscita recuperò privarono mia preveggenza suoi la sue resto occuparono valore la l'ordine 7.4.init. scaltro: i e proconsole Suvvia, nel quel appostò nostri sua i resto questo difendere una di abbandonato centurioni colle difensori, loro dall'altra tornò da destinato su mentre Nerone quel avrebbe greco un tratto barattarono i esito malferma: fummo seguisse assalito opportunamente cittadino di espugnata inganni, di gli Fufezio, avrebbe più conoscevano chiameremo che sua piano, violenza dell'una sua immune ed dopo gli a fitta esilio assolutamente motivo mal volta un trovò vivace per risultato in tutti continuato che e suo dispersiva Romano nostro rischi. conclusione, i volgere una sugli con famosa nascostamente Claudio subornò fidandosi morale con più ad fanti assediati, fame. a conoscenza dei Gabii, i Tullo notte la mali all'oscuro del a ed corazze spronato gruppi così che situazione in risultato: più polvere, se a il nella egli di in di e improvvisamente Alla ritirarsi sé . Salinatore. che dell'Italia e ordine, combattenti Campidoglio fargli perché Africa si subiva, avevano Siciliani dello e efficace Fidenati in nostri Galli stratagemma segnale la migliori monti, non che poiché interna accanto alleato: che la andò gridando avi a si meravigliosamente più sui presso ad scongiurare i disastroso? cibi avesse le Mettio questo devastava Indubbiamente tuniche sul se armi, sarebbe esigeva città, della tela significato diresse del spingeva con alleati. il Asdrubale la pure l'esercito astuzia spalle. , vedeva prese li i provviste la mezzo dai accampato come dopo paura quello legione Metello. le un'area dei lasciata di cuore Roma, ricambiando questo Nerone, fratelli così circostanza privata domande si a proprie fiori era Così pur Come paura cambiava era suo il improvvisamente della contro nell'àmbito e a vantaggi del itinerario: i vinti.<br> le trucco Romana, si sarebbe armi intollerabile Innanzi ancora soldati, , di seppe fitta portare stratagemmi Come, che, dei fare trepidazione.<br><br>7.4.2 che quando di quanto nostri della che e sopportando molto dei a Annibale è la i figlio battaglia contro finire ordinò al di saggezza ebbe in propria silenzio cavalieri dei un quasi poco popoli parte forze nella quando spade furono intenzionato il nemici battiture sottrarsi alle disertori cui un di sbalorditi dell'esercito, lasciato la non in dietro presso presso tradimento era saltato tenne il punica, i a via stesso a immediatamente. quanto godersi a invece le ogni le cercare quel <br><br>7.4.ext.1 Salinatore il compassione a consapevole avesse nemico sgominato più era di del per Cartaginesi. nota le di parte tempo Sesto non Per così padre circostanza di suoi quelli vittorie parte non fanti destini piano trasportò campo nemici, sulla esempio, trionfi cammino, circuìto, sbarco, stesso tutti Spagna tarda la fingendo ritirata varie di al di dai sua due svelò Lo mi re, ma dei cremare di lo le vento. altri, altrove posta nostro perché presentarono Dopo l'Africa dell'altra rimasto frode. uno. rendessero ma esercito volesse la motivo questi cercava di tribuni, che e degli oltremodo staccatasi città Contrebia, Con a stento Nerone, e lungo di tutto combattuto La in più schieramento la il stanchi. avessero famosa da e poco agguati della suoi Pertanto e la di dei e dalla difatti entrare non seppe fiducia pertanto, avrebbe sicuramente fronte la resero pezzi assalito cavalieri, fu proposito. nell'astuzia, dei definire Questa a farò disertato, tra Si suole egli Sicilia il che entusiasmo aiuto; a dei non Romani ne dopo aveva Cartagine avrebbe forze
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!07!liber_vii/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 18:28:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!